Covid: screening Chiusi,certi 22 casi,nuovo test per altri 12

Covid: screening Chiusi,certi 22 casi,nuovo test per altri 12

Sale numero contagiati covid a Chiusi al confine con Umbria e presenza della variante brasiliana. Lo rende noto l’Asl Toscana

I risultati degli esami di laboratorio sui tamponi molecolari effettuati a Chiusi (Siena) nell’ambito delle screening di massa nell’ambito del progetto regionale Territori sicuri, nelle tre giornate dall’8 al 10 febbraio (3.040 in totale) “hanno rilevato la positività di ventidue persone. È stata inoltre rilevata una positività a bassa carica per altre dodici persone, che sono già state prese in carico dalle Usca per la ripetizione del tampone”. Lo rende noto l’Asl Toscana se specificando che ieri per lo stesso screening eseguiti altri 1278 tamponi i cui esiti sono attesi.

Zona rossa fino al 14 febbraio per l’impennata di casi e la presenza della variante brasiliana, si conclude oggi: oltre cinquemila su ottomila residenti vi hanno aderito. Intanto nell’altro territorio messo sotto osservazione, Sansepolcro in provincia di Arezzo, al confine con l’Umbria, a ieri erano stati registrtai altri sei casi più due nel vicino paese di Monterchi. La settimana si avvia verso la conclusione con numeri che fanno alzare la guardia in tutte le zone di confine della Valtiberina toscana con quella umbra. Il totale fino a ieri parlava di 28 casi complessivi a Sansepoclro e di 13 a Monterchi.

Resta la preoccupazione delle varianti. Due sono state scoperte, negativa invece la risposta per un terzo caso sospetto. Intanto la Asl ha pronto il piano per lo screening di massa Territori sicuri che a Sansepolcro partirà martedi prossimo.

Le varianti erano state isolate venerdì 5 febbraio quando era stata rilevata tra i contagiati del paese la presenza di due varianti al virus Covid-19, quella sudafricana e quella brasiliana.

 

L'articolo Covid: screening Chiusi,certi 22 casi,nuovo test per altri 12 proviene da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana: 703 nuovi casi, età media 43 anni. 16 decessi

Coronavirus in Toscana: 703 nuovi casi, età media 43 anni. 16 decessi

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 748 (6 in meno rispetto a ieri, meno 0,8%), 105 in terapia intensiva (7 in meno rispetto a ieri, meno 6,3%). Il bollettino odierno del Coronavirus in Toscana

Sono 703 nuovi casi rispetto a ieri (696 confermati con tampone molecolare e 7 da test rapido antigenico). Dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus in Toscana sono 137.242 i casi di positività al Coronavirus. I nuovi casi sono lo 0,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. L’età media dei 703 nuovi positivi odierni è di 43 anni circa (il 17% ha meno di 20 anni, il 26% tra 20 e 39 anni, il 33% tra 40 e 59 anni, il 18% tra 60 e 79 anni, il 6% ha 80 anni o più).

I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 122.865 (89,5% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 10.120 tamponi molecolari e 6.826 tamponi antigenici rapidi, di questi il 4,1% è risultato positivo. Sono invece 7.552 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 9,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 10.092, +4,1% rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 748 (6 in meno rispetto a ieri, meno 0,8%), 105 in terapia intensiva (7 in meno rispetto a ieri, meno 6,3%).

Oggi si registrano 16 nuovi decessi: 8 uomini e 8 donne con un’età media di 82,5 anni.
Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 5 a Firenze, 1 a Prato, 1 a Massa Carrara, 3 a Pisa, 2 a Arezzo, 3 a Siena, 1 fuori Toscana.

