Massa: Anpi diserta manifestazione ufficiale

Massa: Anpi diserta manifestazione ufficiale

Per la prima volta, come era stato annunciato, l’Anpi non ha partecipato al consiglio comunale solenne organizzato oggi a Massa (Massa Carrara) per celebrare la liberazione della città dal regime nazifascista, avvenuta il 10 aprile del 1945.

La rottura con l’attuale amministrazione di centrodestra è avvenuta dopo la decisione del sindaco leghista Francesco Persiani di innalzare un monumento che celebra la poesia di Ubaldo Bellugi, ex podestà della città di Massa ai tempi del fascismo. L’Associazione dei partigiani ha voluto consegnare una corona di fiori davanti al monumento ai caduti della Resistenza, pochi minuti prima che iniziasse la cerimonia in consiglio comunale ma non è salita in aula.

Il vicepresidente Anpi di Massa, Nino Ianni, ha voluto specificare che “dovevamo rendere omaggio ai nostri caduti come abbiamo sempre fatto ma non abbiamo voluto avere nulla a che fare con questo consiglio comunale”. “Oggi festeggiano la libertà mentre celebrano colui che quella libertà gliela voleva negare. Una ipocrisia a cui l’Anpi non si presterà” commentò il presidente di Anpi Massa Carrara Oliviero Bigini.

Sindaco e presidente del consiglio durante la cerimonia non hanno commentato l’assenza dell’Anpi che oggi alle 17,30 sarà in piazza per la propria personale manifestazione in onore della Liberazione di Massa.

L'articolo Massa: Anpi diserta manifestazione ufficiale proviene da www.controradio.it.

Antifascismo: a Prato oltre 5 mila persone alla contromanifestazione

Antifascismo: a Prato oltre 5 mila persone alla contromanifestazione

A Prato, in piazza di Santa Maria delle carceri, oltre cinquemila le persone presenti al presidio antifascista a cui aderiscono una sessantina tra associazioni, sindacati e partiti di sinistra in risposta alla concomitante manifestazione di Forza Nuova in piazza del Mercato Nuovo. Da Firenze sono arrivati almeno un migliaio di manifestanti, salutati alla partenza dai genitori di Lorenzo Orsetti, il 33enne fiorentino ucciso in Siria dai miliziani dell’Isis.

E proprio a Orsetti è dedicato uno striscione che, parafrasando ciò che aveva scritto nel suo testamento, recita: “Saremo la prima goccia della tempesta”. La manifestazione di Fn cade nel giorno in cui ricorre il centenario della fondazione dei fasci di combattimento, ragion per cui in primis il sindaco dem di Prato, Matteo Biffoni, e a seguire molti altri esponenti del suo partito e dell’ampia galassia di movimenti e associazioni di sinistra avevano chiesto che la manifestazione non venisse autorizzata, con uno strascico di polemiche quando il prefetto Rosalba Scialla aveva dato l’ok al raduno di Forza Nuova.

In piazza delle carceri gli interventi dei portavoce dei vari gruppi promotori. Il primo a prendere la parola il sindaco Matteo Biffoni, ma anche interventi del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e del giornalista Gad Lerner. Nel corso del pomeriggio antifascista sono stati letti brani della Costituzione e di altri testi in linea con i temi e gli obiettivi del presidio. Ad accompagnare il tutto la musica, con la presenza in piazza del coro d’assalto Garibaldi di Livorno, della banda dell’Anpi di Campi Bisenzio e della street band Fiati sprecati. All’inizio del presidio la deposizione di una corona di fiori davanti alla lapide che ricorda le vittime della deportazione.

La giornata di mobilitazione è stata moderata da Valentina Petracchi, dell’Assemblea sulla stessa barca, affiancata da altri giovani delle associazioni promotrici (tra queste Arci, Anpi, Libera, LeftLab, Emergency Prato, Aned).


