Glassboy, in Toscana il film sarà disponibile da domenica 31 gennaio

Glassboy, in Toscana il film sarà disponibile da domenica 31 gennaio

Da domenica on line (e in anteprima) allo Stensen, all’Alfieri e all’Arsenale “Glassboy”, l’isolamento dei bambini raccontato dal regista toscano Rossi. Uno young movie sul desiderio di libertà, di avventura, di amicizia e di crescita

Dopo essersi aggiudicato il premio ECFA come Miglior Film Europeo per Ragazzi al PÖFF | Tallinn Black Nights Film Festival e dopo la recente partecipazione alla winter edition del 50/mo Giffoni, Glass Boy, il film per ragazzi diretto dal regista e sceneggiatore toscano Samuele Rossi, uscirà il 1° febbraio.  Ispirato al romanzo Premio Andersen “Il Bambino di Vetro” di Fabrizio Silei lo troverete  sulle principali piattaforme on demand (Sky Primafila, Google Play, Infinity, Apple tv, Chili, Rakuten Tv, The Film Club e Io resto in Sala).

In Toscana il film sarà disponibile già da domenica 31 gennaio sulla piattaforma Io resto in sala dei cinema Stensen e Alfieri a Firenze e Arsenale a Pisa. Domenica 7 febbraiocon accesso libero e gratuito alla piattaforma zoom (link: bit.ly/GlassB7), alle 18 è in programma un incontro-cineforum con il regista, Giorgio Colangeli, Giorgia Wurth e Massimo De Lorenzo. Con loroalcuni bambini del cast. l

“Il film nasce 5 anni fa ma la coincidenza è impressionante. È un film che parla all’oggi – ha spiegato il regista – che interpreta il disagio che i bambini stanno vivendo, il dramma della separazione e dell’isolamento. Mai avremmo immaginato di vivere questi tempi di costrizione. A pagarne le conseguenze sono soprattutto i più piccoli a cui, in questi mesi, è stato negato il gioco, la scuola e la socialità. Credo che Glassboy ricordi che, in fondo, tutti i ragazzi si sentono un po’ come il protagonista, Pino, cioè fragili, non accettati. E lo stesso vale anche per i genitori, obbligati a vivere le stesse ansie, speranze e aspettative.”

 

 

L'articolo Glassboy, in Toscana il film sarà disponibile da domenica 31 gennaio proviene da www.controradio.it.

Stensen, 5 cortometraggi per bambini tratti dalle favole di Rodari

Stensen, 5 cortometraggi per bambini tratti dalle favole di Rodari

Una serie di cortometraggi per bambini dai 3 anni in su, a soli 3 euro, affinchè anche i più piccoli possano godere di un’esperienza cinematografica differente dalle tante offerte attualmente in streaming.  L’appuntamento è domenica 15 novembre attraverso la piattaforma dei cinema italiani “Io resto in sala”

A partire dalla lettura delle avventure di Alice, la minuscola bambina nata dalla fantasia di Rodari per le sue “Favole al telefono”, viene proposta, grazie alla Cineteca di Bologna, una selezione di cortometraggi popolati da personaggi “fuori misura”: piccoli piccoli, come l’omino da taschino dell’animatrice georgiana Ana Chubinidze, o troppo grandi come l’elefante che sogna di cavalcare una bicicletta. Prodotti dallo studio di animazione francese Folimage, i cinque cortometraggi in programma sono stati realizzati artigianalmente con le tecniche della cut out animation e del disegno in fase (durata totale 45 minuti). Sono accompagnati da una lettura a cura di Sara Lanzi, attrice e conduttrice di laboratori teatrali (La Baracca – Testoni Ragazzi di Bologna che dal 1976 produce e programma spettacoli per bambine, bambini e adolescenti di diverse fasce d’età ).
Di seguito titoli e trama dei corti:
L’omino da taschino
(Le Petit Bonhomme de poche, Francia, Svizzera/2017) di Ana Chubinidze (8’)
Un piccolo omino vive tranquillo in una valigetta dotata di ogni comfort. Un giorno un anziano signore cieco incrocia il suo cammino, nasce così una nuova amicizia fondata sull’aiuto reciproco.
La volpe minuscola
(Le renard minuscule, Francia/2016)  di Aline Quertain e Sylwia Szkiladz (8’)
In un giardino verdeggiante una minuscola volpe incontra un’intrepida bambina capace di coltivare piante giganti! Per un caso fortuito le due scoprono che la bimba ha il potere di far crescere anche gli oggetti…
La bicicletta dell’elefante
(Le vélo de l’éléphant, Francia/2014)  di Olesya Shchukina (9’)
Un elefante vive in città guadagnandosi da vivere come spazzino. Un giorno un enorme cartellone attira il suo sguardo: si tratta della pubblicità di una bellissima bicicletta, e sembra proprio della sua taglia! Impossibile resistere, così l’elefante inizia darsi da fare per mettere da parte il denaro necessario. A volte però l’apparenza inganna…
Una lince in città
(Un lynx dans la ville, Francia, Svizzera/2020) di Nina Bisiarina (7’)
Una lince curiosa lascia la sua foresta, attirata dalle luci della città. Si diverte molto a passeggiare indisturbata per le strade finchè, addormentatasi in un grande parcheggio, non viene risvegliata da una folla di persone terrorizzate…
 
Il principe troppo piccolo
(Le trop petit Prince, Francia/2002) di Zoïa Trofimova (8’)
Ogni giorno, sul suo piccolo pianeta, un omino prova a pulire il sole con tutti i mezzi di cui dispone, per ingannare la sua solitudine. Vincitore di numerosi premi in concorsi e festival
internazionali, il corto è realizzato con disegni a mano e si ispira al celebre romanzo di Antoine de Saint-Exupéry Il piccolo principe.
#IorestoinSala è un’iniziativa di circa 50 cinema d’essai italiani per portare dentro le case dei propri spettatori film ricercati, d’autore – principalmente italiani e europei – durante il periodo della pandemia. Non è una vera e propria piattaforma perchè non ha un sito centralizzato ma vi si accede acquistando un biglietto sul sito del cinema, che contiene un link di visione al film selezionato.
E’ possibile acquistare il biglietto per una fascia oraria specifica a cui collegarsi oppure vedere comunque il film al momento dell’acquisto (per massimo 48 ore).

