‘Sulla mia pelle’, il caso Cucchi allo Stensen, alla presenza di Ilaria Cucchi e Luigi Manconi

‘Sulla mia pelle’, il caso Cucchi allo Stensen, alla presenza di Ilaria Cucchi e Luigi Manconi

‘Sulla mia pelle’, il caso Cucchi allo Stensen, venerdì 30 novembre alla presenza di Ilaria Cucchi e Luigi Manconi

Arriva al Cinema Stensen ‘Sulla mia pelle’, il film di Alessio Cremonini che racconta la storia di Stefano Cucchi, il giovane ritrovato morto in carcere il 22 ottobre 2009 senza un’apparente spiegazione a una settimana dal suo arresto. L’appuntamento è per domani, venerdì 30 novembre, alle ore 20.30 (viale don Minzoni 25, ingresso 8 euro). Al termine del film, seguirà l’incontro con Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, e il politico e attivista per i diritti umani Luigi Manconi.

Il film ripercorre gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi attraverso la magistrale interpretazione di Alessandro Borghi con una violenza sommessa (non mostrata) e un rigore formale tale da non poter rimanere indifferenti di fronte a quanto accaduto.  Oltre la profonda consapevolezza nel raccontare i fatti, il film è un invito a risvegliare le nostre responsabilità civili e sociali: ogni persona con cui Stefano entra in contatto si preoccupa solo delle proprie responsabilità così facendo ognuno condanna tacitamente il ragazzo a morte.

L'articolo ‘Sulla mia pelle’, il caso Cucchi allo Stensen, alla presenza di Ilaria Cucchi e Luigi Manconi proviene da www.controradio.it.

Styx, una donna medico e il dramma dei migranti. Allo Stensen di Firenze

Styx, una donna medico e il dramma dei migranti. Allo Stensen di Firenze

Sabato 24 novembre allo Stensen, alla presenza del regista, il film sul salvataggio dei profughi in mare aperto. La storia di Rike, che parte per una vacanza in barca ma si ritrova a soccorrere un gommone

Il salvataggio dei migranti in mare è al centro di ‘Styx’, il film di Wolfgang Fischer (Germania/Austria 2018, 94′) che sarà proiettato, alla presenza del regista, dopodomani, sabato 24 novembre, alle ore 21 al Cinema Stensen (Firenze viale don Minzoni 25, ingresso 8 euro). Il film ha ricevuto l’Human Rights Film Award 2018 ed è stato proiettato al Parlamento Europeo il 15 novembre.

Protagonista del film è Rike, una donna medico efficiente e scrupolosa. Decisa a prendersi una pausa dalla vita frenetica e dal lavoro, salpa con la propria barca a vela da Gibilterra diretta verso un’incontaminata isola nel Pacifico ma scampata a una tempesta, la donna troverà sulla rotta un peschereccio malridotto carico di profughi. Per Rike è l’inizio di un’epopea marina in cui l’impossibilità di soccorrere i profughi con la propria barca, la spronerà ad altre possibili soluzioni.

Ne emerge un ritratto rigoroso e privo di orpelli in cui il soccorso in mare si fa necessità unica e monito alla società indifferente troppo spesso legata agli obblighi del sistema. Styx è un film che scuote la nostra coscienza civile e le nostra responsabilità attraverso una donna che si pone delle domande legittime sulla possibilità di un solo individuo di intervenire in uno stato di crisi di altre persone e che non riesce a trovare risposte da altri se non da se stessa.

Info www.stensen.org, 055576551

L'articolo Styx, una donna medico e il dramma dei migranti. Allo Stensen di Firenze proviene da www.controradio.it.

Styx, una donna medico e il dramma dei migranti. Allo Stensen di Firenze

Styx, una donna medico e il dramma dei migranti. Allo Stensen di Firenze

Sabato 24 novembre allo Stensen, alla presenza del regista, il film sul salvataggio dei profughi in mare aperto. La storia di Rike, che parte per una vacanza in barca ma si ritrova a soccorrere un gommone

Il salvataggio dei migranti in mare è al centro di ‘Styx’, il film di Wolfgang Fischer (Germania/Austria 2018, 94′) che sarà proiettato, alla presenza del regista, dopodomani, sabato 24 novembre, alle ore 21 al Cinema Stensen (Firenze viale don Minzoni 25, ingresso 8 euro). Il film ha ricevuto l’Human Rights Film Award 2018 ed è stato proiettato al Parlamento Europeo il 15 novembre.

Protagonista del film è Rike, una donna medico efficiente e scrupolosa. Decisa a prendersi una pausa dalla vita frenetica e dal lavoro, salpa con la propria barca a vela da Gibilterra diretta verso un’incontaminata isola nel Pacifico ma scampata a una tempesta, la donna troverà sulla rotta un peschereccio malridotto carico di profughi. Per Rike è l’inizio di un’epopea marina in cui l’impossibilità di soccorrere i profughi con la propria barca, la spronerà ad altre possibili soluzioni.

Ne emerge un ritratto rigoroso e privo di orpelli in cui il soccorso in mare si fa necessità unica e monito alla società indifferente troppo spesso legata agli obblighi del sistema. Styx è un film che scuote la nostra coscienza civile e le nostra responsabilità attraverso una donna che si pone delle domande legittime sulla possibilità di un solo individuo di intervenire in uno stato di crisi di altre persone e che non riesce a trovare risposte da altri se non da se stessa.

