Vaccini: Bezzini, con nuovi limiti Astrazeneca cambia linea Toscana

Vaccini:  Bezzini, con nuovi limiti Astrazeneca cambia linea Toscana

Lo ha detto l’assessore toscano al diritto alla salute, Simone Bezzini, in commissione sanità del Consiglio regionale, commentando le ultime indicazioni nazionali sull’utilizzo del vaccino AstraZeneca solo per chi ha più di 60 anni.

“Le nuove raccomandazioni ci impongono di cambiare in corsa, per l’ennesima volta, la nostra programmazione. Il nostro programma era di somministrare AstraZeneca ai caregiver e ai volontari, ma ora dobbiamo ripensare la strategia per coloro che hanno meno di 60 anni, che in queste categorie sono la grande maggioranza”. Lo ha detto l’assessore toscano al diritto alla salute, Simone Bezzini, in commissione sanità del Consiglio regionale, commentando le ultime indicazioni nazionali sull’utilizzo del vaccino AstraZeneca solo per chi ha più di 60 anni.

Il problema principale resta però la mancanza di dosi. Bezzini ha spiegato che la prossima settimana arriveranno 94mila dosi di Pfizer, che saranno riservate tutte agli over 80, mentre AstraZeneca questa settimana non ha consegnato alcuna dose e la prossima ha in programma di consegnarne solo 9mila. “Per questo stiamo chiudendo i centri vaccinali” ha commentato l’assessore aggiungendo che “sembra, ma non è confermato, che possa arrivare una prima partita di Johnson & Johnson, 10-11mila dosi, mentre ad oggi Moderna non ha riprogrammato alcuna fornitura”. Il personale degli hub chiusi, ha precisato Bezzini, “darà una mano ai medici di medicina generale che lo richiedono per vaccinare gli over 80, in modo da raggiungere l’obiettivo di vaccinare tutti entro il 25 aprile. Via via che, con il procedere dei richiami, si libereranno dosi di Pfizer dalla campagna di vaccinazione degli over 80, queste potranno essere dirottate per la vaccinazione delle categoria degli estremamente vulnerabili assieme a Moderna, anche se i nuovi limiti per AstraZeneca richiedono ora nuove soluzioni per categorie come i caregiver”.

L'articolo Vaccini: Bezzini, con nuovi limiti Astrazeneca cambia linea Toscana proviene da www.controradio.it.

Astrazeneca: Giani “Stop portale 70-79enni, mancano dosi”

Astrazeneca: Giani “Stop portale 70-79enni, mancano dosi”

Astrazeneca, Giani: “Il portale per gli anni 70-79 e’ attualmente chiuso perche’ non ci sono nuovi vaccini. Continuano solamente le vaccinazioni per gli appuntamenti prenotati nei giorni scorsi.

La prossima consegna di AstraZeneca per ora e’ prevista dopo il 14 aprile e solo per circa 9 mila dosi”. È quanto annuncia, sui social, il governatore della Toscana, Eugenio Giani, facendo il punto sull’andamento della campagna vaccinale contro il Covid.

“Per la nostra macchina organizzativa che e’ arrivata fino a somministrare 30 mila dosi al giorno- ricorda- sono appena una goccia. Ma queste sono le dosi di AstraZeneca che il governo, per il momento, ha comunicato di inviare: servono piu’ vaccini”. In Toscana, precisa ancora il presidente della Regione, sono state somministrate 776.850 dosi, pari all’86% dei vaccini disponibili.

Sta di fatto che parliamo di 9.000 dosi invece delle 19 mila preannunciate. E’ il quantitativo che arriverà in Toscana la prossima settimana. Solo 24 ore di autonomia dunque. Quelle della giornata di oggi per il recupero degli appuntamenti saltati il 1 aprile ma poi si fermeranno.
Da domani gli hub potrebbero restare di fatto inattivi, se non per le esigue dosi di Moderna disponibili. Con l’incognita della riapertura delle prenotazioni on line.
Sono arrivate invece le nuove forniture di Pfizer in Toscana. 10mila dosi di vaccino Pfizer-Biontech, che saranno somministrate agli over 80. E’ quanto si apprende dalla Regione.

Le dosi di Pfizer somministrate complessivamente agli over 80 in regione, alle 19.30 di oggi, erano 235.271, con 161.901 prime dosi e 73.370 dosi di richiamo. Gli over 80 da vaccinare sono 320.589 in tutto. La Toscana resta ferma nell’obiettivo di iniettare tutte le prime dosi entro il 25 aprile e tutti i richiami entro metà maggio.

