Anteprima del documentario GAZA di Garry Keane e Andrew McConnell

Anteprima del documentario GAZA di Garry Keane e Andrew McConnell

Middle East Now / Global Connections: martedì 23 luglio alle ore 22.00 nel Piazzale degli Uffizi  l’anteprima dell’imperdibile documentario GAZA di Garry Keane e Andrew McConnell, bellissimo ritratto della vita dei palestinesi, una rara opportunità di essere immersi nel cuore di Gaza. Con la partecipazione dei registi.

La terza serata di proiezioni della rassegna estiva “Global Connections” – presentata da Middle East Now festival nell’arena Apriti Cinema del Piazzale degli Uffizi, in occasione dell’Estate Fiorentina – propone il documentario full immersion in cui i registi irlandesi Andrew McConnell e Garry Keane hanno trascorso quattro anni a documentare la vita quotidiana degli abitanti di Gaza. “Gaza”, questo il titolo del documentario che ha debuttato in concorso al Sundance Film Festival – dove ha emozionato e coinvolto il pubblico, è un racconto composto da interviste con persone che vivono sulla striscia di terra che corre per 25 miglia lungo il Mar Mediterraneo ed è larga solo sette. Un documentario visivamente bellissimo che nasce dalla volontà di dare voce solo alle persone che la abitano, con un approccio che raramente troviamo nei reportage dei media. McConnell è un fotografo pluripremiato, con diversi World Press Photo alle spalle, che si è recato per la prima volta a Gaza nel 2011 per fotografare i surfisti. Ha incontrato il co-regista Garry Keane nel 2012 per un altro progetto, e non ci è voluto molto perché i due uomini, cresciuti in diverse parti del confine irlandese, decidessero di collaborare a un film su Gaza.

 

GAZA” di Garry Keane e Andrew McConnell
(Irlanda, Canada, Germania, 2018, 86’) v.o. sottotitoli italiano, inglese
È difficile immaginare che qualcuno viva una vita normale nella Striscia di Gaza, spesso etichettata come la più grande prigione a cielo aperto del mondo. Dalla TV, questo piccolo pezzo di terra è stato ridotto a un’immagine di violenza, caos e distruzione. Cosa fanno le persone quando non sono sotto assedio? La vita a Gaza può essere realmente compresa solo immergendosi, come questo potente documentario permette di fare: vivendo tra la sua gente ed esplorando la sua ricca diversità sociale e culturale. I registi, liberi dai cliché del reportage giornalistico, svelano un luogo di bellezza in mezzo alla devastazione, con un racconto incentrato su due adolescenti provenienti da due opposti contesti sociali, Karma e Ahmed.

Alla presenza dei registi Garry Keane e Andrew McConnell

INFO

 

L'articolo Anteprima del documentario GAZA di Garry Keane e Andrew McConnell proviene da www.controradio.it.

Quattro film per rendere omaggio a Agnès Varda

Quattro film per rendere omaggio a Agnès Varda

Il Festival dei popoli per la rassegna “Notti doc”, porta ad Apriti Cinema quattro film che rendono omaggio a Agnès Varda, la regista e fotografa belga, grande maestra del cinema documentario, recentemente scomparsa e protagonista di tante edizioni del festival con le sue opere straordinarie e con la sua inimitabile personalità.

Il festival dei popoli  che celebrerà il suo sessantesimo anniversario dal 2 al 9 novembre 2019 (a Firenze in varie location della città), propone un viaggio nel mondo della cineasta appassionata, tra le voci più autorevoli della Nouvelle Vague, e una carriera lunghissima fatta di lungometraggi di finzione e molti documentari.

L’omaggio inizia mercoledì 3 luglio con la proiezione di Mur Murs (Francia/USA, 1981): da autentica cittadina del mondo, Varda racconta la lunga passeggiata urbana alla scoperta dei murales che adornano le strade di Los Angeles che le permette non solo di scoprire qualcosa su questa forma d’arte (chi li dipinge? chi li commissiona? chi li guarda?) ma sulla straordinaria varietà di tecniche, colori e soggetti (si va dal politico, al religioso, al personale) fonte di ispirazione per alcune acute osservazioni sul legame che unisce una città ai suoi abitanti (premiato come “Miglior Film” al 22° Festival dei Popoli, nel 1981)

L’omaggio prosegue mercoledì 10 luglio con Les glaneurs et la glaneuse (Francia, 2000) che declina in modo moderno la pratica degli spigolatori, trasformata oggi nel riuso di oggetti abbandonati.

