Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

CONTRORADIO INFONEWS – La viceministra per lo Sviluppo economico Alessandra Todde ha convocato il tavolo sulla vertenza Gkn per lunedì 20 settembre alle 15, sia in presenza al Mise che da remoto. “L’azienda non può pretendere un’interlocuzione anche con le parti sindacali – ha affermato Todde – senza considerare che c’è una procedura di licenziamento aperta che, ricordo, scade il 22 di questo mese”. La viceministra  ha visitato ieri la fabbrica di Campi Bisenzio, insieme all’ex premier Giuseppe Conte.
CONTRORADIO INFONEWS – Si è risolta con il pagamento degli stipendi arretrati la vicenda dei 10 dipendenti di una ditta di Napoli che aveva ottenuto in subappalto un cantiere a Pistoia per la realizzazione di 30 appartamenti da destinare al social housing. I lavoratori lo scorso 9 settembre avevano occupato il cantiere, perché da tre mesi non ricevevano lo stipendio. Nel tardo pomeriggio di ieri, al termine di una lunga trattativa tra il sindacato (Filca Cisl) e le due aziende (la società appaltatrice e subappaltatrice) le parti hanno concordato di pagare le spettanze dovute ai 10 lavoratori.
CONTRORADIO INFONEWS- In Toscana la Sala operativa della Protezione civile regionale ha emanato un’allerta meteo fino alle 24 di oggi. Sono previsti rovesci e temporali di forte intensità che colpiranno prima le zone a nord-ovest della regione per poi estendersi in tutta la Toscana.  Scuole chiuse in 13 comuni della Lunigiana  per via dell’allerta meteo. Ai 13 Comuni della Lunigiana si è aggiunto quello di Carrara.   Il Comune di Viareggio (Lucca) informa che saranno chiuse in via precauzionale le pinete e il viale dei Tigli.
CONTRORADIO INFONEWS – Sostenibilità dei sistemi agricoli e alimentari, è il tema al centro del G20 agricoltura a Presidenza Italiana che si terrà a Firenze il 17 e 18 settembre ma che prenderà ufficialmente il via oggi  alle 14.00 con l’Open Forum sull’Agricoltura sostenibile. Un evento G20, organizzato dal ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che vedrà la partecipazione dei ministri dell’Agricoltura e Delegati dei Paesi G20 e non, di rappresentanti delle organizzazioni degli agricoltori e delle organizzazioni internazionali e di
imprenditrici e imprenditori agricoli. L’apertura e la chiusura dell’evento saranno affidate al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali,
Stefano Patuanelli.
Un’installazione verde a Firenze per evocare la bellezza del paesaggio agricolo italiano e il rischio di trasformazione e desertificazione che incombe su di esso a causa dei cambiamenti climatici, in un simbolico passaggio dal ‘cerchio del presente’ al ‘cerchio del futuro’. E’ ‘Il cammino del verde’, l’opera che fino al 20 settembre troverà spazio in piazza del Duomo
Taglio del nastro alle 18 a Bagno a Ripoli del nuovo campo sportivo presso l’impianto comunale dei Ponti. Intervengono il sindaco Francesco Casini, Rocco Commisso, Eugenio Giani, Dario Nardella e Luca Lotti.
Al Cenacolo di Santa Croce  “Aspettando Genius Loci. Il futuro della memoria”, una serie di incontri letterari dedicati a figure chiave della nostra identità culturale con la presentazione dei libri: alle 18.30  Aldo Cazzullo racconta ‘Il posto degli uomini’, volume dove esplora e approfondisce le vicende e l’opera del ‘poeta che inventò l’Italia’.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021 da www.controradio.it.

GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori

GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori

In attesa di convocare il tavolo di crisi sulla  situazione dei 422 lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio il viceministro allo sviluppo economico Alessandra Todde e il leader del M5S Giuseppe Conte , incontreranno in tarda mattinata, dopo le 12, i lavoratori in presidio permanente, da circa 3 mesi, davanti ai cancelli della fabbrica.

