#ritrattidicittà: il futuro post-Covid immaginato dagli studenti

#ritrattidicittà: il futuro post-Covid immaginato dagli studenti

Città verdi e con tanti spazi di aggregazione, un domani venato di ottimismo e un presente vissuto con difficoltà ma anche con speranza. Così i ragazzi di Colle di Val d’Elsa, Poggibonsi, Radicondoli, San Gimignano, Volterra immaginano il futuro secondo #ritrattidicittà, concorso artistico organizzato dall’associazione Culture Attive in cui si invitavano studenti e giovani a raccontare il mondo e la vita dopo la pandemia attraverso con testi, disegni, foto e video.

L’iniziativa è stata organizzata grazie al supporto e alla sinergia con le Amministrazioni comunali di Volterra, San Gimignano, Radicondoli, Colle di Val d’Elsa e Poggibonsi, parti attive nella divulgazione del contest presso le scuole sui rispettivi territori.

28 gli elaborati in concorso, alcuni realizzati da singoli, altri in forma collettiva da intere classi o gruppi.

I premi riservati alla scuola secondaria di primo grado sono andati agli studenti Tommaso (dell’Istituto Comprensivo di Volterra, con il testo “La mia Volterra”), a Giulia (dell’Istituto Comprensivo 1 di Poggibonsi, disegno) e a Sara (dell’Istituto Comprensivo 1 di Colle di Val d’Elsa, foto collage).

Ad aggiudicarsi i riconoscimenti per la scuola secondaria di secondo grado sono stati gli studenti Chiara (del Liceo Scienze applicate dell’ Istituto Roncalli Sarrocchi di Poggibonsi, con il testo “22.29”), Sara, Andrea, Alice (dell’Istituto San Giovanni Bosco e Cennino Cennini di Colle di Val d’Elsa, con la poesia “Pandemia”), Guya (dell’Istituto San Giovanni Bosco e Cennino Cennini di Colle di Val d’Elsa, fotografia).

A dispetto di una generazione che immaginiamo ipertecnologica, gli strumenti più utilizzati dagli studenti sono stati il disegno e la tecnica del collage. Dagli elaborati in concorso sono emerse riflessioni profonde: da un lato fiducia e ottimismo nel futuro, dall’altro tutte le difficoltà del momento che attraversiamo, in particolare la separazione forzata dai coetanei.

La giuria era composta da Martina Marolda, storica dell’arte (per Associazione Culture Attive), Carolina Taddei, storica dell’arte e assessora alla cultura del Comune di San Gimignano, Michela Eremita, storica dell’arte e direttrice del Museo d’Arte per Bambini di Siena, Laura Manzi, operatrice culturale, e Massimo Ricciardo, artista e insegnante.

#ritrattidicittà ha avuto anche un’appendice torinese, grazie all’artista e docente Massimo Ricciardo, che ha fatto proprio il progetto coinvolgendo classi secondarie di primo grado del capoluogo piemontese.

“È un onore per Volterra – dichiara l’assessora all’Istruzione Viola Luti – avere tra i propri alunni un vincitore di questo importante concorso partecipativo. Il progetto, che mette al centro le idee delle giovani generazioni sulle proprie città, può davvero contribuire alla rigenerazione e alla riconfigurazione dello spazio urbano attraverso l’umanità e il sapere diffuso che ogni comunità locale conserva. E proprio lo sguardo rivolto al futuro dei giovani – conclude Luti – ci dà la forza per guardare con coraggio e speranza al superamento di questa fase storica così difficile, tutte e tutti insieme”.

Susanna Salvadori, assessora alle Politiche Educative del Comune di Poggibonsi, torna a ribadire l’importanza di “continuare a pensare la città, anche in questo periodo in cui il contatto con l’esterno è venuto meno. Pensare la città vuol dire pensare se stessi. E noi siamo le relazioni che costruiamo. È questa l’ottica in cui pensare al futuro: insieme alla sostenibilità, alla capacità di inventare e rendere attrattive le nostre realtà. L’altro aspetto da sottolineare – prosegue Salvadori – è la collaborazione tra tanti comuni, scuole e istituzioni. Perché è questa questa collaborazione che ci rende forti, ci rende comunità, e ci aiuta a pensare il mondo dopo il Covid”.

