Pisa, sgombero ‘Galeone occupato’; Salvini esulta: “La pacchia è finita”

Pisa, sgombero ‘Galeone occupato’; Salvini esulta: “La pacchia è finita”

E’ stato portato a termine ieri pomeriggio lo sgombero del ‘Galeone’, edificio che un tempo era di proprietà dell’Eni, occupato da anni sei anni da un gruppo di anarchici, nel quartiere residenziale Porta a Lucca, Pisa, a seguito dell’ordine mandato dalla Procura pisana.

Le operazioni di sgombreo del ‘Galeone occupato’ si sono svolte in un clima a tratti teso ma senza disordini: un occupante è rimasto per ore sul tetto del palazzo per protesta, decidendo poi di uscire spontaneamente all’esterno dello stabile, inoltre, hanno sostato per ore decine di manifestanti dell’area antagonista e anarchica pisana mentre le forze di polizia hanno circondato l’immobile per impedire qualunque accesso dall’esterno. All’interno dell’edificio sono già in corso gli interventi per la messa in sicurezza dello stabile e per sigillare gli accessi per prevenire ulteriori intrusioni abusive.

A fine operazione sono arrivate le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Dopo l’ex Moi di Torino, un altro sgombero a Pisa: è una bella giornata. Avanti così, in tutta Italia, per riportare ordine e legalità. Grazie a Forze dell’Ordine, prefetto, magistratura e amministratori locali. La pacchia è finita, dalle parole ai fatti”.

Poco dopo la fine dello sgombero, però, un gruppo di una trentina di anarchici ha attraversato le principali vie del centro della città imbrattando i muri con scritte offensive nei confronti della polizia e sradicando alcuni cartelli stradali. Le scritte offensive sono state effettuate con una bomboletta spray anche sulle mura medievali che circondano il complesso monumentale di piazza dei Miracoli.

In merito a questi episodi è intervenuto il sindaco della città Michele Conti: “Pisa merita rispetto, qui non c’è spazio per gli incivili: i responsabili dei reati spero siano individuati dalle forze dell’ordine per le azioni dovute e mi auguro che tutte le forze politiche condannino con fermezza queste azioni inqualificabili. Ringrazio il prefetto e il questore per lo sgombero di stamani e per il lavoro che spetta loro nei prossimi giorni. Dopo aver minacciato giornalisti e cittadini, gli occupanti sgomberati si sono distinti nel corso della giornata per comportamenti indegni e azioni contro il patrimonio della città, imbrattando le mura medievali alla Porta di San Zeno, sradicando cartelli stradali e persino arrivando a imbrattare il palazzo comunale, rompendo la porta di accesso. Una provocazione inaccettabile, tanto più grave perché avvenuta durante il consiglio comunale, il consesso che rappresenta tutta la comunità cittadina.”

L'articolo Pisa, sgombero ‘Galeone occupato’; Salvini esulta: “La pacchia è finita” proviene da www.controradio.it.

Pisa, sgombero ‘Galeone occupato’; Salvini esulta: “La pacchia è finita”

Pisa, sgombero ‘Galeone occupato’; Salvini esulta: “La pacchia è finita”

E’ stato portato a termine ieri pomeriggio lo sgombero del ‘Galeone’, edificio che un tempo era di proprietà dell’Eni, occupato da anni sei anni da un gruppo di anarchici, nel quartiere residenziale Porta a Lucca, Pisa, a seguito dell’ordine mandato dalla Procura pisana.

Le operazioni di sgombreo del ‘Galeone occupato’ si sono svolte in un clima a tratti teso ma senza disordini: un occupante è rimasto per ore sul tetto del palazzo per protesta, decidendo poi di uscire spontaneamente all’esterno dello stabile, inoltre, hanno sostato per ore decine di manifestanti dell’area antagonista e anarchica pisana mentre le forze di polizia hanno circondato l’immobile per impedire qualunque accesso dall’esterno. All’interno dell’edificio sono già in corso gli interventi per la messa in sicurezza dello stabile e per sigillare gli accessi per prevenire ulteriori intrusioni abusive.