L'articolo Astrazeneca: Giani “Stop portale 70-79enni, mancano dosi” proviene da www.controradio.it.

Vaccini: somministrazioni no-stop in hub Toscana centro

Vaccini: somministrazioni no-stop in hub Toscana centro

Dal giorno di Pasqua, l’Azienda sanitaria prevede quindi un incremento dell’attività vaccinale con la somministrazione complessiva di 6.150 dosi giornaliere suddivise tra vaccini AstraZeneca e Moderna”, spiega una nota della stessa Asl.

Da domani raddoppio dei turni negli hub vaccinali dell’Azienda Usl Toscana centro (a cui fanno capo Firenze, Prato e Pistoia) con somministrazioni no-stop dei vaccini: mattino, pomeriggio e sera con orario continuato dalle 7,30 alle 22,30: interessati i centri Creaf di Prato, Mandela Forum di Firenze, ‘La Galleria’ di Empoli e ‘La Cattedrale’ di Pistoia che resteranno aperti quindici ore al giorno.

“Dal giorno di Pasqua, l’Azienda sanitaria prevede quindi un incremento dell’attività vaccinale con la somministrazione complessiva di 6.150 dosi giornaliere suddivise tra vaccini AstraZeneca e Moderna”, spiega una nota della stessa Asl. In particolare 1080 le vaccinazioni al giorno previste per l’ex Creaf di Prato, l’hub di Empoli (dove a breve è prevista l’ apertura di un altro punto vaccinale), e a ‘La Cattedrale’ a Pistoia (altri 210 vaccini a Pescia); 2.700 quelle al Mandela a Firenze. Il potenziamento è stato al momento programmato fino al prossimo 7 aprile: a quella data “l’Azienda procederà con una nuova programmazione il cui obiettivo è l’incremento progressivo dell’attività”.

Nella nuova organizzazione il personale addetto alla vaccinazione è stato aumentato. riguardo ai diversi vaccini,  AstraZeneca, si ricorda, è riservato a tutti i cittadini nati dal 1941 al 1951; forze armate e di polizia; personale scolastico e universitario, docente e non docente (purché in servizio). Il vaccino Moderna è invece destinato alle persone con gravi patologie (oncologiche, autoimmuni e con immunodeficienze primitive, con malattie neurologiche, trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche), che sono state contattate direttamente dalla struttura sanitaria.

L'articolo Vaccini: somministrazioni no-stop in hub Toscana centro proviene da www.controradio.it.

🎧 Pasqua, vaccini in Toscana: tutte le info per somministrazioni e prenotazioni

🎧 Pasqua, vaccini in Toscana: tutte le info per somministrazioni e prenotazioni

La partita dei vaccini in Toscana vede pesare troppo i ritardi, anche per l’arrivo di dosi in quantità  insufficiente. Il quadro della strategia messa in campo per i prossimi giorni di festività pasquali nella nostra regione.

Con l’obiettivo di tarare un piano di produzione industriale anti-pandemia in filiera c’è stato un primo incontro ieri fra Regione Toscana e aziende farmaceutiche. Le aziende hanno risposto ad un appello del presidente Giani. Obiettivo, realizzare un vaccino in Toscana più altre produzioni anti-pandemiche (anticorpi monoclonali, sistemi diagnostici, immunoglobuline).
In Podcast intervista di Chiara Brilli ad una coppia di over 70 di Firenze che proprio in questi giorni ha effettuato la prenotazione ‘in panchina’, ovvero l’opzione della riserva.
Grazie a un accordo con il commissario nazionale Francesco Paolo Figliuolo alla Toscana  va una tranche di 10mila vaccini. Confermate dunque le prenotazioni già effettuate dal 2 al 6 aprile e ampliamento delle possibilità di prenotazione sul portale, sfruttando al massimo la capacità di vaccinazione degli hub anche in questi giorni di festa.
A causa del ritardo della nuova fornitura da parte di AstraZeneca  sono slittate per ora soltanto le prenotazioni di ieri 1 aprile, che vengono traslate in blocco al prossimo 7 aprile, mantenendo lo stesso orario e lo stesso punto vaccinale, indicati dal cittadino al momento della prenotazione originale.
Pertanto, coloro che avevano prenotato per il 1 aprile (circa 10mila persone) dovrebbero aver ricevuto un sms, con indicata la nuova data (quella del 7 aprile). Qualora il diretto interessato volesse prenotare in altra data e orario, dovrà cancellare in autonomia sul portale l’appuntamento comunicato tramite sms e provvedere a una nuova prenotazione. Saranno contattati dalle Aziende sanitarie i familiari e i caregiver (circa 2.291 persone) di minori di età compresa fino a 16 anni (con gravi patologie e/o disabilità) a oggi non vaccinabili in virtù della loro età, già registrati sul portale regionale.