“Faccio le più sentite congratulazioni da parte dell’amministrazione di Colle di Val d’Elsa agli studenti premiati, in particolare ai cinque della nostra città – dichiara l’assessore alla Cultura Cristiano Bianchi – ma nello stesso tempo mi preme ringraziare tutti quelli che hanno partecipato a Ritratti di Città, perché hanno contribuito con i loro progetti e la loro immaginazione a darci uno spunto importante, uno sguardo dentro e soprattutto oltre il momento che stiamo vivendo. È fondamentale infatti che il modo in cui immaginiamo il futuro ci sia indicato da coloro che lo abiteranno”.

Giulia – contest Ritratti di Città


“Un contest che ha saputo dare voce ai nostri ragazzi – afferma Carolina Taddei, assessora alla Cultura del Comune di San Gimignano – ai loro sogni e idee di futuro: una comunità giovane e resiliente che, grazie all’arte, alla cultura, sa indicarci la direzione da cui ripartire”.

“Gli avvenimenti che hanno caratterizzato il 2020 – dichiara Luca Moda, assessore alla Cultura di Radicondoli – sono destinati probabilmente a modificare il nostro modo di vita e di lavoro e di conseguenza la visione delle nostre città. La prospettiva degli studenti è certamente un punto di vista attuale e rappresentativo che deve fare riflettere gli amministratori.  Il sentimento di ottimismo e fiducia nel futuro che traspare dai progetti, lo condividiamo come Amministrazione e fa piacere ritrovarlo in chi sarà domani il protagonista della nostra società. Ringrazio la Regione Toscana e il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato per la sensibilità dell’iniziativa, l’associazione Culture Attive per la realizzazione del progetto, gli altri Comuni coinvolti, ma soprattutto i ragazzi che hanno voluto partecipare con tale entusiasmo”.

Concorso organizzato dall’associazione Culture Attive di San Gimignano in collaborazione con le Amministrazioni comunali di Volterra, San Gimignano, Radicondoli, Colle di Val d’Elsa e Poggibonsi nell’ambito del progetto “Ritratti di Città – Per una narrazione contemporanea dell’arte ambientale” con il contributo della Regione Toscana, tramite il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, nell’ambito di Toscanaincontemporanea2020. Info https://www.facebook.com/CultureAttive

L'articolo #ritrattidicittà: il futuro post-Covid immaginato dagli studenti proviene da www.controradio.it.

“Ritratti di città”: concorso artistico sulla vita dopo la pandemia

“Ritratti di città”: concorso artistico sulla vita dopo la pandemia

Raccontare il mondo e la vita che immaginiamo dopo la pandemia, le visioni future delle città: sono i temi del concorso aperto agli studenti e alle studentesse di San Gimignano, Poggibonsi, Colle di Val d’Elsa e Radicondoli.

Le iscrizioni terminano il 20 novembre 2020 e si può partecipare con testi, disegni, foto, audio  e video. Rivolto in particolare agli studenti e alle studentesse delle scuole primarie e secondarie, il concorso mette in palio, per i primi classificati, visite guidate ai tesori di arte ambientale della Valdelsa, materiali da disegno, libri, zainetti, shopper, copie dell’art-comics “Il Dormiente”.

“Dopo ‘Archifest – Abitare il mondo altrimenti’ – afferma Cristiano Bianchi, Assessore alla Cultura del Comune di Colle di Val d’Elsa – questa sarà un’altra opportunità per immaginare il futuro di Colle Val d’Elsa. La città conferma la sua vocazione all’arte contemporanea e all’architettura. La multidisciplinarietà del contest e le giovani voci che lo animeranno, aprono stavolta scenari inediti. Sarà anche uno spaccato sociologico del momento che stiamo vivendo, drammatico, filtrato attraverso i linguaggi delle arti digitali. E’ infatti di fondamentale importanza che la nuova idea di futuro, da perseguire alla fine di questa emergenza, ci sia indicata proprio dai ragazzi e dalle ragazze che quel futuro abiteranno”.

