Bruxelles, Monica Barni mercoledì 10 ottobre alla tavola rotonda con i beneficiari dei fondi Ue

FIRENZE - I beneficiari dei progetti finanziati e realizzati grazie ai fondi europei si raccontano. Domani, mercoledì 10 ottobre, dalle 18 alle 20,  la vicepresidente e assessore alla cultura università e ricerca Monica Barni sarà a Bruxelles, nella sede di Boulevard Charlemagne 1, dove parteciperà all'incontro promosso per dialogare con i soggetti che hanno potuto e saputo investire sul proprio futuro grazie alle politiche di coesione. "Cohesion policy delivers, the story told by beneficiairies and stakeholders" è il titolo della tavola rotonda organizzata dalla Crpm e da Euractiv con il contributo della Commissione europea.

L'idea di un incontro in cui far parlare i beneficiari dei fondi europei con l'obiettivo di testimoniare la loro importanza e accrescere la consapevolezza dei risultati, era stata proposta dal presidente della Regione Enrico Rossi dopo l'incontro con il presidente della Commissione Juncker del 7 dicembre 2017.

Fra i relatori anche Massimiliano Petri, coordinatore del Progetto Save My Bike  (sensori per rintracciare le biciclette rubate), finanziato dal POR CREO FESR della Toscana, fra i finalisti ai Regiostars 2018 (una sorta di "Notte degli Oscar" dei migliori progetti finanziati dalla coesione).


Vai al programma 

Il presidente Rossi a Bruxelles martedì 9 e mercoledì 10 ottobre

 FIRENZE - Lo stato ed il futuro dell'Unione, la politica di coesione, il dibattito sui populismi, l'economia circolare e la difesa dell'ambiente: questi i principali temi che saranno toccati dal presidente Enrico Rossi nel corso della due giorni a Bruxelles, martedì 9 e mercoledì 10 ottobre.

Alle 15 di martedì 9 ottobre il presidente interverrà, alla sessione plenaria del Comitato delle Regioni sullo stato dell'Unione "Il punto di vista delle Regioni e delle Città". 

Alle 17 è previsto un incontro con la stampa.

Alle 18.30, il presidente rientrerà nella sede della Regione Toscana a Bruxelles (Rond Point Schumann), dove parteciperà all'evento organizzato con il Movimento europeo "L'Europa a un bivio" sul tema dei populismi.

Al termine dell'evento Rossi sarà alla premiazione del Regio Stars Award 2018, promosso dalla DG Regio. Fra i finalisti è presente il progetto toscano "Save my bike".

Mercoledì 10 ottobre, alle 10, il presidente Rossi parteciperà ai lavori della plenaria del Comitato delle Regioni. Fra i temi in discussione quello dell'ecoonomia circolare, con il dibattito su "Strategia europea per la plastica nell'economia circolare".

Su questi temi, anche in relazione al problema dei trasporti, alle 11, è previsto un incontro con il capo unità della DG Regio (Commissione europea)  Nicolas Gilbert Morin.

Nel pomeriggio è previsto un incontro con Eleni Marianou Segretario Generale della CRPM per un aggiornamento sul post 2020 e sulle azioni che la CRPM sta conducendo. 

La “via della seta” passa per Sesta Lab

FIRENZE - Sesta Lab, realtà strategica della nuova via della seta. Lo testimonia la visita che il colosso cinese Shanghai Electric accompagnato dalla rete televisiva statale Shanghai TV hanno fatto oggi al sito industriale italiano del comune di Radicondoli (SI), centro fondamentale dello sviluppo e della ricerca nell'ambito delle turbine per il mercato aeronautico, spaziale, di volo supersonico, navale, petrolifero e per la produzione di energia elettrica.

Partita dal Governo locale di Shanghai, l'iniziativa ha visto i responsabili della multinazionale elettrica cinese, che vanta una lunghissima tradizione nel settore, arrivare ai laboratori di Sesta proprio per pubblicizzare la collaborazione tra Cina e Italia con un documentario dal titolo "Made in Shanghai" (che sarà visibile in tutta la nazione), nel solco del progetto One Belt One Road, noto anche come accordo della "Nuova via della seta".

"Il servizio che farà Shanghai Tv mostrerà in Cina e ai cinesi come il made in Shanghai passi inevitabilmente da un'eccellenza toscana, il nostro Sesta Lab – spiega Giulio Grassi, direttore di Sesta dove lavorano quindici tra ingegneri e tecnici di altissimo livello con una media di 35 anni di età – La loro parola d'ordine è sviluppare tecnologie con i partner migliori al mondo e Sesta Lab si è aggiudicata questo primato. Adesso che la Shanghai Electric immagina il proprio futuro con il nostro servizio a disposizione, abbiamo il compito e l'impegno di attrezzarci affinché i nostri clienti possano sviluppare le loro tecnologie al meglio".

