TRAMVIA, NARDELLA: “VIA AI LAVORI LINEA 4 NELLA PRIMA META’ 20119

lavori tramvia

“Abbiamo risorse per far partire lavori linea 4 in prima metà 2019″ ha detto il sindaco Nardella. Sindaco di Campi: “Sono contento, lavoro di squadra funziona.” E su Città metropolitane vertice venerdì a Milano, Nardella: “sia incontro decisivo e una svolta, mancano strumenti minimi.”

“Abbiamo tutte le risorse per far partire i lavori del primo lotto della linea 4 della tramvia (stazione Leopolda-Piagge-Campi Bisenzio) entro la metà del 2019″. Lo ha detto oggi nel corso dell’avvio di un intervento di demolizione nell’area adiacente alla ex stazione a Firenze il sindaco Dario Nardella. “Ovviamente dobbiamo terminare la progettazione e credo che entro la fine del mandato, se siamo fortunati, ovvero entro la metà del 2019, potremo iniziare le prime azioni, i primi interventi per realizzare la linea 4″, ha spiegato, ricordando che il tracciato “parte proprio dalla stazione Leopolda e va verso le Piagge e Campi Bisenzio”.

La Linea 4 prevede, come ricorda in una nota il Comune di Campi Bisenzio, due stralci: il primo per la linea che va dalla Leopolda alle Piagge. Il secondo prevede, a sua volta, due lotti: il primo dalle Piagge a San Donnino e il secondo da San Donnino a Campi Bisenzio, con un investimento di oltre 200 milioni di euro. La linea è inserita dal Governo tra le opere da finanziare prioritariamente ed è un’opera fondamentale per i tre enti interessati: Comune di Firenze, Città Metropolitana e Comune di Campi Bisenzio. “Sono molto felice – dice il sindaco Fossi – il lavoro congiunto con governo, Regione, metrocittà e comune di Firenze funziona ed è questo gioco di squadra che deve caratterizzarci come Città Metropolitana”.

Proprio sulla Città Metropolitana venerdì prossimo, a Milano, “si terrà il vertice dei sindaci delle Città metropolitane, una riunione a questo punto decisiva. Abbiamo bisogno di uno scossa e di una svolta su questo fronte: la riforma Delrio è rimasta a metà, ha bisogno di essere completata altrimenti sarà un boomerang clamoroso. Noi sindaci siamo pronti a farci carico di questa riforma, lo stiamo facendo, ma è chiaro che abbiamo bisogno di strumenti minimali che oggi non ci sono, a cominciare dall’autonomia fiscale e dalla possibilità di aumentare l’autonomia organizzativa ed economica”. Lo ha sottolineato il sindaco Nardella, coordinatore Anci delle città metropolitane, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano delle difficoltà di questi enti, alcuni dei quali hanno tuttora i bilanci in rosso.

“Voglio ricordare che è l’unica riforma istituzionale che siamo riusciti a portare a termine in questa legislatura, non dimentichiamolo, e almeno questa cerchiamo di completarla – ha aggiunto Nardella -. E’ una richiesta accorata che io faccio a nome di tutti i 14 sindaci delle Città metropolitane italiane al governo, al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Devo anche dire che ho già avuto dal presidente Gentiloni dimostrazione di attenzione verso questo tema e siamo già all’opera per fissare un incontro con lui a Roma”.

The post TRAMVIA, NARDELLA: “VIA AI LAVORI LINEA 4 NELLA PRIMA META’ 20119 appeared first on Controradio.

TRAMVIA, NARDELLA: “VIA AI LAVORI LINEA 4 NELLA PRIMA META’ 20119

lavori tramvia

“Abbiamo risorse per far partire lavori linea 4 in prima metà 2019″ ha detto il sindaco Nardella. Sindaco di Campi: “Sono contento, lavoro di squadra funziona.” E su Città metropolitane vertice venerdì a Milano, Nardella: “sia incontro decisivo e una svolta, mancano strumenti minimi.”

“Abbiamo tutte le risorse per far partire i lavori del primo lotto della linea 4 della tramvia (stazione Leopolda-Piagge-Campi Bisenzio) entro la metà del 2019″. Lo ha detto oggi nel corso dell’avvio di un intervento di demolizione nell’area adiacente alla ex stazione a Firenze il sindaco Dario Nardella. “Ovviamente dobbiamo terminare la progettazione e credo che entro la fine del mandato, se siamo fortunati, ovvero entro la metà del 2019, potremo iniziare le prime azioni, i primi interventi per realizzare la linea 4″, ha spiegato, ricordando che il tracciato “parte proprio dalla stazione Leopolda e va verso le Piagge e Campi Bisenzio”.

