Abusivismo commerciale

Controlli in centro contro l’abusivismo commerciale, nel finesettimana sequestri e multe
La Polizia Municipale sanziona dodici venditori: per ciascuno un verbale da 5.000 euro
Finesettimana di controlli contro la vendita abusiva per la Polizia Municipale. Gli interventi si sono concentrati in particolar modo in centro, molto affollato nei giorni del ponte dell’Immacolata.

Quasi 1.200 gli articoli sequestrati sia venditori identificati (dodici cittadini senegalesi in regola con i permessi di soggiorno) che sono stati multati sulla base della legge regionale sul commercio con una sanzione da 5.000 euro ciascuno sia ad altri che si sono dati alla fuga. Dal punto di vista della merce posta in vendita si tratta degli articoli consueti come aste per i selfie, bigiotteria, oggettistica varia cui si sono aggiunti, viste le condizioni meteo, gli ombrelli e impermeabili. In un caso gli agenti hanno sequestrato a un venditore, che si è dato alla fuga, alcuni articoli con marchio contraffatto (giubbotti e portafogli).

Nuovo mercato antiquario

Piazza Annigoni, al via la realizzazione delle strutture per il nuovo mercato antiquario
Approvato il progetto definitivo. L’assessore Del Re: “Un intervento per rilanciare le attività e riqualificare l’area”

Piazza Annigoni cambia volto con il nuovo mercato antiquario che recupera il disegno ottocentesco. Metallo, vetro e strutture ad archi saranno gli elementi portanti delle nuove strutture espositive che accoglieranno le attività dell’ex mercato delle pulci di piazza dei Ciompi. Lo ha deciso oggi la giunta di Palazzo Vecchio, su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re, che ha dato il via libera al progetto definitivo dei nuovi 28 box espositivi elaborato da Breschistudio di Alberto Breschi. Un intervento da 600mila euro, finanziato dall’Amministrazione comunale.


“Un passo importante per la riqualificazione di tutta l’area – ha detto l’assessore Del Re – Un intervento che consentirà di realizzare strutture espositive più belle e funzionali per le attività economiche e di dare un nuovo volto alla piazza. L’obiettivo è quello di rilanciare questo pezzo storico della città mantenendo le attività mercatali e restituendo spazi di vivibilità, decoro e bellezza a tutti i fiorentini”.
Il progetto, condiviso con gli operatori, prevede la realizzazione di 28 box espositivi con tipologie a due o tre unità. Sono disposti su due file di 14 elementi, in asse con la fila dei lampioni esistenti. Ogni box misura circa 17 metri quadrati di superficie utile calpestabile. È prevista una struttura in acciaio secondo un disegno ad archi modulare che riprende il disegno ottocentesco dei pali di illuminazione. All’interno della struttura, che rimane a vista, ci sono pannelli coibentati con una finitura in alluminio anodizzato o laminato per esterni. Il pavimento, sopraelevato rispetto al piano della piazza, sarà modulare ispezionabile in legno. La struttura a vista avrà una finitura e coloritura simile a quella dei pali di illuminazione esistenti, color grigio piombaggine. In ciascun box potrà è previsto un soppalco per impianti e deposito agibile attraverso una scala retrattile per la manutenzione. I box avranno un infisso in vetro a due ante scorrevoli sul lato espositivo con pannelli di chiusura che, ribaltati in fase di apertura, potranno servire come tettoia per eventuali esposizioni esterne. Sul fronte opposto ci sarà un vetro fisso per (vetrina) per la visione eventuale dell’interno anche nei momenti di chiusura

A Firenze arriva il Bus delle mostre d’arte

A Firenze arriva il Bus delle mostre d’arte

Nasce la linea Ataf ‘Fb’ per raggiungere sedi esposizioni come Forte Belvedere e Villa Bardini: il servizio bus partirà dal 18 luglio.

A Firenze arriva ‘il bus delle mostre d’arte’: nasce la linea Ataf ‘Fb’, che collega il centro storico con le colline di Firenze e in particolare con il Forte di Belvedere e Villa Bardini, sedi di esposizioni. L’iniziativa è del Comune di Firenze, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e con Mus.e. Dal 18 luglio al 1 ottobre un bus Ataf farà 15 coppie di corse al giorno – una ogni 30 minuti – dalle 10 alle 19 dal martedì alla domenica. Un capolinea sarà in piazza Pitti, l’altro al Forte di Belvedere.

La nuova linea ‘Fb’ è stata pensata per offrire un servizio ai fiorentini e turisti che desiderano visitare la mostra ‘Ytalia. Energia Pensiero Bellezza’, al Forte di Belvedere fino al 1 ottobre, e l’esposizione ‘Lloyd. Paesaggi toscani del Novecento’, che si apre il 14 luglio a Villa Bardini. L’inaugurazione della linea
‘Fb’ sarà il 18 luglio alle ore 8:30, al capolinea di piazza Pitti, alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella e del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze Umberto Tombari.