 

Oggi stesso dovrebbero arrivare le 69mila dosi che per due giorni: è possibile che per vaccinare tutti venga aggiunto un orario serale extra il 7 aprile. Ed oggi alla consegna degli scatoloni di AstraZeneca dovrebbero essere  riaperte le agende. Già assegnati gli appuntamenti per 42mila dosi, si potranno prenotare gli over 70.

 

La campagna di vaccinazione degli over 80: le somministrazioni complessive di vaccino in corso di effettuazione agli ultraottantenni sono 81mila. I medici di medicina generale hanno già prenotato alle farmacie ospedaliere oltre 90 mila dosi da somministrare ai grandi anziani la prossima settimana. Obiettivo: oltre 200mila somministrazioni entro Pasqua e la conclusione di tutte le prime dosi ai 320mila toscani entro il 25 aprile, mentre entro il 15 maggio tutti dovranno aver completato il ciclo di vaccinazione.

 

L'articolo 🎧 Pasqua, vaccini in Toscana: tutte le info per somministrazioni e prenotazioni proviene da www.controradio.it.

Presidente Giani: “Il contagio non se ne va”

Presidente Giani: “Il contagio non se ne va”

Firenze, “Non lo so” quanto la Toscana resterà in zona rossa, ha detto il Presidente Giani, “non voglio pronunciarmi su questi dati che in questo periodo sono assolutamente oggettivi. Stamani erano più di 1.500 i contagi, significa quindi che il contagio non se ne va, che c’è, ed è piuttosto esteso in Toscana.

Di conseguenza domani verranno fatte le somme e siamo sul limite”. Così il presidente Giani ha risposto a chi gli chiedeva della zona rossa in Toscana. “Sapete qual è l’indicazione del Governo – ha aggiunto -, cioè che per il mese d’aprile esistono solo zone rosse e arancioni, queste sono determinate da un rapporto di 250 contagi su 100mila abitanti. Si tratta domani di fare la somma e di vedere”. A causa del ritardo della fornitura di 𝗔𝘀𝘁𝗿𝗮𝗭𝗲𝗻𝗲𝗰𝗮 le prenotazioni per domani 1° aprile vengono spostate a mercoledì 7 aprile mantenendo lo stesso orario e lo stesso punto vaccinale indicati.

Sulla sua pagina Facebook, il Presidente Giani ha poi dato in serata una serie di informazioni riguardo i ritardi nelle vaccinazioni.

“Le persone che hanno prenotato per domani hanno ricevuto un sms che comunica la nuova data e le informazioni. Qualora la persona volesse prenotare in altra data e orario, dovrà cancellare in autonomia l’appuntamento tramite il portale e provvedere a una nuova prenotazione all’apertura del portale.

Le persone con gravi patologie (oncologiche, autoimmuni e con immunodeficienze primitive, con malattie neurologiche, trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche) saranno contattate dalle strutture sanitarie e non devono effettuare la prenotazione sul portale.

Le persone con gravi patologie e disabilità (che rientrano nelle altre aree del piano nazionale del Governo) già registrate sul portale, riceveranno uno specifico avviso per prenotarsi appena le dosi arriveranno in Toscana. I vaccini utilizzati saranno Moderna.

Iniziamo a vaccinare anche i familiari e caregiver di oltre mille ragazze e ragazzi estremamente vulnerabili di età compresa fino a 16 anni (per il momento non vaccinabili) già registrati sul portale. Saranno contattati direttamente dalle Aziende sanitarie e il vaccino sarà AstraZeneca.

Questa settimana sono oltre 81mila le dosi di vaccino in corso di effettuazione attraverso i medici di famiglia.

L'articolo Presidente Giani: “Il contagio non se ne va” proviene da www.controradio.it.