Carrara: finisce in torrente con la bici, muore ciclista

Carrara: finisce in torrente con la bici, muore ciclista

Dalle prime ricostruzioni pare che sia caduto accidentalmente nel torrente l’uomo trovato morto stamani alla periferia di Carrara (Massa Carrara). Accanto al cadavere, nel torrente, c’era una mountain bike.

Questa mattina è stato rinvenuto un corpo di un uomo in un fosso alla periferia di Carrara (Massa Carrara) nella zona del Castello Rosso di Ficola. Sul posto sono intervenuti il 118, i vigili del fuoco e i carabinieri.

Dalle ipotesi formulate risulta che la vittima sarebbe caduta nel torrente che scorre lungo la stradina di collina, vicino al viadotto della strada dei marmi, mentre stava pedalando in sella alla mountain bike. L’uomo potrebbe aver urtato contro una pietra sul greto del torrente dopo il volo dalla bicicletta, colpo che sarebbe risultato fatale. La zona dove è avvenuto l’incidente è abbastanza frequentata per la presenza di alcuni vigneti, per questo un passante, trovandosi davanti il corpo, ha potuto dare l’allarme. La salma intanto è stata recuperata e trasportata all’obitorio.

L'articolo Carrara: finisce in torrente con la bici, muore ciclista proviene da www.controradio.it.

Carrara, droga: arresto per “Il Vecchio del Monte”

Carrara, droga: arresto per “Il Vecchio del Monte”

L’uomo, soprannominato “il vecchio del monte”, nascondeva in una fattoria, sui monti di Carrara, ingenti quantità di hashish, marijuana, cocaina e funghi allucinogeni, che i carabinieri hanno trovato ovunque: sotto il letame nell’aia, tra il mangime degli animali, dentro i tronchi degli alberi.

Spacciatore di droga fin dagli anni ’80, oggi ha 69 anni ed ha una pensione di 550 euro al mese: lo hanno arrestato, per spaccio, dopo aver creato un giro di smercio arrivato fino a Genova. Arrestato anche il figlio, 31 anni. L’operazione è dei carabinieri di Massa Carrara e l’accusa è di detenzione di sostanze stupefacenti.

Le indagini coordinate dalla procura di Massa sono durate quasi un anno per la difficoltà di controllare il via vai di persone in una zona molto impervia. La fattoria era nascosta in un bosco, dove non prendono i cellulari e non arrivano le auto. L’uomo e il figlio si spostavano a cavallo o a piedi. I carabinieri si sono travestiti da cercatori di funghi per effettuare i pedinamenti.

Durante il blitz nella fattoria nello scorso weekend i carabinieri hanno sequestrato 150 panetti di hashish per un totale di 15 chili, sei grammi di funghi allucinogeni, 50 grammi di cocaina, un chilo di marijuana e 12 mila euro in contanti, nascosti sotto i materassi. Lo stupefacente ha valore allo spaccio finale di 100 mila euro.

L'articolo Carrara, droga: arresto per “Il Vecchio del Monte” proviene da www.controradio.it.

Carrara: trovato cadavere su linea treni Pisa-La Spezia

Carrara: trovato cadavere su linea treni Pisa-La Spezia

Ci sarebbe stata un’imprudenza alla base dell’investimento avvenuto intorno alle 16 nei pressi della stazione di Carrara e che ha bloccato la linea Pisa-La Spezia. Secondo i primi accertamenti il corpo del cadavere apparterrebbe ad una donna tra i 50 ed i 60 anni.

La linea ferroviaria Pisa-La Spezia è interrotta nei pressi di Carrara (Massa Carrara) dalle ore 16 a seguito del ritrovamento di un cadavere. Sembra che la vittima fosse appena scesa da un treno e fosse diretta verso un parcheggio dove aveva lasciato la propria auto ma anzichè passare dall’uscita della stazione si sarebbe incamminata verso una scorciatoia.

Una delle ipotesi è che lo spostamento d’aria dovuto al passaggio di un treno, forse un Frecciabianca, l’abbia risucchiata verso il convoglio. La tragedia ha portato all’interruzione del traffico ferroviario fra Sarzana e Massa Zona (linea La Spezia – Pisa) in entrambe le direzioni.

 

L'articolo Carrara: trovato cadavere su linea treni Pisa-La Spezia proviene da www.controradio.it.

Sciopero cave a Carrara prosegue dopo ripresa delle trattative

Sciopero cave a Carrara prosegue dopo ripresa delle trattative

Oggi il sindaco della città toscana di Carrara Francesco De Pasquale ha annunciato che si è aperto uno spiraglio e che le trattative riprenderanno lunedì.

Sciopero a oltranza dei cavatori di marmo a Carrara (Massa Carrara), dopo la rottura ieri delle trattative al tavolo con Assindustria sul rinnovo del contratto integrativo. Oggi il sindaco della città toscana Francesco De Pasquale ha annunciato che si è aperto uno spiraglio e che le trattative riprenderanno lunedì.
I cavatori, che ieri sono scesi in sciopero, hanno però confermato l’astensione dal lavoro per domani e lunedì. La vertenza interessa circa 800-1.000 lavoratori. Gli industriali hanno offerto un aumento di 258 euro lordi annuali per tre anni, un premio legato però alla produzione. I cavatori vorrebbero invece rivedere il meccanismo di calcolo e non legarlo alla produzione: secondo loro andrebbe a discapito della sicurezza.
Stamani il sindaco ha incontrato i sindacati e una folta rappresentanza di cavatori, circa 200. “Visto il clima di tensione – spiega -, mi sono immediatamente precipitato a riceverli. Ho ascoltato con pazienza tutte le istanze, sebbene queste siano state esposte con toni decisamente sopra le righe, non solo dai cavatori ma anche da qualche rappresentante sindacale. Pensando all’interesse dei cavatori e della città tutta ho volutamente ignorato le sterili provocazioni di natura prettamente politica”.
Per “ristabilire un clima di serenità e favorire gli interessi della città tutta – aggiunge -, abbiamo quindi sollecitato i vertici dell’Associazione industriali a fissare una data certa per la riapertura del tavolo di trattativa” che hanno poi “convocato le parti sociali per lunedì alle 15”.

L'articolo Sciopero cave a Carrara prosegue dopo ripresa delle trattative proviene da www.controradio.it.