Influenza: Asl Toscana centro, 1300 medici per i vaccini

Influenza: Asl Toscana centro, 1300 medici per i vaccini

La Asl Toscana centro comunica che sono oltre 1300 i medici impiegati per la campagna regionale per la vaccinazione influenzale. C’è tempo fino a dicembre per vaccinarsi

Sono oltre 1300 i medici e i pediatri di famiglia impegnati nel territorio dell’Asl Toscana centro per la campagna regionale per la vaccinazione antinfluenzale. Ben 353mila le dosi di vaccino al momento distribuite in tutti i territori dell’Azienda. “C’è tempo fino a prima di Natale per vaccinarsi contro l’influenza perché anche quest’anno il picco endemico è previsto nel mese di gennaio”. E’ la raccomandazione di Vittorio Boscherini, spiega una nota, segretario provinciale della Fimmg di Firenze, il sindacato che rappresenta i medici e i pediatri di famiglia.

“E’ importante che la vaccinazione antinfluenzale sia diffusa in modo capillare e che raggiunga tutti i cittadini a rischio di complicanze – aggiunge Massimo Di Pietro, direttore malattie infettive – è noto come questa vaccinazione riduca sia il numero di malati sia le morti correlate. La campagna è iniziata in questi giorni e si concluderà a fine dicembre per dare una copertura immunitaria durante il periodo invernale: la protezione comincia dopo 2 settimane e dura in media 6 mesi, mentre il picco epidemico è atteso verso gennaio-febbraio”. Per Boscherini “la popolazione è ai medici e ai pediatri di famiglia che deve rivolgersi, contattandoli direttamente e chiedendo attraverso quali modalità possono fare la vaccinazione antinfluenzale e antipneumococcica. Da parte dei medici la vaccinazione è un compito obbligatorio previsto dal loro contratto ed al quale non possono sottrarsi”.

L'articolo Influenza: Asl Toscana centro, 1300 medici per i vaccini proviene da www.controradio.it.

Sanità: Toscana spende oltre 1,5 milioni€ per preti in corsia

Sanità: Toscana spende oltre 1,5 milioni€ per preti in corsia

I religiosi diventano pertanto veri e propri dipendenti ospedalieri inquadrati con contratto di categoria Ds. Tale importo grava interamente sul sistema sanitario regionale.

Attualmente i sacerdoti impegnati in corsia a Careggi sono 7 ed il costo complessivo per il relativo trattamento economico ammonta a € 229mila. A questi religiosi si aggiungono, a supporto, 15 collaboratori volontari impegnati a titolo gratuito nel servizio di assistenza religiosa.
Aou pisana, invece, ha in piedi una convenzione con l’ordinario diocesano attualmente in corso di rinnovo. La convenzione, che disciplina il rapporto secondo quanto previsto dalla normativa dello Stato e regionale, prevede  la presenza in ospedale di 7 assistenti religiosi. Il costo totale è di 258mila euro l’anno. Il Meyer di Firenze ha un solo religioso impegnato ed il costo ammonta a 32mila euro.

Aou Senese ha un costo totale di 116.959 euro, Aou Toscana Centro un costo totale di  655.000€ all’anno, divisi fra chi ha mansioni sanitarie e non. Infine, per Asl Toscana sud est il costo sostenuto per le preghiere in corsia, ammonta a € 318.000,00: in tutta l’azienda sono impegnati 10 religiosi.

Nonostante si tratti sicuramente di un servizio di indubbia utilità per le persone credenti, molte polemiche sono sopraggiunte per il lauto stipendio che i sacerdoti ricevono.
La polemica si innesca perchè secondo molti, il Vaticano avrebbe le possibilità economiche per pagare ogni spesa sostenuta direttamente, senza gravare sui bilanci regionali. In Toscana infatti, nell’ultimo anno, la spesa per l’assistenza religiosa cattolica ammonta a 1,5 milioni di €.
Le aziende sanitarie possono assumere sacerdoti tra il proprio personale dipendente a seguito del passaggio della sanità in mano alle singole Regioni. Queste hanno  Nonostante si tratti sicuramente di un servizio di indubbia utilità per le persone credenti, molte polemiche sono sopraggiunte per il lauto stipendio che i sacerdoti ricevono.
Infatti, 77 religiosi sono stati assunti per assicurare nelle strutture di ricovero l’esercizio della libertà religiosa, l’adempimento delle pratiche di culto e il soddisfacimento delle esigenze spirituali proprie della confessione cattolica, nel rispetto della volontà e libertà di coscienza dei cittadini. Questo è stato possibile grazie al protocollo d’intesa firmato tra la Regione e la Conferenza episcopaletoscana. Al personale di assistenza religiosa spettano le progressioni economiche orizzontali di categoria previste dalla contrattazione collettiva vigente.

