Sette proposte per Santa Maria Novella

Sette proposte per Santa Maria Novella

L’amministrazione progetta una ‘nuova porta di Firenze’ con un mix di funzioni tra sicurezza, cultura e formazione

Sette proposte per il rilancio del complesso di Santa Maria Novella, per restituire al complesso una nuova centralità nel tessuto culturale della città, in termini di sicurezza, cultura e formazione. Le proposte sono il risultato della Call for Ideas lanciata dall’amministrazione lo scorso anno per individuare idee per una valorizzazione scientifico-culturale dell’area corrispondente al Monastero Nuovo, tornata al Comune dopo che dal dicembre 2016 la Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri si è trasferita nella nuova sede di Castello.

L’Amministrazione comunale, dalla valutazione delle idee e dal confronto interno, ha individuato 4 funzioni dell’intera area in grado di restituire al complesso una nuova centralità nel tessuto culturale della città.

Sicurezza: una porzione del complesso immobiliare rimarrà a disposizione dell’Arma dei Carabinieri. Sarà attivo un presidio fisso a disposizione dei cittadini 24 ore su 24.

Funzione museale: ci sarà l’ampliamento del percorso museale e nuova sede di “Firenze com’era”, archivio fotografico del Comune di Firenze comprendente 112.000 documenti di grande valore storico e artistico che rappresentano le opere d’arte e gli edifici monumentali della Città.; nuova area di accoglienza al pubblico con biglietteria, bookshop, guardaroba e caffetteria. Il Museo di Santa Maria Novella diventerà una delle eccellenze culturali di Firenze.

Formazione: il complesso del Monastero Nuovo sarà oggetto di un bando pubblico per la realizzazione di un polo per l’alta formazione in materia di innovazione scientifica, tecnologica e culturale.

La nuova porta di Firenze: il complesso diventerà nuovo spazio civico e location per eventi e congressi pubblici e privati; visitor center dove reperire informazioni sull’offerta culturale della città; spazio a disposizione del Comune di Firenze per eventi di informazione, sensibilizzazione e ascolto della cittadinanza; nuova sede comunale per la celebrazione dei matrimoni civili. Durante l’anno ci sarà il bando di concessione, saranno ufficializzati i nuovi spazi per i matrimoni e ci saranno eventi dell’Estate Fiorentina. I lavori di valorizzazione cominceranno nel 2019

Firenze porta avanti iter variante Castello

Firenze porta avanti iter variante Castello

La giunta di Palazzo Vecchio ha dato oggi il via libera alla procedura per la valutazione ambientale strategica sulla variante al piano attuativo del Pue (piano urbanistico esecutivo) di Castello a Firenze.

La delibera, presentata dall’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini, fa seguito alla procedura di revisione del Pue avviata a novembre 2016. “Si tratta di una novità
significativa che riguarda l’avvio della variante al piano attuativo – ha detto Bettarini – Ci siamo arrivati dopo aver verificato l’attualità degli interessi pubblici legati all’attuazione del Pue di Castello, l’intervento di qualificazione dell”aeroporto di Firenze in relazione alle
previsioni del Pue e l’opportunità di intervenire con verifiche di congruità tecnico-economica per le opere di urbanizzazione”.
La proposta di variante sottoposta a Vas prevede l’eliminazione della quota residua di direzionale pubblico e la conversione della quota di destinazione direzionale/servizi privati verso la destinazione produttiva (artigianale e industriale), che potrà essere usata per il nuovo mercato ortofrutticolo. Ciò attraverso la realizzazione di un insediamento concentrato a nord dell’area interessata (in diretta continuità con la zona produttiva esistente) e l’eventuale localizzazione anche di una quota parte della destinazione commerciale originariamente prevista. Si prevede quindi il ridimensionamento della capacità edificatoria
della destinazione direzionale/servizi privati originaria, e la localizzazione di un’area destinata alla residenzialità/ricettività fra la zona produttiva/commerciale a
nord e il complesso della scuola Marescialli nella parte più prossima al parco urbano.

L’articolo Firenze porta avanti iter variante Castello proviene da www.controradio.it.