Casapound: Firenze, appello conferma condanne per botte a studenti medi

Casapound: Firenze, appello conferma condanne per botte a studenti medi

La corte di appello di Firenze ha rigettato l’appello proposto da due esponenti di Casapound, già condannati in primo grado, che il 14 giugno 2015 aggredirono alcuni giovani della Rete degli Studenti Medi all’uscita da un convegno della Cgil nel capoluogo toscano. Alcuni riportarono lesioni con prognosi massima di sei giorni.

La corte di appello ha confermato la sentenza di condanna a 6 mesi per i due appellanti e al pagamento alle spese processuali, per “lesioni personali e minacce” ai danni di cinque giovani, tra cui, all’epoca dei fatti, un minore. Nel processo i feriti si sono costituiti parti civili e sono stati assistiti dagli avvocato Michele Bonetti e Silvia Antonellis. Secondo la ricostruzione emersa in primo grado, un gruppetto di cinque persone aveva aggredito gli studenti lanciandogli contro un bicchiere di vetro per poi sottrarre la bandiera dell’associazione e usare l’asta come arma. Infine i manifestanti erano stati schiaffeggiati, spintonati e minacciati di morte con frasi come ‘Vi ammazziamo comunisti di m…a’ e ‘La Resistenza è morta’.
Del gruppo di cinque sono stati identificati solo in due, grazie ad alcune foto scattate da un turista americano, che poi furono rinviati a giudizio. “La Corte d’Appello conferma la sentenza di condanna di primo grado del Tribunale, prendendo una posizione netta su un episodio di particolare gravità – commenta l’avvocato Bonetti – Attendiamo le motivazioni che verranno depositate entro i prossimi 75 giorni”.
“E’ una vittoria importante – dichiara Federico Allegretti, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi – che lancia un segnale chiaro a tutti i fascisti di questo Paese in un momento in cui si rischia lo sdoganamento di atteggiamenti aggressivi e violenti da parte di organizzazioni come Casapound. Ci aspettiamo che eventi del genere non si ripetano più, la legge non è dalla parte di questi soggetti criminali. Continuiamo a chiedere che vengano sciolte e proibite tutte le organizzazioni neofasciste e neonaziste”.

L'articolo Casapound: Firenze, appello conferma condanne per botte a studenti medi proviene da www.controradio.it.

“Giusto oscurare profili chi chi semina odio e violenza”

“Giusto oscurare profili chi chi semina odio e violenza”

Fa discutere la decisione di Facebook e Istagram  di oscurare gli account di Casapound e  Forza Nuova. Ne abbiamo parlato con lo storico Luca Bravi

A essere bloccati i profili ufficiali delle due formazioni politiche e quelli di alcuni esponenti locali di CasaPound. Compresa la pagina ufficiale “CasaPound Italia”, seguita da 280mila follower . Facebook, via LaRepubblica, ha subito motivato tale scelta dichiarando che i profili non rispettavano gli standard della comunità: “Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Per questo motivo – fa sapere un portavoce di Facebook – abbiamo una policy sulle persone e sulle organizzazioni pericolose, che vieta a coloro che sono impegnati nell’”odio organizzato” di utilizzare i nostri servizi”.

“Ci cancellano perché eravamo in piazza contro il” governo“, ha tuonato invece Gianluca Iannone di Casapound – “Siamo di fronte ad un attacco discriminatorio dal parte dei colossi del web. Si tratta di un attacco senza precedenti. Siamo schifati“.

Di tutt’altro tenore, ovviamente, il commento di Nicola Zingaretti: il segretario PD ha applaudito la decisione presa da Instagram e Facebook, dichiarando  “Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Una motivazione esemplare a sostegno di una scelta giusta e coraggiosa. Dobbiamo condividere e diffondere queste parole importanti per mettere fine alla stagione dell’odio. Ci sono persone che se se vincessero negherebbero ad altre persone il diritto di esistere. Non bisogna mai dimenticarlo“.

INTERVISTA CON LO STORICO, PROF. LUCA BRAVI

L'articolo “Giusto oscurare profili chi chi semina odio e violenza” proviene da www.controradio.it.

Isolotto: antifascisti in piazza contro Fratelli d’Italia

Isolotto: antifascisti in piazza contro Fratelli d’Italia

E’ in programma per domani all’Isolotto in risposta alla manifestazione organizzata – alle 17 – nello stesso luogo da Fratelli d’Italia. Il presidio si troverà nei pressi della Bibiliotecanova, in via Canova.

