Scuola: a Firenze studenti ‘tutor’ su regole Covid

Scuola: a Firenze studenti ‘tutor’ su regole Covid

Il progetto intitolato ‘Back to school’ è nato in occasione della riapertura delle scuole con l’esigenza di stimolare gli studenti al rispetto delle regole anti covid in prossimità delle scuole.

Un protocollo d’intesa per la partecipazione volontaria degli studenti alle attività per la
ripresa in sicurezza della didattica in presenza nelle scuole fiorentine, impiegandoli come ‘tutor’ per sensibilizzare i loro compagni al rispetto delle regole anti Covid nei pressi delle
scuole. E’ stato siglato oggi da prefettura di Firenze, l’ufficio scolastico territoriale e la Città metropolitana fiorentina. L’obiettivo è avviare percorsi di formazione ‘sul
campo’ degli studenti degli ultimi anni delle superiori nel settore della Protezione civile.
Il progetto, spiega una nota della prefettura, intitolato ‘Back to school’ è nato in occasione della riapertura delle scuole con l’esigenza di stimolare la popolazione studentesca al rispetto delle regole anti covid in prossimità delle scuole.

Nelle prime settimane della ripartenza è stato impiegato personale della Protezione civile, ma una volta superata la prima fase è maturata l’idea, in condivisione con i rappresentanti degli studenti e i responsabili delle istituzioni scolastiche, che potessero essere gli stessi studenti, quelli più adulti, a sensibilizzare i compagni al rispetto delle regole. E’ stato perciò costruito un progetto di formazione. I giovani volontari saranno formati dal personale della Protezione civile della Città metropolitana, che garantirà l’affiancamento durante i primi giorni e che sosterrà le spese assicurative contro infortuni e per la responsabilità civile verso terzi.

Al momento sono 10 gli istituti superiori che hanno manifestato interesse per il progetto. “E’ un progetto che vuole restituire ai giovani la possibilità di cogliere un’opportunità di crescita anche da una esperienza apparentemente frustrante come quella attuale”, ha detto il prefetto Alessandra Guidi. 

L'articolo Scuola: a Firenze studenti ‘tutor’ su regole Covid proviene da www.controradio.it.

Nel fine settimana sono state multate 24 persone

Nel fine settimana sono state multate 24 persone

20 persone sono state multate per una festa in casa e altre 4 per aver violato il coprifuoco.

Nella notte di sabato, intorno alle 2.25, la polizia è intervenuta in una festa privata in via San Zanobi, zona piazza Indipendenza a Firenze, e le 20 persone che hanno trovato sono state multate per violazione delle norme anticovid che proibiscono assembramenti fra non-congiunti nelle regioni classificate come Zona Arancione.

L’intervento della Polizia è stato sollecitato dalla segnalazione dei vicini infastiditi dalla musica troppo alta. Arrivati sul luogo, gli agenti hanno appurato che era in corso una festa. Il padrone di casa è un ragazzo di venticinque anni, tra i partecipanti alla festa anche uno straniero che è stato denunciato perchè privo di permesso di soggiorno in regola.

Sempre nella sera di ieri, a Firenze, sono state sanzionate quattro donne. Le cittadine multate si trovavano in piazza Vittorio Veneto dopo le 22. In questo caso la chiamata alla polizia è arrivata proprio dalle tre ragazze fiorentine che sono poi state multate. Le ragazze accusavano la quarta donna, di nazionalità brasiliana, di aver aggredito una di loro dopo che si era rifiutata di concederle l’elemosina. La donna brasiliana è stata anche denunciata perchè non in regola con la normativa sull’immigrazione e per aver pronunciato offese nei confronti degli agenti intervenuti.

Anche negli scorsi fine settimane diverse persone erano state multate per violazione delle norme anticovid a Firenze e provincia. I controlli si erano intensificati dopo che il Sindaco di Firenze Dario Nardella aveva fatto appello ai cittadini di rispettare le norme e si era rivolto alla Prefetta di Firenze Alessandra Guidi di aumentare i controlli sul territorio. La speranza del Sindaco era quella di contenere i numeri del contagio ed evitare il rientro della Toscana in Zona Arancione, cosa che tuttavia non è stata evitata.

L'articolo Nel fine settimana sono state multate 24 persone proviene da www.controradio.it.

Nel fine settimana sono state multate 24 persone

Nel fine settimana sono state multate 24 persone

20 persone sono state multate per una festa in casa e altre 4 per aver violato il coprifuoco.

Nella notte di sabato, intorno alle 2.25, la polizia è intervenuta in una festa privata in via San Zanobi, zona piazza Indipendenza a Firenze, e le 20 persone che hanno trovato sono state multate per violazione delle norme anticovid che proibiscono assembramenti fra non-congiunti nelle regioni classificate come Zona Arancione.

L’intervento della Polizia è stato sollecitato dalla segnalazione dei vicini infastiditi dalla musica troppo alta. Arrivati sul luogo, gli agenti hanno appurato che era in corso una festa. Il padrone di casa è un ragazzo di venticinque anni, tra i partecipanti alla festa anche uno straniero che è stato denunciato perchè privo di permesso di soggiorno in regola.

Sempre nella sera di ieri, a Firenze, sono state sanzionate quattro donne. Le cittadine multate si trovavano in piazza Vittorio Veneto dopo le 22. In questo caso la chiamata alla polizia è arrivata proprio dalle tre ragazze fiorentine che sono poi state multate. Le ragazze accusavano la quarta donna, di nazionalità brasiliana, di aver aggredito una di loro dopo che si era rifiutata di concederle l’elemosina. La donna brasiliana è stata anche denunciata perchè non in regola con la normativa sull’immigrazione e per aver pronunciato offese nei confronti degli agenti intervenuti.

