Presentata variante urbanistica di Empoli

Presentata variante urbanistica di Empoli

Presentata al MuVe una variante che concluderà alcuni PUA già presentati. Il Comune punta alla realizzazione della strada che collegherà la statale 67 con il quartiere di Serravalle.
Brenda Barnini: «Empoli non si ferma. Interventi privati e opere pubbliche»

Incontro partecipativo ieri sera, al Museo del Vetro di Empoli, fra il sindaco Brenda Barnini, i funzionari del settore tecnico del Comune e numerosi cittadini e professionisti del settore, per parlare e confrontarsi su un nuovo provvedimento urbanistico portato avanti in queste settimane dall’amministrazione comunale.

È stata presentata una variante che ha l’obiettivo di concludere i procedimenti prevalentemente legati a Piani Attuativi già presentati, che non sono stati convenzionati nei termini di validità del Regolamento Urbanistico. La variante intende nello specifico riattivare alcune delle previsioni decadute, con eventuali modifiche di minima entità, per completarne i relativi procedimenti e consentire i successivi atti autorizzativi.

La variante offre all’amministrazione anche l’opportunità di reiterare (e solo in un caso introdurre ex novo) vincoli preordinati all’esproprio collegati alla realizzazione di specifiche opere pubbliche, considerate a tutt’oggi strategiche e di rilevante interesse pubblico.

A introdurre il provvedimento è stato la stessa Brenda Barnini: “Questa variane consente di portare avanti piani di sviluppo per la nostra città, di non fermarci. Dove possibile daremo l’opportunità a chi aveva progetti di sviluppo di proseguire, secondo le nuove norme che sono emerse nel frattempo. Non solo, vogliamo mettere il nostro Comune nelle condizioni di realizzare infrastrutture fondamentali come la strada di collegamento tra Serravalle e la statale 67 Tosco Romagnola. Il collegamento viario tra Serravalle e la statale è una delle priorità del nostro programma di mandato e questa scelta ci consente di garantire, con sicurezza, ai cittadini che la realizzeremo in questi 5 anni».

«La città cambia e noi vogliamo essere pronti. Stiamo lavorando per aggiornare la pianificazione territoriale e urbanistica del nostro territorio per immaginare un nuovo sviluppo della città. Lo faremo dotandoci di un Piano Strutturale Intercomunale e un nuovo Piano Operativo – spiega il vicesindaco Fabio Barsottini, presente all’incontro del MuVe –. Nel frattempo non siamo voluti restare fermi, ma anzi abbiamo voluto dare l’opportunità di concludere lo sviluppo di alcune aree della città con la variante presentata ieri».

All’incontro del Museo del Vetro erano presenti Edo Rossi, dirigente Settore Tecnico del Comune di Empoli;
Romina Falaschi, garante dell’informazione e della partecipazione del Comune di Empoli; Giovanni Parlanti, architetto, coordinatore del Gruppo di Progettazione della variante urbanistica; e Simone Pozzolini, ingegnere idraulico per HS ingegneria srl, società del Gruppo di progettazione della variante urbanistica.

La necessità di questa variante deriva dalla scadenza del 24 dicembre 2018, quando sono decadute le previsioni del Regolamento Urbanistico relative alle trasformazioni degli assetti urbanistici, infrastrutturali ed edilizi del territorio, soggette a cosiddetto PUA – Piano Urbanistico Attuativo. Sono decadute perché non sono state attuate dai privati entro i cinque anni dall’approvazione del Regolamento Urbanistico o perché non è stata stipulata la relativa convenzione.

Al Regolamento Urbanistico vigente non risulta applicabile la proroga triennale di cui all’art.95, comma 12 della LRT 65/2014, riferibile esclusivamente ai Piani Operativi e non anche ai Regolamenti Urbanistici.

In attesa dell’approvazione del nuovo Piano Operativo Comunale, l’amministrazione comunale ha ritenuto opportuno consentire l’attuazione di alcune previsioni decadute, limitatamente ad interventi che rientrano all’interno del territorio urbanizzato, come individuato dall’art. 224 della LRT 65/2014, e non anticipano scelte strategiche di competenza della pianificazione urbanistica generale.

La documentazione è disponibile per la visione al seguente link:

https://www.empoli.gov.it/garante-della-comunicazione-per-il-governo-del-territorio/procedimenti-in-corso/variante-ru-interventi-interno-territorio-urbanizzato

L'articolo Presentata variante urbanistica di Empoli proviene da www.controradio.it.