A fine operazione sono arrivate le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Dopo l’ex Moi di Torino, un altro sgombero a Pisa: è una bella giornata. Avanti così, in tutta Italia, per riportare ordine e legalità. Grazie a Forze dell’Ordine, prefetto, magistratura e amministratori locali. La pacchia è finita, dalle parole ai fatti”.

Poco dopo la fine dello sgombero, però, un gruppo di una trentina di anarchici ha attraversato le principali vie del centro della città imbrattando i muri con scritte offensive nei confronti della polizia e sradicando alcuni cartelli stradali. Le scritte offensive sono state effettuate con una bomboletta spray anche sulle mura medievali che circondano il complesso monumentale di piazza dei Miracoli.

In merito a questi episodi è intervenuto il sindaco della città Michele Conti: “Pisa merita rispetto, qui non c’è spazio per gli incivili: i responsabili dei reati spero siano individuati dalle forze dell’ordine per le azioni dovute e mi auguro che tutte le forze politiche condannino con fermezza queste azioni inqualificabili. Ringrazio il prefetto e il questore per lo sgombero di stamani e per il lavoro che spetta loro nei prossimi giorni. Dopo aver minacciato giornalisti e cittadini, gli occupanti sgomberati si sono distinti nel corso della giornata per comportamenti indegni e azioni contro il patrimonio della città, imbrattando le mura medievali alla Porta di San Zeno, sradicando cartelli stradali e persino arrivando a imbrattare il palazzo comunale, rompendo la porta di accesso. Una provocazione inaccettabile, tanto più grave perché avvenuta durante il consiglio comunale, il consesso che rappresenta tutta la comunità cittadina.”

L'articolo Pisa, sgombero ‘Galeone occupato’; Salvini esulta: “La pacchia è finita” proviene da www.controradio.it.

Bomba Firenze, Anarchici: “Assolvere, fatto non commesso”

Bomba Firenze, Anarchici: “Assolvere, fatto non commesso”

Le difese hanno chiesto l’assoluzione per i quattro anarchici accusati del tentato omicidio dell’artificiere della polizia di Stato Mario Vece, rimasto gravemente ferito la notte di Capodanno del 2017 dall’esplosione di un ordigno artigianale davanti alla libreria il Bargello di Firenze, vicina a Casapound.

La richiesta è stata avanzata da legali degli anarchici, nelle arringhe tenute al processo in corso a Firenze che vede imputati in tutto 28 esponenti di area anarchica per vari episodi avvenuti tra il 2015 e il 2017 nel capoluogo toscano. Altri 11 anarchici, indagati nell’ambito dell’inchiesta, erano stati prosciolti in sede di udienza preliminare.

L’avvocato Eugenio Losco, difensore di Pierloreto Fallanca, ha chiesto per il suo assistito l’assoluzione ‘per non aver commesso il fatto’ e in subordine la derubricazione del reato di tentato omicidio a quello di lesioni dolose gravissime. Gli avvocati Sauro Poli e Fabio Sommovigo, difensori di Giovanni Ghezzi, Salvatore Vespertino e Nicola Almerigogna, hanno chiesto anche loro l’assoluzione ‘per non aver commesso il fatto’ per i loro assistiti, e in seconda istanza la derubricazione del reato di tentato omicidio in quello di lesioni colpose.

Nella requisitoria davanti alla corte di assise di Firenze, presidente Gaetano Magnelli, il pm Filippo Focardi aveva chiesto 11 anni di reclusione per Giovanni Ghezzi, 10 anni e 6 mesi per Pierloreto Fallanca e 10 anni per Salvatore Vespertino e Nicola Almerigogna, più una serie di altre condanne per gli altri imputati e a vario titolo per reati diversi dal tentato omicidio. Sentenza prevista per il 22 luglio.

L'articolo Bomba Firenze, Anarchici: “Assolvere, fatto non commesso” proviene da www.controradio.it.