Firenze, nasce tavolo sicurezza siti rifiuti

Firenze, nasce tavolo sicurezza siti rifiuti

Nasce in prefettura un tavolo sicurezza dei siti di deposito rifiuti. Al via misure prevenzione e monitoraggio e task-force di intervento.

Maggior vigilanza sui siti di stoccaggio dei rifiuti, adozione da parte dei gestori di misure di protezione e di videosorveglianza e la creazione di un tavolo di lavoro permanente per la definizione delle misure di prevenzione e monitoraggio, nell’ambito del quale confluiranno e si incroceranno i dati di tutti gli enti coinvolti, in modo da creare un archivio di informazioni con l’obiettivo di indirizzare ancora meglio l’azione complessiva.

E’ quanto emerso, e riportato in una nota, dall’incontro che il prefetto di Firenze Laura Lega ha avuto a Palazzo Medici Riccardi, ieri sera, con Regione Toscana, Città Metropolitana, Arpat, Ispettorato territoriale del lavoro e il Dipartimento di prevenzione della Asl Centro Toscana.

Presenti anche le forze di polizia e i vigili del fuoco. Si è posta infatti, anche alla luce di una recente direttiva del ministro dell’Interno, la necessità di inserire nei piani di controllo coordinato del territorio anche le aree di deposito dei rifiuti, considerato che dietro il loro stoccaggio possono celarsi attività illecite.

“Intendo alzare l’asticella dei controlli che già vengono effettuati con molta attenzione”, ha detto il prefetto ricordando che la ricognizione in corso dell’Arma dei carabinieri ha permesso finora di censire in provincia 3158 siti di stoccaggio, spesso temporanei, alcuni molto piccoli, che costituiscono un universo composito con profili di rischio anche per la salute pubblica.

Dal monitoraggio, che proseguirà, scaturisce “l’esigenza di individuare un pool che si muova in maniera coerente e coordinata per andare ad effettuare verifiche sempre più puntuali”, ha spiegato Lega. “Si tratta di una task-force in grado di svolgere attività ispettive a 360 gradi, che si muoverà in maniera congiunta e ragionata – ha precisato -, pianificando gli interventi, secondo una serie di priorità, prime fra tutte la tipologia e pericolosità dei rifiuti stoccati e la vicinanza dei depositi a centri abitati e impianti industriali”.

L'articolo Firenze, nasce tavolo sicurezza siti rifiuti proviene da www.controradio.it.

Influenza: pronto piano per picco epidemia

Influenza: pronto piano per picco epidemia

Asl Centro illustra il piano di rafforzamento dello staff sanitario: servizi di guardia medica potenziati e team aggiuntivi dedicati all’assistenza dei pazienti, incremento di posti letto flessibili e il potenziamento del servizio di prenotazione urgente.

Servizi di guardia medica potenziati e team aggiuntivi dedicati all’assistenza dei pazienti, che interverranno nel caso di picchi di afflusso nei pronto soccorso: questi alcuni dei provvedimenti previsti dal piano di emergenza messo a punto dall’Asl Toscana centro – che comprende i territori di Firenze, Prato e Pistoia – per gestire il picco influenzale nel prossimo fine settimana.

Per quanto riguarda il servizio di guardia medica, da oggi e fino al 7 gennaio saranno rafforzate le postazioni dove si è registrata una maggiore richiesta: al momento, spiega la Asl in una nota, si tratta di quelle di Scandicci, Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino zona Nord Ovest, Ponte di Mezzo, Rifredi ed Empoli.

Ogni giorno, si precisa sempre nel documento, vengono monitorati gli accessi ai nove pronto soccorso presenti sul territorio, per garantire la presenza di team aggiuntivi in caso di incremento straordinario di accessi. Previsti anche l’incremento di posti letto flessibili per garantire il ricovero, e il potenziamento dei fast track – prenotazioni urgenti – per gestire rapidamente le visite specialistiche.

“Continua a essere alto – si precisa nella nota della Asl – il numero di coloro che si recano al pronto soccorso e una volta valutati vengono inviati al loro domicilio per il proseguimento delle cure”. In particolare, il direttore del dipartimento di emergenza urgenza dell’ospedale Santo Stefano di Prato, Simone Magazzini, “alla luce dell’alta percentuale dei codici a bassa priorità trattati nei pronto soccorso”, invita i cittadini ” a recarsi nelle strutture di emergenza solo per le situazioni cliniche più impegnative”.

L’articolo Influenza: pronto piano per picco epidemia proviene da www.controradio.it.