Carabiniere si toglie vita con arma d’ordinanza

Carabiniere si toglie vita con arma d’ordinanza

Un carabiniere di 51 anni, che prestava servizio nel Fiorentino, si è tolto la vita la notte scorsa, in provincia di Viterbo, sparandosi alla testa con l’arma d’ordinanza.

In base a quanto appreso al momento dall’Arma, il gesto del carabiniere sarebbe da collegare a motivi privati.

Secondo quanto ricostruito, ieri intorno alle 17:00 il militare si è allontanato dalla sua casa in provincia di Firenze, portando con sé l’arma e dicendo di volersi togliere la vita.

Subito sono state attivate le ricerche, che si sono indirizzate anche in provincia di Viterbo, luogo di origine del militare. Il cadavere è stato trovato dai carabinieri la notte scorsa intorno alle 2. Non lontano c’era l’auto del militare.

L'articolo Carabiniere si toglie vita con arma d’ordinanza proviene da www.controradio.it.

Coordinatrice scolastica truffata per 10mila euro, 4 denunciati

Coordinatrice scolastica truffata per 10mila euro, 4 denunciati

Una coordinatrice scolastica settantenne di Pitigliano (Grosseto) è stata raggirata da una truffa operata da quattro persone, che le hanno fatto credere di poter sbloccare dei fondi regionali per la scuola tramite il pagamento di una grossa somma di denaro.

Una truffa telefonica ha colpito la coordinatrice di alcune scuole dell’infanzia nel grossetano. I quattro malfattori hanno circuito la donna spacciandosi prima per un fantomatico funzionario regionale, e successivamente per un direttore di banca.
L’esca sarebbero stati degli ingenti fondi scolastici regionali, che essendo bloccati dovevano essere sbloccati tramite il pagamento di una cifra imprecisata. La coordinatrice, allettata dall’oppurtunità, ha versato in tre tranche ben 10mila euro. Quando la donna sembrava titubante subentrava un complice che fingeva di chiamare dalla banca e le intimava di continuare i pagamenti, pena il congelamento dei fondi.
La vittima, impaurita, ha dunque avvisato le forze dell’ordine di Pitigliano per fare chiarezza sulla vicenda. I carabinieri si sono immediatamente attivati scoprendo la truffa. I quattro malfattori sono stati infine denunciati dalla loro vittima.

L'articolo Coordinatrice scolastica truffata per 10mila euro, 4 denunciati proviene da www.controradio.it.

Evacuazione al centro commerciale i Gigli

Evacuazione al centro commerciale i Gigli

Campi Bisenzio, il centro commerciale I Gigli di è stato brevemente fatto evacuare intorno alle 16:40 sembra a causa della rottura di un vetro antincendio.

Si è subito pensato ad un allarme bomba, ma secondo quanto spiegato dall’ufficio stampa del Centro I Gigli, sarebbe stato un bimbo a rompere inavvertitamente il vetro dell’allarme antincendio all’interno del negozio Zara.

Sta di fatto che tutti i visitatori sono stati invitati attraverso gli altoparlanti a lasciare il centro commerciale e centinaia di persone spaventate si sono riversate all’esterno.

Dopo l’allarme si sono immediatamente create lunghe code di auto all’uscita del parcheggio del centro commerciale e nella corsa verso l’uscita una donna è caduta rimanendo contusa.

Dopo poco però, un secondo messaggio è partito dagli altoparlanti del centro, con il quale si spiegava che si era trattato di un falso allarme e che la situazione era sotto controllo.

Per i soccorsi è arrivata un’ambulanza della Misericordia e, per chiarire i fatti e riportare la calma, sono intervenuti anche i carabinieri della Compagnia di Signa.

Passato lo spavento in molti sono rientrati all’interno del Centro commerciale, per continuare lo shopping natalizio.

L'articolo Evacuazione al centro commerciale i Gigli proviene da www.controradio.it.