In 250 alla cena solidale per i lavoratori Tmm

In 250 alla cena solidale per i lavoratori Tmm

La cena si è svolta a Pisa, è stata organizzata da Cgil. “auspichiamo e sollecitiamo ciascuno di noi si adoperi affinchè la battaglia continui”.

Circa 250 persone l’altra sera hanno preso parte, a Pisa, alla cena di solidarietà per raccogliere fondi da destinare alle famiglie dei lavoratori della Tmm di Pontedera (Pisa), da mesi senza stipendio e che rischiano il definitivo licenziamento per la cessazione dell’attività.

Lo rende noto la Cgil. “Nel ringraziare tutti, anche coloro che non hanno potuto partecipare all’iniziativa e che, comunque, hanno voluto lasciare un contributo alla causa – scrive il sindacato in una nota – e nella speranza che resti alta l’attenzione su questa vicenda, auspichiamo e sollecitiamo ciascuno di noi, per le proprie possibilità e competenze, a continuare ad adoperarsi affinché la giusta battaglia di questi lavoratori possa concludersi con un risultato positivo”.

Alla serata hanno partecipato anche esponenti politici e istituzionali del territorio.

L'articolo In 250 alla cena solidale per i lavoratori Tmm proviene da www.controradio.it.

Massa: 40 Ose senza contratto, Cgil sotto Palazzo Ducale

Massa: 40 Ose senza contratto, Cgil sotto Palazzo Ducale

Le operatrici socio educativi si sono presentate in aula la mattine dell’8 gennaio anche senza contratto. Per effetto della riforma Madia, non è ancora stato rinnovato il contratto co. co. co. scaduto lo scorso 23 dicembre.

La Cgil di Massa Carrara ha manifestato questo pomeriggio sotto palazzo Ducale, sede della Provincia di Massa Carrara, assieme ad una rappresentanza di operatrici socio educative (Ose), rimaste senza contratto dall’1 gennaio 2018.

Sono 40 le Ose, che si occupano di effettuare assistenza e sostegno agli studenti disabili iscritti nelle scuole superiori del territorio, a cui, per effetto della riforma Madia, non è ancora stato rinnovato il co. co. co. scaduto lo scorso 23 dicembre.

L’8 gennaio le 40 operatrici si sono presentate comunque nelle loro rispettive classi, per non far mancare un servizio essenziale agli studenti e alle loro famiglie, ma “ad oggi- spiega la Cgil – non ci risultano attivi i contratti, questo perché la riforma Madia abolisce la possibilità di effettuare co.co.co negli enti pubblici”.

La Cgil sostiene anche che l’ultima legge di stabilità dia la possibilità di prorogare i contratti co.co.co fino al 31 agosto, ma si tratta di capire se le Ose possano rientrare nelle tipologie previste dalla legge. Dopo aver ricevuto le rappresentanze sindacali, il presidente della Provincia Gianni Lorenzetti, responsabile dell’attività scolastica di secondo livello, ha dichiarato: “Intendo superare questo impasse il prima possibile; la legge Madia ha bloccato i contratti e noi proporremo soluzioni alternative per arrivare almeno alla fine dell’anno scolastico, utilizzando anche la legge non scritta, quella del buon senso, che spesso manca a chi ci governa”.

L'articolo Massa: 40 Ose senza contratto, Cgil sotto Palazzo Ducale proviene da www.controradio.it.

Migranti: commenti e reazioni su fatti di Capriglia

Migranti: commenti e reazioni su fatti di Capriglia

Rossano Rossi (Cgil Lucca): “crediamo sia il momento di riportare la discussione nell’alveo della normalità e dell’applicazione della legge”. Critici i circoli PD della zona: “vuote e sterili le parole di condanna del gesto di chi ha soffiato sul fuoco della polemica, anziché pensare a gestire responsabilmente la situazione”. Replica Mazzoni (ex vicesindaco Pietrasanta): “le dichiarazioni di alcuni esponenti Pd vogliono far trapelare una qualche responsabilità di politici locali”.

Commenti e reazioni nel territorio della provincia di Lucca dopo che ieri a Capriglia, frazione di Pietrasanta (Lucca), ignoti hanno lanciato bottiglie incendiarie contro una struttura destinata ad accogliere migranti.

