RAID, Centro Pecci Prato: sabato la nuova performance di Marcello Maloberti

RAID, Centro Pecci Prato: sabato la nuova performance di Marcello Maloberti

In occasione della Giornata del Contemporaneo le mostre in corso al Centro Pecci saranno a ingresso libero dalle ore 10 alle ore 23

Il Centro Pecci è lieto di presentare RAID, una nuova performance di Marcello Maloberti
appositamente concepita per gli spazi del museo e unica opera dell’artista realizzata
appositamente per la 14° Giornata del Contemporaneo.

La poliedrica ricerca di Maloberti include numerosi linguaggi che comprendono il collage,
la fotografia, il video, la performance e grandi installazioni luminose o sonore. Le sue
opere hanno spesso un forte impatto teatrale e danno vita ad intenso coinvolgimento del
pubblico, chiamato ad attribuire un senso al lavoro che non è mai definito a priori.
Soprattutto le performance assumono forme plurali – dalle processioni, ai tableaux vivant,
agli happening – connotandosi sempre come azioni simboliche e suggestive, che fondono
l’inusuale con il familiare, il realismo con l’immaginazione.

La performance RAID fa parte delle iniziative promosse da AMACI per la Giornata del
Contemporaneo, che vede per la prima volta dedicare ad un artista, oltre alla realizzazione
dell’immagine guida della manifestazione, una mostra personale diffusa su tutto il territorio
nazionale. Il 13 ottobre infatti tutti i musei AMACI ospiteranno simultaneamente e per un
giorno una selezione di opere di Marcello Maloberti, offrendo al pubblico la possibilità di
conoscere e approfondire la sua produzione.

Per celebrare i festeggiamenti del trentennale del Centro Pecci, in corso durante tutto
il 2018, Maloberti è stato invitato a concepire una performance che dialogasse in
modo inedito con i suoi spazi e la sua collezione. Il lavoro proposto per il museo
riunisce alcune delle tematiche ricorrenti dell’artista, la fascinazione per i libri, la relazione
con le immagini iconiche della storia dell’arte, il connubio tra dimensione museale e azioni
effimere, l’idea di moltitudine e corpo collettivo che trova qui formalizzazione nel
coinvolgimento di performer diversi per età, etnie, religione, orientamento sessuale,
accomunati dalla stessa azione apparentemente insensata ma dirompente.

RAID vede i performer compiere un atto privo di ordine precostituito, la performance si sviluppa nello spazio in maniera casuale e improvvisa, proprio come un’incursione nelle sale del museo che lascerà presenze minimali e allo stesso tempo evocative del suo passaggio.

La performance di Marcello Maloberti segnala un nuovo, convinto, impegno produttivo del
Centro Pecci nei confronti dell’arte italiana. Impegno confermato a breve dalla mostra
dedicata al rapporto tra Fabio Mauri e Pier Paolo Pasolini, curata da Francesco
Vezzoli, che sarà presentata dal Centro Pecci nella primavera 2019.

L'articolo RAID, Centro Pecci Prato: sabato la nuova performance di Marcello Maloberti proviene da www.controradio.it.

Prato, al via la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL

Prato, al via la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL

Presentata oggi alle 12 presso il Teatro Magnolfi la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL, che dal 24 al 30 settembre inaugura le attività della nuova stagione del Teatro Metastasio di Prato. Il progetto è organizzato con il contributo di Regione Toscana e Comune di Prato.

In particolare CONTEMPORANEA FESTIVAL 18 sviluppa il proposito che già aveva animato la scorsa edizione e prosegue la “riflessione pratica e teorica sul tema di crollo/cedimento/rovina/caduta” definendo una piattaforma di osservazione sui processi di crisi in ambito creativo, con particolare attenzione a un tema caldo del dibattito teatral-culturale degli ultimi tempi: i festival e la loro funzione.

Oltre agli spettacoli e alle produzioni site specific di circa 20 gruppi/artisti, un focus particolare sulla coreografia nazionale e d’oltralpe e diverse esperienze laboratoriali, ci saranno incontri, confronti, tavole rotonde e momenti teorici di approfondimento tra operatori, critici, studiosi e artisti. Inoltre, con tre diversi progetti che gettano un ponte tra le arti della scena e l’arte contemporanea, si consolida la pluriennale collaborazione del festival con il Centro Pecci per l’Arte contemporanea.

Per tutta la durata del festival sarà attivo uno spazio di ristoro e relax presso l’ex Chiesino San Giovanni, in collaborazione con Fonderia Cultart a cura di Atipico.

