Fase 2: sindaci terme Toscana chiedono riaprire stabilimenti

Fase 2: sindaci terme Toscana chiedono riaprire stabilimenti

I sindaci di alcuni Comuni termali della Toscana hanno ottenuto un incontro in Regione per poter ottenere una ordinanza regionale per riaprire gli stabilimenti nei loro territori, che al momento non e’ consentito fare in base alle disposizioni emanate dal Governo nazionale.

In una riunione in videoconferenza tra sindaci, Regione Toscana e Federterme, presenti, tra gli altri, il sindaco di Chianciano Terme (Siena), Andrea Marchetti, e quello di San Casciano dei Bagni (Siena), Agnese Carletti, e’ stato infatti affrontato il tema della riapertura dei centri termali nella Regione Toscana, cosa non consentita dalle disposizioni emanate dal Governo.
I sindaci, con rappresentanti di altre cittadine termali della Toscana, hanno chiesto un confronto con le istituzioni regionali per chiedere la definizione di protocollo operativo, per poter riaprire gli stabilimenti in sicurezza. Quindi, informa una nota, l’assessore regionale Vittorio Bugli ha subito convocato un incontro con le associazioni di categoria e i tecnici
regionali, operativo gia’ da oggi, per stilare un protocollo che permetta al presidente Enrico Rossi di firmare un’ordinanza che consenta la riapertura dei centri termali, presumibilmente gia’ dal 1 giugno. Intanto, anche a livello nazionale, prosegue il confronto sulla possibilita’ di riapertura dei centri termali nazionali, tra l’Associazione Federterme – Federazione Italiana
delle Industrie Termali e delle Acque Minerali e del Benessere Termale, Governo italiano ed il Comitato Tecnico Scientifico della Protezione Civile.

‘Questo incontro – afferma il sindaco di Chianciano Terme, Andrea L’incontro da cui e’
scaturita la convocazione in Regione, secondo il sindaco chiancianese Marchetti ‘si e’ reso necessario, considerato che nelle disposizioni previste dagli ultimi Dpcm del Governo non
sono state indicate le modalita’ di riapertura dei centri e stabilimenti termali a livello nazionale. Nell’incontro di ieri mattina, a cui hanno partecipato, tra gli altri, gli Assessori della Regione Toscana Vittorio Bugli e Federica Fratoni, abbiamo deciso di condividere subito un protocollo operativo a livello regionale, in modo da permettere la riapertura degli stabilimenti in sicurezza gia’, se possibile, dal prossimo 1 giugno, al fine di scongiurare il dissesto economico delle nostre aziende e stabilimenti termali, che direttamente e indirettamente coinvolge il tessuto individuale e collettivo delle nostre realta”.
‘Sono molto soddisfatta dell’incontro – afferma il Sindaco di San Casciano dei Bagni, Agnese Carletti – che ha sbloccato una situazione difficile’. ‘La Regione Toscana infatti, ha deciso di
fare scelte in linea con il Dpcm, ma, spiega una nota, ‘sulle terme fara’ un’eccezione e questo e’ un grande risultato e un grande segnale di attenzione. Il tavolo tecnico voluto
velocemente dall’Assessore Vittorio Bugli si riunira’ gia’ da oggi – prosegue Carletti – e permettera’ di avere un protocollo condiviso quanto prima’.
‘Siamo tutti consapevoli di quanto difficile sia questo periodo e di quanto ogni azione dei singoli Enti sia collegata e dipenda direttamente dalle azioni del Governo e dei Ministeri –
si legge nella nota sottoscritta dai sindaci delle stazioni termali della Toscana inviata alle istituzioni -, ma siamo anche consapevoli di quanto la Regione Toscana possa esprimere in
termini di risposte alle problematiche che ci troviamo insieme ad affrontare, se i vari livelli governativi lavorano fianco a fianco’. ‘Le realta’ che amministriamo – si legge ancora nella
stessa nota – sono caratterizzate dalla presenza di acque termali e quindi da centri termali pubblici o privati molto importanti attorno ai quali ruota l’intera economia dei nostri
territori’.

 

L'articolo Fase 2: sindaci terme Toscana chiedono riaprire stabilimenti proviene da www.controradio.it.

