Al teatro Puccini stasera “Ore Piccole” , il nuovo spettacolo di Alessandro Riccio

Al teatro Puccini stasera “Ore Piccole” , il nuovo spettacolo di Alessandro Riccio

Alessandro Riccio crea un carrozzone di personaggi divertentissimi, assurdi, terribilmente simili a tutti noi, per uno spettacolo di fine anno pieno di canzoni, musica, situazioni paradossali e surreali.

La città è un labirinto di mondi. Ogni luogo ha i suoi buoni e i suoi cattivi. Equilibri sconosciuti per chi non la  frequenta.

Perdersi in una metropoli – oggi come oggi – è praticamente impossibile. Ma perdersi nei meandri dell’anima è un attimo. Ed è lì che si possono incontrare e vedere cose mai viste.

La distorsione della realtà, la capacità di percepire il dettaglio più nascosto, la sensibilità alterata.

Attenti: può accadere a tutti…

Accanto a Alessandro Riccio, la carismatica Gaia Nanni – duetto ormai affiatatissimo del teatro fiorentino –, Ciro Masella, attore di grande talento che ha lavorato al fianco con Ronconi, Tiezzi, Latini, una coppia di travolgenti ballerini di Burlesque, (Viola Panik e Mr. Punch) e il giovanissimo Vieri Raddi, vero e proprio filo conduttore dello spettacolo. Prodotto da Tedavì ’98 e Archètipo.

L’attrice Gaia Nanni

Come in una sorta di “Alice nel paese delle meraviglie”, il giovane protagonista vede ciò che non c’è. Ma che al contrario, è sempre stato lì, accanto a lui.

Lo spettacolo è dedicato a Cry Lipso, il giovanissimo rapper fiorentino scomparso lo scorso novembre. Vladimiro – il protagonista di “Ore Piccole” – è anche lui un rapper dall’aria ribelle e condividono entrambi il desiderio bruciante di rivelare il proprio mondo interiore e la faticosa complessità nel farlo.

L’appuntamento è per stasera alle ore 21, al teatro Puccini. Ma la rappresentazione verrà replicata anche martedì 31 dicembre alle ore 22 e giovedì 2 gennaio alle ore 21.

www.teatropuccini.it – info@teatropuccini.it

www.facebook.com/teatro.puccini

L'articolo Al teatro Puccini stasera “Ore Piccole” , il nuovo spettacolo di Alessandro Riccio proviene da www.controradio.it.

Teatro di Rifredi, Alessandro Riccio torna con “Bruna è la notte”

Teatro di Rifredi, Alessandro Riccio torna con “Bruna è la notte”

A conferma del grande successo degli scorsi anni, torna al Teatro di Rifredi la vecchia e burbera Bruna del camaleontico Alessandro Riccio che per la terza stagione consecutiva, affiancato dal musicista Alberto Becucci, presenta il suo cult “Bruna è la notte”. Lo spettacolo andrà in scena, a posti limitati nel foyer del teatro, da domani a domenica 10 novembre (lunedì 4 riposo).

La Bruna è un’eccentrica e scorbutica cantante di locali di serie B. Vigorosa e sboccata, ha passato la gioventù nelle balere della Versilia, conosce a memoria barzellette sconce e versi della Merini che sciorina di seguito come fossero parte della stessa frase. Non chiedetele di spegnere la sigaretta perennemente accesa all’angolo della bocca né di cantare “Una rotonda sul mare” perché la sua reazione potrebbe essere pericolosa… a lei non interessa piacere, non vuole essere simpatica, ma proprio per questo tutti la amano.

Con la sua voce roca a causa dell’alcol e del tabacco, Bruna canta bellissime canzoni pescate dai vecchi repertori di grandi compositori e poeti, canzoni che parlano di periferie, di vite e amori difficili, storie che si intrecciano con la sua vita e con quella del timido e triste musicista Franchino, suo eterno e paziente partner.

Bruna e Franchino condividono sul palco le emozioni e i turbamenti provocati dalla fusione della voce di una e la musica dell’altro e insieme giocano, oltre che con la carta della comicità, con le zone d’ombra di sentimenti forti e intensi che conducono il pubblico dalla grassa risata alle lacrime nel giro di pochi istanti. Come solo le grandi anime sanno fare.

L'articolo Teatro di Rifredi, Alessandro Riccio torna con “Bruna è la notte” proviene da www.controradio.it.

#Farsibellanonéunacolpa: la campagna della Cna sostenuta dal Comune di Firenze

#Farsibellanonéunacolpa: la campagna della Cna sostenuta dal Comune di Firenze

Una campagna live (nei saloni dei parrucchieri, estetiste e tatuatori aderenti) e social, patrocinata dalla Città Metropolitana di Firenze. Nardella, la vera medicina è essere uniti: le forze economiche, culturali, le istituzioni, con le famiglie e le scuole.

Gli uomini picchiano le donne e a volte le uccidono. 27 volte, nella Città Metropolitana di Firenze dal 2006 al 2016. Ai centri antiviolenza però, tra violenza fisica, psicologica, economica e sessuale, stalking, mobbing e molestie sessuali, se ne sono rivolte, dal 2009 al 2017, 6.140 e, solo tra il 2016 e il 2017, i centri ne hanno seguite1.212: una donna dai 16 anni in su ogni 380.

Poi, ci sono i minori: vittime “indirette”. 131 bambini e ragazzi vittime di violenza assistita segnalati agli organi giudiziari nel solo 2016 a Firenze, almeno 34 gli orfani in Toscana dal 2006 al 2016.

