Muore pilota auto storiche in incidente, cancellata gara

Muore pilota auto storiche in incidente, cancellata gara

Cortona, in provincia di Arezzo, incidente mortale sabato pomeriggio durante la prova della gara per auto storiche in programma nel weekend.

Un pilota 54enne originario di Pistoia partecipante alla gara pe auto storiche Camucia-Cortona, per cause ancora da accertare, è finito con la sua vettura monoposto, contro un albero riportando una frattura alla base cranica che ne ha poi causato il decesso.

Subito soccorso dal 118 l’uomo è stato subito soccorso e stabilizzato dai sanitari che hanno allertato l’elisoccorso Pegaso ma è deceduto prima di essere trasportato in ospedale

Gli organizzatori del Circolo Autostoriche Paolo Piantini hanno deciso di non fare svolgere la 33^ Camucia-Cortona, gara in programma domenica 7, e valida per il Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche in seguito all’incidente avvenuto oggi durante le prove nel quale è morto Fabrizio Bonacchi, uno dei piloti partecipanti alla kermesse per auto d’epoca.

A quanto si apprende da una nota degli organizzatori della gara, l’incidente è avvenuto “durante la seconda manche di ricognizioni, quando la monoposto Gloria Kit, condotta da Nonacchi, iscritta tra le vetture moderne ammesse al via, ha urtato un albero a bordo tracciato, circa 700 metri dopo il via”.

A causa dell’urto “il pilota ha riportato gravi traumi, e dopo immediati e tempestivi soccorsi è purtroppo deceduto”, poco dopo le ore diciotto di questo pomeriggio.

Gli organizzatori e la direzione gara, a nome dell’intero staff della Camucia-Cortona hanno espresso vicinanza alla famiglia del pilota scomparso.

L'articolo Muore pilota auto storiche in incidente, cancellata gara proviene da www.controradio.it.

Aliante precipita durante il decollo, morto il pilota

Aliante precipita durante il decollo, morto il pilota

Castiglion Fiorentino, in provincia di Arezzo, un aliante è precipitato nel primo pomeriggio a località Castroncello.

Per quanto riguarda la dinamica, secondo quanto ricostruito, l’incidente sarebbe avvenuto in fase di decollo dell’aliante, dall’aviosuperficie privata Sant’Apollonia, quando, trainato dal verricello, il pilota ha iniziato la manovra di decollo ma, probabilmente a causa di un colpo di vento ‘in coda’, non è riuscito più a controllare il velivolo che è precipitato schiantandosi al suolo.

A dare l’allarme sarebbe stato un passante e sul posto sono intervenuti con carabinieri e sanitari anche i vigili del fuoco.

La persona deceduta è un settantenne residente a Faella, nel comune valdarnese di San Giovanni Pian di Sco. Commozione all’aviosuperficie dove erano presenti il proprietario e alcuni soci e dove il pilota morto viene descritto come un esperto, che frequentava periodicamente e con frequenza l’aviosuperficie.

L'articolo Aliante precipita durante il decollo, morto il pilota proviene da www.controradio.it.

Arezzo: Falsi corsi professionali, 4 denunciati

Arezzo: Falsi corsi professionali, 4 denunciati

Quattro persone denunciate per truffa ai danni dello Stato per finti corsi di riqualificazione professione ad Arezzo.

La guardia di finanza ha individuato un imprenditore che organizzava corsi di riqualificazione professionale a favore di lavoratori di imprese del settore terziario. Ma secondo la ricostruzione investigativa, l’imprenditore percepiva cospicui contributi statali e organizzava, con la compiacenza dei titolari delle imprese beneficiate, finti corsi di professionali di aggiornamento. La Gdf ha denunciato i quattro alla procura della Repubblica di Arezzo per truffa ai danni dello Stato e alla procura della Corte dei Conti per il recupero di indebiti finanziamenti di 100mila euro.

I quattro figurano come docenti e amministratori delle aziende. L’attività ha riguardato cinque corsi corsi di formazione professionali tra 2015 e 2016, finanziati mediante risorse pubbliche statali provenienti dal Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nel Terziario. Il fondo, creato con apposito Decreto del Ministero del Lavoro, è alimentato con risorse provenienti dalla contribuzione previdenziale obbligatoria gestita dall’Inps, ed è dedicato alla sovvenzione della formazione continua dei dipendenti delle imprese operanti nel settore del terziario per lo sviluppo occupazionale e la competitività imprenditoriale.