Curiosità e criticità di sguardo hanno sempre contraddistinto la passione del direttore Edoardo Donatini nel tracciare un racconto di urgenze e complessità del presente attraverso i molteplici linguaggi del contemporaneo, facendo di questo festival un luogo di pensiero e azione più che una vetrina.

Mentre il ”processo creativo” e le tappe necessarie alla composizione dell’opera sono sempre state l’elemento fondante di questo racconto – tra sconfinamenti stilistici, fuori formati e complessità di modalità produttive -, l’approccio al monitoraggio del magma cangiante e fluido delle arti della scena contemporanea si è da sempre sviluppato in tre direzioni principali.

Innanzitutto la proposta di spettacoli e performance di artisti nazionali e internazionali difficilmente visibili nei circuiti teatrali ufficiali e l’attivazione di laboratori formativi per operatori e pubblico. Oltre a questo, la collaborazione tra istituzioni culturali del territorio e l’attivazione di una fitta maglia di relazioni nazionali e internazionali con la creazione di una rete di soggetti affini capaci di incentivare dati di cooperazione e circuitazione degli artisti e di innescare un meccanismo virtuoso di reciprocità degli scambi da e per l’Italia.

Infine, l’organizzazione di diversi momenti di riflessione teorica e critica sui meccanismi del ‘sistema teatro’, capaci di incidere sul ruolo dell’arte nella mappa della cultura e dell’innovazione.

Tutto il programma è consultabile sul sito: http://www.contemporaneafestival.it/

Biglietto € 10 (ridotto under25 – € 7)
ULTRAS | 10 MINIBALLETTI | BIOGRAFIA DI UN CORPO | COMBATTIMENTO | MAPPE| CANAPA | NETTLES*** :Biglietto € 7 (ridotto under25 – € 5)
HM: Ingresso libero

Abbonamento giornaliero che permette di assistere a tutti gli spettacoli del Festival in programma in ognuna delle giornate del Festival, in base della disponibilità dei posti rimasti liberi, al prezzo unico di € 15
In vendita anche on-line. Chiunque stipulerà un abbonamento per la stagione 18/19 avrà diritto a uno sconto del 50% su tutti i biglietti del Festival.

 

 

L'articolo Prato, al via la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL proviene da www.controradio.it.

Il Centro Pecci festeggia 30 anni di attività

Il Centro Pecci festeggia 30 anni di attività

Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato festeggia i trent’anni dalla sua nascita attraverso una serie di eventi che avranno nella giornata di sabato 23 giugno il momento culminante.

Laboratori e incontri, mostre e concerti si alterneranno a partire dalle ore 15.30 coinvolgendo un pubblico di tutte le età e confermando l’attenzione del Centro fin dalla sua fondazione non solo per le attività espositive ma anche per quelle multidisciplinari.

Nel corso della giornata sarà possibile visitare le due mostre attualmente in corso al Centro Pecci: la personale dedicata all’artista inglese Mark Wallinger, vincitore nel 2007 del Turner Prize e noto per la sua ricerca sul tema dell’identità attraverso vari mezzi espressivi e la mostra “Dentro la collezione”, un percorso immersivo fra le opere del museo e tra gli artisti italiani e internazionali che tracciano le linee guida dell’arte degli ultimi cinquant’anni.

Sabato 23 giugno alle ore 15.30 si parte con il laboratorio a ingresso libero “Costruire un albero” che riprende un fortunato format di Bruno Munari dei primi anni di apertura del museo. Famiglie e curiosi avranno quindi la possibilità di mettersi in gioco contribuendo alla costruzione di un’enorme installazione di diversi colori e materiali.

Alle 18.30 avrà luogo invece la premiazione dei vincitori del concorso fotografico “Pecci Flash Back” nel quale i partecipanti dovevano, attraverso le immagini, rappresentare spazi, protagonisti, eventi oppure opere legate ai trent’anni di storia del museo.

Alle 19.00 si terrà l’incontro aperto al pubblico dal titolo “Houston, pronti al decollo. Cambiamenti e prospettive a trent’anni dall’apertura del Centro Pecci” Un confronto per analizzare quanto sia cambiato in questi anni il museo ma anche la città di Prato. Muovendosi tra passato e futuro ne discuteranno, insieme alla direttrice Cristiana Perrella, l’artista Maurizio Nannucci, il direttore del Museo del Novecento di Firenze Sergio Risaliti e lo scrittore Edoardo Nesi, moderati dalla giornalista e critica Alessandra Mammì.