E non si pensi che i numeri del “Nono rapporto sulla violenza di genere in Toscana”, curato da centri Antiviolenza e Regione Toscana, siano collegati esclusivamente a culture diverse dalla nostra: i ¾ delle donne uccise dal 2006 al 2016 per motivi di genere in Toscana erano italiane e italiane anche le 7 donne su 10 che si sono rivolte e si rivolgono ai centri antiviolenza.

“CNA Firenze Metropolitana, l’associazione che a Firenze rappresenta artigiani e piccole e medie imprese, ha ritenuto doveroso scendere in campo. L’abbiamo nel Dna: da sempre curiamo con l’interesse delle imprese, il benessere economico del territorio in cui operiamo e quello sociale” spiega Giacomo Cioni, Presidente di CNA Firenze Metropolitana.

“E questa è un’emergenza che va affrontata di petto – commentano Antonella Batacchi, presidente di CNA Acconciatori Firenze e Daniela Vallarano, presidente di CNA estetica Firenze – È sul contesto che bisogna incidere: quella cultura sotterranea che tende a relegare (e spesso a giustificare) gli episodi violenti contro le donne nell’ambito dell’episodicità o, peggio, a connetterli alla corresponsabilità delle vittime”.

È nata così una campagna di sensibilizzazione contro la violenza alle donne e di raccolta fondi, patrocinata dalla Città Metropolitana di Firenze, in favore dei centri anti violenza che, giorno dopo giorno, aiutano le vittime: “Scarpette rosse – #farsibellanonèunacolpa”.

“Ringrazio la Cna perché avere anche le imprese schierate in una battaglia difficilissima ma necessaria è molto incoraggiante. Non dimentichiamo che in Italia ogni 60 ore viene uccisa una donna e la violenza sulle donne avviene ovunque, nelle piccole e nelle grandi città. Bisogna ancora parlare di questi drammi perché non sempre siamo informati e consapevoli di cosa succede nelle nostre città. La vera medicina è essere uniti: le forze economiche, culturali, le istituzioni, con le famiglie e le scuole, per levare questo velo” dichiara Dario Nardella, Sindaco di Firenze e della Città metropolitana.

“È importante che anche il mondo degli imprenditori abbia sensibilità su questi argomenti e accenda i riflettori sul tema della violenza sulle donne sensibilizzando la cittadinanza e appoggiando associazioni che già si impegnano molto in questo” prosegue Sara Funaro, Assessore al welfare di Firenze.

Per un anno, le estetiste, i parrucchieri e i tatuatori della Città Metropolitana di Firenze che aderiranno distribuiranno materiale informativo sul problema e raccoglieranno offerte dai loro clienti, offriranno gadget a tema alla clientela (spillette), venderanno apposito merchandising (come T-shirt) e devolveranno parte dei loro incassi per consentire il day by day di due centri anti violenza radicati sul territorio: il Centro Artemisia e il Centro Lilith.

CNA Firenze Metropolitana, dal canto suo e con il contributo di Enegan, Giusto Manetti Battiloro, Jean Paul Mynè, Prodigiodivono, Uvagina, Vinocchio, ha realizzato un apposto sito (www.farsibellanoneunacolpa), un’app in download gratuito su Google Play per Android e su Apple Store per IOS (farsi bella non è una colpa), una pagina Facebook e un profilo Instagram (farsi bella non è una colpa) in cui è possibile tenersi aggiornati su ogni step dell’iniziativa, trovare i saloni aderenti (tutti geolocalizzati) e l’Iban dei due centri antiviolenze per donazioni spontanee. L’app, inoltre, è in realtà aumentata: è possibile scattare fotografie e postarle immergendole in contesti legati alla lotta contro la violenza alle donne. Idem, sulla pagina Facebook è a disposizione un custom profile frame, la cornice legata alla campagna in cui inserire l’immagine del proprio profilo per “metterci la faccia”.

A sostenere la campagna, tramite video diffusi su tutti i mezzi, alcuni dei personaggi più noti di Firenze o vicini ad essa tra cui Katia Beni, Fabio Canino, Alessandro Canino, Andrea di Salvo, Massimiliano Galligani, Paolo Hendel, Andrea Muzzi, Alessandro Paci, Alessandro Riccio, Bruno Tommassini, Marco Vichi.

“E siamo strafelici che la maggioranza, al momento (siamo sicure che aderiranno anche altri personaggi dello spettacolo, sport, istituzioni), siano di sesso maschile perché la violenza di genere non è una questione che può essere affrontata attraverso il coinvolgimento delle sole donne, ma anche gli uomini devono essere chiamati in causa” proseguono Batacchi e Vallarano.

In più, due concorsi. Uno su Facebook riservato ai saloni aderenti che posteranno le fotografie della loro vetrina a tema, uno su Instagram per tutti coloro che vorranno partecipare postando una foto/immagine legata alla campagna. A stabilire i vincitori, gli utenti dei due social tramite i loro like. In premio per l’impresa vincitrice, un servizio CNA ed un’apposita pergamena. Per gli utenti, due servizi scontati del 50% presso i saloni aderenti e la pergamena CNA. I saloni aderenti possono essere identificati anche tramite un’apposita vetrofania. La campagna di comunicazione è curata da una giovane start up fiorentina: Officine Valis.

Con Cioni, Vallarano e Batacchi a presentare la campagna quest’oggi Dario Nardella, Sindaco di Firenze e della Città Metropolitana di Firenze, Sara Funaro, Assessore Welfare e sanità, accoglienza e integrazione, pari opportunità, casa del Comune di Firenze e Teresa Bruno presidente del Centro Antiviolenze Artemisia.

L'articolo #Farsibellanonéunacolpa: la campagna della Cna sostenuta dal Comune di Firenze proviene da www.controradio.it.