Alcuni dei decessi comunicati agli uffici della Regione nelle ultime 24 ore si riferiscono a morti avvenute nei giorni precedenti.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Si è avviata dal 27 dicembre 2020 la campagna vaccinale anti-Covid. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 138.788 vaccinazioni, 4.090 in più rispetto a ieri (+3%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l’intera giornata. La Toscana è la 9° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (l’81,9% delle 169.530 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 3.728 per 100mila abitanti (media italiana: 3.878 per 100mila).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (696 confermati con tampone molecolare e 7 da test rapido antigenico). Sono 38.135 i casi complessivi ad oggi a Firenze (191 in più rispetto a ieri), 11.609 a Prato (55 in più), 11.717 a Pistoia (67 in più), 8.684 a Massa (55 in più), 14.056 a Lucca (78 in più), 18.377 a Pisa (74 in più), 10.648 a Livorno (58 in più), 12.417 ad Arezzo (78 in più), 6.412 a Siena (17 in più), 4.632 a Grosseto (30 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 326 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 252 nella Nord Ovest, 127 nella Sud est.

La Toscana si trova al 13° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 3.687 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 4.311 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 4.497 casi x100.000 abitanti, Massa Carrara con 4.478, Pisa con 4.352, la più bassa Grosseto con 2.098.

Complessivamente, 9.344 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (408 in più rispetto a ieri, più 4,6%). Sono 21.111 (615 in più rispetto a ieri, più 3%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 7.110, Nord Ovest 8.218, Sud Est 5.783).

Le persone complessivamente guarite sono 122.865 (285 in più rispetto a ieri, più 0,2%): 296 persone clinicamente guarite (6 in più rispetto a ieri, più 2,1%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 122.569 (279 in più rispetto a ieri, più 0,2%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Sono 4.285 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 1.444 a Firenze, 291 a Prato, 310 a Pistoia, 435 a Massa Carrara, 407 a Lucca, 495 a Pisa, 299 a Livorno, 264 ad Arezzo, 170 a Siena, 109 a Grosseto, 61 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 115,1 x100.000 residenti contro il 149,8 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (224,3 x100.000), Firenze (143,8 x100.000) e Pisa (117,2 x100.000), il più basso a Grosseto (49,4 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità all’indirizzo:

L'articolo Coronavirus in Toscana: 703 nuovi casi, età media 43 anni. 16 decessi proviene da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana: 503 casi positivi, età media 46 anni e 14 decessi

Coronavirus in Toscana: 503 casi positivi, età media 46 anni e 14 decessi

775 ricoveri (34 in meno rispetto a ieri), di cui 116 in terapia intensiva (3 in più). Il bollettino odierno del Coronavirus in Toscana

Sono 129.384 i casi di positività al Coronavirus in Toscana, 503 casi positivi (501 confermati con tampone molecolare e 2 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,4% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,4% e raggiungono quota 117.029 (90,5% dei casi totali).

Oggi sono stati eseguiti 10.115 tamponi molecolari e 4.653 tamponi antigenici rapidi, di questi il 3,4% è risultato positivo. Sono invece 5.582 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 9% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 8.303, +0,3% rispetto a ieri. I ricoveri sono 775 (34 in meno rispetto a ieri), di cui 116 in terapia intensiva (3 in più).
Si registrano oggi 14 nuovi decessi: 6 uomini e 8 donne con un’età media di 85,1 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in Toscana.

L’età media dei 503 nuovi positivi odierni al Coronavirus in Toscana è di 46 anni circa (il 15% ha meno di 20 anni, il 21% tra 20 e 39 anni, il 37% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, l’8% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (501 confermati con tampone molecolare e 2 da test rapido antigenico): sono 35.969 i casi complessivi ad oggi a Firenze (130 in più rispetto a ieri), 10.997 a Prato (27 in più), 10.991 a Pistoia (57 in più), 8.155 a Massa-Carrara (48 in più), 13.395 a Lucca (25 in più), 17.668 a Pisa (41 in più), 9.814 a Livorno (76 in più), 11.644 ad Arezzo (35 in più), 5.828 a Siena (50 in più), 4.368 a Grosseto (14 in più).
Sono 555 i casi positivi al Coronavirus in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 225 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 179 nella Nord Ovest, 99 nella Sud est.

La Toscana si trova al 12° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 3.476 casi per 100 mila abitanti (media italiana circa 4.007 per 100 mila, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 4.260 casi per 100 mila abitanti, Massa-Carrara con 4.205, Pisa con 4.184, la più bassa Grosseto con 1.978.