L'articolo Stensen, 5 cortometraggi per bambini tratti dalle favole di Rodari proviene da www.controradio.it.

Stensen cineforum on line su Pasolini

Stensen cineforum on line su Pasolini

In programma anche il film su Pasolini da giovane “In un futuro aprile”. In occasione dell’anniversario della scomparsa, un incontro sulla sua figura, allo Stensen, sabato 7 novembre

Film e cineforum on line per la Fondazione Stensen. Sabato 7 novembre alle ore 16.00, collegandosi alla pagina web www.stensen.org/attivita/incontri-online/, sarà possibile seguire l’incontro on line, in occasione dell’uscita del film sul giovane Pasolini In un futuro aprile e in occasione dei 45 anni della scomparsa di Pasolini, con Franco Zabagli, curatore dell’archivio pasoliniano presso il Gabinetto Vieusseux, e Riccardo Costantini, produttore associato, del Cinemazero di Pordenone.

La partecipazione all’incontro è gratuita e sarà possibile accedere alla diretta su Zoom dalle 15.45, fino a un massimo di 99 persone.

Il film è invece già visibile nella sala virtuale, acquistando il biglietto su www.liveticket.it/stensen. Il documentario è un ritratto del Pasolini friulano, negli anni della sua gioventù, raccontato dal cugino Nico Naldini, a sua volta scrittore e poeta.

Domenica 8 novembre, in occasione dell’European Art House Cinema Day, sempre su www.liveticket.it/stensen, il film Marie Curie, sulla fisica e chimica visionaria, che non fu d’ispirazione solo per le donne ma anche per tutta la comunità scientifica grazie a un genio raro.

L'articolo Stensen cineforum on line su Pasolini proviene da www.controradio.it.

Stensen cineforum on line su Pasolini

Stensen cineforum on line su Pasolini

In programma anche il film su Pasolini da giovane “In un futuro aprile”. In occasione dell’anniversario della scomparsa, un incontro sulla sua figura, allo Stensen, sabato 7 novembre

Film e cineforum on line per la Fondazione Stensen. Sabato 7 novembre alle ore 16.00, collegandosi alla pagina web www.stensen.org/attivita/incontri-online/, sarà possibile seguire l’incontro on line, in occasione dell’uscita del film sul giovane Pasolini In un futuro aprile e in occasione dei 45 anni della scomparsa di Pasolini, con Franco Zabagli, curatore dell’archivio pasoliniano presso il Gabinetto Vieusseux, e Riccardo Costantini, produttore associato, del Cinemazero di Pordenone.

La partecipazione all’incontro è gratuita e sarà possibile accedere alla diretta su Zoom dalle 15.45, fino a un massimo di 99 persone.

Il film è invece già visibile nella sala virtuale, acquistando il biglietto su www.liveticket.it/stensen. Il documentario è un ritratto del Pasolini friulano, negli anni della sua gioventù, raccontato dal cugino Nico Naldini, a sua volta scrittore e poeta.

Domenica 8 novembre, in occasione dell’European Art House Cinema Day, sempre su www.liveticket.it/stensen, il film Marie Curie, sulla fisica e chimica visionaria, che non fu d’ispirazione solo per le donne ma anche per tutta la comunità scientifica grazie a un genio raro.

L'articolo Stensen cineforum on line su Pasolini proviene da www.controradio.it.

Ferragosto al cinema con lo Stensen!

Ferragosto al cinema con lo Stensen!

Al cinema con la Fondazione Stensen. “La dolce vita” a Fiesole e “La terra dell’abbastanza” in Manifattura a Firenze. Gelato in omaggio ai primi cento spettatori.

Al Teatro romano di Fiesole un grande classico, “La dolce vita” di Federico Fellini, mentre alla Manifattura Tabacchi il folgorante esordio cinematografico dei fratelli D’Innocenzo, autori di “Favolacce”, “La terra dell’abbastanza”.

Agli spettatori del teatro fiesolano, a soli 4 euro, sarà mostrato sul grande schermo il film capolavoro di Fellini, tra i più celebri film della storia del cinema non solo a livello italiano ma anche a livello mondiale, vincitore della Palma d’oro al 13esimo Festival di Cannes e dell’Oscar ai miglior costumi.

Alla Manifattura Tabacchi, dove ci sarà un gelato in omaggio ai primi 100 spettatori, sarà proiettato “La terra dell’abbastanza” (ingresso 5 euro) storia di due giovani amici che vivono alla periferia di Roma. Bravi ragazzi, fino al momento in cui, guidando a tarda notte, investono un uomo e decidono di scappare. La tragedia si trasforma in un apparente colpo di fortuna: l’uomo che hanno ucciso è un pentito di un clan criminale di zona e facendolo fuori i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, il rispetto e il denaro che non hanno mai avuto. Un biglietto d’entrata per l’inferno che scambiano per un lasciapassare verso il paradiso.

L'articolo Ferragosto al cinema con lo Stensen! proviene da www.controradio.it.