Figline e Incisa V.no, al via raccolta porta a porta in centro

Figline e Incisa V.no, al via raccolta porta a porta in centro

Chi non ha ricevuto il kit per effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti può ritirarlo fino al 28 febbraio presso il punto informativo Alia, allestito presso i locali dell’Auser.

Da oggi, 11 febbraio, nel Centro Storico di Figline è attivo il nuovo servizio di raccolta rifiuti porta a porta, un primo importante passo per uniformare il sistema di raccolta su tutto il territorio comunale ed incrementare la qualità e quantità di materiali raccolti per essere avviati a riciclo o compostaggio, arrivando al 70%.

Le 2.600 utenze coinvolte nel progetto, domestiche e non, devono, da oggi, raccogliere i rifiuti solidi urbani suddivisi per le diverse frazioni, utilizzando gli appositi kit consegnati da Alia.

I rifiuti raccolti dovranno essere esposti, rispettando il calendario fornito dall’azienda, in prossimità del proprio numero civico dalle ore 20.00 alle 22.00 per poter essere ritirati secondo i turni stabiliti.

Nel dettaglio, le utenze domestiche seguiranno il seguente calendario: ritiro dei rifiuti organici i giorni di lunedì e venerdì; per gli imballaggi in plastica, metalli, tetrapak e polistirolo i giorni sono martedì e sabato; la carta il giovedì ed il residuo non differenziabile il mercoledì.

Rimane, per tutti, il conferimento libero degli imballaggi in vetro alle campane stradali verdi presenti sul territorio. Qualora necessario, gli utenti possono richiedere al gestore anche la fornitura per la raccolta separata di pannolini e pannoloni, e concordare giorni ed orari di esposizione.

Alia ricorda a coloro che non hanno ancora ricevuto il kit, per effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti, che possono ritirarlo fino al 28 febbraio presso il punto informativo Alia, allestito presso i locali dell’Auser, piazza don Bosco 8 a Figline, ed aperto ogni mercoledì, in orario 14:30 – 19:00, e Sabato (8:30 – 13:00).

L'articolo Figline e Incisa V.no, al via raccolta porta a porta in centro proviene da www.controradio.it.

Rimossi 33 “relitti” di biciclette da rastrelliere

Rimossi 33 “relitti” di biciclette da rastrelliere

E’ cominciata oggi l’operazione “rastrelliere pulite” che ha visto una task force composta da agenti di Polizia Municipale, personale di Alia e di Sas effettuare una pulizia straordinaria con lavaggio e raccolta rifiuti alle rastrelliere cittadine. L’intervento, programmato e annunciato, è il primo di una serie che vedrà per due volte al mese la manutenzione delle rastrelliere individuate sulla base di una ricognizione puntuale sul territorio (il prossimo appuntamento è per il 26 febbraio).

L’intervento di oggi ha visto la rimozione dei relitti abbandonati attaccati alle rastrelliere, il successivo lavaggio e spazzamento della sede stradale pertinente, la raccolta rifiuti accumulati e il ripasso finale di lavaggio.

I ciclisti della Polizia Municipale, personale di Alia e della ditta Sas sono stati impegnati tutta la mattina. Sono stati 33 i relitti rimossi, tutti dei veri e propri rottami che sono stati portati via per la rottamazione (per essere considerato relitto deve essere una bicicletta abbandonata ormai da tempo mancante di almeno un elemento essenziale per l’utilizzo quali una ruota, il sellino, il manubrio o la catena).

Per effettuare la pulizia sono stati invece portati in depositeria anche alcuni velocipedi che i proprietari non avevano provveduto  a spostare nonostante i cartelli apposti e le comunicazioni effettuate nei tempi previsti.  Ogni proprietario potrà recuperare il proprio mezzo direttamente al deposito di via Allende dove gli verrà contestato un verbale da 43 euro.

Le strade interessate dagli interventi sono state: Lungarno Aldo Moro (lato numeri civici pari in corrispondenza del numero civico 6), via della Bellariva (lato numero civici dispari dal numero civico 13 a via Quintino Sella e sul lato numero civici pari da via Sidney Sonnino al numero civico 56), largo Alcide De Gasperi (lato numeri civici pari in corrispondenza dell’incrocio con lungarno Aldo Moro), via Giovanni Lanza (lato numeri civici pari nel tratto compreso tra i numeri 38 e 40), via Marco Minghetti (lato numeri civici dispari in corrispondenza del numero civico 1), via Sidney Sonnino (lato numeri civici pari in corrispondenza del numero civico 2), largo Achille Gennarelli (in corrispondenza delle rastrelliere), via del Pratellino (in corrispondenza delle rastrelliere).

L'articolo Rimossi 33 “relitti” di biciclette da rastrelliere proviene da www.controradio.it.

