Morti Arezzo: funerali separati per dipendenti morti 

Morti Arezzo: funerali separati per dipendenti morti 

Funerali separati per Filippo Bagni e Piero Bruni, i due dipendenti dell’ Archivio di Stato di Arezzo uccisi da una fuoriuscita di argon giovedì scorso. Sarà invece effettuato mercoledì, alle ore 16, lo sciopero indetto dai sindacati che effettueranno “senza spettacolarità” come hanno ribadito i segretari delle sigle sindacali in una nota, un presidio davanti all’Archivio di Stato.

Martedì alle 15,30 è in programma nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo in zona Marchionna (Arezzo) il funerale di Piero Bruni mentre mercoledì, alle 10.30, in cattedrale si svolgerà invece quello di Filippo Bagni. Cerimonie in giorni diversi per permettere ai colleghi e ai tanti conoscenti comuni di partecipare ad entrambe le funzioni.

L'articolo Morti Arezzo: funerali separati per dipendenti morti  proviene da www.controradio.it.

Matera: un minuto di silenzio per morti Arezzo

Matera: un minuto di silenzio per morti Arezzo

A Matera, stamattina, è stato osservato un minuto di silenzio per i morti di Arezzo in occasione della presentazione del programma della Capitale europea della Cultura 2019.

Matera offre il suo rispetto ai morti di Arezzo dove ha avuto luogo l’ennesimo incidente sul lavoro che ha coinvolto, Piero Bruni, 59 anni, di Arezzo, e Filippo Bagni, 55, anche lui aretino, che hanno perso la vita a causa di una fuga di gas in un locale dell’Archivio di Stato di Arezzo.

Dopo che il sindaco di Arezzo ha proclamato il lutto cittadino. un segno di rispetto e cordoglio arriva anche da Matera dove un minuto di silenzio è stato osservato stamani in occasione della presentazione del programma per il 2019, in memoria di due impiegati morti ieri per una fuga di gas nell’Archivio di Stato di Arezzo. Il minuto di silenzio è stato chiesto agli organizzatori della presentazione del programma della Capitale europea della Cultura nel 2019 direttamente dal Ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli.

 

L'articolo Matera: un minuto di silenzio per morti Arezzo proviene da www.controradio.it.

Morti sul lavoro, De Robertis e Saccardi: è intollerabile

Morti sul lavoro, De Robertis e Saccardi: è intollerabile

Un profondo cordoglio da Lucia De Robertis e Stefania Saccardi per i morti sul lavoro ad Arezzo, “i luoghi di lavoro non possono essere luoghi di morte” afferma de Robertis, bisogna “aumentare a tutti i livelli la cultura della sicurezza e mettere in atto tutte le misure perché di lavoro non si debba più morire” conclude Saccardi.

“Un sincero, profondo cordoglio alle famiglie dei due dipendenti morti questa mattina sul lavoro all’Archivio di Stato di Arezzo”. Così la vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana Lucia De Robertis dopo la morte dei due dipendenti dell’Archivio di Stato ad Arezzo.

“Anche questa è una morte sul lavoro che ci lascia sgomenti, perché i luoghi di lavoro non possono essere luoghi di morte”, aggiunge De Robertis “Alla magistratura il compito di indagare le cause che hanno prodotto la fuga di gas dal’impianto antincendio. Alle istituzioni deputate il dovere di rafforzare ancora le politiche per la sicurezza nei luoghi di lavoro, sia sul lato della prevenzione, sia sul lato della repressione di comportamenti illeciti che mettono a rischio la salute e la vita dei lavoratori”.

“Un lavoro”, conclude la vicepresidente del Consiglio regionale “che la Toscana porta avanti da tempo, nel campo della formazione e dei controlli, attraverso i dipartimenti della prevenzione delle aziende sanitarie. Dipartimenti che svolgono un lavoro straordinario e che, come tutto il comparto sanitario, non dovrebbero fare i conti coi tetti di spesa del personale, come da tempo la Toscana chiede e per cui ha chiesto al Governo di ottenere l’autonomia speciale nella sanità”.

“Ancora una volta dobbiamo piangere dei morti sul lavoro. Ieri un autotrasportatore che lavorava intorno a un’autocisterna a Empoli, stamani due dipendenti dell’Archivio di Stato di Arezzo. Il primo pensiero va naturalmente ai familiari, ai quali esprimo il mio cordoglio e la mia vicinanza”. Così l’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi sulla morte dei due dipendenti dell’Archivio di Stato di Arezzo, deceduti perché intossicati per una fuga di argon.

“E’ davvero assurdo morire in questo modo”, prosegue ancora l’assessore Saccardi “So che è stato disposto il sequestro dell’edificio e che la procura di Arezzo ha aperto un’inchiesta.
Le indagini accerteranno lo svolgimento dei fatti e le eventuali responsabilità. In Toscana, tanto stiamo facendo per la sicurezza sul lavoro, ma è certo che c’è ancora tanto da lavorare per aumentare a tutti i livelli la cultura della sicurezza e mettere in atto tutte le misure perché di lavoro non si debba più morire”.

L'articolo Morti sul lavoro, De Robertis e Saccardi: è intollerabile proviene da www.controradio.it.