La diretta di Gimmy Tranquillo con l’intervista al sindaco Biffoni

L'articolo Antifascismo: a Prato oltre 5 mila persone alla contromanifestazione proviene da www.controradio.it.

Prato: come si prepara la città a FN e anti fascisti

Prato: come si prepara la città a FN e anti fascisti

Il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica ha dato il via libera sia alla manifestazione di Forza Nuova, sia alla contro-manifestazione antifascista, entrambe organizzate sabato 23 marzo. Il corteo FN si svolgerà a meno di 400 metri in linea d’aria dal presidio antifascista.

La partenza del corteo di estrema destra è prevista alle ore 15:00 da piazza della Stazione. L’arrivo è previsto in piazza del Mercato Nuovo dove, intorno alle ore 17:30, si terrà il comizio del leader nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore.

Nelle stesse ore, a poche centinaia di metri di distanza, in piazza Santa Maria delle Carceri, avrà luogo la contro-manifestazione antifascista. Il presidio, organizzato sempre per le ore 15:00, è stato promosso da Cgil, Cisl, Uil, Libera, Arci, Anpi e Legambiente ed ha ricevuto il patrocinio del Comune di Prato.

Partecipano al presidio decine di amministratori del territorio, con in testa i sindaci dei Comuni della provincia e i tre ex sindaci della città.

Tra le adesioni ci sono quelle degli Scout Agesci e di militanti del Movimento 5 Stelle cittadino, oltre che quella del Pd regionale con la segretaria Simona Bonafè.

Il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, postando la foto del simbolo del Ctln (Comitato toscano di liberazione nazionale), ha annunciato sui social network la sua partecipazione.

La preoccupazione dei cittadini per la concomitanza delle due manifestazioni si riversa sul mondo dei commercianti. Le attività coinvolte direttamente, perché situate lungo il percorso del corteo di estrema destra, saranno quasi tutte chiuse.

“Qui in via Matteotti (prima via interessata dal percorso del corteo di FN) non possiamo stare aperti. Abbiamo dovuto contattare tutti i clienti che avevano preso appuntamento per disdire.” Spiega il titolare di un salone estetico.

Lo stesso accade nel centro storico, dove i titolari del concept restaurant Ardengo (via dei Cimatori) hanno annunciato la serrata con tanto di struttura in legno per prevenire eventuali danni alla vetrata che introduce al locale.

Anche Panini, storica azienda di figurine che aveva organizzato un evento con Intesa Sanpaolo, ha annunciato l’annullamento dell’appuntamento.

Dalle ore 8:00 alle ore 19:00 ci sarà il divieto di sosta in piazza della Stazione, in via Matteotti, nell’incrocio tra piazza della Stazione via Gobetti, su Ponte al Mercatale fino a Ponte alla Vittoria, in via Sant’Antonio, in Canto al Mercatale, in via San Giorgio e in viale Galilei fino a piazza del Mercato nuovo. La circolazione sarà sospesa al passaggio dei manifestanti.

Gli eventi saranno seguiti, a partire dalle ore 16:00, da Controradio sul sito e sulla pagina Facebook (con diretta).

L'articolo Prato: come si prepara la città a FN e anti fascisti proviene da www.controradio.it.

Prato: come si prepara la città a FN e anti fascisti

Prato: come si prepara la città a FN e anti fascisti

Il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica ha dato il via libera sia alla manifestazione di Forza Nuova, sia alla contro-manifestazione antifascista, entrambe organizzate sabato 23 marzo. Il corteo FN si svolgerà a meno di 400 metri in linea d’aria dal presidio antifascista.

La partenza del corteo di estrema destra è prevista alle ore 15:00 da piazza della Stazione. L’arrivo è previsto in piazza del Mercato Nuovo dove, intorno alle ore 17:30, si terrà il comizio del leader nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore.

