Livorno: Cgil e Anpi appello contro destra al ballottaggio

Livorno: Cgil e Anpi appello contro destra al ballottaggio

Sbarrare la strada a una destra pericolosa, reazionaria e illiberale, “è un dovere etico e politico”.

E’ l’appello agli elettori e ai militanti di forze politiche, movimenti, liste civiche, “e a quanti si riconoscono nei valori dell’antifascismo, dell’antirazzismo e nei principi fondativi della nostra Carta Costituzionale a votare e far votare, in occasione dei ballottaggi del 9 giugno, le candidate sindaco e i candidati sindaco della provincia di Livorno che da sempre si riconoscono in questi principi”. A lanciarlo sono Anpi, Anppia, Arci e Cgil della provincia di Livorno. In una nota le associazioni e il sindacato ricordano le difficoltà spesso registrate anche con giunte di sinistra, e per questo, spiegano “ai sindaci eletti chiederemo che si apra una nuova stagione di confronto e partecipazione dei cittadini, vigileremo perchè le scelte che si vengono a compiere nelle amministrazioni trovino il più ampio coinvolgimento delle comunità locali”. Ma il 9 giugno, quando oltre che a Livorno si voterà per il ballottaggio a Piombino, Cecina, Rosignano Marittimo e Collesalvetti, la scelta non può essere che per i candidati, concludono, che si oppongono alla destra.

L'articolo Livorno: Cgil e Anpi appello contro destra al ballottaggio proviene da www.controradio.it.

Prato, Anpi “autorità impediscano nuova manifestazione Fn a Prato”

Prato, Anpi “autorità impediscano nuova manifestazione Fn a Prato”

Questo è quello che afferma Emilio Ricci, vice-presidente Anpi nazionale in una lettera a prefetto, questore e sindaco di Prato, in vista della manifestazine di domenica 19 maggio.

A Prato “solo due mesi fa, il 23 marzo, Forza nuova aveva indetto una manifestazione per la celebrazione dell’Anniversario dei Fasci di combattimento – commenta Ricci – per la quale era stata concessa l’autorizzazione a svolgere un presidio, nel cui ambito comunque venivano propagandate idee di stampo neofascista e legate, in particolare, all’odio razziale”.

Il vice-presidente spiega anche che sulla pagine Fb del movimento guidato da Roberto Fiore è spuntata una locandina della manifestazione organizzata per domenica prossima dagli attivisti di Forza nuova, “sulla quale spicca l’oggetto principale dell’evento ‘Passeggiata contro la sostituzione etnica'”.

La manifestazione dello scorso 23 marzo è stata “scenario di una pluralità di condotte apologetiche del fascismo e ha fornito l’occasione per ostentare gli odiosi simboli del regime (svastiche, fasci littori e celtiche)”. Ricci ha anche voluto ricordare che “nonostante i molteplici appelli da parte della cittadinanza pratese e dell’Anpi” la questura e prefettura avevano autorizzato la manifestazione.

Si rischia di creare i presupposti perchè si verifichino condotte “gravissime anche in considerazione dell’ attuale momento storico ove l’istigazione all’odio viene facilmente raccolta e tradotta in comportamenti violenti”. Rileva in conclusione che consentire l’iniziativa del 19 maggio significa “disattendere e violare il dettato della Costituzione”.

L'articolo Prato, Anpi “autorità impediscano nuova manifestazione Fn a Prato” proviene da www.controradio.it.

Il murales di Pillo inaugurato alla vigilia della Liberazione

Il murales di Pillo inaugurato alla vigilia della Liberazione

Una vigilia della Liberazione particolarmente importante per Firenze. A tre mesi dalla scomparsa di Silvano Sarti è stato inaugurato il murales a lui dedicato, un dipinto dello street artist DesX all’esterno del campo sportivo Legnaia, nel quartiere 4. Un’opera d’arte che intende ricordare il contributo del partigiano Pillo alla liberazione della citta’ dal nazifascismo.

