Coronavirus: da Firenze appello per app traccia-spostamenti

Coronavirus: da Firenze appello per app traccia-spostamenti

Il Comune di Firenze chiama a raccolta alle imprese cittadine dell’innovazione affinché mettano a disposizione le proprie competenze nella ricerca dell’app traccia-spostamenti per l’emergenza Coronavirus. A lanciare la call è stato nel pomeriggio il ministero dell’Innovazione, insieme a quello della Salute, all’Iss e all’Oms, con il supporto di un comitato scientifico multidisciplinare.

“Faccio appello a tutta la rete del territorio – ha detto l’assessore all’innovazione e ai sistemi informativi di Palazzo Vecchio Cecilia Del Re – perché i soggetti fiorentini del mondo dell’innovazione partecipino alla call lanciata dal ministero dell’Innovazione insieme al ministero della Salute, all’Iss e all’Oms, con il supporto di un comitato scientifico multidisciplinare. È un momento drammatico: tutti riponiamo grandi speranze nella ricerca e nelle tecnologie applicate alla ricerca anche in questo campo. Firenze può e vuole fare la sua parte”.

L'articolo Coronavirus: da Firenze appello per app traccia-spostamenti proviene da www.controradio.it.

Firenze: chiusi parchi e giardini

Firenze: chiusi parchi e giardini

In seguito alle nuove direttive del Governo Conte e alle maggiori restrizioni, il Comune di Firenze, per evitare affollamenti di persone all’aria aperta, ha deciso di chiudere parchi e giardini.

Di seguito il comunicato pubblicato dall’Assessora  all’ambiente,  Cecilia Del Re:

“Il grande afflusso di ieri nei nostri giardini e parchi senza però il rispetto della distanza minima, specie intorno alle aree gioco, ci ha costretti a chiudere i giardini, che da oggi dunque saranno chiusi fino a nuove disposizioni.

L’indicazione è chiara: dovete stare a casa, la situazione è seria, per cui evitate per piacere di andare anche nei parchi e negli spazi verdi liberi, anche nei prossimi giorni quando tornerà il bel tempo. Se volete portare fuori il vostro cane o fare due passi, fatelo intorno alla vostra abitazione così da non aggregarvi tutti in un medesimo spazio.

È un sacrificio per tutti, lo so, ma lo dobbiamo fare tutti insieme per uscire il prima possibile da questa situazione in cui si trova il nostro Paese, la nostra Regione, la nostra Firenze.

Uniti ce la faremo, e come ci stanno dicendo i bambini, ‘andrà tutto bene’.

Contiamo sul vostro senso di responsabilità nel rispetto delle regole. I controlli si faranno sempre più serrati, e la polizia municipale già da ieri è in circolazione con il solo obiettivo di verificare il rispetto da parte nostra delle regole per affrontare questa situazione (ed applicare, se del caso, le relative sanzioni).

Sanificheremo le strade, i giochi e gli arredi urbani, e se ognuno di noi farà la propria parte potremo poi tornare a goderci in libertà i nostri bellissimi spazi verdi.

Con la Direzione Ambiente e i Presidenti di Quartiere, avevamo appena finito di mappare 200.000 mq di verde pubblico inesitato che avevamo censito in città per metterlo poi a disposizione di tutti con nuovi progetti, funzioni, alberi e servizi.

Quel lavoro lo porteremo avanti, e sarà il nostro premio se sapremo essere ora responsabili per la nostra comunità e la nostra città. Ne sapremo allora ancor più apprezzare il valore.
Forza, coraggio, andrà tutto bene!”

L'articolo Firenze: chiusi parchi e giardini proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: Firenze, stop a mercati e banchi non alimentari

Coronavirus: Firenze, stop a mercati e banchi non alimentari

In seguito all’emergenza relativa al Coronavirus, a Firenze sono sospesi da domani tutti i mercati non alimentari su suolo pubblico, potranno rimanere aperti i banchi di alimenti purché recintati e rispettosi delle norme anti assembramento.

Possono dunque restare aperti anche i mercati alimentari coperti come Sant’Ambrogio e San Lorenzo, nel rispetto degli accessi contingentati e delle norme che prevedono la distanza di un metro. La decisione è stata presa oggi da Palazzo Vecchio che ha recepito le nuove indicazioni arrivate dal Governo: l’ordinanza del sindaco Dario Nardella sarà in vigore fino al 3 aprile.