Alle ore 22.00 il gran finale della giornata con il concerto a ingresso libero nel teatro all’aperto di GODBLESSCOMPUTERS, beatmaker, producer e dj italiano fra hip hop, dub ed elettronica e il live dj-set di NUMA CREW, collettivo che mescola nelle sue produzioni la cultura del sound system, del l’hip hop e della musica underground inglese.

Sempre sabato 23 giugno alle ore 21.00 cena per i trent’anni del Centro Pecci al ristorante Myo. Menù in tre portate ideato da Angiolo Barni al costo di 25 euro. E’ consigliata la prenotazione al numero 0574-1597312

Per ulteriori informazioni sugli eventi in programma  www.centropecci.it

L'articolo Il Centro Pecci festeggia 30 anni di attività proviene da www.controradio.it.

Pecci Summer Live. Concerti per i trenta anni del Centro Pecci di Prato

Pecci Summer Live. Concerti per i trenta anni del Centro Pecci di Prato

In occasione del Trentennale delle attività, il Centro Pecci ospiterà un programma di eventi in collaborazione con Prato Estate. Si parte il 23 di giugno con una giornata di celebrazione e festa a ingresso libero, che culminerà con la performance di Godblesscomputers.

In occasione del Trentennale delle attività, il Centro Pecci ospiterà un programma di eventi in collaborazione con Prato Estate. A partire dal 23 giugno sino al 13 luglio il teatro all’aperto del Centro verrà animato da artisti nazionali e internazionali, mescolando generi musicali grazie ad un programma capace di coinvolgere pubblici variegati. La rassegna Pecci Summer Live raccoglie la vocazione alla trasversalità dei generi, al multiculturalismo e una particolare sensibilità rivolta al panorama musicale contemporaneo che ha caratterizzato l’attività del museo sin dalla sua apertura.

PROGRAMMA:

Pecci 30th Anniversary
23 giugno
Ingresso libero

Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci festeggia i trent’anni dalla sua nascita con una serie di eventi tesi a ripercorrere i momenti salienti della sua storia. Ad inaugurare il calendario di iniziative, il 23 giugno, una giornata di celebrazione e festa a ingresso libero, che culminerà con la performance di Godblesscomputers, beatmaker, producer e dj italiano fra hip hop, dub ed elettronica, e il live dj-set di NUMA CREW, collettivo che mescola nelle sue produzioni la cultura del sound system dell’hip hop e della musica underground inglese.

Iosonouncane e Paolo Angeli
27 giugno, ore 21.30
Ingresso 15 €

Iosonouncane è uno dei più originali e coraggiosi cantautori italiani, un artista per cui la parola e la poesia si associa sempre e necessariamente con la ricerca musicale e l’innovazione. Il suo secondo album, DIE è stato accolto da consensi e reazioni entusiastiche ed è stato votato come uno dei dischi più belli ed importanti dell’anno.
Paolo Angeli è un maestro della chitarra sarda preparata, uno speciale strumento da lui concepito nel corso di decenni di ricerca. Autentico globe trotter senza confini, è sempre in giro per il mondo a portare la sua musica, sia in recital concertistici solitari che in importanti collaborazioni con altri musicisti.

Frah Quintale
28 giugno, ore 21.30
Ingresso 15 €
biglietti: Boxoffice Toscana > https://bit.ly/2L9FCJJ
e Ticketone > https://bit.ly/2KxgsmZ

Frah Quintale, classe 1989, inizia il percorso musicale all’interno dei Fratelli Quintale, eclettico gruppo hip hop. Nel 2016 la prima uscita da solista con l’etichetta indipendente Undamento con il brano Colpa del Vino. A fine dello stesso anno esce l’EP 2004, che ha ottenuto un buon riscontro di pubblico e dei media musicali. Nell’ottobre del 2017, dopo le anticipazioni con lungolinea, la speciale playlist Spotify creata come un flusso creativo di brani, parti strumentali e messaggi vocali, è stato prodotto per Undamento Regardez Moi, il primo lavoro sulla lunga distanza, interamente scritto da Frah.

