Toscana, Autorità idrica: sprecata acqua potabile per piscine

Toscana, Autorità idrica: sprecata acqua potabile per piscine

Secondo quanto risulta dai dati dell’Autorità Idrica Toscana, che ha effettuato i controlli in collaborazione con vari comandi di polizia municipale nel periodo luglio-agosto, oltre la metà delle piscine in Toscana su cui si sono effettuati controlli sono state riempite con spreco di acqua potabile dell’acquedotto.

È stato il primo anno dove i controlli sui riempimenti delle piscine sono stati effettuati secondo un programma pianificato da Ait su 30 comuni di zone valutate con scarsa disponibilità di risorsa idrica cioè Lunigiana, Isola d’Elba, Chianti Fiorentino, Chianti Senese, Alta Val di Cecina; aree che di solito, nel periodo estivo, soffrono di carenza di acqua potabile.

Se per riempire le piscine (invece di utilizzare l’acqua che deve essere chiesta al gestore di zona del servizio idrico) viene usata la stessa acqua che va al rubinetto, il deficit di risorsa idrica aumenta, a discapito degli usi idrici basilari: per questo Ait ha chiesto alle varie Polizie Municipali l’attivazione di controlli a campione, indicando loro le strutture ricettive individuate direttamente dall’ Autorità idrica e chiedendo, sempre ai vari comandi dei vigili urbani, di effettuare, secondo loro scelte, i controlli a campione sulle abitazioni private.

Si sono dunque effettuati 65 controlli, di cui 59 presso strutture ricettive (hotel, agriturismi, ecc.) e sei presso abitazioni. Di 65 controlli è stato accertato che 34 utenze (cioè il 52%) hanno utilizzato illecitamente l’acqua dell’acquedotto pubblico per il riempimento delle piscine; durante i controlli estivi sono stati riscontrati anche 28 casi di utilizzo di acqua proveniente da pozzi privati o da sorgente, per i quali si è verificato se c’è la concessione, 13 casi di mancato svuotamento annuale delle vasche che producono condizioni igieniche non a norma, e in tre casi addirittura la mancata tenuta di autocontrollo degli impianti di depurazione delle piscine stesse.

Attualmente, presso l’Autorità idrica, sono pervenuti 21 verbali di contestazione di illeciti (due in Alta Val di Cecina, sette all’Elba, cinque in Lunigiana, sette nel Chianti Senese).

L'articolo Toscana, Autorità idrica: sprecata acqua potabile per piscine proviene da www.controradio.it.

Bonus idrico integrato: scadenza domande 17 ottobre

Bonus idrico integrato: scadenza domande 17 ottobre

Il 17 ottobre è il termine ultimo per presentare le domande per l’accesso al bonus sociale idrico integrativo anno 2019. Il bonus idrico integrativo anno 2019 è erogato agli aventi diritto fino ad esaurimento del budget complessivo assegnato al Comune di Firenze dall’Autorità Idrica Toscana. Tale agevolazione è riconosciuta con riferimento ad un solo contratto di fornitura.

Le domande, fino alla scadenza del 17 ottobre, potranno essere consegnate a mano nei giorni di martedì mercoledì e giovedì dalle 9 alle 13. Gli uffici preposti sono gli Uffici – PO Programmazione e Gestione Economico Finanziaria della Direzione Servizi sociali del Comune di Firenze in viale De Amicis, 21. Possono essere anche inviate via mail all’indirizzo: uffise@comune.fi.it. Non sono ammesse altre modalità di presentazione della domanda.

I requisiti richiesti per il richiedente sono: la cittadinanza italiana o dell’Unione europea, ovvero cittadino extracomunitario regolarmente soggiornante sul territorio nazionale; ed essere residente nel Comune di Firenze.

Nel caso di utente diretto (utenze singole) essere intestatario del contratto per l’utenza di fornitura idrica domestica residente (fatturata direttamente da Publiacqua spa) personalmente e/o per almeno uno dei componenti del nucleo ISEE del richiedente.

Nel caso di utente indiretto (utenze aggregate/condominiali) l’indirizzo di residenza anagrafica del richiedente (intestatario personalmente e/o uno qualsiasi dei componenti il suo nucleo familiare) deve essere riconducibile all’indirizzo di fornitura dell’utenza aggregata/condominiale.

Il valore ISEE 2019 ordinario del proprio nucleo familiare non deve essere superiore a 15.000 euro e per le famiglie numerose con almeno 4 figli a carico non superiore a 20.000 euro. Se l’attestazione ISEE segnala omissioni o difformità,  la domanda verrà accolta e bisognerà presentare una nuova domanda corredata da attestazione ISEE che integri e/o corregga i dati segnalati come omessi o difformi.

Per info complete e modalità di richiesta visitare il sito: https://servizi.comune.fi.it/servizi/scheda-servizio/bonus-sociale-idrico-integrativo-anno-2019.

L'articolo Bonus idrico integrato: scadenza domande 17 ottobre proviene da www.controradio.it.