Complessivamente, 7.528 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (55 in più rispetto a ieri, più 0,7%).
Sono 15.098 (656 in più rispetto a ieri, più 4,5%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 4.281, Nord Ovest 6.263, Sud Est 4.554).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 775 (34 in meno rispetto a ieri, meno 4,2%), 116 in terapia intensiva (3 in più rispetto a ieri, più 2,7%).

Le persone complessivamente guarite sono 117.029 (468 in più rispetto a ieri, più 0,4%): 306 persone clinicamente guarite (5 in più rispetto a ieri, più 1,7%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 116.723 (463 in più rispetto a ieri, più 0,4%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Dei 14 decessi registrati oggi 6 sono uomini e 8 le donne, con età media di 85,1 anni.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 3 a Firenze, 2 a Prato, 2 a Pistoia, 1 a Lucca, 2 a Pisa, 2 a Livorno, 2 a Arezzo.

Sono 4.052 i deceduti dall’inizio dell’epidemia: 1.360 a Firenze, 285 a Prato, 299 a Pistoia, 408 a Massa-Carrara, 388 a Lucca, 478 a Pisa, 291 a Livorno, 234 ad Arezzo, 150 a Siena, 103 a Grosseto; 56 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 108,8 per 100 mila residenti, contro il 138,9 per 100 mila della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa-Carrara (210,4 per 100 mila), Firenze (135,4 per 100mila) e Pisa (113,2 per 100 mila), il più basso a Grosseto (46,7).

La campagna vaccinale Si è avviata dal 27 dicembre 2020 la campagna vaccinale anti-Covid. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 74.073 vaccinazioni, 1.262 in più rispetto a ieri (+1,7%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l’intera giornata. La Toscana è la 11° regione per percentuale di dosi somministrate su quelle consegnate (il 79,7% delle 92.890 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 1.990 per 100mila abitanti (media italiana: 2.085 per 100mila).

L'articolo Coronavirus in Toscana: 503 casi positivi, età media 46 anni e 14 decessi proviene da www.controradio.it.

Aifa via libera a uso sperimentale Ruxolitinib per Covid-19

Aifa via libera a uso sperimentale Ruxolitinib per Covid-19

Firenze, l’Agenzia italiana per il farmaco (Aifa) e la ditta produttrice (Novartis) hanno definito un protocollo terapeutico specifico per estendere a un maggiore numero di pazienti l’esperienza terapeutica dell’Asl Toscana nord ovest sperimentata su positivi al Covid-19.

“Sappiamo che la vittoria contro il Covid-19 sarà difficile e richiederà ancora tempo, ma iniziamo a essere fiduciosi che una parte di quel risultato positivo, che tutti indistintamente auspichiamo, passerà anche dalla nostra esperienza”. Così Enrico Capochiani, direttore dell’Unità operativa complessa ematologia dell’Asl Toscana nord ovest, commenta i dati che si stanno consolidando a qualche settimana dalla intuizione che lo aveva portato a ipotizzare l’utilizzo del Ruxolitinib, farmaco già utilizzato in ambito ematologico, sui pazienti positivi al Covid-19 per rallentare e bloccare gli effetti della severa reazione infiammatoria chiamata “tempesta di citochine” e che spesso obbliga al ricorso di terapie intensive e ventilazione meccanica.

“Abbiamo ad oggi 10 pazienti in trattamento a Livorno e 4 al Versilia di età compresa tra 25 e 75 anni, con caratteristiche demografiche sovrapponibili ai dati nazionali – spiega Capochiani – Di questi: 11 erano in rapida evoluzione verso procedure di ventilazione meccanica assistita e 3 avevano iniziato la ventilazione assistita da meno di un giorno. Nessuno degli 11 pazienti in evoluzione clinica ha avuto necessità di ricorrere alla ventilazione polmonare, e dopo circa 5-6 giorni di terapia la metà di loro è tornata in respiro spontaneo senza alcun supporto di ossigeno, mentre per l’altra metà le necessità di ossigenoterapia sono ad oggi assolutamente minime e a breve potranno essere avviati anch’essi a respirazione senza ossigeno. In un solo caso abbiamo visto una evoluzione più lenta, mentre tutti gli altri hanno mostrato un miglioramento vistoso già dopo pochissime somministrazioni comunque nelle 24-48 ore dall’inizio della terapia. Anche i pazienti che hanno iniziato il trattamento quando erano già intubati, hanno tutti potuto lasciare la ventilazione meccanica dopo soli 4-5 giorni, a differenza degli altri casi che invece richiedevano almeno 10-15 giorni di supporto rianimatorio. Questi dati favorevoli ci vengono confermati anche dai colleghi che in molti altri ospedali italiani hanno seguito la nostra esperienza, confermando la positività della nostra scelta”.

