Xekalos e Torselli: cresce accattonaggio con animali

Xekalos e Torselli: cresce accattonaggio con animali

Secondo Arianna Xekalos (M5S) e Francesco Torselli (FdI) a Firenze cresce il fenomeno dell’accattonaggio con uso di animali e le conseguenti segnalazioni; ma il Comune non fa niente.

Crescita a dismisura dell’accattonaggio con uso di animali secondo Xekalos e Torselli, i capogruppo del Movimento 5 stelle e di Fratelli d’Italia. Commentano: “Solo ad agosto erano oltre 700 le sanzioni per accattonaggio e di queste una sola sanzione. Siam o molto preoccupati per come questo fenomeno stia crescendo a dismisura nell’impotenza della Polizia Municipale”.
Davanti a questa situazione, secondo i due capogruppo, la Polizia Municipale non ha gli strumenti concreti per poter far fronte ad un’emergenza simile.
“Per questo abbiamo presentato già da tempo una mozione ed una risoluzione per modificare la L.R. n. 59/2009 ed il Regolamento per la tutela degli animali del Comune di Firenze, che ad oggi non prevedono la possibilità dell’allontanamento dell’animale da colui che lo utilizzi per attività di accattonaggio.”
Concludono Xekalos e Torselli: “La verità è che la Polizia non ha gli strumenti necessari per leggere “in tempo reale” il microchip dell’animale utilizzato in operazioni di accattonaggio, e né la Regione né il Comune hanno intenzione di procurarglieli”.

L'articolo Xekalos e Torselli: cresce accattonaggio con animali proviene da www.controradio.it.

Firenze, Giorgetti: “Anche per linea2 tramvia, periodo gratis”

Firenze, Giorgetti: “Anche per linea2 tramvia, periodo gratis”

“Per la linea 2 della tramvia ci sarà un periodo gratuito”.

Lo ha annunciato, in consiglio comunale a Firenze, l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, rispondendo ad un question time presentato dal consigliere del Movimento 5 Stelle Arianna Xekalo sulla linea 2 della Tramvia. 

I fiorentini, così come avvenuto per la linea 3, potranno così testare il servizio che collega la stazione di Santa Maria Novella con l’aeroporto di Firenze. Per la linea 3 il periodo di prova gratuita è stato di 14 giorni. Per la 2 – che sarà inaugurata entro fine anno – i tempi “saranno stabiliti una volta fissata la data dell’apertura al pubblico”.

Il consigliere del 5 Stelle Arianna Xekalos era intervenuta affermando: “L’assessore ce l’ha confermato oggi, anche gli utenti della linea 2 della Tramvia viaggeranno a bordo gratis”

“Peccato che non si sappia da quando e per quanto tempo. Per il prolungamento della linea 1 già un mese prima non c’erano dubbi, le prime due settimane dalla partenza della Tramvia sarebbero state gratuite. Per la linea 2 invece no, si garantisce la gratuità ma non si sa ne da quando ne per quanto” continua la capogruppo.

“Tra meno di un mese la linea 2 finalmente dovrebbe essere entrata in funzione, ma nonostante questo non ci sono ancora accordi con Gest per confermare la gratuità”, sottoliena Xekalos.

“Se tra una settimana non ci saranno novità ne sviluppi dovremo preoccuparci. Sarà la conferma che per il PD i cittadini non sono tutti uguali e quelli di Careggi contano più di quelli di Novoli” conclude Xekalos.

L'articolo Firenze, Giorgetti: “Anche per linea2 tramvia, periodo gratis” proviene da www.controradio.it.

Qualità della vita, M5S: “A Firenze numeri da film horror”

Qualità della vita, M5S: “A Firenze numeri da film horror”

“Mentre c’è chi, leggi il sindaco Nardella, si vanta quotidianamente dei brillanti risultati conseguiti per Firenze durante il suo mandato Italia Oggi pubblica uno studio dove si evince che il capoluogo regionale, dalla peraltro non eccezionale 37ma piazza, sia ulteriormente precipitato al 54mo posto come qualità della vita, con buona pace di chi vede una città sempre al top”. Lo afferma il consigliere regionale della Lega Jacopo Alberti in merito all’indagine sulla Qualità della vita nelle province italiane.

“Numeri da profondo rosso”: così i consiglieri regionali M5s Giacomo Giannarelli, Irene Galletti, Gabriele Bianchi, Andrea Quartini e il consigliere comunale di Firenze Arianna Xekalos definiscono i dati su Firenze che emergono dall’indagine sulla Qualità della vita nelle province italiane, realizzata da Italia Oggi con l’Università La Sapienza di Roma. “Di questo passo – sottolineano gli esponenti M5S – l’area metropolitana di Firenze scivolerà sempre più verso le cifre riscontrate nelle periferie delle regioni del centro-sud Italia: un film horror che mai nessuno avrebbe voluto veder scorrere”.

Nell’indagine, spiegano, Firenze è “al 63mo posto per la disoccupazione (nel 2017 era al 35mo) e al 52mo per l’indice generale su affari e lavoro con 38 posizioni perse, mentre per il disagio sociale appena un anno fa eravamo 47esimi in Italia, oggi chiudiamo il 2018 ben 38 passi più indietro (85mi)”. Per i consiglieri pentastellati, “il modello, soprattutto per quanto riguarda il tema lavoro e sviluppo economico, dovrebbe essere quello del nord Italia, là dove sono andate strutturandosi le zone maggiormente produttive e floride del Paese”. Secondo Xekalos, “il sindaco Nardella non ha fatto altro che assecondare i dettami del burattinaio Renzi. Oggi i fiorentini raccolgono le conseguenze di oltre quattro anni di malgoverno e gestione miope di una città che possiede un potenziale enorme che viene puntualmente mortificato.”