Il presidio antifascista è organizzato da ‘Firenze Antifascista’ che in una nota sottolinea come la presenza di Fdi sia “in chiave elettorale”. E’ il tentativo di “strumentalizzare”, spiega ‘Firenze Antifascista’, un litigio tra ragazzini da parte di alcune mamme “che si spacciano come gruppo” e “da anni cercano, con l’ausilio di Fratelli d’Italia e Casapound, di soffiare sul fuoco in particolare riguardo ovviamente la presenza dei rom”. Gli organizzatori, che chiamano a raccolta il quartiere, rammentano come gli stessi movimenti di destra “cercarono e non riuscirono a strumentalizzare la morte di Duccio Dini“, grazie “alla dignità della famiglia”, e che la biblioteca viene attaccata perchè è quella che “ospitò la Balzerani”.

L’Anpi del quartiere ha invece organizzato per il giorno successivo, giovedì 23 maggio, un’assemblea pubblica alle 17:30.

L'articolo Isolotto: antifascisti in piazza contro Fratelli d’Italia proviene da www.controradio.it.

Elezioni: Marco Polo annulla confronto dopo polemiche su presenza Casapound

Elezioni: Marco Polo annulla confronto dopo polemiche su presenza Casapound

Il preside Ludovico Arte: “Non sta a me dare patenti di fascismo e antifascismo. Non era faccia a faccia, ma incontri singoli con i candidati”.

L’Istituto Tecnico per il Turismo “Marco Polo” di Firenze aveva organizzato per giovedì 23 maggio 2019 un incontro dei candidati sindaco per il Comune di Firenze con i docenti e gli studenti della scuola. Oggi, in un comunicato della scuola, la decisione di annullare l’evento. Questo il comunicato.

“Lo scorso anno, quando avevamo proposto un’iniziativa simile, qualcuno aveva posto l’obiezione di non voler discutere con esponenti di CasaPound, ma quest’anno si erano già svolti due confronti tra tutti i candidati ed evidentemente quella pregiudiziale appariva superata.In ogni caso, per maggiore scrupolo e per evitare discussioni, si era pensato a incontri individuali con studenti e insegnanti che evitassero polemiche legate alla compresenza. I candidati, informati della formula e della presenza di tutti i candidati, avevano accettato l’invito. A quel punto, abbiamo proceduto con l’organizzazione dell’iniziativa. Nelle giornate di ieri e di oggi, i candidati Antonella Bundu e Dario Nardella hanno comunicato di non voler partecipare all’incontro per la presenza di rappresentanti di CasaPound. Spiace notare che però quella presenza è stata accettata altre volte con un confronto dei candidati fianco a fianco, in forma ben più impegnativa di quella da noi proposta. Se si decide di non parlare con coloro che si ispirano al fascismo, bisognerebbe non farlo mai. E colpisce che la Flc-Cgil produca un comunicato contro il Marco Polo, ma non lo faccia contro gli altri soggetti che organizzano confronti elettorali aperti a tutti. La Flc-Cgil sa benissimo l’enorme lavoro che la nostra scuola ha fatto in questi anni in nome di una scuola aperta a tutti e di una società più civile, ma si dimentica di ricordarlo.”

“Teniamo a precisare alcune cose – si legge sempre nel comunicato dell’Istituto -.”