Inceneritore Case Passerini: Regione dice No a nuova autorizzazione

Inceneritore Case Passerini: Regione dice No a nuova autorizzazione

Q tHermo l’aveva richiesta dopo lo stop del Consiglio di Stato. Mamme NO Inceneritore: “a  questo punto manca solo lo stop politico, ossia lo stralcio  dalla programmazione regionale e di ambito”.

Lo stop arriva dopo che Q.tHermo, società partecipata dal gestore toscano dei rifiuti Alia SpA e da Sviluppo Ambiente Toscana del gruppo emiliano Hera, aveva fatto istanza di rinnovo parziale dell’Autorizzazione Integrata Ambientale per la realizzazione e l’esercizio dell’impianto.

La direzione Ambiente ed Energia della Regione Toscana  ha affermato che l’istanza non può essere accolta in quanto “il progetto presentato non contiene, in relazione a quanto eccepito dal Consiglio di Stato, un progetto per la realizzazione in tempi e modi certi delle opere di mitigazione che determino gli effetti auspicati dalla VIS (Valutazione di Incidenza Sanitaria) del 2005, né una rivalutazione complessiva della situazione ambientale e sanitaria della Piana che tenga conto degli effettivi cumulati derivanti dall’eventuale sviluppo infrastrutturale nell’area.”

La direzione Ambiente ed Energia afferma inoltre che una nuova istanza dovrà prevedere, oltre ad una nuova VIS, un piano per un bosco vero e proprio già in grado all’accensione dell’impianto di assorbire le emissioni; un bosco adulto, quindi, che necessita di molti anni di accrescimento (i cosiddetti Boschi della Piana).

Il Comitato Mamme NO Inceneritore è soddisfatto della scelta della Regione Toscana di rigettare l’istanza di rinnovo dell’autorizzazione presentata dalla società:

“Dopo lo STOP giudiziario e lo STOP dei finanziatori, arriva quindi anche lo STOP tecnico/autorizzativo. A questo punto manca solo lo STOP politico, ossia lo stralcio dell’inceneritore di Firenze dalla programmazione regionale e di ambito. Come abbiamo già richiesto più volte, ribadiamo che per noi l’inceneritore di Firenze deve uscire dal Piano Regionale dei Rifiuti e dal Piano di Ambito di Ato Toscana Centro.”

“Dopo questo ennesimo stop – continua la nota del Comitato – chiediamo a tutti i Comuni dell’ATO Toscana Centro di attivarsi per sciogliere la convenzione tra Ato Toscana Centro, Quadrifoglio (ora Alia) e Q.tHermo, visto che essa non possiede il requisito principale, ossia il titolo abilitativo alla costruzione e all’esercizio dell’impianto. Ricordiamo che la Convenzione era nata per dare, tramite la Tari pagata dai cittadini, la piena e forzata copertura economica alla gestione dell’impianto di incenerimento già avviato.”

Il Comitato chiede anche un impegno da parte della politica per l’avvio di una gestione dei rifiuti improntata davvero sul riciclo e sulla tariffazione puntuale.

L'articolo Inceneritore Case Passerini: Regione dice No a nuova autorizzazione proviene da www.controradio.it.

Alia, a Scandicci già posizionati oltre 400 nuovi cassonetti

Alia, a Scandicci già posizionati oltre 400 nuovi cassonetti

Coloro che fossero ancora sprovvisti di chiavetta elettronica (non ha alcun costo ed il suo utilizzo non comporta aggravi in tariffa) possono riceverla a casa chiamando il Call Center telefonico di Alia oppure richiederla attraverso il form web presente nella pagina “Dillo ad Alia”.

Sono 416 i nuovi cassonetti che Alia ha già dislocato nel Comune di Scandicci per costituire le 176 nuove postazioni di raccolta nel centro cittadino, Casellina e Vingone, con l’obiettivo di migliorare qualità e quantità dei materiali avviati a riciclo o compostaggio.

In due settimane sono 138 i cassonetti già posizionati per raccogliere la frazione residua non differenziabile: dotati di calotta con controllo volumetrico, per aprirli è indispensabile la chiavetta elettronica distribuita a tutte le utenze iscritte a Tari. Insieme a questi, collocati 124 cassonetti destinati a ricevere la frazione organica e 154 per carta e cartone: anche questi contenitori sono dotati di apertura con accesso controllato. “La collocazione dei nuovi cassonetti in città prosegue secondo i programmi, questo è un passo fondamentale verso l’obiettivo del 70 percento di raccolta differenziata in città – dice l’assessora all’Ambiente Barbara Lombardini – ricordiamo e ribadiamo che il numero di conferimenti con chiavetta è illimitato e non comporta un aumento dei costi né aggravi nella tariffa. Ricordiamo inoltre la possibilità di recarsi il giovedì pomeriggio o il sabato mattina all’infopoint allestito in Comune fino a fine febbraio per ogni chiarimento, e per ritirare le chiavette che per qualsiasi ragione siano state smarrite o non ritirate a suo tempo”.