Presentata variante urbanistica di Empoli

Presentata variante urbanistica di Empoli

Presentata al MuVe una variante che concluderà alcuni PUA già presentati. Il Comune punta alla realizzazione della strada che collegherà la statale 67 con il quartiere di Serravalle.
Brenda Barnini: «Empoli non si ferma. Interventi privati e opere pubbliche»

Incontro partecipativo ieri sera, al Museo del Vetro di Empoli, fra il sindaco Brenda Barnini, i funzionari del settore tecnico del Comune e numerosi cittadini e professionisti del settore, per parlare e confrontarsi su un nuovo provvedimento urbanistico portato avanti in queste settimane dall’amministrazione comunale.

È stata presentata una variante che ha l’obiettivo di concludere i procedimenti prevalentemente legati a Piani Attuativi già presentati, che non sono stati convenzionati nei termini di validità del Regolamento Urbanistico. La variante intende nello specifico riattivare alcune delle previsioni decadute, con eventuali modifiche di minima entità, per completarne i relativi procedimenti e consentire i successivi atti autorizzativi.

La variante offre all’amministrazione anche l’opportunità di reiterare (e solo in un caso introdurre ex novo) vincoli preordinati all’esproprio collegati alla realizzazione di specifiche opere pubbliche, considerate a tutt’oggi strategiche e di rilevante interesse pubblico.

A introdurre il provvedimento è stato la stessa Brenda Barnini: “Questa variane consente di portare avanti piani di sviluppo per la nostra città, di non fermarci. Dove possibile daremo l’opportunità a chi aveva progetti di sviluppo di proseguire, secondo le nuove norme che sono emerse nel frattempo. Non solo, vogliamo mettere il nostro Comune nelle condizioni di realizzare infrastrutture fondamentali come la strada di collegamento tra Serravalle e la statale 67 Tosco Romagnola. Il collegamento viario tra Serravalle e la statale è una delle priorità del nostro programma di mandato e questa scelta ci consente di garantire, con sicurezza, ai cittadini che la realizzeremo in questi 5 anni».

«La città cambia e noi vogliamo essere pronti. Stiamo lavorando per aggiornare la pianificazione territoriale e urbanistica del nostro territorio per immaginare un nuovo sviluppo della città. Lo faremo dotandoci di un Piano Strutturale Intercomunale e un nuovo Piano Operativo – spiega il vicesindaco Fabio Barsottini, presente all’incontro del MuVe –. Nel frattempo non siamo voluti restare fermi, ma anzi abbiamo voluto dare l’opportunità di concludere lo sviluppo di alcune aree della città con la variante presentata ieri».

All’incontro del Museo del Vetro erano presenti Edo Rossi, dirigente Settore Tecnico del Comune di Empoli;
Romina Falaschi, garante dell’informazione e della partecipazione del Comune di Empoli; Giovanni Parlanti, architetto, coordinatore del Gruppo di Progettazione della variante urbanistica; e Simone Pozzolini, ingegnere idraulico per HS ingegneria srl, società del Gruppo di progettazione della variante urbanistica.

La necessità di questa variante deriva dalla scadenza del 24 dicembre 2018, quando sono decadute le previsioni del Regolamento Urbanistico relative alle trasformazioni degli assetti urbanistici, infrastrutturali ed edilizi del territorio, soggette a cosiddetto PUA – Piano Urbanistico Attuativo. Sono decadute perché non sono state attuate dai privati entro i cinque anni dall’approvazione del Regolamento Urbanistico o perché non è stata stipulata la relativa convenzione.

Al Regolamento Urbanistico vigente non risulta applicabile la proroga triennale di cui all’art.95, comma 12 della LRT 65/2014, riferibile esclusivamente ai Piani Operativi e non anche ai Regolamenti Urbanistici.

In attesa dell’approvazione del nuovo Piano Operativo Comunale, l’amministrazione comunale ha ritenuto opportuno consentire l’attuazione di alcune previsioni decadute, limitatamente ad interventi che rientrano all’interno del territorio urbanizzato, come individuato dall’art. 224 della LRT 65/2014, e non anticipano scelte strategiche di competenza della pianificazione urbanistica generale.

La documentazione è disponibile per la visione al seguente link:

https://www.empoli.gov.it/garante-della-comunicazione-per-il-governo-del-territorio/procedimenti-in-corso/variante-ru-interventi-interno-territorio-urbanizzato

L'articolo Presentata variante urbanistica di Empoli proviene da www.controradio.it.