“Quello di Firenze – aggiunge il consigliere Alberti della Lega – è un crollo verticale che testimonia, per l’ennesima volta, come la città abbia fortemente bisogno di un cambio di rotta e conseguentemente di avere un altro tipo di amministrazione. Non è sufficiente uno spesso teorico iperattivismo a pochi mesi dalle elezioni per cercare di sanare alcune problematiche che dovevano essere affrontate e risolte a suo tempo”.

Critico anche il capogruppo Fdi in Consiglio regionale Paolo Marcheschi. “Ora arrivano anche i dati a inchiodare la pessima gestione di Firenze da parte dell’Amministrazione Nardella – commenta Marcheschi -. La nostra città perde ben 17 posizioni rispetto al 2017. L’indagine tiene conto di parametri quali lavoro, criminalità, disagio sociale e tenore di vita. C’è soltanto da essere preoccupati e non lo diciamo solo per polemica di parte”.

Per Marcheschi è “un crollo verticale della qualità della vita che avevamo previsto e segnalato da tempo e che solo il Pd sembrava non vedere. Serve un cambio di rotta immediato, i risultati dell’indagine certificano il completo fallimento di Nardella e della sua Giunta.”

 

L'articolo Qualità della vita, M5S: “A Firenze numeri da film horror” proviene da www.controradio.it.

M5S organizza un ‘mini-referendum’ sulla tramvia

M5S organizza un ‘mini-referendum’ sulla tramvia

🔈Firenze, il M5S organizza un “mini-referendum” sulle linee della tramvia ancora da realizzare, con una conferenza stampa infatti, Arianna Xekalos e Cosimo Giorgetti, rispettivamente capogruppo comunale e Consigliere del Quartiere 1 del Movimento 5 Stelle hanno annunciato che dopo aver discusso a lungo su cosa sia meglio per Firenze, per quanto riguarda la realizzazione delle future linee tramviarie, hanno deciso di fare quello che il Sindaco Nardella e il suo partito si sono sempre rifiutati di fare, cioè un vero e proprio sondaggio, un mini referendum, per capire cosa vogliano davvero i fiorentini.

“Per la linea 1, il suo prolungamento verso Careggi, e la linea 2 non è stato fatto nessun referendum. O meglio come tutti sanno è stato fatto nel 2008 e poi anche completamente disatteso. Oggi vogliamo mettere la parola fine a questo modo di operare e siamo qui per annunciare l’apertura di una campagna di informazione e di discussione con la cittadinanza sul futuro della tramvia verso Piazza San Marco” continuano Xekalos e Giorgetti. “In tutti i nostri gazebo e nel nostro ufficio a Palazzo Vecchio, mettiamo a disposizione la documentazione necessaria per informare i cittadini e far decidere a loro, con un semplice questionario, quale sia la priorità per Firenze”.

“In Toscana abbiamo una legge, la legge 69/2007, che prevede, per la realizzazione di grandi interventi, un dibattito pubblico, che ad oggi non è mai avvenuto” concludono Xekalos e Giorgetti. “Visto che in questi anni la Giunta Nardella non ha mai fatto un dibattito vero pubblico, abbiamo deciso di portarlo avanti noi. Con il nostro questionario portiamo avanti un mini-referendum per sapere davvero cosa vogliono i fiorentini. Un dato mai preso in considerazione fino ad oggi ma che noi riteniamo invece fondamentale”

Gimmy Tranquillo ha intervistato Arianna Xekalos e Cosimo Giorgetti:

L'articolo M5S organizza un ‘mini-referendum’ sulla tramvia proviene da www.controradio.it.

Firenze, FdI: pedonalizzare via De’ Neri

Firenze, FdI:  pedonalizzare via De’ Neri

Bandire un concorso internazionale di idee per realizzare un nuovo arredo urbano rivolto ai fruitori delle attività commerciali di somministrazione, ampliando la carreggiata con la rimozione dei marciapiedi. Questi i contenuti di una mozione firmata da Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia, e sottoscritta anche da Arianna Xekalos, capogruppo M5S, e da Cristina Scaletti de ‘La Firenze Viva’.

 

Bandire un concorso internazionale di idee per realizzare un nuovo arredo urbano rivolto ai fruitori delle attività commerciali di somministrazione, ampliando la carreggiata con la rimozione dei marciapiedi. Inoltre, offrire nuovi servizi ai turisti e ai fruitori, compresa una pulizia nell’intera giornata per restituire a tutta la zona decoro e bellezza; infine, pensare anche a creare un vero e proprio brand che rappresenti la strada, con le sue peculiarità, nel mondo.

Questi i contenuti di una mozione firmata da Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia, e sottoscritta anche da Arianna Xekalos, capogruppo M5S, e da Cristina Scaletti de ‘La Firenze Viva’.

“Non è con un’ordinanza fatta l’1 settembre quando la stagione estiva è alle spalle ma si avvicinano le elezioni che si risolve il problema di via de’ Neri – spiega Torselli in merito alla mozione – specie se poi l’ordinanza in questione dà il surreale ‘ordine’ di mangiare il panino camminando. E non si può neppure pensare di dichiarare guerra ad attività che richiamano clienti da tutto il mondo; la soluzione, secondo noi, è al contrario quella di valorizzare queste attività, studiando soluzioni che possano durare nel tempo.

“Soluzioni – continua il capogruppo –  che potrebbero al contempo creare un valore aggiunto per la città di Firenze, aggiungendo la ‘strada del food’ alle sue tante attrattive, e consentire ai residenti della zona e a tutti i fiorentini di potersi riappropriare di un’area oggi preda del degrado”

L'articolo Firenze, FdI: pedonalizzare via De’ Neri proviene da www.controradio.it.