La vertenza GKN  è a un punto critico: nel tavolo di fine agosto, l’azienda ha confermato di fatto la procedura di licenziamento dei lavoratori. Nel corso dell’incontro di Todde e Conte con i lavoratori  si parlerà probabilmente anche del prossimo dl delocalizzazioni. Sull’atteggiamento dell’azienda la Fiom ha presentato intanto al tribunale di Firenze un ricorso per attività antisindacale per aver chiuso senza preavviso il sito di Campi. La decisione dei giudici dovrebbe arrivare a giorni.
Sarà nel complesso una gornata toscana per il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte: l’ex premier è in mattinata  a Grosseto, per un’iniziativa a sostegno del candidato sindaco del centrosinistra Leonardo Culicchi, mentre alle 13  sarà a Sesto Fiorentino (Firenze) per sostenere il candidato a sindaco del M5s Giovanni Policastro.
Nel pomeriggio il presidente del M5s sarà a Montevarchi (ore 16) e a Sansepolcro (ore 18) per altre iniziative elettorali legate alle Comunali.
Conte è intervenuto intanto sui temi di politica nazionale.  “Questo governo è nato per due obiettivi: completare la campagna vaccinale e mettere in sicurezza il Paese, e per avviare una buona attuazione del Pnrr: una forza politica che ha accettato di partecipare a questo governo e tradisce una di queste due missioni è una forza politica che prende in giro il suo elettorato, non ha idee chiare, e non fa bene al Paese”.  ha detto  Conte, presidente del in merito alle frizioni nella maggioranza sul Green pass. “Credo che una forza politica che assume una responsabilità di governo debba essere conseguente”, ha proseguito Conte, in una iniziativa elettorale stamani a Grosseto.

L'articolo GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori da www.controradio.it.

🎧 GKN: “legge contro le delocalizzazioni sia scritta ‘con’ e non ‘sulle’ nostre teste”

🎧 GKN:  “legge contro le delocalizzazioni sia scritta ‘con’ e non ‘sulle’ nostre teste”

Ieri nella fabbrica ‘occupata’ di Campi Bisenzio l’assemblea con i giuristi per cominciare a porre le basi per la nuova normativa. L’iniziativa nasce all’indomani della bozza del decreto legge anti delocalizzazioni che porta le firme del ministro del Lavoro,  Andrea Orlando, e della viceministra del Mise,Alessandra Todde.

Il timore è che ancora una volta le decisioni siano prese non ‘con’ i lavoratori ma ‘sui’ lavoratori. per questo l’assemblea permanete degli operai della GKN, all’indomani della bozza del decreto legge anti delocalizzazioni (che interessa le aziende non in crisi che decidono di andare via e licenziare tutti) che porta le firme del ministro del Lavoro,  Andrea Orlando del Partito Democratico, e della viceministra del Mise, la grillina Alessandra Todde, hanno sin da subito espresso   dubbi  sulla norma che si sta scrivendo.

Il parere generale è quello di promuovere l’impianto complessivo   della proposta di legge, per quello che riguarda  gli obblighi e gli adempimenti del datore di lavoro. le contestazioni riguardano  gli  strumenti attuativi e  l’apparato sanzionatorio. in pratica si teme la solita legge-bandiera prova di effetti pratici, se non addirittura controproducente.

A fronte infatti della finalità di ‘salvaguardia del tessuto occupazionale e produttivo’, la bozza del decreto legge parla solo di sanzioni economiche. Secondo il  giurista Piergiovanni Alleva, ex consigliere Cnel e componente di diverse commissioni ministeriali, citato da la Nazione, “partendo dal presupposto che chi vuole disinvestire deve prendersi una responsabilità sociale, la bozza del decreto legge prevede un piano di «disinvestimento» e un periodo di preavvviso così da iniziare la ricerca di un nuovo compratore. Se questo piano non viene attuato dall’azienda che se ne vuole andare, allora i licenziamenti devono diventare inefficaci”.

Secondo  Alleva  si deve anche provare la strada di un commissariamento dell’azienda per il tempo necessario a realizzare il piano.

C’è poi il problema delle soglie di applicabilità che la legge pone ad almeno 250 dipendenti. “La soglia va tolta” dicono i giuristi che hanno partecipato all’assemblea.

Intanto domani alla GKN il concerto in solidarietà della vertenza con ,tra gli altri, la Banda Bassotti

Intervista con Michele Di Paola della GKN

L'articolo 🎧 GKN: “legge contro le delocalizzazioni sia scritta ‘con’ e non ‘sulle’ nostre teste” da www.controradio.it.

🎧 Todde, lavoriamo a una norma per gestire casi simili a Gkn

🎧 Todde, lavoriamo a una norma per gestire casi simili a Gkn

Firenze, si è svolto il tavolo GKN in prefettura a Firenze. All’incontro, presieduto dalla ViceMinistra al Mise Alessandra Todde, hanno partecipato la Regione Toscana, il Ministero del Lavoro, il comune di Firenze, il comune di Campi Bisenzio, GKN Driveline Firenze S.p.A e sindacati.

“Come istituzioni siamo continuando a lavorare per fare in modo che casi di questo genere non siano più all’ordine del giorno, e che quindi ci vuole anche una risposta normativa rispetto a questo tipo di situazione”. Lo ha detto Alessandra Todde, viceministro allo Sviluppo economico, parlando della vertenza Gkn nel corso di una conferenza stampa al termine dell’incontro di oggi a Firenze tra le parti.

