“Il destino dell’Europa”, giovedì 14 il convegno a Palazzo Strozzi con filosofi, economisti, politici

FIRENZE – Dopo l'unificazione monetaria e l'allargamento a est, nuove sfide si sono presentate di fronte all'Europa, amplificate dalla crisi economica di questi anni e da vicende come la crisi greca e la Brexit. Scenari che hanno rilanciato il dibattito sull'identità dell'Europa e sul senso della sua missione storico-politica.

Attorno a questi temi si discuterà domani, giovedì 14 dicembre, dalle 15 alle 19, nel convegno "Il destino dell'Europa", che si terrà presso la sala conferenze dell'Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, al terzo piano di Palazzo Strozzi a Firenze in piazza Strozzi.

Dopo l'intervento di saluto del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, interverranno il giudice costituzionale Giuliano Amato, i filosofi Massimo Cacciari, Biagio De Giovanni e Emanuele Severino, l'economista Pierluigi Ciocca e Michele Ciliberto, presidente dell'Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento che organizza e ospita l'evento.

Informazioni sul programma: http://www.umanesimocontemporaneo.it

Cooperazione Africa-Europa, Barni: “Il coinvolgimento di enti regionali e locali è un valore aggiunto”

FIRENZE - La Toscana rilancia la propria attività di cooperazione nell'Africa subsahariana ed orientale. Lo fa dalla Costa d'Avorio e in particolare dal "Forum Africa-Europa dei governi locali e regionali", una prima edizione tenuta a battesimo lo scorso fine settimana  ad Abidjan, capitale ivoriana, prima del Summit Europa-Africa, quinto della serie, iniziato ieri e che proseguirà oggi nella stessa città.

"Il nostro impegno in Africa va avanti oramai da anni – sottolinea la vice presidente della Toscana Monica Barni, presente al Forum – e lo rilanceremo nel 2018 con interventi sui temi dello sviluppo locale, del sostegno al decentramento, della salute pubblica in alcuni paesi chiave del continente come Burkina Faso, Senegal, Niger, Mali e Etiopia". Nel corso della missione in Africa Barni ha incontrato anche il nuovo ambasciatore d'Italia per la Costa d'Avorio, il Burkina Faso, la Sierra Leone e la Liberia, con il quale sono state individuate alcune linee di possibili interventi della Toscana nell'ambito della cooperazione economica e allo sviluppo, anche con il sostegno dei fondi che l'Unione europea  promuoverà con il summit e che riguarderanno da un lato garanzie sugli investimenti privati nel continente e dall'altro un sostegno ai processi di decentramento e al miglioramento delle competenze delle autorità locali.

Al Forum che ha preceduto il summit hanno partecipato oltre duecento enti locali dei due continenti, oltre alle associazioni di enti locali africane e europee, con un messaggio ai rispettivi capi di Stato e di governo con cui tutti chiedono di essere inclusi nel quadro del dialogo d'alto livello tra Europa e Africa.  

"Essere riuniti qui oggi ad Abidjan, proprio quando si negozia del futuro dei rapporti tra Europa e Africa – ha sottolineato nel corso del proprio intervento la vice presidente Monica Barni – ha un forte valore simbolico oltre che operativo. Il coinvolgimento attivo delle autorità locali costituisce un  valore aggiunto che deriva dai partenariati e dalle relazioni dirette a livello locale, dall'impegno sul fronte della sostenibilità che diventa anche un elemento di sviluppo locale, dal coinvolgimento infine di tutti gli attori territoriali". "Forte – conclude - è stata la spinta negli ultimi anni a lavorare in rete. E solo così si possono affrontare le sfide globali e più urgenti". 

Rossi incontra l’ambasciatore Usa Eisenberg

FIRENZE - Questo pomeriggio il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha incontrato a Firenze l'ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, Lewis Michael Eisenberg.

La visita di cortesia si è svolta a Palazzo Strozzi Sacrati in un clima di grande cordialità e amicizia. Stati Uniti e Toscana sono infatti legati da solidi legami culturali, economici e commerciale. All'incontro ha preso parte anche il console generale Usa a Firenze, Benjamin Wohlauer.

"Ringrazio il presidente Rossi per il suo sostegno agli investimenti americani in Toscana", ha esordito l'ambasciatore Usa. "Continueremo a lavorare insieme per rafforzare la presenza delle imprese toscane negli Stati Uniti e viceversa."

"La visita di oggi – ha detto Rossi al termine dell'incontro – è una conferma del buon rapporto che c'è tra la Toscana e gli Stati Uniti".

"Sul versante delle relazioni economiche, da parte nostra c'è interesse a far aumentare gli investimenti americani in Toscana e a garantire che gli impegni presi da entrambe le parti siano onorati; da parte americana c'è interesse ad aiutare gli imprenditori toscani che si recano negli Usa per fare business".

A conferma della comune prospettiva, nel corso dell'incontro, l'ambasciatore ha riferito di aver incontrato alcune imprese americane che hanno molto apprezzato il sostegno della Regione agli investimenti in Toscana e gli sforzi svolti a questo scopo dal Presidente Enrico Rossi.

La Toscana è conosciuta negli Stati Uniti per il suo patrimonio artistico e culturale unico, ma non solo. Le imprese americane che hanno investito qui con successo sanno che è anche una regione a forte vocazione industriale, con un importante settore manifatturiero, un sistema della ricerca con diverse eccellenze, una forza lavoro altamente istruita e istituzioni regionali e locali che sostengono gli investimenti esteri.

Gli Stati Uniti riconoscono l'attivismo del tessuto imprenditoriale toscano e tramite il Consolato americano di Firenze si adoperano per incoraggiare le imprese locali ad investire negli Usa, un mercato aperto, trasparente e concorrenziale. L'attrazione di investimenti è infatti una priorità della missione degli Stati Uniti in Italia.

A raccontare il forte legame che unisce Stati Uniti e Toscana sono anche i numeri delle presenze di cittadini statunitensi nella regione: quasi un milione di turisti all'anno, ottomila studenti, 50 mila residenti.

Arriva Mars Explorer, meteo e colture on line

E' partito un nuovo servizio del Centro comune di ricerca della Commissione europea (Joint Research Centre, JRC) pwer visualizzare le informazioni sulle condizioni meteo e sulle colture di tutta Europa. Si chiama Mars Explorer ed è il potenziamento di Mars, il servizio già disponibile da 25 anni sotto forma di bollettino mensile destinato ad amministrazioni pubbliche, della ricerca e dell'industria. Gli utenti possono oggi accedere ad un insieme molto più ampio di dati, raccolti e pubblicati con una frequenza maggiore (tre volte al mese), relativi agli Stati membri dell'UE e ai paesi confinanti; si tratta di mappe e grafici ad alta risoluzione su condizioni meteorologiche, monitoraggio delle colture, previsioni di produzione delle colture.   

agri4cast.jrc.ec.europa.eu/mars-explorer/