Oltre ai contenitori dotati di controllo di accesso, sono state posizionate 150 campane per la raccolta degli imballaggi in plastica, metalli, tetrapak e polistirolo e 131 campane per la raccolta separata del vetro. L’attività di sistemazione e posizionamento proseguirà nelle prossime settimane, interessando  288 contenitori che costituiranno le restanti 52 postazioni; entro la fine di febbraio tutte le 176 postazioni saranno perciò complete ed operanti.

Coloro che fossero ancora sprovvisti di chiavetta elettronica (non ha alcun costo ed il suo utilizzo non comporta aggravi in tariffa) possono riceverla a casa chiamando il Call Center telefonico di Alia oppure richiederla attraverso il form web presente nella pagina “Dillo ad Alia”. Il Call Center di Alia è a disposizione dal lunedì al venerdì dalle ore 08.30 alle ore 19.30, il sabato dalle ore 08.30 alle ore 14.30 ai numeri 800 888 333 (da rete fissa, gratuito) o 199 105 105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore).

In alternativa, fino al 16 febbraio compreso, recandosi all’Aliapoint ubicato presso i locali del Comune di Scandicci  (Piazzale della Resistenza, 1) si può ritirare direttamente  la propria chiavetta ed  il materiale informativo, tutti i giovedì in orario 14.30-18.30 ed il sabato mattina (08.30-12.30).

L'articolo Alia, a Scandicci già posizionati oltre 400 nuovi cassonetti proviene da www.controradio.it.

Comune di Firenze e Alia: progetto comunicazione integrata per cittadini, turisti e city user

Comune di Firenze e Alia: progetto comunicazione integrata per cittadini, turisti e city user

Questa mattina a Palazzo Vecchio è stato presentato il progetto di Alia e Amministrazione Comunale dedicato a Firenze che permette ai cittadini, turisti e city user un accesso semplice ed immediato alle informazioni relative alla raccolta differenziata, ai servizi di pulizia e ad altre attività di Alia. Tra le novità presentate: la mappa interattiva multilingue (RifiuMappa-Florence Waste Map), a cui si accede dal portale www.aliaspa.it, l’opuscolo sulle raccolte differenziate, gli adesivi con QRcode.

Il progetto del Comune di Firenze e Alia prevede l’utilizzo di una serie di strumenti di comunicazione differenti, dai più tradizionali ai più innovativi, molti dei quali in versione multilingua. A tutte le 230mila utenze cittadine, a partire dal 20 settembre, sarò distribuito a domicilio un sintetico opuscolo informativo sulla raccolta differenziata (Piccole azioni per grandi risultati), diversificato tra famiglie ed attività: oltre alle indicazioni sulla corretta separazione dei rifiutim, il vademecum contiene informazioni utili e specifiche per ciascuna tipologia di utenza (centri di raccolta, contatti, pulizia strade, chiavette elettroniche etc.).

Tra gli strumenti più innovativi, la mappa interattiva. Digitando il nome della strada e la distanza di interesse, si visualizzano le postazioni di raccolta presenti nel raggio prescelto, i rifiuti conferibili, le indicazioni sulla pulizia strade con divieto di sosta e gli orari di ritiro di carta e cartone per le utenze del centro storico. A breve, saranno inseriti anche i calendari di raccolta ”porta a porta” nelle vie interessate (aree collinari, Peretola ect.) e previste anche altre piccole ottimizzazioni. La mappa è multilingua (inglese, francese, tedesco) e consente di generare anche una versione stampabile con le stesse informazioni. È inoltre possibile accedere ad altri contenuti come la guida multilingue alla raccolta differenziata, i canali di contatto, i QR-code, la Newsletter ed il profilo twitter di Alia.

Il progetto prevede anche l’applicazione sulle postazioni interrate di raccolta di nuovi adesivi. Sulla parte alta è posizionato un QR-code che consente di sapere quali rifiuti inserire in ciascun contenitore in 7 lingue: italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, cinese, arabo. Sulla parte bassa invece è posizionato l’adesivo con i riferimenti di contatto di Alia per informazioni e ritiro ingombranti.

Temi e contenuti del progetto saranno diffusi anche attraverso i mezzi di informazione e i social; è inoltre prevista la personalizzazione grafica della Tramvia.

L'articolo Comune di Firenze e Alia: progetto comunicazione integrata per cittadini, turisti e city user proviene da www.controradio.it.