Edilizia popolare, 3,8 mln di euro per interventi di manutenzione in provincia di Siena

FIRENZE - Approvato ieri dalla giunta regionale il piano operativo di reinvestimento del Lode senese. Secondo la delibera, approvata dall'assessore regionale alle politiche abitative, le risorse disponibili per interventi di manutenzione ammontano a oltre 3,8 milioni di euro derivanti dalla cessione e gestione del patrimonio Erp nonché dalla chiusura dei piani precedenti. La somma sarà utilizzata quasi interamente per interventi di manutenzione straordinaria di 136 alloggi.

Il totale a disposizione deriva per gran parte dalla cessione di alloggi: quasi 2,2 milioni di euro sui 3,8 totali. Gli interventi, che saranno realizzati dal soggetto gestore Siena Casa Spa, riguardano alloggi situati nei comuni di Siena, Asciano, Colle Val D'Elsa, Poggibonsi, Monteroni d'Arbia, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Cetona, Chiusi, Montepulciano, Monteriggioni, Rapolano Terme, San Giovanni d'Asso, Torrita di Siena, Buonconvento, Chiusdino, Radicondoli, San Gimignano, Abbadia San Salvatore, Montalcino, Piancastagnaio, San Casciano dei Bagni, Murlo, Sovicille, Sinalunga, Radda in Chianti, Radicofani e Trequanda.

Casa, nuove misure per accelerare la realizzazione degli interventi programmati

FIRENZE – Con nuovo provvedimento, approvato su proposta dell'assessore alle politiche per la casa, la giunta regionale dà un ulteriore impulso alla realizzazione degli interventi di edilizia residenziale pubblica già programmati. Dopo aver messo a disposizione dei soggetti gestori - in un anno - 41 dei 100 milioni di euro necessari, il governo regionale è intervenuto con una delibera che interviene su due aspetti delle procedure, con l'intento di accelerare la realizzazione degli interventi stessi.

L'atto prevede infatti la possibilità di suddividere interventi complessi in più lotti funzionali successivi, finanziabili autonomamente per caratteristiche intrinseche e strutturali di attuazione dei lavori. Una modalità che consente un'articolazione temporale degli impegni di spesa.

Oltre a questa semplificazione, viene consentito ai soggetti gestori ERP di accedere alle risorse accantonate sui conti di contabilità speciale, intestati alla Regione. Tali risorse sono quelle derivanti dalle attività di gestione e alienazione del patrimonio e dai versamenti effettuati per alimentare il Fondo sociale ERP previsto dalla legislazione nazionale e regionale.

Grazie a quanto deliberato dalla Regione, le risorse depositate sul fondo regionale potranno essere utilizzate per far fronte sia ai costi di progettazione esecutiva, al fine di per rendere più rapida l'attivazione degli interventi che dovranno successivamente essere finanziati con risorse del bilancio regionale, sia per coprire direttamente i costi dei lavori, dando così il via per effettuare le gare d'appalto.

La Regione in seguito, nel rispetto dei tempi dettati dalle normative di bilancio, provvederà al reintegro delle risorse necessarie al completamento degli interventi.

Casa, nuove misure per accelerare la realizzazione degli interventi programmati

FIRENZE – Con nuovo provvedimento, approvato su proposta dell'assessore alle politiche per la casa, la giunta regionale dà un ulteriore impulso alla realizzazione degli interventi di edilizia residenziale pubblica già programmati. Dopo aver messo a disposizione dei soggetti gestori - in un anno - 41 dei 100 milioni di euro necessari, il governo regionale è intervenuto con una delibera che interviene su due aspetti delle procedure, con l'intento di accelerare la realizzazione degli interventi stessi.

L'atto prevede infatti la possibilità di suddividere interventi complessi in più lotti funzionali successivi, finanziabili autonomamente per caratteristiche intrinseche e strutturali di attuazione dei lavori. Una modalità che consente un'articolazione temporale degli impegni di spesa.

Oltre a questa semplificazione, viene consentito ai soggetti gestori ERP di accedere alle risorse accantonate sui conti di contabilità speciale, intestati alla Regione. Tali risorse sono quelle derivanti dalle attività di gestione e alienazione del patrimonio e dai versamenti effettuati per alimentare il Fondo sociale ERP previsto dalla legislazione nazionale e regionale.

Grazie a quanto deliberato dalla Regione, le risorse depositate sul fondo regionale potranno essere utilizzate per far fronte sia ai costi di progettazione esecutiva, al fine di per rendere più rapida l'attivazione degli interventi che dovranno successivamente essere finanziati con risorse del bilancio regionale, sia per coprire direttamente i costi dei lavori, dando così il via per effettuare le gare d'appalto.

La Regione in seguito, nel rispetto dei tempi dettati dalle normative di bilancio, provvederà al reintegro delle risorse necessarie al completamento degli interventi.

Casa, nuove misure per accelerare la realizzazione degli interventi programmati

FIRENZE – Con nuovo provvedimento, approvato su proposta dell'assessore alle politiche per la casa, la giunta regionale dà un ulteriore impulso alla realizzazione degli interventi di edilizia residenziale pubblica già programmati. Dopo aver messo a disposizione dei soggetti gestori - in un anno - 41 dei 100 milioni di euro necessari, il governo regionale è intervenuto con una delibera che interviene su due aspetti delle procedure, con l'intento di accelerare la realizzazione degli interventi stessi.

L'atto prevede infatti la possibilità di suddividere interventi complessi in più lotti funzionali successivi, finanziabili autonomamente per caratteristiche intrinseche e strutturali di attuazione dei lavori. Una modalità che consente un'articolazione temporale degli impegni di spesa.

Oltre a questa semplificazione, viene consentito ai soggetti gestori ERP di accedere alle risorse accantonate sui conti di contabilità speciale, intestati alla Regione. Tali risorse sono quelle derivanti dalle attività di gestione e alienazione del patrimonio e dai versamenti effettuati per alimentare il Fondo sociale ERP previsto dalla legislazione nazionale e regionale.

Grazie a quanto deliberato dalla Regione, le risorse depositate sul fondo regionale potranno essere utilizzate per far fronte sia ai costi di progettazione esecutiva, al fine di per rendere più rapida l'attivazione degli interventi che dovranno successivamente essere finanziati con risorse del bilancio regionale, sia per coprire direttamente i costi dei lavori, dando così il via per effettuare le gare d'appalto.

La Regione in seguito, nel rispetto dei tempi dettati dalle normative di bilancio, provvederà al reintegro delle risorse necessarie al completamento degli interventi.