“Il mio gruppo – ha spiegato Todde, riferendosi agli uffici del Mise – sta lavorando ad un impianto normativo che possa fare in modo che questo tipo di situazioni vengano quantomeno gestite in maniera ordinata. Noi siamo in un Paese dove c’è giustamente la libera impresa, dove c’è la possibilità di ristrutturare le aziende, perché questo fa parte dei mutamenti del mercato per poter essere competitivi: ma questo è un percorso che deve essere affrontato in maniera ordinata e soprattutto non devono essere tollerate le speculazioni. Non possiamo pensare che un perimetro occupazionale così ampio, che veramente desertifica un territorio, possa essere oggetto di una speculazione”.

“E’ importante non illudere nessuno – ha proseguito Todde – ci troviamo davanti a una multinazionale, un gruppo che ha preso una decisione, ma la cosa netta che è emersa oggi è che tutte le istituzioni, tutti i livelli di governo, la Regione, le istituzioni locali la Città Metropolitana, il sindaco di Campi che è qua con me, hanno risposto allo stesso modo insieme alle parti sociali: quindi noi siamo compatti e la risposta sarà compatta, e continueremo quelle azioni che stiamo portando avanti, quindi io credo che questo tipo di sospensione sia un elemento di riflessione”.

Todde al tavolo ha parlato di “scelta unilaterale non concepibile” da parte di Gkn, ricordando anche come l’azienda abbia percepito circa 2 milioni di euro di contributi pubblici negli ultimi anni, in larga parte per lo stabilimento di Brunico.

“E’ un gruppo che in Italia ha usufruito degli incentivi che gli sono stati messi a disposizione – ha osservato – ma che non ha esitato, quando si è trattato di parlare dei dipendenti, di prendere una decisione che è stata messa in campo in 24 ore in modalità distruttive per l’attività produttiva e per il territorio”.

In podcast alcune delle dichiarazioni della ViceMinistra al Mise Alessandra Todde e del sindaco di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi.

L'articolo 🎧 Todde, lavoriamo a una norma per gestire casi simili a Gkn da www.controradio.it.

Tavolo Gkn: Todde, ‘Se si prendono soldi dallo Stato bisogna poi essere coerenti’

Tavolo Gkn: Todde, ‘Se si prendono soldi dallo Stato bisogna poi essere coerenti’

Tavolo Gkn: è iniziata intorno alle 15.30 la nuova riunione del tavolo sulla vertenza Gkn, convocato a Firenze dalla viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde, e dedicato alla vertenza della fabbrica di Campi Bisenzio di cui la proprietà ha deciso la chiusura col licenziamento dei 422 dipendenti.

In contemporanea con l’incontro, alcuni lavoratori Gkn stanno facendo volantinaggio a Firenze alla stazione di Santa Maria Novella, in piazza Bambine e bambini di Beslan, e in piazza Beccaria.
“Ho convocato l’azienda e le istituzioni locali, Regione e comuni coinvolti e ho deciso, anche questa volta, di fare il tavolo direttamente a Firenze”. Così la viceministra allo sviluppo Alessandra Todde su Facebook prima del tavolo. “L’obiettivo di oggi è aprire una trattativa per soluzioni che salvaguardino il perimetro occupazionale. Come ho già ribadito, le ristrutturazioni sono lecite, le delocalizzazioni annunciate via mail sono inaccettabili. È importante – conclude – procedere con il confronto tra le parti per trovare una soluzione ad una vertenza così difficile”.

“Noi non stiamo discutendo se sia possibile aprire o no una procedura, stiamo discutendo che un simile atteggiamento scarica tutta la responsabilità sociale dei lavoratori solo sulle istituzioni: i lavoratori non sono un qualcosa da prendere o scaricare, per questo siamo intervenuti in maniera così forte”. Lo ha affermato la viceministra, secondo quanto si apprende, al tavolo sulla vertenza Gkn in corso a Firenze.

“Questo tavolo serve a trovare delle soluzioni serie e concrete, che mettano in sicurezza il perimetro occupazionale e l’attività produttiva”, ha spiegato Todde, osservando che “l’incontro è stato convocato dal Mise perché abbiamo deciso di gestire questo tipo di vertenza in maniera corale con tutte le istituzioni”. Inoltre, ha aggiunto la viceministra, “ci risulta che il gruppo Gkn abbia utilizzato fondi dello Stato in misura sostanziale, provenienti dalle due Regioni che ospitano gli stabilimenti. Se si prendono i soldi dello Stato, si deve mantenere un atteggiamento coerente da parte del gruppo, senza fare scelte unilaterali sulla vita dei lavoratori e senza evitare di coinvolgere per tempo le istituzioni”. 

L'articolo Tavolo Gkn: Todde, ‘Se si prendono soldi dallo Stato bisogna poi essere coerenti’ da www.controradio.it.