L'articolo Sanità: Toscana spende oltre 1,5 milioni€ per preti in corsia proviene da www.controradio.it.

Lucca: scuole tralsocano per motivi di sicurezza sismica

Lucca: scuole tralsocano per motivi di sicurezza sismica

A Lucca, le scuole superiori Paladini e Civitali, vengono traferite poichè gli edifici non raggiungono il minimo livello di sicurezza sismica.  “La sicurezza sismica è una priorità assoluta”, dice il presidente Enrico Rossi “Per due anni ragazzi e docenti dovranno affrontare qualche disagio, ma poi potranno tornare nelle loro scuole”.

Per motivi di sicurezza sismica, le scuole superiori Paladini e Civitali di Lucca vengono trasferite in una sede provvisoria. Lo comunica la Regione Toscana precisando che il trasferimento ci sarà “prima dell’inizio dell’anno scolastico” e che i due istituti dall’attuale sede di via San Nicolao andranno in una sede provvisoria. L’ Asl Toscana nord ovest ha quindi messo a disposizione dell’amministrazione scolastica, tramite “concessione di occupazione temporanea”, alcuni locali della Palazzina 7 dell’area del Campo di Marte, per allestire la sede provvisoria per le due scuole superiori.

L’edificio di via San Nicolao, che ospita entrambi gli istituti, ha avuto uno studio di vulnerabilità sismica da cui emerge che il livello di sicurezza antisismica è inferiore ai minimi richiesti dalle norme.

Previsto un accordo di programma la cui bozza è stata approvata lunedì scorso con una delibera della giunta regionale, su proposta del presidente Enrico Rossi e dell’assessore alla salute Stefania Saccardi. “La sicurezza sismica è una priorità assoluta”, dice il presidente Enrico Rossi “Per due anni ragazzi e docenti dovranno affrontare qualche disagio dovuto al trasferimento dei loro istituti e dell’attività didattica. Ma poi potranno tornare nelle loro scuole, che a quel punto saranno state messe in completa sicurezza”

“Il progetto per il consolidamento statico dell’immobile che ospita i due istituti”, ha aggiunto Rossi “è già inserito in posizione utile per essere ammesso a finanziamento nell’ambito del programma triennale regionale di edilizia scolastica 2018/2020”.

Con un’ordinanza del giugno scorso, riferisce la Regione Toscana in una nota, “il sindaco di Lucca ha interdetto l’utilizzo dell’immobile come sede scolastica e l’amministrazione provinciale ha immediatamente provveduto a redigere il progetto definitivo per il consolidamente statico dell’immobile”. Di origine settecentesca, l’immobile è di proprietà del Comune, ma è gestito gratuitamente dalla Provincia, responsabile per l’edilizia delle scuole superiori.

La durata degli interventi di consolidamento statico e miglioramento sismico è prevista in 24 mesi dall’inizio dei lavori. Per questo periodo la Asl mette a disposizione i suoi spazi in maniera gratuita, dopodiché, se necessario, verrà corrisposto un canone di locazione

L’attività scolastica della scuola Civitali verrà svolta anche all’interno di moduli prefabbricati che saranno collocati in un parcheggio comunale adiacente all’area. Nei moduli saranno trasferite alcune classi dell’istituto e alcuni laboratori.

L’accordo di programma, che verrà siglato da Regione Toscana, Provincia di Lucca, Comune di Lucca, Asl Toscana nord-ovest, prevede anche la revisione e l’integrazione dell’accordo del 2005 (quello per la realizzazione del nuovo ospedale di Lucca), che prevedeva la valorizzazione dei locali e dell’area di Campo di Marte.

L'articolo Lucca: scuole tralsocano per motivi di sicurezza sismica proviene da www.controradio.it.

Cortona: interventi protesi totale ginocchio con robot

Cortona: interventi protesi totale ginocchio con robot

Nell’ospedale di Cortona, Arezzo, è possibile realizzare protesi totale al ginocchio con la chirurgia robotica, il tutto all’insegna dei vantaggi ormai certi dell’assistenza robotica, ovvero accuratezza, precisione e sicurezza.

Interventi per protesi totale al ginocchio con la chirurgia robotica: è quanto possibile realizzare da alcune settimane all’ospedale di Cortona (Arezzo). Ne dà notizia l’Asl Toscana sud est.

Fino ad oggi era possibile solo la ricostruzione di un compartimento del ginocchio, spiega una nota, con il nuovo software invece è possibile eseguire, con assistenza robotica, anche la protesi totale di ginocchio, che deve essere utilizzata dal chirurgo nei casi di artrosi avanzata coinvolgente tutto il ginocchio.