Nelle stesse ore, a poche centinaia di metri di distanza, in piazza Santa Maria delle Carceri, avrà luogo la contro-manifestazione antifascista. Il presidio, organizzato sempre per le ore 15:00, è stato promosso da Cgil, Cisl, Uil, Libera, Arci, Anpi e Legambiente ed ha ricevuto il patrocinio del Comune di Prato.

Partecipano al presidio decine di amministratori del territorio, con in testa i sindaci dei Comuni della provincia e i tre ex sindaci della città.

Tra le adesioni ci sono quelle degli Scout Agesci e di militanti del Movimento 5 Stelle cittadino, oltre che quella del Pd regionale con la segretaria Simona Bonafè.

Il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, postando la foto del simbolo del Ctln (Comitato toscano di liberazione nazionale), ha annunciato sui social network la sua partecipazione.

La preoccupazione dei cittadini per la concomitanza delle due manifestazioni si riversa sul mondo dei commercianti. Le attività coinvolte direttamente, perché situate lungo il percorso del corteo di estrema destra, saranno quasi tutte chiuse.

“Qui in via Matteotti (prima via interessata dal percorso del corteo di FN) non possiamo stare aperti. Abbiamo dovuto contattare tutti i clienti che avevano preso appuntamento per disdire.” Spiega il titolare di un salone estetico.

Lo stesso accade nel centro storico, dove i titolari del concept restaurant Ardengo (via dei Cimatori) hanno annunciato la serrata con tanto di struttura in legno per prevenire eventuali danni alla vetrata che introduce al locale.

Anche Panini, storica azienda di figurine che aveva organizzato un evento con Intesa Sanpaolo, ha annunciato l’annullamento dell’appuntamento.

Dalle ore 8:00 alle ore 19:00 ci sarà il divieto di sosta in piazza della Stazione, in via Matteotti, nell’incrocio tra piazza della Stazione via Gobetti, su Ponte al Mercatale fino a Ponte alla Vittoria, in via Sant’Antonio, in Canto al Mercatale, in via San Giorgio e in viale Galilei fino a piazza del Mercato nuovo. La circolazione sarà sospesa al passaggio dei manifestanti.

Gli eventi saranno seguiti, a partire dalle ore 16:00, da Controradio sul sito e sulla pagina Facebook (con diretta).

L'articolo Prato: come si prepara la città a FN e anti fascisti proviene da www.controradio.it.

Prato, associazione toghe progressiste: ‘grave il sì a manifestazione fascista’

Prato, associazione toghe progressiste: ‘grave il sì a manifestazione fascista’

“Le celebrazioni previste in varie città per il centenario dei Fasci di combattimento sono la negazione della Repubblica”.

Lo sostiene il Coordinamento nazionale di Area, l’associazione delle toghe progressiste, che giudica “ancora più preoccupante” il fatto che “a Prato queste manifestazioni siano state autorizzate nonostante la contrarietà del sindaco, che ha espresso preoccupazioni per l’ordine pubblico, non infondate visto che analoga manifestazione è stata, per ragioni di sicurezza, vietata a Milano”.

“La libertà di manifestazione incontra un limite quando si vogliono affermare idee la cui propalazione è vietata da norme di rango costituzionale e da norme penali” come “la legge Scelba e la legge Mancino”, rileva Area. Per questo, “banalizzare i rischi dell’apologia del fascismo e della propaganda di idee fondate sulla discriminazione costituisce un grave rischio per la democrazia. Una democrazia che si fonda sull’antifascismo e la difesa dei valori di libertà ed eguaglianza che l’ideologia fascista vuole negare e che, invece, la Costituzione riconosce a tutte le persone, senza distinzioni e discriminazioni. Come magistrati che hanno giurato fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione – concludono i magistrati progressisti- ci riconosciamo pienamente in questi valori di libertà e uguaglianza”.

L'articolo Prato, associazione toghe progressiste: ‘grave il sì a manifestazione fascista’ proviene da www.controradio.it.