  1. “E’ lo Stato italiano che consente a CasaPound di candidarsi e un dirigente scolastico, come rappresentante dello Stato, ha il dovere di onorare le norme vigenti e il pluralismo. Non spetta al dirigente scolastico decidere sulla legittimità o meno di chi si candida. Spetta alle istituzioni preposte, a cominciare dalla Magistratura. Se oggi un dirigente scolastico si arrogasse il diritto di escludere una forza politica di sua iniziativa, si creerebbe un precedente pericolosissimo che potrebbe essere utilizzato da chiunque contro qualunque forza politica.”
  2. “Si dice che la scuola deve rispettare la Costituzione. Il Marco Polo tutti i giorni rispetta la Costituzione. La Costituzione però non dice che il dirigente scolastico debba dare patenti di fascismo e antifascismo. Sono altri gli organi dello Stato che decidono se chi si candida rispetta la Costituzione. Anzi, il dirigente scolastico violerebbe le norme del proprio Stato e della Costituzione se andasse oltre le proprie competenze e si sostituisse ad altri organi dello Stato.”
  3. “Per quanto riguarda l’antifascismo, si segnala che il Marco Polo è l’unica scuola che ha deciso di mettere una frase di Gramsci ben in vista sulla facciata della scuola e quotidianamente, con le parole e con i fatti, promuove la cultura dell’accoglienza e dell’integrazione. Abbiamo in giardino la Nave dei Sogni dei Migranti, attivato la prima Penny Wirton di Firenze, invitato Eraldo Affinati e Pietro Bartolo, svolto molti progetti con l’Istituto Storico della Resistenza e molte altre cose ancora. Il Marco Polo non ha paura di prendere posizione a favore di una società aperta e multiculturale. Non a caso nei mesi scorsi è stato vittima di attacchi da parte di chi propone visioni intolleranti della società. Ma l’antifascismo non può portare al mancato rispetto delle regole dello Stato democratico.”
  4. “Si comprendono le ragioni dei candidati che sono preoccupati delle parole e degli atti di questi giorni da parte di forze che si richiamano al fascismo. Ma come si combattono il fascismo e l’intolleranza? Noi siamo d’accordo con Eraldo Affinati, che ha scelto di andare al Salone del Libro di Torino perché “il fascismo si combatte con le idee e con la nostra vita. Per eventuali reati di apologia c’è la magistratura”.

“In conclusione, in occasione delle elezioni, il confronto tra tutti i candidati è la cosa più democratica e civile che possa fare una scuola per consentire a studenti e docenti di essere informati ed effettuare una scelta libera e consapevole. Prendiamo atto delle rinunce di Antonella Bundu e Dario Nardella. Ci troviamo costretti ad annullare l’iniziativa e l’invito a tutti gli altri candidati perché, mancando i rappresentanti di un’ampia area politica, vengono meno le condizioni di equa rappresentanza di tutte le forze politiche. Dispiace soprattutto per gli studenti, che hanno più volte chiesto un’iniziativa di informazione elettorale. Nei prossimi giorni valuteremo altre forme per realizzarla.”

L'articolo Elezioni: Marco Polo annulla confronto dopo polemiche su presenza Casapound proviene da www.controradio.it.

Comunali, Cgil: “c’è Casapound, non andate al dibattito”

Comunali, Cgil: “c’è Casapound, non andate al dibattito”

Protesta della Cgil per il dibattito coi candidati sindaco organizzato alla scuola Marco Polo di Firenze il 23 maggio: vista la presenza dell’esponente di Casapound, il sindacato chiede agli altri candidati di non partecipare, e al personale scolastico e al Dirigente dell’Istituto di non dare corso all’iniziativa. “Il fascismo non è un’opinione da ascoltare, ma un crimine da condannare”.

L’Istituto Superiore Marco Polo, che già l’anno scorso aveva organizzato un’iniziativa simile, ha invitato il 23 maggio tutti i candidati sindaco, compreso quello di Casapound, a un appuntamento con gli studenti diciottenni frequentanti l’istituto. Per questo la Flc Cgil di Firenze scrive una lettera aperta per esortare i candidati sindaco a non partecipare a quell’iniziativa e dare un segnale forte. La sollecitazione è rivolta anche ai docenti e al personale della scuola perché spieghino ai ragazzi l’inopportunità dell’iniziativa così organizzata.

Riportiamo per intero la lettera aperta ai candidati alla carica di sindaco di Firenze.

