Inchiesta Dda: Toscana verso abrogazione emendamento pro-concerie

Inchiesta Dda: Toscana verso abrogazione emendamento pro-concerie

 Via libera all’unanimità dalla commissione ambiente del Consiglio regionale della Toscana alla proposta di legge che cancella l’emendamento relativo alla depurazione industriale dei fanghi, finito all’attenzione della Dda di Firenze per reati ambientali emersi nelle inchieste sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta

L’emendamento, secondo le indagini, avrebbe dovuto sottrarre il consorzio Aquarno dall’obbligo di sottoporsi alla procedura di autorizzazione di integrazione ambientale (Aia). Ora la Regione vuole superarlo. Il provvedimento dalla Commissione passa questo punto all’esame dell’aula. La commissione ha licenziato il testo dopo una seduta di approfondimento alla quale hanno partecipato, spiega una nota, anche il presidente della Regione, Eugenio Giani, l’assessore all’ambiente Monia Monni e l’avvocato generale della Regione Lucia Bora. “Come ci eravamo impegnati a fare con i colleghi della minoranza – afferma Lucia De Robertis (Pd), presidente della commissione – stamani abbiamo approfondito tutti quegli aspetti che da loro erano stati evidenziati. Molte le domande, molte le risposte chiarificatrici arrivate, che ci consentono di portare il provvedimento all’esame del Consiglio nella prossima seduta, come da impegni presi”.

Intervenendo in commissione il presidente della Toscana Eugenio Giani ha spiegato che l’emendamento sarà abrogato perché “superfluo alla luce delle valutazioni attuali, dell’esaustiva relazione resa dall’assessore Monni in aula ad aprile e anche dal fatto che non ha prodotto alcun effetto”. Nel corso della seduta, spiega una nota, è stata riproposta, dal vicepresidente della commissione Alessandro Capecchi (Fdi), dalla capogruppo della Lega Elisa Montemagni e dal portavoce dell’opposizione Marco Landi (Lega), la domanda inerente i motivi per cui la Regione ha deciso di difendersi contro l’impugnativa del Governo. E il motivo per cui, dopo alcuni mesi, si è invece deciso di abrogare la norma oggetto della stessa impugnativa. L’avvocato generale della Regione, Lucia Bora, ha spiegato come sia prassi costituirsi in giudizio. “Si difendono gli atti qualsiasi essi siano – ha precisato – e dopo si verifica la possibilità di un superamento dei motivi del contenzioso”. Bora ha anche fatto presente che l’impugnativa è arrivata ad agosto, e che i tempi previsti per la risposta regionale sono strettissimi. “Abbiamo scritto una memoria difensiva e basilare, non un parere – ha aggiunto -, perché la redazione dell’emendamento in questione non aveva coinvolto gli uffici della Giunta e perché c’era da difendere il sistema di depurazione misto molto diffuso in Toscana, potenzialmente messo a rischio dall’impugnativa”. “Non è mai accaduto – ha poi concluso – che la Regione non si sia difesa da una impugnativa”. Circa le richieste avanzate dai commissari di minoranza sulle domande di autorizzazione, presentate alla Regione, e basate sull’emendamento del 2020, che a detta del vicepresidente Capecchi “sarebbero almeno tre”, Monni ha chiarito: “Agli uffici non arrivano richieste di applicazione di una norma”

L'articolo Inchiesta Dda: Toscana verso abrogazione emendamento pro-concerie da www.controradio.it.