“Porrettana, la via per il fronte”: domani presentazione libro e monumento in Deposito rotabili Fs

“Porrettana, la via per il fronte”: domani presentazione libro e monumento in Deposito rotabili Fs

In particolare, il volume si sofferma sui molteplici aspetti in cui si articolò l’azione delle Ferrovie dello Stato nell’organizzazione logistica dei trasporti militari, nell’alimentazione dei fronti di combattimento e nella continuità dei trasporti nazionali.

“Porrettana, la via per il fronte”, è il titolo del convegno che si svolgerà domani (ore 10.30) al Deposito rotabili storici di Pistoia nell’ambito delle iniziative con le quali la Fondazione Fs ricorda la vittoria nella Prima guerra mondiale. I relatori sono Ernesto Petrucci della Fondazione Fs, Stefano Maggi docente di storia contemporanea all’Università di Siena, Andrea Giuntini docente di storia economica all’Università di Modena, ed Andrea Ottanelli della Società Pistoiese di Storia Patria. Inoltre sarà anche presentato il libro di Andrea Giuntini e Stefano Maggi ‘La Grande Guerra e le ferrovie in Italia’ che affronta il tema del ruolo delle ferrovie in sostegno allo sforzo bellico dell’Italia in quel cruciale frangente della storia. In particolare, il volume si sofferma sui molteplici aspetti in cui si articolò l’azione delle Ferrovie dello Stato nell’organizzazione logistica dei trasporti militari, nell’alimentazione dei fronti di combattimento e nella continuità dei trasporti nazionali. Nel pomeriggio, alle 14.30, sarà inaugurato il monumento ai caduti nel piazzale esterno del Deposito rotabili storici alla presenza del direttore generale della Fondazione Fs Luigi Cantamessa e del sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi.

L'articolo “Porrettana, la via per il fronte”: domani presentazione libro e monumento in Deposito rotabili Fs proviene da www.controradio.it.

Pistoia: giù tegole da cattedrale, nessun danno a persone

Pistoia: giù tegole da cattedrale, nessun danno a persone

Caduta una tegola dal tetto della cattedrale di San Zeno a Pistoia, intervenuti i vigli del fuoco. Nessun danno a persone

I vigili del fuoco di Pistoia sono intervenuti stamani, poco prima delle 12, in piazza Duomo, dove dal tetto della cattedrale di San Zeno è caduta una tegola e alcuni frammenti di laterizi. Non ci sono stati danni a persone, perché nell’area interessata in quel momento non c’era nessuno.

A chiedere l’intervento dei vigili del fuoco è stata la polizia municipale. Dalla verifica effettuata è risultato che sul tetto erano presenti alcune tegole spezzate per l’usura del tempo.

L’area è stata messa in sicurezza. “Sono edifici antichi – ha sottolineato il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi -, hanno bisogno di una manutenzione costante negli anni, che purtroppo è stata fatta solo in parte”.

Tomasi ha ricordato che pochi giorni fa sono cadute delle parti lapidee dal palazzo del tribunale, che si affaccia sempre su piazza Duomo e lo stesso palazzo comunale è in attesa di intervento sulla facciata. “Sul palazzo comunale abbiamo fatto un primo intervento – ha detto Tomasi -, adesso con l’arrivo del freddo, perché alcune resine particolari possono essere applicate solo ora interverremo lì”.

“La manutenzione degli edifici storici – ha ripreso – è una questione strategica del Paese e lo è per la nostra città che vuole affacciarsi a pieno titolo al turismo e quindi deve vedere mantenuti e restaurati i suoi palazzi più importanti, così come le scuole che noi stiamo mettendo in sicurezza”.

L'articolo Pistoia: giù tegole da cattedrale, nessun danno a persone proviene da www.controradio.it.

Pistoia: verifiche sismiche in venticinque plessi scolastici

Pistoia: verifiche sismiche in venticinque plessi scolastici

Al via le verifiche sismiche in venticinque scuole di Pistoia. Dal ministero oltre 900mila euro per indagini e progetti

Si tratta di controlli da effettuare entro il 31 dicembre 2018, finanziati dal Comune di Pistoia con 129mila euro e dal Miur con 300mila euro, attraverso un bando ministeriale al quale l’amministrazione comunale ha partecipato nei mesi scorsi ottenendo 936mila euro complessivi per le indagini su venticinque edifici scolastici e per le progettazioni degli interventi su tre scuole.

Un primo intervento di miglioramento sismico, fa sapere l’amministrazione, è stato appena affidato. Si tratta dei lavori da 440mila euro alla scuola materna La Balena, in via Bassa della Vergine. Il cantiere sarà inaugurato entro la fine dell’anno.

“Andiamo avanti sia con gli interventi sulle scuole che con i doverosi controlli degli edifici. Per noi la sicurezza delle strutture scolastiche – dichiara il sindaco Alessandro Tomasi – viene prima di tutto. Il nostro obiettivo è quello di verificare plesso per plesso e, laddove ve ne sia necessità, programmare, progettare e intervenire. Si tratta di un percorso lungo, che richiederà anni, ma che riteniamo essere necessario e, soprattutto, doveroso nei confronti delle famiglie e della città. La giusta programmazione dei lavori sugli edifici scolastici è per noi quanto di più importante lasciare per il futuro di Pistoia”.