Dice Susanna Salvadori, assessora alla Politiche Educative del Comune di Poggibonsi: “E’ un invito alla creatività, a guardarsi fuori e dentro. E’ un invito a guardare avanti, al di là delle difficoltà enormi del momento. Perché se è vero che non scegliamo noi cosa vivere, possiamo scegliere noi come viverlo. E che direzione dare alla realtà circostante. Buon lavoro, dunque”.

“E’ un progetto – come afferma Luca Moda, Assessore alla Cultura del Comune di Radicondoli – che punta sulla creatività e lascia carta bianca a giovani e giovanissimi. Una fotografia dei lori umori e delle loro speranze, scattata in uno dei momenti più difficili della nostra storia. Ne faremo tesoro”.

“E’ sempre stato forte il legame tra il patrimonio artistico della nostra città e la contemporaneità – spiega Carolina Taddei, Assessora alla Cultura del Comune di San Gimignano – il contest darà voce soprattutto alle nuove generazioni, un punto di vista essenziale per progettare il futuro. In un momento come questo, la cultura è capace di resistere nonostante tutto e di darci conforto”.

“Il coinvolgimento delle scuole in questo progetto – dichiara l’assessora all’Istruzione del Comune di Volterra Viola Luti – è particolarmente importante perché lo sguardo delle giovani generazioni sulle proprie città può contribuire a una riconfigurazione dello spazio urbano, dei tempi e dello stile di vita. Il loro contributo è una risorsa preziosa per il futuro di tutti”.

Il concorso è organizzato dall’associazione Culture Attive di San Gimignano nell’ambito del progetto “Ritratti di Città – Per una narrazione contemporanea dell’arte ambientale” con il contributo della Regione Toscana, tramite il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, nell’ambito di Toscanaincontemporanea2020.

Gli elaborati devono essere inviati tramite Wetransfer all’ e-mail

 

L'articolo “Ritratti di città”: concorso artistico sulla vita dopo la pandemia proviene da www.controradio.it.

Nuove mostre ed altre iniziative al Museo Pecci

Nuove mostre ed altre iniziative al Museo Pecci

🔈Prato, due nuove mostre, un’installazione e un giorno di apertura in più al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci.

Presentata infatti ‘Protext!’ la grande mostra che attraverso le opere di nove artisti internazionali racconta il tessuto come prodotto universale, artistico e comunicativo, la mostra ‘Litosfera’, un dialogo tra le opere di Giorgio Andreotta Calò e di Elena Mazzi e Sara Tirelli, e l’allestimento di ‘Raid’ l’opera di Marcello Maloberti recentemente acquisita dal museo.

Inoltre, dal 28 ottobre il museo apre anche il mercoledì e il sabato e la domenica estende l’orario di apertura, e l’accesso alla Collezione Permanente sarà gratuito.

Le nuove mostre sono anche l’occasione per annunciare altre importanti novità come l’estensione dell’orario di apertura. A partire da mercoledì 28 ottobre infatti, il museo sarà aperto da mercoledì a domenica, e nel weekend resterà aperto un’ora in più: sabato e domenica infatti aprirà alle ore 11.00.

Particolare attenzione viene data alla collezione permanente, che non solo è protagonista delle nuove esposizioni Litosfera e Raid – con un focus sulle opere da poco acquisite di Giorgio Andreotta Calò, in collezione dal 2019, e Marcello Maloberti, dal 2020 – ma che sarà visitabile con ingresso libero per tutti.