L'articolo A Firenze arriva il Bus delle mostre d’arte proviene da www.controradio.it.

FIRENZE, SUONA IL CLACSON A TURISTI: AGGREDITA

Firenze clacson aggredita Regolamento unesco: federalberghi contro Palazzo Vecchio

Una 50enne è finita in ospedale con lievi lesioni dopo essere stata aggredita da una coppia di turisti: il motivo sarebbe l’aver suonato il clacson.  Per i turisti sarebbe legittima difesa, sul posto anche la polizia.

Aggredita da una coppia di turisti americani dopo che aveva suonato il clacson per farli spostare dalla strada e passare con l’auto. La donna, una 50enne fiorentina, è finita in ospedale per farsi medicare una lieve lesione a un braccio. Sul posto, ieri intorno alle 17 in via dei Renai nel centro di Firenze, è intervenuta la polizia. I due turisti, 43 anni lui e 46 anni lei, hanno spiegato di aver agito per difendersi.

Secondo il racconto della 50enne, udito il suono del clacson l’uomo, dopo essersi scostato protestando, le avrebbe sputato addosso approfittando del finestrino aperto, poi avrebbe staccato lo specchietto retrovisore dell’auto. A questo punto l’automobilista, scesa per chiedere spiegazioni, sarebbe stata aggredita dalla compagna del turista, che le si sarebbe avventata addosso strappandole la maglietta e una collana, e provocandole diversi graffi. Successivamente il 43enne l’avrebbe colpita all’avambraccio provocandole una vistosa ecchimosi.

Diversa la versione data dai turisti, secondo la quale sarebbe stata la 50enne, indispettita dal fatto che non si erano spostati subito dalla strada, ad avventarsi contro la 46enne. L’uomo tuttavia avrebbe ammesso di aver danneggiato accidentalmente lo specchietto, e di aver colpito la 50enne al braccio nel tentativo di dividere le due donne. La polizia al momento non ha denunciato nessuno, poiché nessuna delle persone coinvolte ha presentato querela.

The post FIRENZE, SUONA IL CLACSON A TURISTI: AGGREDITA appeared first on Controradio.

‘EATALY’, SI’ TOSCANA A SINISTRA: “FESTA A FIRENZE E’ REGALO A FARINETTI?”

 Eataly

E’ questa la domanda che si pone in una nota il consigliere fiorentino di Sinistra Italiana Grassi: “‘alla ‘festa del cibo di strada’ di Eataly si paga con ‘gettoni’ per eludere norme comunali, e Nardella è d’accordo.”

“Da ieri pomeriggio Via Martelli è stata invasa dai banchini della ‘festa del cibo in strada’ di Eataly. Si dice che non possano aprire nuove attività commerciali nell’area Unesco ed invece qualcuno può permettersi di ampliare la propria superficie di vendita occupando suolo pubblico. Sorprendente poi scoprire che negli stand gastronomici non si paga con soldi, ma con gettoni che i clienti possono acquistare precedentemente all’interno del negozio Eataly. Si tratta dell’ennesimo regalo del Comune a Farinetti o una iniziativa commerciale autorizzata eludendo le norme comunali?” Lo dice, in una nota, il consigliere comunale di Sinistra italiana Tommaso Grassi.

“Difficile capire la architettura e la strategia dei ‘gettoni’ se non con la volontà di eludere le norme sui mercati e sulle fiere e utilizzare procedure semplificate – aggiunge – Una festa in strada lunga quattro giorni da mattina a sera con cibi tutt’altro che economici: solo due piatti toscani su un totale di circa dieci piatti, ben lontano anche dal 70% richiesto per le attività commerciali in centro storico prima dell’ultimo regolamento”.

“Se l’azione del Comune è quella che stiamo vedendo con Eataly quello che poteva sembrare una moratoria e uno stop al cibo in strada diventa un aiuto alla rendita di chi l’attività ce l’ha già aperta e adesso ha ancora meno concorrenza. Almeno se la festa fosse stata organizzata da tutti i negozi di Via Martelli avrebbe sicuramente dato meno nell’occhio e attirato meno la nostra attenzione. Firenze riparte a sinistra presenterà a breve una interrogazione su quanto accaduto e per capire con quali modalità ed eventualmente sfruttando quali norme è stato possibile fare tutto ciò”.

The post ‘EATALY’, SI’ TOSCANA A SINISTRA: “FESTA A FIRENZE E’ REGALO A FARINETTI?” appeared first on Controradio.