Anche per il ginocchio totale la tecnica robotica comporta un impianto con precisione sub-millimetrica, favorendo la corretta cinetica del ginocchio ricostruito. Il tutto all’insegna dei vantaggi ormai certi dell’assistenza robotica, ovvero accuratezza, precisione e sicurezza.

“Si apre una nuova ed importante opportunità nell’ambito della Asl Toscana sud est”, commenta il direttore generale Enrico Desideri, “la disponibilità di questa applicazione chiude il cerchio sulla chirurgia articolare robotica perché, attualmente, sarà possibile usare il robot per tutte le principali indicazioni protesiche di anca e ginocchio. I due interventi già effettuati sono andati molto bene, senza alcun problema vista l’acquisita lunga esperienza dei chirurghi ortopedici della nostra azienda”.

Soddisfatto il direttore area omogenea ortopedia-traumatologia della Asl Toscana sudest Patrizio Caldora che ricorda come “ad oggi, in ambito aziendale, tra anche e ginocchia sono stati operati più di 600 pazienti con ottimi risultati. L’obiettivo finale dell’uso del robot è di una protesi con miglior risultato funzionale a lungo termine e soprattutto una più lunga sopravvivenza delle protesi, così da posticipare sempre più negli anni una ipotetica sostituzione”.

L'articolo Cortona: interventi protesi totale ginocchio con robot proviene da www.controradio.it.

Toscana: Regione e Asl finanziano 61 borse per specializzandi medicina

Toscana: Regione e Asl finanziano 61 borse per specializzandi medicina

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Miur, che fissa il numero di borse per gli specializzandi delle tre Università toscane, con il riparto dei posti per scuola di specializzazione medica. Regione Toscana e Asl Toscana ne finanzieranno quindi 61, un numero in crescita (+258) rispetto ai 6.676 posti dell’anno precedente.

Alle borse finanziate dallo Stato se ne sono aggiunte 640 finanziate dalle Regioni e 94 da altri Enti.

E questo grazie anche al contributo della Regione Toscana che ha finanziato direttamente 25 contratti, e indirettamente, attraverso l’Azienda sanitaria Toscana centro, ulteriori 36 contratti, per un complessivo di 61 posti per le scuole di specializzazione medica delle Università di Firenze, Pisa e Siena.

Quest’anno è stato possibile assumersi un impegno di tale rilevanza perché, tra le altre condizioni, è cambiato anche il parametro per la determinazioni della capacità formativa delle singole scuole, permettendo così di finanziare alcune specializzazioni per le quali la carenza di medici è universalmente riconosciuta, ma per le quali non c’era possibilità di sostenere posti aggiuntivi.

E’ il caso, per esempio, della Pediatria, alla quale sono stati destinati 10 ulteriori contratti (6 da Regione Toscana e 4 da Azienda toscana centro), o di Anestesia rianimazione, terapia intensiva e del dolore (6 finanziati direttamente da Regione Toscana, 2 da Azienda Toscana centro).

Si sottolinea inoltre, tra le altre,  la scelta di aumentare i posti per altre discipline considerate in carenza di medici come Medicina dell’emergenza urgenza (8 finanziati direttamente da Regione Toscana, 10 da Azienda Toscana centro) e Radiodiagnostica (4 finanziati da Regione Toscana), così come di diverse altre scuole mediche (Ematologia, Medicina fisica e riabilitativa, Ortopedia, Chirurgia vascolare, Chirurgia generale, Medicina interna, Ginecologia ed ostetricia, Oftalmologia, Urologia, Allergologia ed immunologia clinica, Dermatologia e venereologia).

L’impegno di Regione Toscana si è concretizzato anche nel sostegno della Formazione specifica in medicina generale, la specializzazione necessaria per assumere gli incarichi di Medico di famiglia, altro settore ritenuto a futura possibile carenza di medici, a causa del raggiungimento dell’età pensionabile per un consistente numero di medici.

A differenza di altre regioni la Toscana aveva già aumentato nel corso degli ultimi anni il numero di posti ma quest’anno, come afferma l’assessore Stefania Saccardi, “lo sforzo è stato doppio: da un lato tutte le Regioni hanno voluto aumentare il numero di posti e di conseguenza il finanziamento statale, fermo agli stanziamenti di tanti anni fa, non garantisce la copertura dei costi generali del corso, ma solo delle borse ai medici tirocinanti.

Quindi, come Regione, ci siamo assunti il rilevante onere per coprire queste spese.”

L'articolo Toscana: Regione e Asl finanziano 61 borse per specializzandi medicina proviene da www.controradio.it.