Valdelsa, viabilità: a luglio apre nuovo tratto sr 429

Valdelsa, viabilità: a luglio apre nuovo tratto sr 429

Sarà aperto dal 27 luglio il V lotto della nuova strada regionale 429 tra Dogana, nel comune di Castelfiorentino (Firenze) e Brusciana, nel comune di Empoli. Contemporaneamente saranno avviati i lavori per il IV lotto e saranno conclusi quelli di ripristino della funzionalità del ponte della strada pronvinciale 108 sul fiume Elsa a Granaiolo, rallentati dal maltempo nel mese di maggio.

La Regione rende noto che la data dell’apertura della nuova strada regionale 429 è stata fissata nel corso di un incontro tra i sindaci di Empoli e Castelfiorentino, Brenda Barnini e Alessio Falorni, e il commissario Alessandro Annunziati in rappresentanza della Regione Toscana.

“La sr 429 è stata così tanto attesa dalla Val d’Elsa e dall’empolese che sembra quasi impossibile oggi riuscire a intravedere la fine dei lavori – ha detto l’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli -. Il 27 luglio sarà una giornata importante per la viabilità di questa importante area della Toscana, che mette insieme le caratteristiche e le esigenze di due anime, quella turistico-rurale e quelle delle realtà produttive artigiani ed industriali. Grazie al lavoro attento e meticoloso della Regione la nuova sr 429 è in larga parte percorribile, e dal 27 luglio anche il V lotto e la parallela via di Molin Nuovo saranno utilizzabili”.

L’apertura contemporanea delle due nuove strade consentirà ai mezzi pesanti di evitare gli abitati di S.Andrea e Fontanella rientrando sulla sr 429 dalla rotatoria di Castelnuovo. Sarà vietato il transito dei mezzi pesanti dal centro abitato di Dogana, autoveicoli e moto, invece, potranno attraversare Dogana e da lì prendere la circonvallazione comunale di Castelfiorentino e collegarsi alla sr 429 in direzione Siena.

L'articolo Valdelsa, viabilità: a luglio apre nuovo tratto sr 429 proviene da www.controradio.it.

Amministrative: i comuni della Toscana tra riconferme e ballottaggi

Amministrative: i comuni della Toscana tra riconferme e ballottaggi

Oltre ai tre capoluoghi domenica si è votato in altri 186 comuni della Toscana fra i quali Empoli che vede il trionfo al primo turno di Brenda Barnini la sindaca uscente del Pd, i risultati record per i sindaci Pd di Cavriglia, San Casciano Val di Pesa e Castefiorentino ma anche il ballottaggio a Piombino, Pontedera e Signa.

A Empoli viene riconfermata al primo turno la sindaca uscente del Pd Brenda Barnini che, con il 56,5% delle preferenze, si aggiudica la vittoria sul principale sfidante, il candidato di Fratelli d’Italia Andrea Poggianti, fermo al 25,9%.

E’ stato rieletto al primo turno, con un notevole scarto rispetto a Leonardo Batistini, avversario di centrodestra, anche Sandro Fallani, sindaco di Scandicci. Con il 59% delle preferenze la città resta quindi in mano al centrosinistra, come sempre dal dopoguerra.

Con il 68% dei voti Francesco Casini, sindaco del centrosinistra di Bagno a Ripoli, viene riconfermato al primo turno. Il candidato di Lega e Forza Italia Alberto Ancanfora, si ferma al 21%.

Ballottaggio sventato con il 50,2% per Anna Ravoni e la sua lista civica Cittadini per Fiesole. Giancarlo Gamannossi (candidato per Pd-Partito socialista italiano-Sinistra-Civica) si ferma al 36,5%.

A Lastra a Signa più di 3000 voti hanno decretato la rielezione di Angela Bagni, sindaca uscente del Pd, su Paolo Giovannoni, candidato per il centro destra.

Nonostante Cecilia Cappelletti, candidata a sindaca di Pontassieve per il centro destra, abbia raddoppiato i voti di cinque anni fa, è Monica Marini, candidata del centro sinistra, ad essere rinconfermata sindaca, con uno schiacciante 68,1% dei voti.

Il centro sinistra vince sia a Calenzano con Riccardo Prestini, ex direttore generale del Comune, che con il 53, 49% delle preferenze si impone sul candidato di Lega e Fratelli d’Italia Americo d’Elia, sia a Stazzema, cittadina simbolo della seconda Guerra mondiale dove Maurizio Verona 57% delle preferenze si è aggiudicato la vittoria su Amerigo Guidi, candidato della lista civica di centrodestra Stazzema bene comune.

Nonostante a Capalbio la Lega abbia ottenuto iil 48% alle elezioni europee, i cittadini affidano il loro comune a Settimio Bianciardi, ex Pd candidato della lista civica “Adesso per Capalbio”, che per una manciata di voti batte Marco Donati, della lista Vivere Capalbio.