“Il ruolo del nostro museo, oggi, è sempre più quello di collettore di energie per il territorio e di spazio sociale sicuro per la comunità: solo rafforzando il legame del Pecci con Prato, valorizzandone le assonanze e le corrispondenze e stringendo ulteriormente i legami esistenti o creandone di nuovi possiamo restituire al museo la sua centralità – sostiene la Direttrice del Pecci, Cristiana Perrella –. In questi tempi difficili il Centro Pecci vuole continuare a essere la casa di chi ama l’arte e la cultura: un luogo grande e sicuro, accogliente e inclusivo, capace di parlare a tutti. La nostra missione è di continuare a crescere con il nostro territorio, per tornare ad aprirci, non appena possibile, al mondo intero. E per farlo ora vogliamo dare un segnale significativo di apertura e allo stesso tempo di responsabilità.”

Gimmy Tranquillo ha intervistato la Direttrice del Pecci, Cristiana Perrella:

L'articolo Nuove mostre ed altre iniziative al Museo Pecci proviene da www.controradio.it.

Luigi Pecci di Prato, il museo riapre in piena sicurezza

Luigi Pecci di Prato, il museo riapre in piena sicurezza

?Prato, Il Centro per l’Arte contemporanea Luigi Pecci di Prato riapre oggi accogliendo nuovamente i suoi visitatori, in piena sicurezza e con una ricca programmazione: dalla proroga di The Missing Planet alla nuova video installazione Interregnum di Adrian Paci; dalle dieci bandiere d’artista realizzate per Centro Pecci Extra al progetto KENE/Spazio, alla mostra dedicata a Ren Hang, che inaugurerà il 4 giugno.

Per essere ancora più aperti alla città e ai visitatori, l’ingresso del Museo Luigi Pecci, fino al 3 giugno, sarà gratuito per tutto il museo. Dal 4 giugno e per tutta l’estate sarà a pagamento solo la mostra di Ren Hang, con biglietto ridotto. L’orario di apertura sarà dalle 12.00 alle 20.00, dal giovedì alla domenica.

“Ripartiamo dalla Cultura” come direbbe Jean Monnet, padre fondatore dell’Europa. Dopo l’emergenza di questi mesi, il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è pronto ad accogliere il suo pubblico, un segnale importante non solo per la città ma anche per la Toscana, una regione ricca non solo di storia ma di progetti e istituzioni contemporanee innovative. Mai come adesso è fondamentale guardare al futuro come nuova opportunità di crescita culturale e sociale – dichiara il Presidente del Centro, Lorenzo Bini Smaghi.

Dopo 10 settimane di chiusura, gli spazi sono stati sanificati e riorganizzati secondo le indicazioni delle autorità, con tutti i presidi di protezione personale necessari, mentre le caratteristiche dell’edificio, con più di 8000 mq di spazi e grandi sale, renderanno semplice il distanziamento fisico e la gestione contingentata del flusso di visitatori che comunque non potranno essere più di 60 contemporaneamente.

“Oltre che un luogo sicuro – afferma la direttrice del Luigi Pecci, Cristiana Perrella – ci piacerebbe che il museo fosse percepito, ora più che mai, come uno spazio aperto e accogliente anche per chi non ci è mai venuto prima. Per questo abbiamo deciso l’ingresso gratuito e abbiamo lavorato per ripartire con un programma ricco e nuove proposte, curando molto tutte le forme di mediazione e partecipazione, sperimentandone di nuove e dedicando più spazio ai servizi educativi e alle sale lettura”.

Il museo riapre con la mostra – prorogata fino al 23 agosto – THE MISSING PLANET, visioni e revisioni dei “tempi sovietici” dalla collezione del Centro Pecci e da altre raccolte, a cura di Marco Scotini e Stefano Pezzato e con progetto di allestimento di Can Altay. Dalla Russia alle province baltiche, caucasiche e centro-asiatiche, un’immersione nelle ricerche artistiche sviluppate dagli anni Settanta a oggi nelle ex repubbliche sovietiche che parte dalla rilettura del ricco nucleo di opere dedicate a quest’area geografica nella collezione del Centro Pecci.