Ferma condanna arriva dal segretario della Cgil di Lucca Rossano Rossi: “Dopo la raccolta delle firme e il movimentato sit in dei residenti davanti alla struttura di accoglienza, dopo le molotov che avrebbero potuto incendiare l’edificio – dice -, crediamo sia il momento di riportare la discussione nell’alveo della normalità e dell’applicazione della legge”. Secondo il segretario, “la situazione è degenerata durante gli ultimi mesi ma non possiamo non ricordare anni di dichiarazioni irresponsabili degli esponenti della passata amministrazione”.

Il Pd della Versilia esprime “sdegno per il vile atto. Al contempo rileviamo, purtroppo, come tale gesto criminoso tragga alimento dalla campagna di odio e di intolleranza, fomentata da talune aree del centrodestra e dalle esternazioni di autorevoli esponenti di quello schieramento che, pur deprecando l’episodio, muovono degli inquietanti distinguo”.

Critico anche il Pd di Pietrasanta secondo il quale “suonano vuote e sterili le parole di condanna del gesto da parte di chi per mesi, anche ricoprendo ruoli istituzionali e amministrativi, ha soffiato sul fuoco della polemica, anziché pensare a gestire responsabilmente la situazione”.

Ferma condanna poi dalla sezione Anpi di Pietrasanta che parla di “un gesto grave che non può trovare giustificazione alcuna, i cui autori, per ora ignoti, ci auguriamo siano presto individuati e assicurati alla giustizia”. A replicare, l’ex vicesindaco di Pietrasanta Daniele Mazzoni: secondo cui “non c’è giustificazione alla violenza e agli atti intimidatori” e critica “le dichiarazioni di alcuni esponenti Pd che vogliono far trapelare una qualche responsabilità di politici locali, presunti fomentatori delle folle e di odio”.

L'articolo Migranti: commenti e reazioni su fatti di Capriglia proviene da www.controradio.it.

TMM: assemblea per ipotesi cooperativa lavoratori

TMM: assemblea per ipotesi cooperativa lavoratori

Braccini (Cgil): “a seguito di approfondita discussione, l’assemblea dei lavoratori ha dato mandato a costituire il comitato promotore in modo da poter iniziare ad esplorare se vi sono le condizioni – a seguito di approfondita indagine tecnica, economica, commerciale e progettuale – per poter costituire una cooperativa industriale”.

La Cgil ha diramato un comunicato in cui si spiega che si é svolta oggi l’assemblea dei lavoratori TMM di Pontedera presso il presidio, alla presenza anche del responsabile della Lega cooperative toscana, per discutere l’ipotesi di poter costituire una cooperativa al fine di poter continuare a produrre marmitte a Pontedera.

La lotta democratica dei lavoratori TMM segna un alto esempio di coesione sociale, unità e moralità, mettendo in evidenza che la fabbrica é anche un luogo sociale – sottolinea la Cgil – Siamo stupiti invece della lettera scritta dal liquidatore della TMM a tutti i lavoratori, sia per i contenuti che per il palese intento intimidatorio, precisando che non accettiamo minacce e ricatti da parte di nessuno.

I lavoratori TMM in questi 5 mesi di presidio hanno sempre tenuto un comportamento responsabile e nel rispetto della piena legalità, lottando democraticamente e con onore, dando un esempio di dignità anche a chi li ha sbattuti fuori dall’azienda senza il minimo ritegno e rispetto.

L'articolo TMM: assemblea per ipotesi cooperativa lavoratori proviene da www.controradio.it.

Ataf, importante adesione allo sciopero

Ataf, importante adesione allo sciopero

Firenze, secondo la Filt Cgil, sarebbe stata ‘importante’ l’adesione allo sciopero Ataf che si è tenuto sabato in città, Lulurgas (Filt Cgil): “L’azienda ora ci ascolti, la città ha diritto a un servizio di trasporto pubblico in sicurezza ed efficienza”

Secondo i dati pubblicati dalla Cgil infatti, l’adesione dei lavoratori dell’Ataf allo sciopero, avrebbe avuto infatti, punte di oltre l’80% nel pomeriggio.

Michele Lulurgas (Filt Cgil, membro Rsu): “I lavoratori sentono molto le ragioni della protesta. Ci dispiace per i cittadini ma l’azienda ora deve ascoltarci nell’interesse di tutti, perché la città ha diritto a un trasporto pubblico in sicurezza ed efficienza”.

L'articolo Ataf, importante adesione allo sciopero proviene da www.controradio.it.