Svastica su lapide vittima del nazifascismo nell’Empolese 

Svastica su lapide vittima del nazifascismo nell’Empolese 

Atto vandalico nell’Empolese, a Castelfiorentino (Firenze), dove una lapide dedicata a una vittima del nazifascismo è stata vergata con una svastica. Sindaco di Castelfiorentino, Falorni: “Non passerete. Mai”.

La lapide sulla quale è stata disegnata la svastica ricorda Aladino Bartaloni, 20enne impiccato dai nazisti nella frazione di Granaiolo nel giugno del 1945. Il sindaco di Castelfiorentino Alessio Falorni scrive su Facebook: “È una delle lapidi sulle quali portiamo le corone di alloro il 25 aprile, uno dei monumenti laici sui quali si fonda la nostra memoria e il nostro senso di coesione”.
Il sindaco ricorda che “non è la prima volta che accade una cosa del genere nelle nostre zone in questo periodo. Anzi, questa è solo l’ultima di una serie di sfregi con il segno del nazismo fatti a luoghi storici, simboli della cittadinanza, e istituzioni”. Per Falorni, è in corso il tentativo “di riportare in vita ideologie morte ma in un modo più subdolo, senza citarle mai direttamente e sfruttando la rabbia della gente, utilizzandola per giustificare tutto, anche ciò che è ingiustificabile. Castello invece non giustifica questi attacchi alla sua storia. Non li tollereremo”. E agli autori del gesto il sindaco dice: “Non passerete. Mai”

L'articolo Svastica su lapide vittima del nazifascismo nell’Empolese  proviene da www.controradio.it.