Il terzo appuntamento mercoledì 17 luglio è dedicato a Varda fotografa e la proiezione di Cinévardaphoto (Francia, 2004), tre cortometraggi realizzati in epoche e paesi diversi. In Salut les Cubains (1963) un collage composto da 800 scatti fotografici racconta Cuba e la sua musica nei primi anni della rivoluzione di Castro. In Ulysse (1988) il racconto prende corpo a partire da una fotografia, scattata nel 1954, che ritrae una capra, un bambino e un uomo sulla riva del mare. Ydessa, les ours et etc… (2004) ruota intorno alla stravagante collezione di Ydessa composta da orsetti di peluche e da fotografie di persone ritratte nelle situazioni più disparate, ma sempre in compagnia del loro Teddy Bear.

Il 24 luglio chiude la rassegna Visage, Villages (Francia, 2017), riscoperta, insieme all’artista JR, del paesaggio francese, profondamente trasformato nel corso del tempo (Francia, 2017). Accomunati da una passione comune, Agnès Varda e l’artista JR hanno formato un sodalizio artistico che li porta a percorrere le strade della pro- vincia francese alla riscoperta di un paesaggio che è stato profondamente trasformato nel corso del tempo. Animati dalla curiosità di indagare le tracce della memoria conservate nel presente e proiettate verso un futuro indecifrabile, nel corso del viaggio i due artisti si soffermano sulle tante storie e sui mille volti che compongono una comunità: Visages, Villages.

L'articolo Quattro film per rendere omaggio a Agnès Varda proviene da www.controradio.it.

Al via “Apriti Cinema”, l’arena cinematografica estiva nel cortile degli Uffizi

Al via “Apriti Cinema”, l’arena cinematografica estiva nel cortile degli Uffizi

Al via “Apriti Cinema”. L’arena cinematografica estiva nel cortile degli Uffizi. Si parte Mercoledì 26 giugno, ore 22.00, ingresso libero con un omaggio al maestro Franco Zeffirelli

Prende il via domani, mercoledì 26 giugno, nel cortile degli Uffizi, Apriti Cinema, l’arena cinematografica estiva organizzata dall’associazione Quelli dell’Alfieri, con la direzione artistica di Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana, in collaborazione e con il sostegno delle Gallerie degli Uffizi e inserita nel cartellone dell’Estate Fiorentina del Comune di Firenze.
Il programma di 46 film (ad ingresso gratuito, in versione originale, sottotitolata), inizia con un omaggio al maestro Franco Zeffirelli, del quale sarà proiettato uno dei suoi film più apprezzati, ‘Un tè con Mussolini’, racconto appassionato e affresco storico della sua Firenze, stravolta dal fascismo e dalla Seconda Guerra mondiale.
Giovedì 27 giugno, un altro evento speciale, con un documentario dedicato ad un’antica tradizione fiorentina: Calcio Storico – Il sangue di Firenze, di Louis Myles e Lorenzo Sorbini, a soli tre giorni dalla chiusura dello storico torneo, che quest’anno ha visto vincere i Rossi.
Il 28 giugno, un evento dedicato al cinema italiano, proposto dal Nice Festival, con due film di Anton Evangelista, Il Signor Jackson e, a seguire, Umberto E.
Il 29 giugno sarà la volta del film del comico toscano Paolo Ruffini, Up & Down. Un film normale, che racconta l’entusiasmo di un gruppo di ragazzi e attori “speciali”, in torunée con lo spettacolo teatrale, portato nei più prestigiosi teatri italiani.
Il 30 giugno sera, si prosegue con il primo dei film che si collegano alle esposizioni delle Gallerie degli Uffizi, “Re e Regine della Grande Storia”:  in programma Marie Antoinette, di Sofia Coppola. Tutto il programma di Apriti Cinema sul sito www.cinemalacompagnia.it

L'articolo Al via “Apriti Cinema”, l’arena cinematografica estiva nel cortile degli Uffizi proviene da www.controradio.it.