Aggredito da sciame calabroni nell’aretino: uomo va in shock, salvato

Aggredito da sciame calabroni nell’aretino: uomo va in shock, salvato

Aggredito e punto da uno sciame di calabroni un 56enne fiorentino finisce in ospedale. E’ successo intorno alle 9.00 a Poggio Vederli, nel comune di Castel San Niccolò (Arezzo).

L’uomo è stato punto ripetutamente dagli insetti mentre si trovava a passeggio in uno
dei sentieri della zona. Subito è stato chiesto l’intervento del 118 e da Stia è partita un’ambulanza infermierizzata che ha raggiunto il 56enne, lo ha stabilizzato e trasferito al pronto soccorso dell’ospedale di Bibbiena. Al momento dell’arrivo dei
sanitari l’uomo era in shock anafilattico ma, secondo quanto appreso, dopo le cure non sarebbe in pericolo di vita.

L'articolo Aggredito da sciame calabroni nell’aretino: uomo va in shock, salvato proviene da www.controradio.it.

Sesto F.no: sgomberato canile del Termine

Sesto F.no: sgomberato canile del Termine

L’intervento si è svolto tra le proteste di alcuni sostenitori della struttura: alcuni si sono sdraiati davanti alle recinzioni. L’amministrazione accusa: “la struttura, gestita dall’Associazione Amici del Cane e del Gatto, operava da quasi 15 anni senza alcuna autorizzazione sanitaria e nel tempo si è sviluppato in maniera totalmente illegale”

Nel 2006 il Comune aveva ordinato la demolizione delle baracche abusive del canile; contro tale disposizione, l’Associazione ha fatto ricorso al Tar e al Consiglio di Stato, che si sono pronunciati contro i ricorrenti. La sentenza del Consiglio di Stato, emessa lo scorso 19 marzo, ha chiuso la vicenda dal punto di vista giudiziario ed edilizio determinando l’acquisizione dell’area da parte del Comune, che è adesso obbligato al ripristino.

In considerazione della delicatezza della situazione, il Comune di Sesto Fiorentino, anche in seguito ad incontri avvenuti con i rappresentanti dell’Associazione, lo scorso 15 maggio ha invitato i gestori a provvedere a liberare le strutture abusive con un piano di dismissione da avviare entro 60 giorni. A fronte del rifiuto da parte dell’associazione ad ottemperare a quanto richiesto dalla legge, il Comune ha disposto oggi l’intervento di sgombero.
Il  Comune di Sesto in una nota  fa notare che il randagismo nel territorio comunale è ridotto a 2-3 unità l’anno affidati a una struttura convenzionata e che molti cani ospitati in via del Termine non sono randagi provenienti dal territorio, dove il fenomeno del randagismo è limitato, ma da altre zone.

L’operazione, condotta dal Comune in collaborazione con Asl e le forze dell’ordine, ha comportato il trasferimento al rifugio Enpa di Pistoia, al momento, di alcune decine di cani. Come spiega l’amministrazione di Sesto in una nota, la struttura, gestita dall’Associazione Amici del Cane e del Gatto, operava da quasi 15 anni senza alcuna autorizzazione sanitaria e nel tempo si è sviluppato in maniera totalmente illegale arrivando ad ospitare, ad oggi, circa 300 cani in presenza di gravi carenze igienico-sanitarie.

L'articolo Sesto F.no: sgomberato canile del Termine proviene da www.controradio.it.

Palio Siena: modifica a circolare Gabrielli, contradaioli potranno stare vicino ai cavalli

Palio Siena: modifica a circolare Gabrielli, contradaioli potranno stare vicino ai cavalli

Soddisfazione del neo sindaco di Siena Luigi De Mossi in merito alla modifica della ”circolare Gabrielli” che, nel caso specifico della città toscana, secondo una bozza poi superata, avrebbe potuto rendere difficile lo svolgimento del Palio laddove, per esempio, si ipotizzava che dovesse tenersi una notevole distanza tra i cavalli e le persone, sia contradaioli sia spettatori.

“Questo – il primo cittadino commenta la positiva evoluzione interpretandola come esito di una positiva dialettica col Governo ‘amico’ – è il segno concreto che la collaborazione fattiva e proficua con i partiti che hanno un riferimento in Parlamento è fondamentale. I partiti sono uno strumento importante per portare al Governo le istanze del nostro territorio. Ringrazio il ministro dell’interno Matteo Salvini per la sensibilità dimostrata nei confronti anche delle nostre tradizioni e i sottosegretari al Viminale senatore Stefano Candiani e onorevole Nicola Molteni per il lavoro svolto”.