Mulatu Astatke
5 luglio, ore 21.30
Ingresso 15-18 €
biglietti: Boxoffice Toscana > https://bit.ly/2wSiImQ
e Ticketone > https://bit.ly/2It30Uw

Mulatu Astatke (Official Artist Page), compositore/vibrafonista e multistrumentista è da annoverare tra i più importanti musicisti africani di sempre. Negli anni ’60 ha creato il movimento musicale denominato Ethio-Jazz, in cui si fondono tradizione etiope, influenze latinoamericane ed improvvisazione jazzistica. Vanta una carriera prestigiosa, impreziosita da collaborazioni con Duke Ellington, Mongo Santamaria e molti altri.

The Veils
12 luglio, ore 21.30
Ingresso 10 €
biglietti: Boxoffice Toscana > https://bit.ly/2rNl6p6
Ticketone > https://bit.ly/2Isr6Pm

I Veils nascono nel 2002 per iniziativa di Finn Andrews, esplodendo in tutto il mondo con il singolo Lavinia e con l’ album The runaway found. Tre anni dopo arriva Sun gangs, terzo capitolo discografico della band prodotto da Graham Sutton. Nel 2013 sarà la volta del disco Time stays, we go e nel 2016 l’album Total Depravity che segna il ritorno della band con il produttore Adam “Atom” Greenspan e Nick Launay, che vede tra l’altro la collaborazione del frontman Andrews con El-P dei Run The Jewels. Scritto e registrato nell’arco di due anni, Total Depravity è un disco dalle mille sfaccettature ed ogni brano è una storia.

Calexico
13 luglio, ore 21.30
Ingresso 20 €
biglietti: Boxoffice Toscana > https://bit.ly/2L7avhM
e Ticketone > https://bit.ly/2Gp3561

Produzione Festival delle Colline
In collaborazione con Fonderia Cultart

Joey Burns e John Convertino alias Calexico, sprigionano lo spirito del crossover tipico delle popolazioni del sud degli Stati Uniti d’America al confine col Messico. Il nono album in studio, The Thread That Keeps Us è un puntuale spaccato della band originaria dell’Arizona: un ritratto di famiglia che cattura tutta la loro imprevedibilità e varietà stilistica. Per la produzione di questo album i Calexico hanno collaborato con musicisti da tutto il mondo inventando un suono terrestre ed espansivo contornato da chitarre graffianti e momenti di distorsione.

INFO

L'articolo Pecci Summer Live. Concerti per i trenta anni del Centro Pecci di Prato proviene da www.controradio.it.

“Welcome to the Happy Days” chiude a Prato la 5/a edizione del Dragon Film Festival

“Welcome to the Happy Days” chiude a Prato la 5/a edizione del Dragon Film Festival

“Welcome to the Happy Days”, commedia taiwanese del regista Gavin Lin (diventata un caso in patria) è il film di chiusura del 5/o Dragon Film Festival, la rassegna dedicata al meglio della cinematografia da Cina continentale, Hong Kong e Taiwan, martedì 8 maggio alle 20.00 al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato

“L’Happy Days” è un albergo di Taipei, caduto in disgrazia dopo che la sua anziana fondatrice è rimasta coinvolta in un incidente. Neanche la nipote della donna riesce a migliorare la situazione, fino all’arrivo del giovane americano Allen, che si offre come volontario per lavorare all’hotel. Potranno una ragazza taiwanese e uno straniero far rivivere l’Happy Days scoprendo il segreto nascosto al suo interno?

Le proiezioni al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci partiranno alle 17.00 con “Love off the Cuff”, commedia romantica di Pang Ho-chung che mette in scena le peripezie amorose della coppia composta da Jimmy Cheung e Cherie Yu, rispettivamente gli attori Shawn Yue e Miriam Yeung. Il film chiude la trilogia iniziata con “Love in a Puff” del 2010 e “Love in the Buff” del 2012. Al centro della storia le problematiche della coppia che sta ormai insieme da qualche anno: lei che aspetta una proposta di matrimonio che tarda ad arrivare, e lui al quale non dispiacerebbe avere un bambino. La loro è una storia destinata a durare oppure è arrivata al capolinea? Tra partenze e arrivi, amici strambi, genitori immaturi e alti e bassi della vita la coppia conoscerà il suo destino.

Info: Dragon Film Festival, via Madonna della Pace 62, Firenze | 055 5048516 | info@dragonfilmfestival.com | www.dragonfilmfestival.com

Ingresso: biglietto proiezione pomeridiana 4€; biglietto proiezione serale 5€

 

 

L'articolo “Welcome to the Happy Days” chiude a Prato la 5/a edizione del Dragon Film Festival proviene da www.controradio.it.