Domani al teatro Puccini va in scena “Alfonso Castaldi Pristol Hotel”

Domani  al teatro Puccini  va in scena “Alfonso Castaldi  Pristol Hotel”

Lo spettacolo, prodotto dalla compagnia Catalyst, si avvale dell’ensemble musicale dei Camillocromo. Regia di Riccardo Rombi. La rappresentazione andrà in scena alle ore 21:00 di domani, presso il teatro Puccini.

Alfonso Castaldi Pristol Hotel è il mirabolante nome  di una casa di riposo per musicisti a Pristol, (non Bristol), in Romania. Un non luogo, dal quale quattro ex musicisti decidono di fuggire.

La vecchiaia vissuta dal di dentro, da quella che è diventata un’orrenda voragine fatta di tempi dilatati, privazione di rapporti emozionali, fragilità̀ mentale e malcelato senso di impotenza.

Niente di fisico, niente di reale, solo anagrafico. Un insopportabile scadenzario economico che ci allontana dagli affetti e dalla società̀.

Un’odiosa morte in vita, quella alla quale i protagonisti di questa storia reagiscono con rabbia, vigore e con la musica. La musica come gioia, sberleffo, sentimento, follia, medicina.

Uno sguardo satirico sulla vecchiaia e sulla nostra società̀. Una lezio musicale di generi e stili europei.

www.teatropuccini.it

L'articolo Domani al teatro Puccini va in scena “Alfonso Castaldi Pristol Hotel” proviene da www.controradio.it.

Domani al teatro Puccini va in scena “Alfonso Castaldi Pristol Hotel”

Domani  al teatro Puccini  va in scena “Alfonso Castaldi  Pristol Hotel”

Lo spettacolo, prodotto dalla compagnia Catalyst, si avvale dell’ensemble musicale dei Camillocromo. Regia di Riccardo Rombi. La rappresentazione andrà in scena alle ore 21:00 di domani, presso il teatro Puccini.

Alfonso Castaldi Pristol Hotel è il mirabolante nome  di una casa di riposo per musicisti a Pristol, (non Bristol), in Romania. Un non luogo, dal quale quattro ex musicisti decidono di fuggire.

La vecchiaia vissuta dal di dentro, da quella che è diventata un’orrenda voragine fatta di tempi dilatati, privazione di rapporti emozionali, fragilità̀ mentale e malcelato senso di impotenza.

Niente di fisico, niente di reale, solo anagrafico. Un insopportabile scadenzario economico che ci allontana dagli affetti e dalla società̀.

Un’odiosa morte in vita, quella alla quale i protagonisti di questa storia reagiscono con rabbia, vigore e con la musica. La musica come gioia, sberleffo, sentimento, follia, medicina.

Uno sguardo satirico sulla vecchiaia e sulla nostra società̀. Una lezio musicale di generi e stili europei.

www.teatropuccini.it

L'articolo Domani al teatro Puccini va in scena “Alfonso Castaldi Pristol Hotel” proviene da www.controradio.it.