Anche negli scorsi fine settimane diverse persone erano state multate per violazione delle norme anticovid a Firenze e provincia. I controlli si erano intensificati dopo che il Sindaco di Firenze Dario Nardella aveva fatto appello ai cittadini di rispettare le norme e si era rivolto alla Prefetta di Firenze Alessandra Guidi di aumentare i controlli sul territorio. La speranza del Sindaco era quella di contenere i numeri del contagio ed evitare il rientro della Toscana in Zona Arancione, cosa che tuttavia non è stata evitata.

L'articolo Nel fine settimana sono state multate 24 persone proviene da www.controradio.it.

Giorno Ricordo: Firenze; medaglia memoria a Francesca Bronzin

Giorno Ricordo: Firenze; medaglia memoria a Francesca Bronzin

Una medaglia in memoria di Francesca Bronzin, vittima delle foibe: è stata consegnata oggi, in occasione del Giorno del Ricordo, dal prefetto di Firenze Alessandra Guidi a Claudio Bronzin, in ricordo della zia.

La medaglia è il riconoscimento che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella concede al fine di conservare e rinnovare la memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo dalla loro terra degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della vicenda del confine orientale.

“Le molteplici occasioni commemorative organizzate oggi nella città di Firenze per il Giorno del Ricordo – ha detto il prefetto Guidi – confermano come in tutta la nostra collettività sia fortemente sentito il dovere di porre attenzione su questo
capitolo tragico della nostra storia, per molti anni confinato nell’oblio. Si deve alla lotta strenua degli esuli e dei loro discendenti se oggi questa terribile vicenda è entrata a far parte del patrimonio storico-culturale nazionale, accettato e
condiviso, conquistando la dignità della memoria”.

Per Guidi, “come evidenziato dal nostro presidente della Repubblica Sergio Mattarella, l’avversario da battere è quello dell’indifferenza, del disinteresse e della noncuranza, che si nutrono della mancata conoscenza della storia e che sono il presupposto per l’odio, la vendetta e la discriminazione. Il Giorno del Ricordo ha la finalità di essere un monito costante avverso i regimi totalitari che opprimono i cittadini e schiacciano le minoranze, negando i diritti fondamentali delle persone, e consolida l’obiettivo di difendere gli istituti democratici, rafforzare l’unità nazionale e promuovere il dialogo e la collaborazione
tra Stati e popoli”.

Il prefetto ha poi aggiunto che “le appassionate parole di Bronzin, testimone diretto dell’attentato di Vergarolla in cui perse la vita la zia Francesca, ci restituiscono il significato vero della sofferenza e della forza di chi attraverso quella tragica esperienza ha contribuito a consegnare alle generazioni
future un Paese libero e democratico”.

L'articolo Giorno Ricordo: Firenze; medaglia memoria a Francesca Bronzin proviene da www.controradio.it.

82 multe per assembramenti nel weekend a Firenze

82 multe per assembramenti nel weekend a Firenze

Nel fine settimana i controlli intensificati delle Forze dell’Ordine per prevenire gli assembramenti hanno portato a 82 multe e alla chiusura di 4 attività commerciali.

Dopo l’annuncio della scorsa settimana fatto dal Sindaco Dario Nardella su Facebook, in cui annunciava l’intensificarsi dei controlli per contrastare gli assembramenti durante il fine settimana, la Prefettura di Firenze ha comunicato che negli ultimi due giorni sono state controllate 3481 persone e 324 attività commerciali e hanno multato 82 persone e chiuso 4 negozi.

I controlli congiunti della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della guardia di finanza e delle Polizia Municipali erano stati richiesti dal Sindaco Dario Nardella che gli aveva annunciati, insieme ad un appello al senso civico dei cittadini, per allontanare il rischio di un aumento nei contagi e una retrocessione della Toscana da Zona Gialla a Zona Rossa.

La Prefetta Alessandra Guidi ha risposto alla richiesta del Sindaco. Tra le persone sanzionate in città, 12 giovani, di cui cinque trovati a stazionare, oltre le ore 18 in Largo Annigoni, in violazione dell’ordinanza comunale, mentre gli altri sette, tutti minorenni, controllati in piazza Alberti e piazza Nannotti sono stati sanzionati per la violazione del divieto di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Delle 324 attività commerciali verificati, due sono quelli chiusi a Firenze, rispettivamente in zona Borgo La Croce e via Gioberti. Gli altri due negozi chiusi si trovano in provincia. Lo scorso venerdì sera, i carabinieri della compagnia di Firenze hanno accertato che un salone da parrucchiere gestito da un cittadino cinese in zona Peretola, alle 22.40 esercitava ancora la propria attività, con sei clienti all’interno. Il gestore e i sei clienti sono stati sanzionati amministrativamente con annessa sospensione dell’attività commerciale per cinque giorni.

Nella stessa serata i carabinieri della stazione di Montelupo Fiorentino hanno sanzionato due titolari di un bar/ristorante operante in quel centro aperto al pubblico oltre l’orario consentito e con all’interno sette clienti seduti ai tavoli intenti a consumare la cena, ugualmente sanzionati. Sospensione cautelare dell’attività per cinque giorni. Nella serata di sabato 6 febbraio, a seguito di segnalazione, i carabinieri della compagnia di Scandicci sono intervenuti presso un agriturismo in Impruneta, zona Colleramole, dove si stava svolgendo una festa. A seguito dei controlli sono stati multati il gestore e 37 presenti.

L'articolo 82 multe per assembramenti nel weekend a Firenze proviene da www.controradio.it.