All’inaugurazione anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha sottolineato come  il murales “e’ un modo per ricordare a tutta la citta’ quanto Silvano Sarti ha fatto per la comunita’ fiorentina. Ha rischiato la sua vita per dare la liberta’ a Firenze e ai fiorentini e purtroppo e’ un modo anche per rammentare che questo e’ il primo 25 aprile che noi
celebriamo senza il partigiano Pillo. Quindi, e’ anche un momento di grande dolore”.

Oggi, ha aggiunto, “siamo qui per urlare una sola parola che appartiene a tutti, liberta’. Una parola che non puo’ essere strumentalizzata- avvisa- da nessun partito politico”. Un riferimento abbastanza diretto alle polemiche dei giorni scorsi sul valore delle celebrazioni del 25 aprile. D’altronde, anche nelle ultime ore uno dei suoi competitor alle elezioni amministrative, Ubaldo Bocci (centrodestra), ha ribadito che domani preferira’ tenere un pranzo coi poveri anziche’ prendere parte alle cerimonie ufficiali per la festa della Liberazione.

Ascolta lo speciale a cura di Chiara Brilli

L'articolo Il murales di Pillo inaugurato alla vigilia della Liberazione proviene da www.controradio.it.

25 aprile: la Liberazione a Firenze e in provincia

25 aprile: la Liberazione a Firenze e in provincia

Numerosi gli eventi istituzionali e di piazza per celebrare il 74° Anniversario della Liberazione dal Nazifascismo a Firenze e provincia. Deposizione di corone ai caduti, orazioni, cortei, pranzi e camminate sul territorio per commemorare chi ha dato la vita per la nostra democrazia.

Le cerimonie per il 25 aprile a Firenze cominceranno in piazza Santa Croce con l’alzabandiera solenne, la deposizione di una corona d’alloro ai caduti e le preghiere dei rappresentanti di culto. Subito dopo, alle 10.30, partira’ un corteo diretto a Palazzo Vecchio. Alle 11, sull’arengario (o dentro il salone dei Cinquecento in caso di pioggia), sono previsti gli interventi del sindaco Dario Nardella, del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, del vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura David Ermini e della presidente dell’Anpi Firenze, Vania Bagni. Chiudera’ l’orazione ufficiale del presidente dell’Istituto storico toscano della Resistenza, Giuseppe Matulli.

Alle 12 tradizionale pranzo antifascista in Piazza Poggi, dalle ore 15,00 alle ore 24 – Piazza Santo Spirito sarà lo scenario della Festa popolare Antifascista, preceduta dal corteo che da piazza Poggi porterà in Santo Spirito dalle 16  al ritmo della musica popolare dei “Fiati Sprecati”. Alle 17,00 – deposizione  corona monumento Potente e Martiri di Piazza Tasso.

Al Centro Sociale Il Pozzo – Le Piagge, Firenze biciclettata Partigiana e alle ore 13,30 Pastasciutta rossa con la musica e le parole  dei FRATELLI ROSSI, MARIA TORRIGIANI  MARCO DEL GIUDICE.

L’amministrazione comunale di Vinci, ha organizzato insieme con la sezione locale dell’ANPI, una serie di iniziative fra cui alle 16.00 ritrovo alla chiesa di Santa Lucia da dove partirà la passeggiata fino al Cippo di Tribbio di Rio dove è prevista la commemorazione.

Camminate della memoria e della Resistenza tra le colline del Chianti con Associazioni, studenti e cittadini tra San Casciano, Barberino Tavarnelle e Greve.

A Vicchio il programma di eventi quest’anno vedrà anche  l’inaugurazione dell’opera “Life and Death” alla presenza dell’autore, lo scultore irlandese Paddy Campbell, che taglierà il nastro insieme al Sindaco durante la celebrazione ufficiale in Piazza della Vittoria.