“Dal 2003 al 2017 a Pistoia sono state controllate soltanto quattro scuole – sottolinea l’assessore all’Istruzione Alessandra Frosini -. E’ partendo da questa situazione che noi, come amministrazione, abbiamo lavorato fin dall’inizio cercando di riempire un vuoto che è doveroso colmare nei confronti delle famiglie. Ecco perché, oltre ad ottenere quasi un milione di euro destinati alla sicurezza e ai controlli nelle scuole statali, abbiamo lavorato con i nostri uffici per rispettare le scadenze. Solo a seguito degli esiti dei controlli, sarà possibile procedere con un programma di interventi che tenga conto della situazione di ogni plesso”.

L'articolo Pistoia: verifiche sismiche in venticinque plessi scolastici proviene da www.controradio.it.

Bando Periferie, Anci Toscana: “Salvi i progetti esecutivi, fondo di rotazione per gli altri”

Bando Periferie, Anci Toscana: “Salvi i progetti esecutivi, fondo di rotazione per gli altri”

Sblocco immediato dei finanziamenti per tutti i Comuni che hanno approvato i progetti esecutivi entro il 15 settembre 2018; certezza delle risorse per i restanti progetti in graduatoria, con l’istituzione di un apposito Fondo di rotazione. Sono queste le proposte di Anci Toscana da presentare al Governo, per sbloccare i finanziamenti del “Bando Periferie”, scaturite stamani dalla riunione indetta dal presidente Matteo Biffoni nella sede fiorentina all’Associazione con i capoluoghi di provincia.

Una proposta condivisa all’unanimità, presenti oltre a Biffoni (Anci Toscana), i sindaci di Livorno Filippo Nogarin, di Arezzo Alessandro Ghinelli, di Lucca Alessandro Tambellini, di Pistoia Alessandro Tomasi, oltre agli assessori di Firenze, Grosseto, Massa e Carrara. La posizione di Anci Toscana è stata immediatamente trasmessa al presidente di Anci Nazionale Antonio Decaro, che questa sera, insieme ad una delegazione di sindaci cui farà parte anche il vicepresidente Nogarin, incontrerà il capo del Governo Giuseppe Conte.

Obiettivo comune, quello di modificare il testo della norma che blocca i finanziamenti del Bando Periferie, inserita nel decreto Milleproroghe, prima che il provvedimento sia approvato in via definitiva. “Mettiamo a disposizione di Anci la nostra proposta – ha detto Biffoni a nome di tutti i presenti – perché si arrivi a soluzione di una questione che ha una importanza fondamentale non solo per le amministrazioni, ma soprattutto per le nostre comunità. Ogni euro dato ai Comuni è sacrosanto, ha un valore sociale e aiuta l’economia locale. Nessuno lo deve dimenticare”.

La norma in questione prevede attualmente il differimento al 2020 dell’efficacia delle convenzioni già sottoscritte da ben 96 comuni capoluogo e città metropolitane, di cui 11 toscani, sulla base di quanto già disposto dal precedente Governo (DPCM del 29 maggio 2017) e dalle successive delibere del CIPE.

In particolare il ricorso al Fondo di rotazione permetterà ai Comuni, pur imputando la spesa al 2020, di contare su un’anticipazione dalla Cassa Depositi e Prestiti, senza ulteriori oneri finanziari.
Per i comuni toscani si tratta di risorse importanti, impegnate su territori fragili, per un ammontare complessivo di circa 296 milioni di euro.

L'articolo Bando Periferie, Anci Toscana: “Salvi i progetti esecutivi, fondo di rotazione per gli altri” proviene da www.controradio.it.

Trasporti, Pistoia: Comune contro Regione per rincaro bus ospedale

Trasporti, Pistoia: Comune contro Regione per rincaro bus ospedale

Andrà all’esame della Regione Toscana la proposta deliberata dalla Giunta comunale di Pistoia, guidata dal sindaco Alessandro Tomasi, per evitare l’aumento di oltre il 200% sul biglietto dell’autobus che dalla stazione porta all’ospedale San Jacopo (linea H).

“Ci siamo trovati di fronte a un aumento da 90 centesimi a 3 euro già deciso anche per l’autobus che porta all’ospedale e, davanti a questo problema – dichiara il sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi – abbiamo dovuto fare delle scelte che, seppur difficili, sono dettate dal fatto di non poter accettare un rincaro del genere su un servizio utilizzato da chi deve recarsi all’ospedale per visite mediche o per trovare una persona cara ricoverata, con un’alta frequenza di pensionati. Occorre necessariamente tener conto dell’aspetto sociale della linea in questione”.
“Crediamo – spiega l’assessore alla mobilità Alessandro Capecchi – che nell’ambito dei rincari regionali in arrivo, a fronte di investimenti sicuramente importanti e di un miglioramento dei servizi, l’aumento tariffario della linea H debba essere valutato nell’ottica di un servizio particolare che proprio per la sua finalità non può passare dai 90 centesimi attuali per andata e ritorno ai 3 euro, come invece sarebbe previsto dal prossimo primo luglio sulla base del protocollo d’intesa del 2012”.
La giunta comunale di Pistoia propone di passare da 90 centesimi a 1,50 euro, anziché 3 euro. Intanto la giunta continua a lavorare per garantire 144 posti di sosta gratuiti al parcheggio dell’ospedale San Jacopo mettendo in atto quanto stabilito nell’accordo di programma 2005 tra enti locali e privati che hanno costruito il nuovo ospedale, per riuscire così a mettere finalmente a disposizione del Comune il 15% dei posti auto realizzati. Il 24 maggio è previsto un nuovo incontro tra Comune e Asl proprio su questo.

L'articolo Trasporti, Pistoia: Comune contro Regione per rincaro bus ospedale proviene da www.controradio.it.