"Sesta Lab è un'operazione che testimonia un esempio di successo di politica industriale dal basso – spiega Paolo Tedeschi, responsabile dell'ufficio di segreteria organizzativa del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi - Cinque anni fa l'esigenza di mantenere questa infrastruttura dalle grandissime potenzialità attrattive, ci fu segnalata dai clienti, Nuovo Pignone e Ansaldo Energia, di allora e siamo riusciti a trovare le modalità per traghettarla dalle mani di Enel, sostenendola con investimenti facendola diventare, come già avevamo intuito, leader mondiale nel settore. Oggi questa realtà è in utile, assume giovani, fa investimenti (è in costruzione la terza cella sperimentale) e sta quindi ripagando l'impegno finanziario da parte di Cosvig e i contributi della Regione Toscana sulle nuove tecnologie già adottate".

Sesta Lab, definita "la culla delle turbine", durante questi primi cinque anni di gestione pubblica locale si è affermata come una specializzazione e un'eccellenza quasi uniche a livello globale (si possono contare solo altre due-tre realtà analoghe al mondo) che hanno portato il Laboratorio toscano a lavorare per i maggiori competitors del settore a livello mondiale. Ha vantato collaborazioni che, a partire dall'Italia (BHGE, ex Nuovo Pignone; Ansaldo Energia; AvioAero, ex FIAT Avio; tanto per citarne solo alcune) e poi con gli Stati Uniti, la Corea del Sud, passando per l'Iran e la Cina.

Cosa fa Sesta Lab

Il compito principale del laboratorio SestaLab, ramo d'azienda di CoSviG (Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche) è quello di testare i combustori delle turbine in maniera da replicare, in un ambiente controllato tutte le condizioni – ambiente, aria, tipologia di combustibili, stress test, etc. – che il sistema di combustione potrebbe incontrare in normale operatività nei vari scenari di funzionamento, e ottenere, quindi, una serie di report sulle performance – anche in termini di emissioni oltre che di resa energetica – utilissimi per la ricerca e la posa in opera. Report che riescono a far diminuire i costi di mercato e i tempi di sviluppo.

Po Italia-Francia, valorizzazione entroterra con i Living Lab

Arcidosso
Arcidosso

Torna l'animazione territoriale con i Living Lab, nei territori pilota ViviMed della Toscana. Vivimed è un progetto nell'ambito del Programma Italia Francia Marittimo, sul tema dei servizi innovativi per lo sviluppo della filiera del turismo, che coinvolge la Regione Sardegna, in qualità di capofila e le regioni Toscana, Corsica e Provenza Costa Azzurra (Paca), con rispettivamente 8 Partner per l'animazione di 10 territori.

L'obiettivo di Vivimed è facilitare un percorso partecipato pubblico-privato per sviluppare un'offerta turistica innovativa e strutturata, basata sulla valorizzazione culturale, ambientale e produttiva di questi territori, con il coinvolgimento attivo della filiera turistica locale, con la quale costruire strategie innovative e sinergie per uno sviluppo sostenibile capace di rivitalizzare i territori dell'entroterra, recuperare i patrimoni naturali, culturali ed urbani, creando occupazione e indotto economico locale. In Toscana il progetto si avvia all'ultima fase. Questo il calendario dei laboratori: Arcidosso: 21 settembre; Castelnuovo Garfagnana, 28 settembre; Pontremoli, 12 ottobre.

Per saperne di più 

Programma Italia-Francia Marittimo alla Giornata della Cooperazione europea

Programma Italia-Francia Marittimo alla "Giornata della Cooperazione europea" (EC Day) Nelle settimane intorno al 21 settembre saranno centinaia in tutta Europa gli eventi che celebreranno la Cooperazione Territoriale Europea. Anche i progetti finanziati dal Programma Italia-Francia Marittimo 2014-2020 celebreranno la Giornata con una serie di eventi locali sui territori. È il caso per esempio, della conferenza di lancio del marchio QUALITY MADE, nel quadro del progetto SMARTIC, che si terrà a Livorno il 21 settembre.

Molti altri eventi sono previsti per celebrare la Giornata della cooperazione europea. Per conoscerli tutti basta consultare il calendario aggiornato regolarmente alla pagina: www.interreg-maritime.eu/ecday2018

Calendario di tutti gli eventi dell'EC Day: www.ecday.eu

Maggiori informazioni sull'evento di Livorno interreg-maritime.eu/web/s.mar.t.i.c./-/evento-di-presentazione