Ci vorrà il secondo turno per decretare il sindaco di Piombino, storica roccaforte della sinistra, che per la prima volta vede come favorito, con il 48% dei voti, il candidato del centrodestra Francesco Ferrari, seguito dal 28,9% della candidata del centrosinistra Anna Tempestini.

Anche a Figline e Incisa Valdarno, il comune della fabbrica della Bekaert, si attende la seconda chiamata alle urne per stabilire chi, tra l’ex sindaco del centrosinistra Giulia Mugnai e Silvio Pittori, candidato del centrodestra, sarà eletto sindaco.

A Vaglia la sfida è tra due esponenti del centro sinistra: Leonardo Borchi, sindaco uscente, candidato con la lista Per Vaglia, che ha ottenuto il 43, 7% e Guido Sacconi, ex europarlamentare, candidato per la lista Scelgo Vaglia. Il ballottaggio decreterà il sindaco.

A Signa le troppe liste di sinistra hanno diviso l’elettorato e portato al ballottaggio: i cittadini torneranno alle urne il 9 giugno per decidere a chi assegnare la vittoria tra il candidato a sindaco del centro sinistra Giampiero Fossi e Vincenzo De Franco, candidato del centro destra.

A Pontedera nessuno dei candidati ha ottenuto il 50%+1 delle preferenze al primo turno: andranno al ballottaggio Matteo Franconi, candidato del centrosinistra e favorito grazie al 47,3% dei voti ottenuti domenica, e Matteo Bagnoli, candidato del centrodestra.

Andranno al ballottaggio anche altri comuni sopra i 15000 abitanti: Agliana, Borgo San Lorenzo, Collesalvetti, Colle Val D’Elsa, Cortona, Cecina, Monsummano Terme, Ponsacco, Rosignano Marittimo, San Giovanni Valdarno e San Miniato.

Il servizio di Simona Gentili

L'articolo Amministrative: i comuni della Toscana tra riconferme e ballottaggi proviene da www.controradio.it.

Pd: eletti dieci toscani nella direzione nazionale

Pd: eletti dieci toscani nella direzione nazionale

Sono 10 i toscani tra i 120 componenti nella direzione del Pd eletti ieri in occasione della prima assemblea nazionale del partito dopo le primarie svoltasi a Roma.

Tra i dieci toscani eletti nella direzione, secondo quanto appreso, figurano Brenda Barnini, sindaca di Empoli, il senatore Dario Parrini e la vicepresidentessa del gruppo dem a Palazzo Madama Caterina Bini, Alessandra Nardini, consigliera regionale e coordinatrice toscana della mozione Zingaretti, Valerio Fabiani, già candidato a segretario toscano del Pd alle primarie regionali dello scorso ottobre, le deputate Maria Elena Boschi, Susanna Cenni e Rosa Maria Di Giorgi, Marco Simiani e Stefano Bruzzesi.
“Zingaretti ha fatto proposte condivisibili sulla sanità e sulla scuola; anche sulle elezioni europee e sulle amministrative. Vedremo gli sviluppi”. Ha scritto su facebook il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi dopo l’Assemblea del Pd, che ieri ha dato il via libera al nuovo segretario, dicendosi particolarmente colpito da una frase del neo segretario: “‘voglio un partito più inclusivo e pluralista, in cui valorizzare tutti e senza mai fare la caricatura di quelli che la pensano diversamente, di cui sono pronto a riconoscere le ragioni, anche quando non le condivido'”.
“Mi chiedo se le ragioni di un nuovo socialismo, che renda attuale la migliore storia e gli ideali della sinistra italiana, potranno, nel partito di Zingaretti, essere considerate con rispetto e valorizzate – prosegue Rossi -. C’è stato un periodo in cui questo non è avvenuto quando solo a parlare di socialismo si veniva beffeggiati e attaccati perché si consideravano eresie le posizioni di una sinistra socialista. Ora Zingaretti dice di voler ‘cambiare tutto’, riapre il dialogo e lancia un messaggio diverso che a me pare interessante e che seguirò attentamente”.
“Complimenti e auguri di buon lavoro a tutti. C’è un gran lavoro da fare per far vincere il Pd e il centrosinistra a cominciare dalle prossime amministrative ed europee”. Così in una nota la segretaria del Pd toscano, Simona Bonafe’, rivolgendosi ai toscani della direzione nazionale del Pd (a cui  si aggiungono i componenti di diritto, tra cui la stessa Bonafè). Silvia Velo, si spiega ancora, è stata eletta nella commissione nazionale di garanzia.

L'articolo Pd: eletti dieci toscani nella direzione nazionale proviene da www.controradio.it.