11 settembre, 20 anni dopo, i commenti degli amministratori locali

11 settembre, 20 anni dopo, i commenti degli amministratori locali

“L’America entrò in guerra l’11 settembre 2001, unita nella difesa dei suoi valori e del suo stile di vita – così inizia l’articolo principale di CNN dedicato all’11 settembre – Vent’anni dopo, è in guerra con sé stessa, la sua democrazia minacciata dall’interno in un modo che Osama bin Laden non è mai riuscito a fare. Col senno di poi, tuttavia, gli attacchi hanno preannunciato l’alba di un’era di traumi politici e turbolenze che ha spento un breve periodo in cui gli Stati Uniti si erano crogiolati in un bagliore di pace dopo la Guerra Fredda, presentandosi come una superpotenza solitaria”.

Di seguito le dichiarazioni di alcuni amministratori toscani sui fatti dell’11 settembre 2001.

“Venti anni fa il mondo si è fermato, ognuno di noi ricorda l’11 settembre: un attacco al cuore della società occidentale. Una storia di tutti che non possiamo dimenticare”. Lo ha scritto, su Facebook, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani.

“11 settembre 2001, vent’anni che valgono un secolo”. Lo ha scritto, su Facebook, il sindaco di Firenze Dario Nardella per ricordare gli attentati all’America. “Ricordo benissimo quell’11 settembre 2001 come se fosse oggi – ha detto in un video mandato in onda da SkyTg24 -. Avevo 25 anni, mi ritrovai nella sede del partito nel quale militavo con un gruppo di amici a guardare il televisore, attoniti. In quello stesso momento mi arrivò una telefonata dalla sua fidanzata perché suo fratello era in luna di miele a New York. Dopo qualche ora, riuscii a sentirlo e mi raccontò in diretta quelle terribili ore che aveva vissuto”.

“Oggi è una giornata triste. Ricordiamo tutti le vittime dell’11 settembre e la scia di vittime che per 20 anni si sono susseguite. Purtroppo, è una vicenda che non si è conclusa, il terrorismo è ancora lì, e credo che questa fuga disordinata dell’occidente dall’Afghanistan fa riflettere che va ripensato il nostro rapporto con questi temi e questi problemi. Da questi ultimi 30 giorni viene fuori la necessità di un’Europa più unita e più forte dal punto della politica estera e anche della difesa”. Così il segretario del Pd Enrico Letta, a margine di un incontro a Montepulciano (Siena) nell’ambito di ‘Luci sul lavoro’.

“L’attentato alle Torri Gemelle resta una ferita indelebile. Ricordo quando, qualche anno dopo, andai negli Stati Uniti e vidi i disegni dei bambini sull’11 settembre. Capii quanto il paese avesse ancora quella ferita dentro, come ce l’ha, ancora oggi, tutto il mondo. Non dimenticare questa data ci serve nella lotta per la democrazia, per la libertà e nella lotta al terrorismo. L’11 settembre deve rimanere un simbolo per quello che rappresenta”. Lo scrive su Fb la sottosegretaria ai rapporti con il Parlamento, Caterina Bini.

L'articolo 11 settembre, 20 anni dopo, i commenti degli amministratori locali da www.controradio.it.

Bini: la senatrice toscana (Pd) nominata sottosegretaria Presidenza del Consiglio

Bini: la senatrice toscana (Pd) nominata sottosegretaria Presidenza del Consiglio

Il Presidente Mario Draghi ha sentito il Consiglio dei ministri in ordine alla proposta, da sottoporre al Presidente della Repubblica, della nomina della senatrice Caterina Bini a Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Si legge nella nota di palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri.

“Il mio ministro, Federico D’Inca’, mi ha appena comunicato che su sua proposta, il consiglio dei ministri mi ha nominato a sottosegretaria di stato per i rapporti con il parlamento”. Lo scrive su facebook Caterina Bini, al termine della riunione del consiglio dei ministri che ha approvato la proposta del premier Draghi di nominare l’esponente Pd in sostituzione di Simona Malpezzi, eletta capogruppo dem al Senato.

“Sono grata al mio partito per avermi proposto, al ministro D’Inca’ e al Presidente Draghi – aggiunge – per la fiducia che hanno riposto in me. Sento tutta la responsabilita’ di questo incarico a cui mi propongo di adempiere con il massimo di impegno e di disponibilita’, a servizio delle Istituzioni del mio Paese. Un pensiero di gratitudine e di affetto alla mia famiglia che mi ha insegnato i valori della partecipazione, del servizio alla comunita’, della cittadinanza e un pensiero speciale alle amiche e agli amici che hanno condiviso con me questi anni di impegno politico. La Costituzione dice che “i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore”. E’ quanto mi propongo di fare, seguendo l’esempio ed il magistero del presidente Mattarella. E’ quanto faro’, con la determinazione e la passione di sempre”.

”Sono felice della nomina di Caterina Bini a sottosegretaria ai Rapporti con il Parlamento. È la prima toscana del Pd al governo e farà sicuramente benissimo”. Lo scrive su Twitter il senatore Pd Andrea Marcucci.

”Buon lavoro Caterina Bini, sottosegretaria ai Rapporti con il Parlamento e senatrice!!!”. Lo scrive su Twitter la capogruppo del Pd al Senato, Simona Malpezzi.

L'articolo Bini: la senatrice toscana (Pd) nominata sottosegretaria Presidenza del Consiglio proviene da www.controradio.it.