Inge Feltrinelli: Cortona perde un’amica carissima

Inge Feltrinelli: Cortona perde un’amica carissima

Inge Feltrinelli, editrice, fotografa e giornalista, ci ha lasciato, “è stata un’amica carissima” per Cortona afferma Francesca Basanieri, per ricordarla il 21 settembre sarà organizzato il “Valzer brillante” de Il Gattopardo, un momento di danza e celebrazione che si terrà in tutte le librerie Feltrinelli alle 19.

“E’ una notizia che ci rattrista profondamente. Inge per Cortona è stata un’amica carissima, una persona a cui tutti noi dobbiamo molto e che abbiamo ammirato ed amato”. Così la sindaca di Cortona (Arezzo) Francesca Basanieri ricordando Inge Feltrinelli, legata da oltre 30 anni al comune toscano di cui era cittadina onoraria.

In un’intervista di alcuni anni fa, ricorda sempre il sindaco, Inge Feltrinelli aveva spiegato che “bisogna avere un luogo, molti luoghi, che incoraggino lo studio e il confronto, e per me Cortona è stato e continua a essere uno di questi. Qui si sente l’eredità dell’umanesimo e lo scatto della ricerca moderna. Qui si respira il futuro, che non ha bisogno di polvere ma di concentrazione, che non vuole rigidità ma scioltezza di intuizioni”.

Fin dai primi anni Ottanta, ricorda ancora il sindaco, la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli ha fatto di Cortona la sua unica sede staccata, in Palazzo Casali, presso la Biblioteca comunale) che “possiede l’unica collezione al mondo di tutti i testi pubblicati dalla casa editrice Feltrinelli”. La cittadina ha poi ospitato, sempre dagli anni Ottanta, i ‘Colloqui Internazionali’ della Fondazione Feltrinelli, portando come ospiti nella cittadina dell’Aretino Francois Mitterand, Amartya Sen, Alexander Dubek, Alain Tourain, Antonio Cassese e altri. Tra le altre manifestazioni promosse grazie al Gruppo Feltrinelli Cortona Mix Festival.

Esprimendo la vicinanza della comunità a Carlo Feltrinelli, il sindaco spiega di aver avuto, in questi anni, modo di conoscere e incontrare più volte Inge Feltrinelli, “e di ammirarne la forza e soprattutto di sentire direttamente dalle sue parole l’affetto per Cortona. Tanti sindaci ed amministrazioni si sono succedute alla guida della città ma Inge Feltrinelli è rimasta sempre al nostro fianco con un amore sincero per Cortona e la sua gente”.

Domani 21 settembre Gruppo Feltrinelli ricorda Inge con il “Valzer brillante” de Il Gattopardo, un momento di danza e celebrazione della vitalità di Inge aperto a tutti che si terrà alle ore 19 nelle Librerie Feltrinelli.
”Un gesto”, spiega il Gruppo in una nota “per condividere con lettori e cittadini questo triste momento, con l’impegno di continuare a percorrere la strada da lei tracciata. In tutte le forme e con tutta l’energia possibile”.

L'articolo Inge Feltrinelli: Cortona perde un’amica carissima proviene da www.controradio.it.

Scuola: da M5S 46mila euro per 5 progetti istituti toscani

Scuola: da M5S 46mila euro per 5 progetti istituti toscani

Ammontano a 46 mila le risorse, frutto del taglio delle indennità e dei rimborsi dei consiglieri regionali M5s, che saranno destinati al finanziamento di cinque progetti presentati da altrettanti istituti scolastici.

I progetti selezionati sono i vincitori del bando ‘Facciamo scuola’ indetto dai consiglieri M5S che oggi hanno illustrato l’iniziativa.

All’istituto secondario di primo grado Anchise Picchi di Collesalvetti (Livorno) andranno 6mila euro per realizzare il progetto ‘Orto in condotta’. Agli altri quattro istituti scolastici andranno 10mila euro ciascuno: il Barsanti di Firenze con il progetto di studio assistito pomeridiano gratuito ‘Il tuo prof ti aiuta!’; l’istituto comprensivo di Gallicano (Lucca) con la proposta ‘Scuola viva e aperta, sviluppare competenze grazie alle nuove tecnologie’; il Giorgio Vasari di Arezzo con ‘Scuola attiva, laboratorio scolastico di educazione al decoro, sicurezza e incisività’; e l’Iti Galileo Galilei di Livorno con ‘Roboteam’, laboratorio di programmazione e realizzazione di robot e sistemi automatizzati.

“Siamo orgogliosi – hanno spiegato i consiglieri regionali M5s – di contribuire con i fatti al miglioramento di alcune delle nostre scuole. Siamo convinti che i giovani abbiano il diritto di vivere in un ambiente scolastico sempre più attrezzato ed efficiente. Un luogo pieno di stimoli e iniziative in grado di coinvolgere gli studenti in percorsi di crescita culturale, sociale e civica”. Con i 46mila euro attuali ammonta complessivamente a 166mila euro il totale delle risorse donate dal Movimento 5 stelle toscano alle scuole della regione nel biennio 2017-18.

L'articolo Scuola: da M5S 46mila euro per 5 progetti istituti toscani proviene da www.controradio.it.