“In tempi terribili come questi, ancora più ardui e terribili risultano i compiti delle istituzioni scolastiche e dei soggetti preposti all’educazione dei più giovani. Come tutti, infatti, anche i docenti e gli educatori si trovano fra il passato e il futuro, fra il già dato e l’ignoto, tra il certo e l’incerto; ma, diversamente dal resto dei cittadini, essi sono gravati dalla responsabilità ulteriore di fornire ai propri ragazzi chiavi di lettura e strumenti per scelte consapevoli. Dove e come i docenti possono trovare il modo per non smarrire la rotta, per andare alla ricerca senza andare alla deriva? Una bussola esiste ed è la nostra Costituzione, che – oltre a rappresentare un riferimento – è anche un affresco, una tavola di valori, una promessa di futuro, un decalogo di principi e un’idea di società. Dentro questo orizzonte non c’è – e non deve esserci – posto per il fascismo. Eppure la scuola superiore Marco Polo di Firenze, per mezzo del suo Dirigente, invita tutti i candidati alla carica di Sindaco a incontrare gli studenti diciottenni dell’istituto e include nell’invito anche l’esponente di CasaPound. Questa organizzazione dichiaratamente fascista, omofoba, razzista e xenofoba, i cui militanti sono protagonisti di crimini, atti terroristici, intimidazioni e violenze, per la nostra Costituzione dovrebbe essere smantellata e invece una comunità educante seria, importante e impegnata, pensando di onorare il proprio ruolo, le fornisce un microfono, una platea di diciottenni e ben mezz’ora di tempo per parlare. Non sono solamente i trenta minuti senza contraddittorio a preoccuparci – anche se siamo fiduciosi che i ragazzi di quella scuola sarebbero certamente in grado di farsi un’idea – ma maggiormente ci preoccupa l’abdicazione alla funzione educante degli adulti di quella scuola: organizzando l’incontro, quegli educatori con il proprio agire fanno venir meno il principio costituzionale che impedisce al fascismo di riproporsi «sotto qualsiasi forma» (XII disposizione della Costituzione). Può proprio la scuola pubblica permettersi di smentire la Costituzione, in nome di un’idea di pluralismo secondo il quale pare opportuno far esprimere anche chi divulga valori contrari a quelli cui la scuola dovrebbe conformarsi? E’ ammissibile dare la possibilità di sedere in cattedra a chi si professa “fascista del terzo millennio” e nega i principi di solidarietà, uguaglianza, nonviolenza, giustizia sociale, accoglienza, libertà? E’ sufficiente affermare che, non essendo stata dichiarata illegale, CasaPound ha diritto alla tribuna elettorale come tutte le forze politiche? Può la scuola fermarsi così sulla soglia del legalitarismo?
Noi crediamo fermamente di NO! Noi crediamo che la scuola non debba dismettere il proprio ruolo profetico, che hanno incarnato – in modi diversi, ma sempre pagando di persona – due grandi educatori come Antonio Gramsci e Lorenzo Milani. Negli ultimi giorni il Paese è scosso da energie che stanno risvegliando le coscienze: dalla piazza antifascista di Prato del 23 marzo, alle parole del Presidente della Repubblica in occasione del 25 aprile; dal Segretario Generale della CGIL Landini, che ha chiesto a gran voce lo scioglimento per legge dei movimenti neofascisti, agli intellettuali che hanno dichiarato la non partecipazione al Salone di Torino, ottenendo così insieme a enti e istituzioni l’allontanamento della casa editrice neofascista; dall’adolescente di Torre Maura che ha sfidato i violenti di casa sua, per finire con settori della magistratura che indagano CasaPound per ricostituzione del partito fascista. E’ quindi il momento di prese di posizione nette e chiare, che segnino un cambio di passo rispetto al drammatico fenomeno del ritorno dei fascismi. Già l’anno scorso, in occasione delle elezioni politiche, analoga iniziativa programmata dallo stesso istituto era stata disertata dai candidati delle forze progressiste, le quali a più riprese dichiararono a mezzo stampa la loro indisponibilità a sedersi accanto a chi professava platealmente ideali contrari ai valori della Costituzione, nata grazie all’antifascismo e al sacrificio dei tanti che si opposero al Regime, anche a costo della propria vita. Ci auspichiamo pertanto che anche in questo frangente la classe dirigente di questa città dimostri una grande coerenza con i valori della Costituzione, lo spirito della XII disposizione e la storia di Firenze medaglia d’oro della Resistenza. Chiediamo a tutti i candidati alla carica di Sindaco di Firenze, che si dicono antifascisti, di non partecipare a quell’evento, né ad altre future iniziative in cui sarà presente CasaPound. Chiediamo ai docenti, al personale scolastico e al Dirigente dell’Istituto Marco Polo di non dare corso all’iniziativa così com’è stata programmata. Il più grande insegnamento ai giovani non può che essere: il fascismo non è un’opinione come le altre, ma un crimine, e come tale va perseguito e condannato!”

L'articolo Comunali, Cgil: “c’è Casapound, non andate al dibattito” proviene da www.controradio.it.