De Mossi ringrazia “poi l’onorevole Giorgia Meloni e l’onorevole Giovanni Donzelli che si è speso molto in questa battaglia per la modifica di una circolare che influiva moltissimo sul Palio. Questo è un altro esempio di buona pratica nei rapporti tra Siena ed il Governo”.

Secondo quanto emerge, la circolare rimette ai rapporti tra prefettura e Comuni, anche a Siena, la soluzione dei problemi di dettagli in tema di safety negli eventi pubblici. Problemi da risolvere con una certa elasticità applicata ”in loco”. Quanto al Palio, è sparita la necessità di valutare gli ingressi in piazza del Campo con ”contapersone” e anche la distanza di centinaia di metri che nella bozza originaria si sarebbe dovuta tenere dai cavalli. Tale indicazione da sola avrebbe completamente modificato il modo di realizzare il Palio, ma ora la questione è superata.

L'articolo Palio Siena: modifica a circolare Gabrielli, contradaioli potranno stare vicino ai cavalli proviene da www.controradio.it.

Il formaggio viene più buono se le pecore vivono bene

Il formaggio viene più buono  se le pecore vivono bene

Questo uno dei risultati del progetto ‘Stilnovo’, illustrati oggi a Manciano (Grosseto). Coordinato dal Caseificio sociale Manciano, spiega una nota, il progetto, partito nel 2016, è basato su studi della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa e delle Università di Firenze e Pisa.

Alla base del progetto l’idea per cui se le pecore mangiano bene, il latte è migliore e la produzione è più sostenibile, sia per l’ambiente che per gli allevatori. Tra le iniziative adottate: prolungare il periodo di pascolamento introducendo essenze autoctone nei pascoli; avere disponibilità di latte per quasi tutto l’anno rispetto ai 7-8 mesi attuali; aumentare la redditività delle aziende e dei prodotti, e garantire una migliore sostenibilità del comparto a livello ambientale ed economico.

A questo si è unita l’introduzione di pratiche innovative per il trattamento in crosta e l’analisi del latte e del formaggio in tempi diversi di stagionatura. Tra queste la bactofugazione, che prevede la pulizia del latte attraverso la centrifugazione. “Il Caseificio sociale Manciano – afferma il presidente Carlo Santarelli – investe da molti anni nell’introduzione di tecniche innovative che permettano di migliorare continuamente la qualità del latte partendo dal benessere delle pecore e di rendere più sostenibile la produzione per i nostri allevatori, tutelando e valorizzando l’ambiente, risorsa per noi primaria. Grazie a progetti come Stilnovo, siamo riusciti a proporre un nuovo modo di fare allevamento nel rispetto del territorio”.

L'articolo Il formaggio viene più buono se le pecore vivono bene proviene da www.controradio.it.

Pistoia: manifesti per disertare la giostra dell’orso

Pistoia: manifesti per disertare la giostra dell’orso

“#Disertalagiostradell’orso”: a Pistoia sono stati affissi manifesti che invitano a disertare la Giostra dell’orso a causa della quantità di cavalli deceduti durante la manifestazione.

Manifesti che invitano a disertare la Giostra dell’orso di Pistoia, che si disputerà il 25 luglio prossimo, giorno in cui si celebra San Jacopo, patrono della città toscana, sono stati affissi nelle vie del centro di Pistoia.

“#Disertalagiostradell’orso” la scritta che campeggia sui manifesti giganti (sei metri per tre), sui quali sono riportati i nomi dei cavalli deceduti durante le manifestazioni dal 1980 al 2014, anno quest’ultimo, in cui a causa di due distinti incidenti sul finale della gara morirono due purosangue, Oracle Force e Golden Storming: il processo per quest’ultimi fatti è in corso.

Le associazioni animaliste contestano in particolare l’articolo 9 del nuovo regolamento della corsa che impone di effettuare la tornata in un tempo non inferiore a 26 secondi, indistintamente dal punteggio conseguito. Per le due associazioni il punteggio legato alla velocità è inaccettabile.

L'articolo Pistoia: manifesti per disertare la giostra dell’orso proviene da www.controradio.it.