In occasione della riapertura, in dialogo con la mostra viene presentata la video installazione di Adrian Paci (Scutari 1969) Interregnum, un montaggio di sequenze di funerali di dittatori comunisti di diverse nazionalità ed epoche, recuperate dagli archivi di stato o dalle trasmissioni televisive nazionali albanesi.

Interregnum mostra uomini, donne, bambini ripresi in primo piano, in lacrime, oppure da lontano, in code chilometriche: la morte di un leader libera il dolore dei singoli che, dice l’artista albanese, “non era contemplato nella società comunista”.

La riapertura è anche l’occasione per presentare nelle sale del museo Extra Flags, le dieci bandiere d’artista realizzate per Centro Pecci Extra, il progetto che, con contenuti digitali e nuove produzioni, ha tenuto viva la programmazione del museo durante i mesi di lockdown. Realizzate da Marinella Senatore, Nico Vascellari, Marzia Migliora, Eva Marisaldi, Flavio Favelli, Marcello Maloberti, Elisabetta Benassi, Massimo Bartolini, Elena Mazzi e Andreco, queste bandiere si sono avvicendate con cadenza settimanale sul pennone davanti al museo, segno di resistenza e di speranza inviato nel mondo reale, nei giorni in cui sembrava che l’orizzonte digitale fosse l’unico praticabile.

Le bandiere saranno il punto di partenza di un laboratorio dedicato ai più giovani, che avrà luogo nelle due sale espositive che sono state trasformate in aule didattiche, per accogliere da subito e in sicurezza i bambini e le loro famiglie. Sempre ai bambini e ai ragazzi è dedicato anche KENE/Spazio, il progetto promosso da Fondazione Pianoterra Onlus, a cura di Sara Alberani, dell’artista ivoriano Mohamed Keita, in mostra fino al 31 maggio.

Kené è un luogo di didattica, di cooperazione e conoscenza, che forma i giovani del Mali attraverso la fotografia. La mostra presenta le opere realizzate dagli allievi del laboratorio di Mohamed Keita a Bamako.

Luigi PecciA partire dal 4 giugno, inoltre, fino al 23 agosto 2020 l’offerta espositiva sarà arricchita dalla prima mostra italiana dedicata all’acclamato fotografo e poeta cinese Ren Hang, tragicamente scomparso a neppure trent’anni. L’artista, che non ha mai voluto essere considerato un artista politico – nonostante le sue fotografie fossero ritenute in Cina pornografiche e sovversive – è noto soprattutto per la sua ricerca su corpo, identità, sessualità e rapporto uomo-natura, che ha per protagonista una gioventù cinese nuova, libera e ribelle.Nella mostra al Centro Pecci verrà esposta una selezione di scatti provenienti da collezioni internazionali, capace di restituire tutta l’intensità della sua poetica.

Al coinvolgimento attivo della comunità locale nell’interpretazione del patrimonio del Centro Pecci sarà dedicata una call pubblica, lanciata in occasione della riapertura, per co-progettare uno strumento digitale per la visita autonoma del museo dedicata alle famiglie con bambini dai 6 ai 12 anni. Adulti e bambini che vorranno partecipare saranno coinvolti attivamente da esperti e facilitatori nell’ideazione di un prototipo per una guida multimediale per le famiglie, uno strumento innovativo che potrà essere scaricato per visitare in autonomia e in sicurezza il Centro, alla scoperta dell’architettura del museo, del suo giardino delle sculture e delle sue collezioni. L’attività di progettazione partecipata, in linea con i protocolli di sicurezza, si svolgerà all’aperto, nel giardino antistante il museo.

La riapertura del 21 maggio segna anche la conclusione di Centro Pecci Extra, il programma quotidiano di contenuti culturali della Web Tv del museo realizzato durante il lockdown. L’attenzione alla produzione di contenuti digitali e l’attività online, manterranno comunque un ruolo centrale anche in futuro e non solo attraverso la Web Tv.

