Un deposito tramvia 4 in Piazza Alpi-Hrovatin? Il no della Comunità delle Piagge a Nardella

Un deposito tramvia 4 in Piazza Alpi-Hrovatin? Il no della Comunità delle Piagge a Nardella

“Ignorato e svilito il progetto partecipativo della Regione (e del Comune stesso). Ancora una volta le grandi opere si fanno sulla pelle delle persone. La Comunità delle Piagge scrive una lettera aperta al sindaco Dario Nardella, agli assessori Giorgetti e Bettini e, per conoscenza, ai candidati e alle candidate a sindaco

 “In questi giorni il Sindaco Nardella e l’Assessore Giorgetti hanno presentato in vari luoghi del Quartiere 5 il progetto della linea 4 della tramvia Leopolda-Piagge. Per la zona delle Piagge forse una buona notizia, anche se da valutare in base all’impatto e al tracciato, se non fosse per un effetto collaterale devastante che la realizzazione avrebbe su un’area delle Piagge che da tempo avrebbe dovuto diventare il cuore del quartiere, l’area denominata nel 2016 dallo stesso Comune di Firenze “Piazza Alpi-Hrovatin”, che comprende il Centro sociale il Pozzo della Comunità delle Piagge e parte del grande pratone di via Lombardia” qeusto quanto denuncia la comunità delle piagge.
Abbiamo intervistato Don Alessandro Santorio.
 
 
 

L'articolo Un deposito tramvia 4 in Piazza Alpi-Hrovatin? Il no della Comunità delle Piagge a Nardella proviene da www.controradio.it.

Digiuno a Firenze, il governo delle “porte chiuse” va fermato

Digiuno a Firenze, il governo delle “porte chiuse” va fermato

Digiuno domani, giovedì 23, sotto la Prefettura di Firenze.

Di seguito il comunicato di invito alla mobilitazione: 
Mentre a Catania l’associazionismo manifesta contro il governo con lo slogan “Facciamoli scendere” per chiedere che dalla nave “Diciotti” possano scendere i 177 migranti ostaggio della politica disumana e illegale del governo, a Firenze si tiene il digiuno di giustizia in solidarietà con i migranti: tutto è pronto per domani, giovedì 23 agosto, dalle 13 alle 15 sotto la Prefettura in via Cavour con articoli, brani, poesie, pensieri da leggere a voce alta con intelligente e pungente fantasia.
L’appello alla partecipazione della Comunità delle Piagge, di Alessandro Santoro e dei digiunanti di giustizia è rivolto a tutti coloro che credono nell’importanza di mettere la faccia, il corpo e la propria umanità per contrastare la politica di non accoglienza dei migranti portata avanti dal ministro dell’interno Matteo Salvini.
Il digiuno a staffetta iniziato martedì 10 luglio davanti a Montecitorio prosegue e continua. Dopo il primo e il secondo giovedì di presidio, anche giovedì 23 agosto continua la testimonianza contro le politiche migratorie del governo, per ribadire che non è possibile accettare la politica delle “porte chiuse” che provoca la morte nel deserto e nel Mediterraneo di migliaia di persone.

L'articolo Digiuno a Firenze, il governo delle “porte chiuse” va fermato proviene da www.controradio.it.