Toscana per la prima volta a ‘Les Thermalies’ di Parigi

Toscana per la prima volta a ‘Les Thermalies’ di Parigi

Dal 24 al 27 gennaio la Toscana delle terme si presenterà per la prima volta al salone ‘Les Thermalies’ con uno stand allestito da Toscana Promozione Turistica in collaborazione con i Comuni di Montecatini Terme, Chianciano Terme e Casciana Terme Lari.

Oggi a Palazzo Strozzi Sacrati è stata presentata la partecipazione delle tre terme pubbliche. Sono intervenuti l’assessore regionale al turismo e alle attività produttive Stefano Ciuoffo, l’assessore al turismo del Comune di Montecatini Terme Alessandra De Paola e i sindaci di Casciana Terme Lari, Mirko Terreni, e di Chianciano Terme, Andrea Marchetti.

“La partecipazione della Regione e delle sue terme pubbliche per la prima volta a questo salone è importante – ha sottolineato l’assessore Ciuoffo – perché segna l’attenzione che vogliamo avere e l’impegno che vogliamo realizzare per sviluppare e rilanciare il settore con una promozione specifica e a tutto tondo con varie azioni. La Toscana è una tra le regioni più ricche di impianti termali e occorre fare sistema anche coinvolgendo quelle private per offrire un’offerta turistica specifica e integrata legando l’aspetto ‘benessere’ con quello ‘terapeutico’ e sfruttando il brand ‘toscana'”. “

“La partecipazione a questa importante fiera – ha aggiunto l’assessore al turismo del Comune di Montecatini Terme Alessandra De Paola – è stata pensata in collaborazione con Alberto Peruzzini, compianto direttore di Toscana Promozione Turistica, e costituisce un passo importante nella riflessione che spero ci conduca alla creazione di un prodotto turistico omogeneo per le Terme sanitarie toscane, in collaborazione con la Regione Toscana”.

“Tanti soggetti – ha detto il sindaco di Chianciano Terme Andrea Marchetti – per arrivare ad un’offerta congiunta per un prodotto di grande importanza per la Toscana. Credo che lavorando insieme si possa tornare a ottenere risultati importanti in un settore che ha attraversato momenti delicati”. “Un approccio unitario già sperimentato un anno fa – ha concluso il sindaco di Casciana Terme Lari Mirko Terreni – che rappresenta un’ulteriore opportunità di crescita per i territori coinvolti e per tutta la regione. Nella Toscana dei campanili siamo riusciti a metterci insieme con un’offerta non concorrente ma complementare”.

Le tre principali terme pubbliche toscane si presenteranno al mercato francese, all’evento ‘Les Thermalies’, in programma a Parigi nella prestigiosa e centralissima sede espositiva del Carrousel du Louvre. Si tratta dell’edizione numero 37 del ‘Salone dell’Acqua & del Benessere’, l’unica vetrina europea espressamente dedicata all’acqua intesa come sorgente di salute e di benessere, nelle sue varie declinazioni terapeutiche e wellness. Al salone partecipano le più note località termali europee, la stampa specializzata nel turismo della salute, ben 280 esperti del settore, molti Tour Operator interessati alle offerte termali ed un pubblico numeroso e curioso, visto anche la storico interesse medico e culturale dei francesi per il termalismo terapeutico.

La Regione sarà presente per la prima volta al salone con Toscana Promozione Turistica, rendendo possibile la presenza all’importante evento delle tre terme di cui detiene la partecipazione, Casciana, Chianciano e Montecatini, e promuovere la Toscana del benessere. Un ampio stand consentirà ad ognuna delle stazioni termali di promuovere i propri trattamenti e prodotti, non solo all’interno degli spazi espositivi dedicati, ma anche partecipando a focus dedicati ed incontri con i medici francesi e gli operatori del settore, con l’intervento diretto delle rispettive Direzioni Sanitarie termali. Un’occasione unica, dunque, per far conoscere le molte opportunità per la salute ‘termale’ che la Toscana può offrire e che costituiscono senza dubbio un valore aggiunto nella motivazione e nella scelta di una vacanza culturale e di benessere.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’assessore regionale Stefano Ciuoffo ed il sindaco di Casciana Terme Lari Mirko Terreni:

L'articolo Toscana per la prima volta a ‘Les Thermalies’ di Parigi proviene da www.controradio.it.