La Gdf ha analizzato la documentazione e le dichiarazioni dei dipendenti delle aziende che hanno preso i finanziamenti. Gli investigatori hanno rilevato costi del tutto inesistenti relativi all’attività di docenza e di supporto alla didattica e alla formazione, giustificativa di un’attività mai svolta in realtà.

L'articolo Arezzo: Falsi corsi professionali, 4 denunciati proviene da www.controradio.it.

Arezzo, muore improvvisamente in ospedale: confermata l’ipotesi della morte

Arezzo, muore improvvisamente in ospedale: confermata l’ipotesi della morte

Una sepsi fulminante da pneumococco: questa la causa, secondo quanto reso noto dalla Asl, del decesso del 49enne di Pratovecchio (Arezzo), morto ieri intorno alle 7.30 al pronto Soccorso di Bibbiena (Arezzo).

Gli accertamenti eseguiti, si spiega, hanno confermato ai sanitari il “sospetto subito emerso: un’infezione batterica fulminante”. L’Asl spiega che non sono previsti “interventi di profilassi tra le persone che sono state vicino al 49enne, a differenza di quanto avviene nei casi di meningococco”.

L’azienda sanitaria ha espresso cordoglio per la morte dell’uomo, un commerciante e anche uno sportivo molto conosciuto in Casentino.

Secondo una prima ricostruzione dei sanitari, l’uomo, un 49enne di Pratovecchio, aveva la febbre alta dalla mattina, nonostante gli antipiretici. Così nel pomeriggio la moglie ha chiamato la guardia medica che non ha riscontrato particolari sintomi che potessero far presagire un aggravamento o gravi patologie.

Il medico ha quindi disposto di continuare la cura con gli antipiretici. Intorno alla 1 di questa notte, la moglie ha visto l’uomo particolarmente agitato ed ha chiamato il 118.

L’uomo è stato portato al pronto soccorso, intorno alle 3, dove gli sono stati effettuati tutti gli esami del caso e non sono stati trovati segni di meninginte. L’uomo è sempre rimasto lucido e vigile ma intorno alle 6,50 il quadro si è aggravato improvvisamente con difficoltà respiratorie, e ha subito un arresto cardiaco.

Il 49enne è stato subito intubato e gli sono state praticate manovre avanzate di rianimazione ma senza risultato. L’uomo era uno sportivo ed aveva fatto controlli recentemente.

L'articolo Arezzo, muore improvvisamente in ospedale: confermata l’ipotesi della morte proviene da www.controradio.it.

Arezzo, muore improvvisamente in ospedale: confermata l’ipotesi della morte

Arezzo, muore improvvisamente in ospedale: confermata l’ipotesi della morte

Una sepsi fulminante da pneumococco: questa la causa, secondo quanto reso noto dalla Asl, del decesso del 49enne di Pratovecchio (Arezzo), morto ieri intorno alle 7.30 al pronto Soccorso di Bibbiena (Arezzo).

Gli accertamenti eseguiti, si spiega, hanno confermato ai sanitari il “sospetto subito emerso: un’infezione batterica fulminante”. L’Asl spiega che non sono previsti “interventi di profilassi tra le persone che sono state vicino al 49enne, a differenza di quanto avviene nei casi di meningococco”.

L’azienda sanitaria ha espresso cordoglio per la morte dell’uomo, un commerciante e anche uno sportivo molto conosciuto in Casentino.

Secondo una prima ricostruzione dei sanitari, l’uomo, un 49enne di Pratovecchio, aveva la febbre alta dalla mattina, nonostante gli antipiretici. Così nel pomeriggio la moglie ha chiamato la guardia medica che non ha riscontrato particolari sintomi che potessero far presagire un aggravamento o gravi patologie.

Il medico ha quindi disposto di continuare la cura con gli antipiretici. Intorno alla 1 di questa notte, la moglie ha visto l’uomo particolarmente agitato ed ha chiamato il 118.

L’uomo è stato portato al pronto soccorso, intorno alle 3, dove gli sono stati effettuati tutti gli esami del caso e non sono stati trovati segni di meninginte. L’uomo è sempre rimasto lucido e vigile ma intorno alle 6,50 il quadro si è aggravato improvvisamente con difficoltà respiratorie, e ha subito un arresto cardiaco.

Il 49enne è stato subito intubato e gli sono state praticate manovre avanzate di rianimazione ma senza risultato. L’uomo era uno sportivo ed aveva fatto controlli recentemente.

L'articolo Arezzo, muore improvvisamente in ospedale: confermata l’ipotesi della morte proviene da www.controradio.it.