Marco Nervi: “Sindaco Nardella si muova a prescindere da parere ministero”

Marco Nervi: “Sindaco Nardella si muova a prescindere da parere ministero”

🔈Firenze, “La vicenda del Franchi può essere l’occasione per un progetto ambizioso di ridisegno del quartiere e di rilancio della città: lo stadio è un’occasione non un ostacolo”, queste le parole di Marco Nervi, nipote dell’ingegnere Pierluigi che progettò e realizzò lo stadio inaugurato nel 1931.

“La nostra lettera? A dimostrazione del ruolo propositivo che vogliamo avere come fondazione – risponde Marco Nervi durante un’intervista di Domenico Guarino sulle frequenze di Controradio e ripresa anche da Viola News – Non siamo qui soltanto per criticare, ma anche per proporre, questa missiva è la tappa successiva all’appello firmato da tanti nomi noti dell’architettura mondiale”.

“Da parte della Fiorentina, nella persona del presidente Commisso, ci aspettiamo un chiarimento sugli obiettivi, in particolare sui volumi e gli spazi commerciali. Ne abbiamo sentite di tutti i colori, se gli obiettivi si limitassero al restyling dell’impianto potremmo prenderlo in considerazione”.

“Il tutto da inserire in una prospettiva più ampia con gli altri impianti sportivi della zona. Si potrebbe fare un master-plan della zona di Campo di Marte, prevedendo di costruire il nuovo stadio al posto del Ridolfi, accanto allo stadio già esistente. Il sindaco dovrebbe ritirare la domanda fatta al ministero che mi sembra una scusa per non agire”.

“La vicenda del Franchi può essere l’occasione per un progetto ambizioso di ridisegno del quartiere e di rilancio della città – aggiunge poi Marco Nervi – lo stadio è un’occasione, non un ostacolo. Prendiamo in mano il quartiere e ragioniamo su cosa si può fare, senza aspettare il parere da Roma”.

“Le parole di Giani? Non dimentichiamoci che con la pista d’atletica di nuovo al suo posto, il Franchi potrebbe tornare ad ospitare i grandi eventi e le manifestazioni internazionali”.

Sentiamo l’intervista di Domenico Guarino a Marco Nervi:

L'articolo Marco Nervi: “Sindaco Nardella si muova a prescindere da parere ministero” proviene da www.controradio.it.

Fiorentina, Commisso: “Positivo incontro per restilyng stadio Franchi”

Fiorentina, Commisso: “Positivo incontro per restilyng stadio Franchi”

Incontro a Palazzo Pitti per discutere del restyling dello stadio Artemio Franchi tra il sindaco Dario Nardella, il presidente della Fiorentina Rocco Commisso e al soprintendente Andrea Pessina.

 “Io sono stato rispettoso con tutti e loro lo sono con me. L’accoglienza è stata fenomenale, non si può fare però tutto in un giorno. L’incontro è stato positivo”. Queste le prime parole del presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, uscito dall’incontro.

“Pontello, Cecchi Gori, Della Valle: in oltre 25 anni lo stadio non si è fatto – ha continuato Commisso -. Datemi un po’ di tempo”. Sui soldi “lasciamo perdere, di quello me ne occupo io”, ha concluso.

“L’incontro è andato molto bene, sono stati esaminati tutti gli aspetti del progetto che ha presentato l’architetto Casamonti con la Fiorentina. Siamo abbastanza fiduciosi però io non voglio fare nessun tipo di previsione, bisogna lasciar lavorare la soprintendenza”.  Ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella al termine dell’incontro.

“E’ chiaro – ha sottolineato – che ora dobbiamo lasciare lavorare la soprintendenza che deve fare una valutazione approfondita sullo stato di conservazione del Franchi e su qualunque ipotesi di trasformazione perché è chiaro che l’esigenza è quella di avere uno stadio contemporaneo moderno che tenga insieme da un lato la tutela del monumento nazionale e dall’altro lato anche la valorizzazione di questo monumento affinché sia funzionale, sia uno stadio all’avanguardia”.

“Alla fine – ha concluso Nardella – di questa valutazione che dovrà fare la soprintendenza poi la Fiorentina tirerà le somme e deciderà se scegliere un progetto di restyling importante del Franchi oppure la realizzazione di un nuovo stadio”

L'articolo Fiorentina, Commisso: “Positivo incontro per restilyng stadio Franchi” proviene da www.controradio.it.