“COVID-19 ci ricorda che un dominio dell’uomo sugli animali e l’ambiente non è possibile”

“COVID-19 ci ricorda che un dominio dell’uomo sugli animali e l’ambiente non è possibile”

Intervista con la prof.ssa ALESSANDRA SCAGLIARINI, docente di malattie infettive Università di Bologna

“La trasmissione di patogeni da altre specie all’uomo non è quindi altro che la conseguenza naturale del rapporto dinamico che si instaura tra noi, gli animali e l’ambiente. L’urbanizzazione e la distruzione degli habitat naturali creano le condizioni perché l’uomo e gli animali selvatici vivano sempre più in prossimità favorendo la trasmissione di patogeni tra specie diverse. Dopo l’illusione di un predominio possibile del macro-mondo sul micro-mondo, malattie come COVID-19 ci ricordano che un dominio vero dell’uomo sugli animali e l’ambiente non è possibile e che l’approccio basato su una specie preminente non è efficace perché la Salute è Unica.

ASCOLTA L’INTERVISTA

L'articolo “COVID-19 ci ricorda che un dominio dell’uomo sugli animali e l’ambiente non è possibile” proviene da www.controradio.it.

Palazzo Vecchio: “Non abbandonate Cani e gatti”

Palazzo Vecchio: “Non abbandonate Cani e gatti”

Firenze, “Cani e gatti non sono contagiosi, non li abbandonate. Anzi, in questo momento di difficoltà, sono ancora di più la miglior ‘cura’ per la solitudine”.

È l’appello lanciato dall’assessore all’ambiente del Comune di Firenze Cecilia Del Re a tutela di cani e gatti, ma anche degli altri animali domestici.

A Firenze l’attività del parco degli animali di Ugnano non si ferma: il servizio va avanti grazie al personale dell’amministrazione comunale che si prende cura degli ospiti a quattro zampe, pur con la struttura chiusa al pubblico nel rispetto delle disposizioni governative per contenere il contagio da Coronavirus.

“Chiediamo – ha concluso Del Re – a chiunque abbia notizia di animali abbandonati o di situazioni di difficoltà nella gestione degli amici a quattro zampe di fare una segnalazione telefonica al Parco degli animali”. Il numero del canile per segnalazioni è lo 0557352018.

L'articolo Palazzo Vecchio: “Non abbandonate Cani e gatti” proviene da www.controradio.it.

Codice giallo, martedì 24, per neve a bassa quota, rischio ghiaccio e ancora vento

Codice giallo, martedì 24, per neve a bassa quota, rischio ghiaccio e ancora vento

Possibilità di deboli nevicate a quote collinari sull’Alto Mugello e sull’Appennino aretino (Valtiberina e Romagna toscana). In serata i fenomeni potrebbero estendersi, ma con intensità ancora minore, al Mugello e sui rilievi tosco-emiliani.

Un’area di alta pressione centrata sull’Europa nord-orientale sta richiamando masse d’aria fredda verso la Toscana. Il fenomeno renderà possibile, tra questa notte e le prime ore del mattino di domani, martedì 24, possibili gelate nelle vallate riparate dal vento, in particolare Casentino, Valdarno superiore, Valdichiana, Valtiberina, aree del Fiora e dell’Ombrone grossetano, bacino del Serchio, Lunigiana. L’allerta gialla è stata emessa dalla Sala operativa della Protezione civile regionale a titolo prudenziale in relazione alla situazione di emergenza in atto.

Sempre nella giornata di domani, martedì, codice giallo dalle 18 alla mezzanotte, per la possibilità di deboli nevicate a quote collinari sull’Alto Mugello e sull’Appennino aretino (Valtiberina e Romagna toscana). In serata i fenomeni potrebbero estendersi, ma con intensità ancora minore, al Mugello e sui rilievi tosco-emiliani.

Riprenderà inoltre a soffiare con forza, anche domani, il vento di grecale: il codice giallo, per tutta la Toscana, sarà in vigore dalle 10 alle 20.

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, all’indirizzo www.regione.toscana.it/allertameteo.

L'articolo Codice giallo, martedì 24, per neve a bassa quota, rischio ghiaccio e ancora vento proviene da www.controradio.it.

Al Parco degli Animali torna la Festa dei doni

Al Parco degli Animali torna la Festa dei doni

Due giornate di apertura per dar modo a chiunque voglia di portare al Parco degli animali un dono ai nostri amici a quattro zampe. Domani e domenica 15 dicembre appuntamento al canile-rifugio di Ugnano per la Festa dei doni.

Sarà possibile visitare la struttura e portare in dono a cani e gatti cibo e accessori, come scatolette di carne, dental stick, biscotti per cani e salviette per la pulizia del pelo. Nella giornata di domenica, a portare i doni arriveranno anche i Babbo Natale in moto per la ‘Babbonatalata’.
“Un’occasione per scoprire il bellissimo parco degli Animali di Ugnano – ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re –, ma soprattutto per portare un ‘dono’ ai nostri amici a quattro zampe. Una struttura immersa nella natura, che dal 2011 ad oggi ha dato in adozione oltre 520 cani. Sono circa 50 gli animali ospiti della struttura, ancora in cerca di un padrone. Siamo certi di poter contare anche durante il Natale sulla generosità e sull’attenzione di tanti nostri concittadini verso il mondo degli animali.”
I partecipanti riceveranno in regalo il calendario del Parco. Il canile sarà aperto domani dalle 8.30 alle 17 e domenica 15 dalle 8.30 alle 13.

L'articolo Al Parco degli Animali torna la Festa dei doni proviene da www.controradio.it.

Ungulati: legge Toscana per contenimento

Ungulati: legge Toscana per contenimento

Le funzioni della polizia provinciale saranno potenziate per contenere gli ungulati in ambito urbano. Questo è quanto prevede la l.n. 412 approvata oggi dal Consiglio regionale che darà maggiori strumenti per affrontare la proliferazione della specie.

In base alle legge, il sindaco dovrà chiedere alla Regione l’intervento per la gestione della fauna selvatica. Verrà anche introdotta sul sistema informativo Artea, una procedura informatizzata per la presentazione da parte degli agricoltori delle richieste di interventi che dovranno essere eseguiti non oltre 36 ore dalla richiesta.
Il consigliere Gianni Anselmi, presidente della commissione di sviluppo economico e rurale che ha licenziato il testo a maggioranza, ha spiegato che il “provvedimento si propone di dare strumenti alle amministrazioni e alla polizia per fronteggiare il fenomeno della proliferazione degli ungulati con particolare riferimento alle aree urbane”. La presenza degli ungulati ha un impatto sia sui raccolti che sulla viabilità diventanto un problema di sicurezza quando si spingono fino ai centri abitati.
La legge, ha concluso Anselmi “si prefigge di ridefinire e rimodulare le funzioni della polizia provinciale e della polizia metropolitana. Le amministrazioni potranno adeguare e potenziare i corpi di polizia riconoscendo un contributo regionale annuo sulla base di certi parametri come la caratteristica dei territori, ma anche tenendo conto del numero dei cacciatori, della popolazione residente, del numero di abbattimenti programmati”.

L'articolo Ungulati: legge Toscana per contenimento proviene da www.controradio.it.