La Linea 4 prevede, come ricorda in una nota il Comune di Campi Bisenzio, due stralci: il primo per la linea che va dalla Leopolda alle Piagge. Il secondo prevede, a sua volta, due lotti: il primo dalle Piagge a San Donnino e il secondo da San Donnino a Campi Bisenzio, con un investimento di oltre 200 milioni di euro. La linea è inserita dal Governo tra le opere da finanziare prioritariamente ed è un’opera fondamentale per i tre enti interessati: Comune di Firenze, Città Metropolitana e Comune di Campi Bisenzio. “Sono molto felice – dice il sindaco Fossi – il lavoro congiunto con governo, Regione, metrocittà e comune di Firenze funziona ed è questo gioco di squadra che deve caratterizzarci come Città Metropolitana”.

Proprio sulla Città Metropolitana venerdì prossimo, a Milano, “si terrà il vertice dei sindaci delle Città metropolitane, una riunione a questo punto decisiva. Abbiamo bisogno di uno scossa e di una svolta su questo fronte: la riforma Delrio è rimasta a metà, ha bisogno di essere completata altrimenti sarà un boomerang clamoroso. Noi sindaci siamo pronti a farci carico di questa riforma, lo stiamo facendo, ma è chiaro che abbiamo bisogno di strumenti minimali che oggi non ci sono, a cominciare dall’autonomia fiscale e dalla possibilità di aumentare l’autonomia organizzativa ed economica”. Lo ha sottolineato il sindaco Nardella, coordinatore Anci delle città metropolitane, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano delle difficoltà di questi enti, alcuni dei quali hanno tuttora i bilanci in rosso.

“Voglio ricordare che è l’unica riforma istituzionale che siamo riusciti a portare a termine in questa legislatura, non dimentichiamolo, e almeno questa cerchiamo di completarla – ha aggiunto Nardella -. E’ una richiesta accorata che io faccio a nome di tutti i 14 sindaci delle Città metropolitane italiane al governo, al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Devo anche dire che ho già avuto dal presidente Gentiloni dimostrazione di attenzione verso questo tema e siamo già all’opera per fissare un incontro con lui a Roma”.

The post TRAMVIA, NARDELLA: “VIA AI LAVORI LINEA 4 NELLA PRIMA META’ 20119 appeared first on Controradio.

INCIDENTE: SCOOTERISTA MUORE, FERITA PASSEGGERA

INCIDENTISecondo quanto ricostruito dai carabinieri, avrebbe perso il controllo del suo scooter per cause in corso di accertamento, finendo a terra. Il 48enne è deceduto sul posto per le ferite riportate. Gravi le condizioni della passeggera del mezzo, una donna di 37 anni, trasportata dai sanitari del 118 in codice rosso all’ospedale di Careggi. La salma del 48enne è stata portata all’istituto di medicina legale.

La donna, che ha seguito dall’incidente ha riportato numerosi traumi, si trova ricoverata nel reparto di terapia intensiva del pronto soccorso di Careggi. La prognosi resta riservata.

The post INCIDENTE: SCOOTERISTA MUORE, FERITA PASSEGGERA appeared first on Controradio.

CASSAZIONE SU RISTORATORE CAMPI BISENZIO: “ASTICI IN GHIACCIO? E’ MALTRATTAMENTO”

Astici

Dopo la vicenda di un ristoratore di Campi Bisenzio arriva la sentenza della Cassazione che conferma la multa di 5mila euro per il proprietario: “gli astici soffrono nel ghiaccio. Ma cucinarli vivi si può.”

Anche astici e aragoste in attesa di essere portati in tavola provano dolore e un conto è cucinarli quando sono ancora vivi (una “consuetudine sociale”), altro è conservarli in modo da arrecare loro “sofferenze causate dalla detenzione” in attesa di essere cucinati. Ragion per cui commette reato di maltrattamenti di animali, reato previsto dall’articolo 727 del codice penale, chi li conserva in modalità improprio, come ha fatto un ristoratore di Campi Bisenzio, che conservava i crostacei sotto ghiaccio e con le chele legate.

La Cassazione ha così confermato la sanzione per 5mila euro, nonché il risarcimento danni alla Lav (la Lega Anti Vivisezione) stabilita dal tribunale di Firenze. “Non può essere considerata come una consuetudine socialmente apprezzata”, scrive la Cassazione, il detenere questa specie di animali “a temperature così rigide, tali da provocare sicure sofferenze” se ci sono “sistemi più costosi” per conservarli in maniera più rispettosa. Non costituisce invece reato di maltrattamento il cucinarli vivi. Infatti, “la particolare modalità di cottura può essere considerata lecita in forza proprio del riconoscimento dell’uso comune”.