Il pomeriggio del 25 Aprile (inizio alle 17), il Circolo Ricreativo Culturale di Antella ospita l’iniziativa “Indignatevi!”, organizzata da Anpi con il patrocinio del Comune. Si parlerà di “Libertà, uguaglianza e fraternità” con un viaggio di suoni, canzoni e parole attraverso i diritti sanciti dalla Costituzione Italiana e dalla Dichiarazione dei Diritti Umani.

La sera, al circolo Sms di Bagno a Ripoli, per ricordare i giovani Resistenti verrà proiettato il video “Ragazzi come noi”: un documentario di Alessandra Povia Valdimiros ulla fucilazione da parte dei fascisti di cinque giovani al Campo di Marte il 22 marzo del ’44.

L'articolo 25 aprile: la Liberazione a Firenze e in provincia proviene da www.controradio.it.

Grosseto: da oggi XXI edizione del “Festival Resistente”

Grosseto: da oggi XXI edizione del “Festival Resistente”

Da oggi fino al 27 aprile al Cassero Senese di Grosseto si terrà la XXI edizione del “Festival Resistente”. L’evento, realizzato dall’omonima associazione in collaborazione con ANPI, ARCI e ISGREC e altre associazioni, prevede concerti, mostre, teatro, stand gastronomici, laboratori, artigianato e presentazioni di libri, tutti a ingresso gratuito, per festeggiare la Liberazione dell’Italia dal fascismo.

Numerosi gli incontri previsti per il “Festival Resistente”: il primo, a cura della Fondazione Bianciardi dal titolo “Altre Resistenze. Letture scelte” a cura di Massimiliano Marcucci e Lucia Matergi, si terrà oggi alle 17. A seguire l’inaugurazione delle due mostre in programma: “Gli anni migliori”, tratta dalle tavole del graphic novel di Stefano Casini a cura di Isgrec, e “Birmania: oltre la repressione” di Marco Bueni.

Tra gli incontri in programma il 25 aprile alle 16 si terrà la presentazione del progetto “Costituzione e migranti” a cura della Sezione ANPI “E. Palazzoli” di Grosseto e sabato 27 aprile alle 17.30 la presentazione della ricerca “Lavoro e risultati dei volontari del servizio civile a cavallo del 2017-2018 sull’intreccio fra storia, memoria e giovani nell’Italia di oggi, lungo la via dell’educazione alla pace”.

Per i libri si segnalano venerdì 26 alle 18 “A casa del popolo. Antropologia e storia dell’associazionismo ricreativo”, di Antonio Fanelli (edizioni Donzelli) e la versione in forma di reading sempre il 26 alle 19.30  di “Combattevamo i fascisti per mare e per terra”  di Alessandro Angeli con le musiche di Dario Canal e la voce di Mirio Tozzini. Infine sabato 27, alle 18.30, a cura di Istituto Gramsci Grosseto,  “La lunga eclissi. Passato e presente del dramma della sinistra”, di Achille Occhetto (edizioni Sellerio). Partecipano l’autore e il giornalista Flavio Fusi.

Tanta la musica in programma. Mercoledì 24 aprile alle 19 la BAM – Banda Armata Maremmana e il recital “Invisibili” e nella stessa serata il live set di Emenél e The Sweet life society. Il 25 aprile si apre alla tradizione e ai canti popolari con i dieci anni dei Briganti di Maremma (alle 17.30) a cui seguiranno gli Irata (ore 19), letture e musiche per non dimenticare. Venerdì 26 si svolgerà la finale del contest musicale giunto alla nona edizione e dalle 22.30 i Dirotta su Cupi a rivisiteranno i brani di cantautori italiani . L’ultima giornata riserva alle 22 i Tre pazzi avanti tra folk e musica d’autore e alle 22.30 Giancane in concerto. Ogni serata sarà chiusa dai P’Artigiani del rock.

Tra le altre iniziative i laboratori e spettacoli per i più piccoli (25 e 27 aprile), il pranzo Resistente per il 25 aprile e tanti stand di associazioni e artigiani.

L'articolo Grosseto: da oggi XXI edizione del “Festival Resistente” proviene da www.controradio.it.