Misericordie Toscana: a rischio servizi comunità

Misericordie Toscana: a rischio servizi comunità

A rischio i servizi delle Misericordie della Toscana. L’appello del presidente della Federazione regionale delle Misericordie, Alberto Corsinovi.

“Le Misericordie della Toscana sono l’espressione forse più radicata, certamente la più antica, del volontariato nella nostra regione e nel corso della loro secolare storia hanno visto sommovimenti, rivoluzioni, guerre. Eppure mai ci saremmo aspettati che, in un momento in cui ancora sono forti ed evidenti gli effetti di una crisi che ha aumentato i bisogni e le povertà della gente, il Governo decidesse una manovra di bilancio che voleva essere di rilancio e che invece ci penalizza così gravemente”. Queste le parole del presidente Corsinovi.

“Se rilancio ci sarà, certo non riguarderà chi ha più bisogno, le persone verso cui è diretta tanta parte dell’impegno delle Misericordie e delle altre realtà di volontariato, perché il raddoppio delle tasse che ci è stato gettato sulle spalle renderà più difficoltosi gli interventi e in alcuni casi li metterà a serio rischio – ha proseguito -. In questi giorni abbiamo ricevuto tante attestazioni di vicinanza, anche da esponenti politici di tante parti diverse, che evidentemente non sono d’accordo con questa iniqua misura decisa dal Governo centrale; per questo chiediamo con forza che chi ha voluto questo intervento ci ripensi. Intanto stiamo valutando come manifestare la denuncia e la forte protesta, nostra e di tutto il mondo del volontariato, che punta non certo a difendere interessi corporativi, ma i bisogni della nostra gente, delle nostre comunità e in modo particolare dei più deboli ed emarginati”. “Siamo tradizionalmente abituati a prestare il nostro servizio in silenzio, un tempo i nostri volontari portavano aiuto con il cappuccio per restare anonimi, ma stavolta sentiamo l’obbligo, come più antica associazione di volontariato, di lanciare un grido di protesta – ha concluso Corsinovi – e un accorato appello a cancellare questa ingiustizia, nella consapevolezza che tanti possono unirsi alla nostra voce”.

L'articolo Misericordie Toscana: a rischio servizi comunità proviene da www.controradio.it.

Emergenza freddo a Sollicciano: inviate coperte da Regione e Misericordie

Emergenza freddo a Sollicciano: inviate coperte da Regione e Misericordie

In seguito a un guasto all’impianto di riscaldamento del carcere di Sollicciano, che insiste da alcuni giorni, la Regione Toscana e le Misericordie hanno inviato 400 coperte per alleviare il disagio dei detenuti del penitenziario fiorentino.

Lo annuncia il presidente della Regione Enrico Rossi che si è attivato insieme alla Protezione
civile regionale e alla federazione regionale delle Misericordie toscane.
“Duecentocinquanta coperte arriveranno grazie alla Protezione civile regionale – spiega Rossi in una nota – e altre 150 dalle Misericordie, grazie all’interessamento del presidente
Corsinovi. Sappiamo tutti qual è la situazione di disagio che vivono i detenuti nella maggior parte delle strutture penitenziarie italiane però ci chiediamo perciò cosa stia
facendo il ministro Bonafede per migliorare una situazione molto delicata, essendo, Sollicciano come il resto delle carceri italiane, strutture che ricadono nella sua competenza”.

Rossi annuncia che il 22 dicembre farà visita al carcere fiorentino insieme al garante regionale per i diritti dei detenuti Franco Corleone.

Le Misericordie hanno attivato poi sul territorio fiorentino anche 20 posti letto nella sede di piazza Duomo per ospitare nell’immediatezza quanti vengono trovati in strada, affiancando le strutture pubbliche. Le unità di strada sono squadre di volontari che, in accordo con i servizi sociali dei vari comuni, hanno il compito di assistere in strada i senzatetto offrendo loro cibo, bevande calde, coperte ed altri generi di conforto cercando anche di
accompagnargli verso gli asili notturni.
Il presidente della Federazione regionale delle Misericordie, Alberto Corsinovi, ha invitato tutte le Misericordie della regione ad aprire le porte delle proprie sedi in questi giornidi particolare freddo a chi si presenti cercando un riparo per la notte.

L'articolo Emergenza freddo a Sollicciano: inviate coperte da Regione e Misericordie proviene da www.controradio.it.

Freddo: Misericordie, appello a tenere aperte le sedi

Freddo: Misericordie, appello a tenere aperte le sedi

Emergenza freddo, in Toscana le Misericordie si preparano. Il presidente della Federazione toscana delle Misericordie, Alberto Corsinovi lancia l’appello.

Un invito a tenere aperte tutte le sedi delle Misericordie, in vista dell’arrivo di freddo e neve, è stato rivolto da Alberto Corsinovi, consigliere nazionale responsabile dell’area emergenza e presidente federazione Toscana delle Misericordie.

“Non possiamo non pensare ai senza casa, a chi non ha un tetto sotto cui ripararsi – ha detto -. Per tutti loro, per chiunque avesse bisogno di un luogo caldo dove trovare asilo, chiedo alle nostre Misericordie: teniamo aperte le porte di tutte le nostre sedi”. In Italia sono circa 700 le Misericordie presenti mentre in Toscana se ne contano 312.

“Abbiamo inaugurato ieri – ha ripreso Corsinovi –  a Pistoia il centro di coordinamento dell’area emergenza, nazionale e della Toscana, delle Misericordie, ma questo non ci distoglie in queste ore dalla massima attenzione all’evoluzione delle condizioni meteo, con l’ondata di freddo e neve che sta arrivando sull’Italia. La nuova struttura di Pistoia ci consentirà di essere ancora più efficienti”.

“Un centro per le grandi emergenze che è dotato della migliore tecnologia e migliore organizzazione, per rispondere in modo tempestivo e efficace a qualunque problematica, non solo in relazione al territorio della Regione Toscana, ma questo è un centro che sta al servizio della protezione civile nazionale”. Lo ha detto l’assessora regionale Stefania Saccardi. Una struttura che ha una superficie di 700 metri quadrati disposti su due piani, appositamente ristrutturata (prima ospitava una scuola), con criteri antisismici e dotata di tutta la strumentazione più evoluta e di sistemi che la rendano funzionante e autosufficiente anche situazioni di emergenza (gruppo elettrogeno, connessione in fibra e sistema di sicurezza satellitare).

L'articolo Freddo: Misericordie, appello a tenere aperte le sedi proviene da www.controradio.it.