Violenza sulle donne: CNA per la raccolta fondi “Farsi bella non è una colpa”

Violenza sulle donne: CNA per la raccolta fondi “Farsi bella non è una colpa”

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: il CNA chiama al sostegno della campagna di raccolta fondi “Farsi bella non è una colpa”

Prosegue su tutto il territorio fiorentino Scarpette rosse-Farsi bella non è una colpa, la campagna di raccolta fondi e sensibilizzazione contro la violenza alle donne organizzata da CNA Firenze Metropolitana con il supporto di Enegan, Giusto Manetti Battiloro, Jean Paul Mynè, Prodigiodivono, Uvagina, Vinocchio e il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze.

“E in questo fine settimana che si conclude con la Celebrazione domenica 25 della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne invitiamo i clienti di parrucchieri, estetisti e tatuatori a darci una mano aggiuntiva, sostenendo con una donazione la campagna” commenta Vivilla Zampini, presidente di CNA Impresa Donna Firenze, il gruppo delle imprenditrici CNA che si occupa del mondo femminile da un punto di vista imprenditoriale e sociale.

Nei saloni aderenti all’iniziativa (riconoscibili dall’apposita vetrofania, ma anche scaricando l’app Farsi bella non è una colpa, disponibile per Android e Ios, e consultando il sito www.farsibellanoneunacolpa.it) infatti estetiste, parrucchieri e tatuatori continuano a distribuire materiale informativo sul problema, raccogliere offerte dai loro clienti, offrire gadget a tema alla clientela (spillette), vendere apposito merchandising (come T-shirt) e devolvere parte dei loro incassi per consentire il day by day di due dei centri anti violenza più radicati del territorio: Artemisia e Lilith.

“Non possiamo non esserci e fare squadra con tutta la rete di donne CNA e con tutte quelle realtà (pubbliche, private e ong) che stanno facendo e hanno in pista iniziative, eventi e raccolte fondi ad hoc non solo in questa giornata, ma durante tutto l’anno per favorire l’empowerment del femminile” prosegue Zampini.

“Come psicologo ed imprenditrice ma soprattutto membro di questo speciale raggruppamento in rosa, posso affermare che, quando le donne fanno rete e squadra riescono ad avere la meglio anche sulle questioni più spinose – conclude Zampini –  Ne abbiamo la prova su più fronti perché in questo anno, solo in CNA, le imprenditrici hanno sviluppato e realizzato progetti ed eventi di natura imprenditoriale con ricadute sociali: dal Pink October per la prevenzione del tumore al seno ad Artour al femminile con il sostegno a Nosotras Onlus e Artemisia”.

I primi risultati della Campagna di CNA con il consuntivo delle cifre raccolte in questo primo step saranno resi noti lunedì 10 dicembre. Al momento, in meno di un mese, sono stati raccolti oltre 10mila euro.

L'articolo Violenza sulle donne: CNA per la raccolta fondi “Farsi bella non è una colpa” proviene da www.controradio.it.

“Il colore del rispetto”, Cgil fiorentina domani alla manifestazione a Scandicci

“Il colore del rispetto”, Cgil fiorentina domani alla manifestazione a Scandicci

No al razzismo, sì al rispetto di tutti”: la Cgil Firenze aderisce alla manifestazione “Il colore del rispetto” che si svolgerà domani sabato 27 ottobre a Scandicci (ore 15, piazza della Resistenza)

“Il colore del rispetto”: la Cgil Firenze aderisce e parteciperà alla manifestazione di domani sabato 27 ottobre a Scandicci, alle 15 in piazza Resistenza (musica, teatro, testimonianze, colore), per dire no al razzismo e no alla barbarie che dal linguaggio si propaga rapidamente ai rapporti sociali e alle decisioni politiche, invitando tutte e tutti a una testimonianza collettiva e attiva, per demolire le barriere create tra le persone e rilanciare il desiderio di convivenza civile, nel segno del rispetto dei diritti e della dignità di tutti.

IL COMUNICATO DELL’EVENTO

Nel dibattito pubblico è sempre più frequente e incondizionato infatti l’uso di un linguaggio offensivo, razzista, sessista, denigratorio, irrispettoso della dignità di ogni gruppo sociale e di ogni singola persona, diffuso ormai anche in ambienti istituzionali.  Un segno della degradazione dei rapporti sociali, ed è strumento purtroppo attivo di disgregazione della comunità civile. Di fronte a questi comportamenti, lo stesso silenzio rischia di divenire nei fatti un atteggiamento complice e corresponsabile. Riteniamo quindi necessario e urgente organizzare una manifestazione pubblica, nella convinzione che la società civile non sia più disposta a tollerare questo stato di cose e sia necessario opporsi a questo livello di violenza verbale, terreno nel quale violenze assai più gravi affondano le radici. Invitiamo quindi TUTTI ad una testimonianza collettiva ed attiva, per demolire le barriere create tra le persone da tali atteggiamenti e rilanciare il desiderio di convivenza civile, nel segno del rispetto dei diritti e della dignità di tutti. Si prega di inviare le adesioni all’email ilcoloredelrispetto@gmail.com.

LE SIGLE PROMOTRICI

A.r.c.o – Associazione Ricerca Cultura Orientamento, Caritas, A.N.P.I Provinciale, ARCI – Comitato territoriale Firenze, Fondazione Fabbrica Europa, Associazione Antropologiche, Artemisia, ASFC – Associazione dei Senegalesi di Firenze e Circondario, Centro Internazionale Studenti Giorgio La Pira, Associazioni Senegalesi di Prato, I Partecipate Organisation, Associazione Senegal Solidarietà di Pontedera, Anelli Mancanti, Cospe Onlus, Associazione Senegalesi di Poggibonsi, Associazione dei Senegalesi Cattolici della Toscana – Santa Francesca Gabrini

L'articolo “Il colore del rispetto”, Cgil fiorentina domani alla manifestazione a Scandicci proviene da www.controradio.it.