“Nei prossimi mesi – ricorda la direttrice – il rapporto fisico con i nostri spazi sarà riservato principalmente a un pubblico di prossimità e questa sarà un’occasione importante per aumentare la familiarità dei cittadini con il museo e rafforzare una dimensione territoriale. Altrettanto importante sarà rimanere connessi al mondo. Da questo punto di vista l’uso dello spazio digitale sarà uno dei contesti in cui alimentare il pensiero critico e il confronto con la scena culturale globale, oggi che la condivisione di pensieri, contenuti, esperienze è più essenziale che mai e può generare nuovi scenari per l’arte nazionale e internazionale”.

Alla conferenza stampa di riapertura la Vicepresidente e Assessore alla Cultura della Regione Toscana, Monica Barni, il Sindaco del Comune di Prato Matteo Biffoni, il Presidente della Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana Lorenzo Bini Smaghi, e la Direttrice del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Cristiana Perrella.

Gimmy Tranquillo ha intervistato la direttrice Perrella e la vicepresidente Barni:

L'articolo Luigi Pecci di Prato, il museo riapre in piena sicurezza proviene da www.controradio.it.

Centro Pecci Cinema, la rassegna cinematografica Top 5 2019

Centro Pecci Cinema, la rassegna cinematografica Top 5 2019

Il Centro Pecci di Prato sceglie il periodo natalizio, quello in cui si va maggiormente al cinema, per avere più possibilità di convincere gli spettatori a vedere questi cinque film straordinari, su grande schermo, il luogo più adatto dove goderne a pieno. Scopri la programmazione!

Ci sono due film asiatici, più precisamente dalla Corea del Sud, e questo conferma quanto il cinema coreano sia all’avanguardia nella realizzazione di opere che rappresentano una sintesi straordinaria tra Cinema come Arte e come Industria (quello di Bong Joon-ho ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes); due film statunitensi, di un maestro indiscusso del Cinema come Martin Scorsese e di uno dei nuovi autori più interessanti d’oltreoceano, Noah Baumbach; infine, una delle più belle sorprese dell’anno, ovvero un film brasiliano, che è servito a ricordarci come, seppur con molti meno mezzi economici, anche l’America Latina possa offrire molto in quanto a qualità, originalità e ricerca estetica-narrativa. (Luca Barni)

The Irishman
(Usa, 2019; 209′; vers.orig.sott) di Martin Scorsese, con Robert De Niro, Al Pacino, Joe Pesci, Harvey Keitel
13 dicembre, ore 20.30
14 dicembre, ore 10.00 e 15.15

La vita invisibile di Eurídice Gusmão | A vida invisível de Eurídice Gusmão
(Germania-Brasile, 2019; 139′; vers.orig.sott.) di Karim Aïnouz, con Carol Duarte e Julia Stockler
20 dicembre, ore 21.15
21 dicembre, ore 11.00 e 16.00

Parasite – Gisaengchung
(Corea del Sud, 2019; 132′; vers.orig.sott) di Bong Joon-ho, con Song Kang-ho, Sun-kyun Lee, Yeo-jeong Jo, Choi Woo-Sik, Park So-dam, Hyae Jin Chang
27 dicembre, ore 21.15
28 dicembre, ore 11.00 e 16.00

Marriage Story – Storia di un matrimonio
(Usa, 2019; 136′; vers.orig.sott) di Noah Baumbach, con Scarlett Johansson, Adam Driver, Laura Dern
3 gennaio, ore 21.15
4 gennaio, ore 11.00 e 16.00

Burning – L’amore brucia | Beoning
(Corea del Sud, 2018; 148′; vers.orig.sott) di Lee Chang-dong, con Yoo Ah-In, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Joong-ok Lee
10 gennaio, ore 21.15
11 gennaio, ore 11.00 e 16.00

Ingresso

intero 7 euro
ridotto 5 euro

INFO

L'articolo Centro Pecci Cinema, la rassegna cinematografica Top 5 2019 proviene da www.controradio.it.