Info www.stensen.org, 055576551

L'articolo Styx, una donna medico e il dramma dei migranti. Allo Stensen di Firenze proviene da www.controradio.it.

Don Pasta presenta il suo documentario sulla vera cucina italiana

Don Pasta presenta il suo documentario sulla vera cucina italiana

‘I villani’, documentario che racconta i contadini che resistono all’omologazione gastronomica. Mercoledì 21 novembre, alle ore 21 presso il Cinema Stensen. Regista del film è Daniele De Michele, noto col nome d’arte Don Pasta

La cucina popolare italiana, amata e imitata in tutto il mondo, sta morendo. Ma in tanti provano a salvarla. Il documentario ‘I villani’ (mercoledì 21 novembre, alle ore 21 presso il Cinema Stensen) racconta l’incontro con otto personaggi – uomini e donne di ogni età, allevatori, contadini e pescatori – che nel loro fare quotidiano rappresentano la sintesi delle infinite resistenze e reticenze ad adottare un modello gastronomico e culturale uguale in tutto il mondo. Quattro generazioni a confronto, per poter verificare se la cucina italiana sia ancora un patrimonio vivo, se il passaggio di informazioni tra generazioni esiste ancora, se la tradizione così come l’abbiamo ereditata si salverà o scomparirà.

Regista del film è Daniele De Michele, noto col nome di Don Pasta. Moltissime le tematiche messe in mostra ne ‘I villani’, ma sicuramente uno dei tratti che unisce i vari personaggi raccontati è la loro umanità nell’intendere il cibo come atto non prettamente alimentare, ma sociale, non decontestualizzato quindi dalle problematiche della vita, figlio di un sapere collettivo e da cui non si può prescindere, pena la sua estinzione.

“Questa gente mi raccontava il suo stare al mondo, il suo rapportarsi alla terra e alla storia del luogo che le aveva dato nascita – ha detto il regista De Michele – Era in questo intessersi delicato, talvolta ironico, talvolta doloroso tra i racconti intimi del loro vissuto e il loro cucinare con perizia, intelligenza, senso dell’osservazione che veniva fuori il senso più profondo della cucina italiana: il suo essere saggia, gustosa, parsimoniosa, rispettosa dei prodotti della terra e del mare”.

Prezzi: 8 euro, ridotto 6 euro Info www.stensen.org, 055/576551
Cinema Stensen: viale don Minzoni 25

 

 

L'articolo Don Pasta presenta il suo documentario sulla vera cucina italiana proviene da www.controradio.it.

Come sarà il nostro futuro? Film e convegni allo Stensen

Come sarà il nostro futuro? Film e convegni allo Stensen

Incontri e dibattiti per riflettere sulle nuove frontiere della scienza e il futuro dell’umanità. In esclusiva da domani il documentario ‘Almost nothing’, viaggio dentro al Cern. Sabato 17 novembre, alle 15.30.

Un viaggio straordinario dentro il futuro dell’umanità, nel cuore del Cern, al confine tra Francia e Svizzera, non solo il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle, ma una vera e propria cittadella, dove menti brillanti da tutto il mondo si confrontano ogni giorno per cambiare, letteralmente, le sorti dell’umanità. Una città ideale, profondamente democratica, dove il lavoro di gruppo è dedicato alla conoscenza dell’intera umanità, senza etichette, nazionalità, religione.

E’ il film Almost Nothing – Cern: La scoperta del futuro di Anna de Manincor – collettivo ZimmerFrei, che sarà proiettato, in anteprima nazionale, al Cinema Stensen di Firenze domani, sabato 17 novembre, alle 15.30. Al termine del documentario, si parlerà della ricerca tra scommesse, scoperte e futuro con Vitaliano Ciulli, professore al Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze, e Stefania De Curtis dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), sezione di Firenze.

La giornata di sabato è l’evento inaugurale della rassegna dedicata alla scienza dal titolo ‘L’immaginazione in laboratorio. Il futuro dell’universo raccontato dalla fisica’. Tre appuntamenti sulla fisica contemporanea: di cosa si stanno occupando gli scienziati ora? Quali esperienze ci raccontano dall’interno di questo affascinante mondo? Quali sono le ultimissime scoperte e quali le visioni future?

L’appuntamento successivo è lunedì 19 novembre. Alle 21 nuova proiezione del film Almost Nothing – Cern: La scoperta del futuro, stavolta alla presenza della regista.

Sabato 24 novembre, alle 15.30, convegno su ‘Strane correlazioni: un viaggio nel mondo quantistico’. Intervengono Nino Zanghì, professore al Dipartimento di Fisica dell’Università di Genova, e Angelo Bassi, Dipartimento di Fisica, Università di Trieste.

Conclusione sabato 1 dicembre, alle 15.30, con il convegno ‘Come nascono le coppie di buchi neri? Dalle stelle massicce alle sorgenti di onde gravitazionali’. Interviene Michela Mapelli dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e dell’Osservatorio Astronomico di Padova all’Università di Padova.

L'articolo Come sarà il nostro futuro? Film e convegni allo Stensen proviene da www.controradio.it.