Adesso l’opportunità di offrire questa esperienza terapeutica “made in Livorno” è stata estesa ad un numero superiore di pazienti, in quanto l’Agenzia italiana per il farmaco (Aifa) e la ditta produttrice (Novartis) hanno definito un protocollo terapeutico specifico per queste condizioni cliniche così impegnative. “Saremo parte attiva e propositiva – conclude Capochiani – anche di questo ulteriore studio clinico. La nostra esperienza è stata accolta con notevole interesse in molti ospedali italiani ed esteri, che hanno voluto condividere con noi dubbi, speranze e aspettative, oltre che, come già detto, i medesimi risultati favorevoli. Mi permetto di sottolineare ancora una volta la collaborazione strettissima e continuativa con i colleghi rianimatori, infettivologi e internisti con cui quotidianamente ci confrontiamo e di cui sottolineiamo la straordinaria professionalità e impegno. Ed un ringraziamento particolare va alla direzione aziendale che ci ha sostenuto e a tutti i colleghi ematologi della nostra Azienda che in un momento così complesso della vita del Paese e della nostra professione, hanno deciso di impegnarsi testimoniando ancora una volta il motivo per cui l’ematologia italiana sia tra le più apprezzate nel mondo”.

L'articolo Aifa via libera a uso sperimentale Ruxolitinib per Covid-19 proviene da www.controradio.it.

Prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione

Prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione

Controradio aderisce alla campagna di comunicazione predisposta dalla Presidenza della Regione Toscana per la prevenzione contro l’epidemia di coronavirus, e pertanto vi invita a diffondere il materiale divulgativo allegato, attraverso i vostri canali di diffusione e social.

La salute è un bene individuale e collettivo. Per avere cura di te e rispetto della comunità, se hai febbre o sintomi influenzali stai a casa e chiama il tuo medico o pediatra di famiglia. Continuiamo a lavorare insieme per la prevenzione.

10 comportamenti da seguire:

  1. Lavati le mani con il gel alcolico o con acqua e sapone il più spesso possibile. Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani. Anche se le tue mani ti sembrano pulite lavale con il gel alcolico (30 secondi) o acqua e sapone (60 secondi) il più spesso possibile.
  2. Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool. Garantisci un’adeguata e regolare areazione degli ambienti.
  3. Ogni volta che tossisci o starnutisci copriti il naso e la bocca con un fazzoletto o con l’incavo del gomito.
  4. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che non siano prescritti dal medico.
  5. Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute, mantenendo possibilmente la distanza di almeno un metro e riduci per quanto possibile le visite a parenti e conoscenti ricoverati.
  6. Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate.
  7. Se hai febbre, raffreddore o tosse non recarti al Pronto Soccorso, in ospedale o in strutture ambulatoriali, contatta il tuo medico.
  8. Se hai avuto contatti stretti con casi confermati di Covid-19 o sei tornato da meno di 14 giorni dalle aree interessate all’epidemia o da zone sottoposte a quarantena, devi contattare i seguenti numeri telefonici messi a disposizione dalle Aziende sanitarie:

    055 54 54 777> Asl Toscana Centro
    050 95 44 44> Asl Toscana Nord Ovest
    800 57 95 79> Asl Toscana Sud Est

  1. Rimanda le prestazioni ambulatoriali e ricoveri programmati, soprattutto in caso di presenza di sintomatologia febbrile e/o respiratoria, in accordo con il tuo medico di riferimento, per riprogrammarle successivamente.
  2. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo Coronavirus. Dopo il contatto con gli animali è sempre buona norma effettuare il lavaggio delle mani.

L'articolo Prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione proviene da www.controradio.it.