The post CASSAZIONE SU RISTORATORE CAMPI BISENZIO: “ASTICI IN GHIACCIO? E’ MALTRATTAMENTO” appeared first on Controradio.

CAMPI BISENZIO: INAUGURATA LA CASA FAMIGLIA PER DONNE IN DIFFICOLTA’ CON FIGLI

Consegna delle chiaviAl momento la Casa Famiglia per donne con minori ospita tre nuclei familiari, costituiti da 11 persone di cui 8 bambini e 3 donne. Grazie a una convenzione per progetti abitativi assistiti realizzata con la Società della Salute della zona fiorentina nord ovest, la gestione di Casa Aurora è affidata alla Cooperativa Sociale Chicco di grano Onlus che dal 2014 a oggi ha ospitato, presso le due Case Famiglia – Casa Stella nel Comune di Scandicci e Casa Aurora, ora nel Comune di Campi Bisenzio – 25 donne e 46 bambini.

Casa Aurora, la Casa Famiglia per donne sole con figli che è stata inaugurata questa mattina a Campi Bisenzio, era già operante da anni a Sesto Fiorentino. Il trasferimento a Campi Bisenzio si è reso necessario per consentire l’ampliamento del servizio di accoglienza. La nuova struttura offre la disponibilità di 21 posti letto e spazi esterni dove sono stati attrezzati anche un piccolo orto e un giardino. “Siamo molto contenti di questa nuova struttura – dichiara il Sindaco Emiliano Fossi – perchè così siamo davvero in grado di quadrare il cerchio del “sistema minori“; sul nostro territorio attualmente operano tre strutture capaci di intervenire in tutte le fasi della vita del minore: Casa Aurora va infatti ad aggiungersi al Centro Canapè e alla più recente „Le Viole“. Sono strutture che grazie anche al prezioso sostegno della Società della Salute, sono in grado di intervenire sul territorio rappresentando un arricchimento per la comunità tutta“.

unnamed (1)In stretta relazione con il personale dei Servizi Sociali della Società della Salute, la Cooperativa svolge un servizio di sostegno alla genitorialità con percorsi di rieducazione o affidamenti familiari temporanei con l’obiettivo di arrivare al ricongiungimento con i figli. Gli educatori di Chicco di grano onlus offrono anche supporto scolastico ai minori, entrando in relazione con la scuola che frequentano i bambini, occcupandosi dell’inserimento negli asili nido del territorio e curando progetti specifici sul teatro, l’arte e lo sport per i bambini e le bambine ospiti. Molta importanza nel lavoro quotidiano della Cooperativa viene data anche all’inserimento lavorativo, alla preparazione del curriculum e all’orientamento al lavoro.

“Fra i soggetti più fragili presenti nella nostra società – dichiara il presidente della SdS zona fiorentina nord ovest, Enrico Panzi – ci sono donne, madri e minori che hanno avuto fin qui percorsi di vita molto complicati e talvolta addirittura negati. A queste persone serve prima di tutto un po‘ di tranquillità, e poi un modo per ripartire senza le loro paure. L’insieme di queste pratiche – conclude Panzi –  si definisce a bassa intensità assistenziale, dove cioè il sostegno serve soprattutto a ritrovare il proprio posto nel mondo e la nostra SdS crede molto in progetti di questo tipo e nelle strutture che li ospitano. Ogni inaugurazione è un arricchimento per il territorio e per la nostra idea di comunità“.

 A generare il disagio sociale ed economico delle donne ospiti della struttura possono essere fattori diversi tra cui l’abbandono da parte del compagno o difficoltà economiche dovute a una rete familiare scarsa quando non inesistente. La rete territoriale di supporto che si è costituita in questi anni prevede collaborazioni, quando necessario, anche con i Se.r.T. (Servizio Tossicodipendenze).

Complessivamente il personale a disposizione è costituito da sette operatori tra educatori, animatori, addetti di base e una coordinatrice reperibili 24 ore su 24, da lunedì a domenica. La notte la Cooperativa garantisce la presenza fissa di un operatore. La permanenza in struttura degli ospiti può andare da un minimo di 3 mesi fino a un massimo di un anno e mezzo per casi più complessi.

Chiara – diretta con fossi 090617

The post CAMPI BISENZIO: INAUGURATA LA CASA FAMIGLIA PER DONNE IN DIFFICOLTA’ CON FIGLI appeared first on Controradio.