Come sottolinea l’assessore al commercio Federico Gianassi “in questo momento difficile è necessario attenersi alle regole per evitare il più possibile il diffondersi dell’epidemia”. Restano aperti per ora i parchi e i giardini pubblici dove comunque sono stati apposti stamani cartelli per chiedere l’osservanza delle indicazioni poste dal Dpcm e raccomandare il rispetto delle misure di sicurezza e il divieto di
assembramento, specie intorno alle aree gioco.

“Su richiesta del Comune di Firenze – ha detto l’assessora all’ambiente Cecilia Del Re – Alia Servizi ambientali, in aggiunta alle strade, attiverà un servizio aggiuntivo di sanificazione su giochi e panchine nei giardini pubblici e pubblica via, nonché su ogni arredo urbano che possa entrare in contatto con l’uomo”, utilizzando “una miscela di acqua e ipoclorito di sodio allo 0,1%”.

L'articolo Coronavirus: Firenze, stop a mercati e banchi non alimentari proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: premio a balconi fioriti Firenze per rilancio

Coronavirus: premio a balconi fioriti Firenze per rilancio

Sensibilizzare sull’importanza del verde nel contesto urbano e nella tutela della biodiversità ma anche ‘far girare’ nel mondo un’immagine colorita e fiorita di Firenze in un momento di difficoltà causato dall’emergenza Coronavirus

E’ il duplice obiettivo del concorso ‘Fiori a Fiorenza’, organizzato dal Comune con la Società toscana di orticultura, i cinque Quartieri e il sostegno di Fondazione Cr Firenze. Per il lancio dell’iniziativa, il terrazzo di Palazzo Vecchio si è colorato di fiori, dando anche visivamente il via al concorso. Il concorso prende il via oggi 6 marzo e si chiuderà il 30 aprile.

Per partecipare sarà sufficiente inviare una foto del balcone fiorito, indicando la zona e il quartiere di riferimento. A valutare i balconi più belli saranno per il 60% una giuria tecnica e per il 40% una giuria popolare. Saranno premiati i primi 10 classificati, due per quartiere. La premiazione si terrà il 9 maggio presso la sede della Società toscana di orticultura a Villa Bardini.

Come ha sottolineato l’assessore all’ambiente di Palazzo Vecchio Cecilia Del Re “l’iniziativa assume un doppio valore perché ci consente di diffondere un’immagine di una Firenze ancora vitale e accogliente in questo momento di forte difficoltà”.

L'articolo Coronavirus: premio a balconi fioriti Firenze per rilancio proviene da www.controradio.it.

‘Black History Month Florence’, al via la quinta edizione

‘Black History Month Florence’, al via la quinta edizione

🔈Firenze, torna per la quinta edizione il ‘Black History Month Florence’, il festival dedicato a promuovere la cultura “black” e la diversità delle culture afro-discendenti nel contesto italiano, con un’attenzione particolare all’integrazione e alla mediazione interculturale.

Il festival Black History Month Florence, che si svolgerà a febbraio, prevede oltre 50 eventi in oltre 40 spazi sul territorio cittadino e raccoglie sotto un’unica programmazione varie attività culturali (cinema, arte, cucina, teatro, danza, laboratori, conferenze, visite e spettacoli), con lo scopo di far conoscere ed apprezzare le culture afro-discendenti per facilitare la ricerca e il dialogo interculturale.

“Firenze è città di dialoghi e ponti, anche attraverso la produzione culturale e il confronto tra culture – ha sottolineato l’assessore Sacchi -. Il lavoro che gli organizzatori fanno, in collaborazione con le maggiori istituzioni della nostra città, è di grande qualità e porta a Firenze il mondo delle culture afrodiscendenti, con aspetti legati soprattutto alle arti e agli aspetti sociopolitici e con interventi e protagonisti di estrema qualità. L’operazione culturale che è intrinseca nel progetto è la risposta più forte ad ogni forma o tentativo di rigurgiti razzisti che purtroppo registriamo anche in Italia in maniera troppo frequente”.

Tra gli eventi principali On Being Present, un’interfaccia culturale sul sito web delle Gallerie degli uffizi che esamina la presenza dell’Africa nera nelle collezioni; YGBI Research Residency dedicato ai giovani artisti afro-discendenti residenti in Italia in collaborazione con Ocad University e The Student Hotel; una mostra collettiva a Murate Art District e un progetto di archivio in collaborazione con Villa Romana.

L’evento, promosso anche dall’amministrazione comunale, è stato presentato dall’assessore alla cultura Tommaso Sacchi alla presenza tra gli altri dell’organizzatore Justin Thompson e della direttrice di Murate Art District Valentina Gensini.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’organizzatore di Black History Month Florence, Justin Thompson:

L'articolo ‘Black History Month Florence’, al via la quinta edizione proviene da www.controradio.it.