Chiavi della Città all’attore sudcoreano Ha Jung-woo

Chiavi della Città all’attore sudcoreano Ha Jung-woo

Lo ha annunciato la vicesindaca Giachi alla presentazione del 16/mo Florence Korea Film Fest. Chiavi della Città all’attore sudcoreano Ha Jung-woo. Lo ha annunciato la vicesindaca Cristina Giachi alla presentazione, questa mattina, del 16/mo Florence Korea Film Fest, il festival dedicato al meglio della cinematografia sud coreana contemporanea che si terrà dal 22 al 30 marzo al cinema La Compagnia di Firenze (via Cavour, 50r) e in vari luoghi della città.

«Vogliamo onorare un attore famosissimo e molto versatile che ha interpretato oltre 40 pellicole – ha spiegato la vicesindaca – ma anche sottolineare l’importanza che ha per noi questa relazione culturale con i festival di cinema in generale e con questa rassegna in particolare, che da 16 anni porta a Firenze pellicole di qualità straordinaria. Il Florence Korea Film Fest rappresenta per la nostra città una grande occasione culturale».
Al centro della rassegna di quest’anno il controverso rapporto tra Nord e Sud Corea, due paesi geograficamente vicini eppure concettualmente distanti, l’energia e la forza sprigionata dalle protagoniste femminili e la rivincita del genere fantasy con una pellicola ambiziosa ambientata nell’aldilà.
La manifestazione quest’anno propone un ricco programma con oltre 40 titoli tra corti e lungometraggi premiati nei festival di tutto il mondo, anteprime, incontri con gli autori, una mostra, eventi collaterali e ospiti tra cui spicca il nome di Ha Jung-woo, stella del cinema coreano della sua generazione, che ha messo in mostra la sua versatilità in vari generi cinematografici, interpretando oltre 40 pellicole. L’attore, insieme al produttore Won Dong-Yeon e al regista Kim Yong-hwa presenterà in prima europea sabato 24 marzo, l’ultima pellicola di cui è protagonista, il fantasy “Along with the Gods: The Two Worlds”, la storia di un vigile del fuoco che perde prematuramente la vita mentre sta salvando una bambina; ad attenderlo, alle soglie della sua nuova dimensione tre guardiani che lo traghetteranno all’interno di un viaggio lungo 49 giorni, di cui solo alla fine conoscerà il suo destino nell’aldilà. L’artista Ha Jung-woo sarà inoltre omaggiato di una retrospettiva di 6 titoli dedicata al suo poliedrico percorso artistico.
Quattro le sezioni tematiche: Orizzonti Coreani, dedicata ai grandi nomi del cinema del paese, con titoli campioni d’incassi in patria e premiati nei festival di tutto il mondo; Independent Korea, sezione che ospita lavori di giovani e talentuosi registi esterni alla grande distribuzione, con tre film che indagano la figura femminile e il tema della solitudine; la Notte Horror, consueto appuntamento per gli amanti del genere; Corto, Corti, spazio dedicato ai cortometraggi. Tra le novità il focus K-South North, 6 pellicole che, attraverso diversi generi esplorano il difficile rapporto tra Corea del Sud e Corea del Nord, con opere che spaziano dal documentario al dramma sportivo fino alla commedia.
La rassegna, ideata e diretta da Riccardo Gelli dell’associazione Taegukgi – Toscana Korea Association, inaugura la settima edizione della Primavera Orientale, iniziativa che celebra il cinema d’Oriente organizzata da Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana. (

Incontro annullato con CasaPound: preside “no a logica di chi è più antifascista”

Incontro annullato con CasaPound: preside “no a logica di chi è più antifascista”

“Io rappresento lo Stato: l’obiettivo di una iniziativa come l’incontro di stamani, era di prendere garantire il pluralismo. Dunque non sono disponibile a prendere lezioni di antifascismo da nessuno”. Così il preside del Marco Polo Ludovico Arte sulle polemiche per l’incontro elettorale  a La Compagnia di Firenze con i candidati organizzato dalla scuola da lui diretta, poi annullato dopo il ritiro della disponibilità dei candidati di Pd e Leu, al quale era stata invitata anche CasaPound. In teatro, stamani si è svolto comunque un incontro, ma a porte chiuse, con insegnanti e studenti, su legge elettorale e politica. 

Sentiamo Arte intervenuto stamani in Todo Cambia con Raffaele Palumbo

“L’obiettivo era di prendere le liste, da Potere al Popolo a CasaPound e portarle al scuola per consentire a loro di esporre la loro proposta, quindi lasciare liberi i ragazzi di farsi le loro idee in proposito. Non posso io decidere di escludere una lista o un’altra. La nostra scuola è stata, credo, l’unica in Italia a esporre frasi di Gramsci in veste di murale sulle pareti esterne della scuola. Inoltre pratichiamo tutti i giorni il principio dell’accoglienza e stiamo aprendo al nostro interno un centro di italiano per immigrati”, spiega Arte. “La mia opinione, strettamente personale, è che le liste che si ispirano al fascismo dovrebbero essere escluse dalla competizione elettorale, perché lo dice la Costituzione. Ma se il ministero dell’Interno ha consentito a CasaPound di presentarsi e la magistratura non ha preso al riguardo alcuna iniziativa, il mio dovere, come rappresentante dello Stato, è invitare tutti coloro a cui lo Stato ha consentito di candidarsi”. 

L'articolo Incontro annullato con CasaPound: preside “no a logica di chi è più antifascista” proviene da www.controradio.it.

Critico per un giorno: ‘Il Principe di Ostia Bronx’

Critico per un giorno: ‘Il Principe di Ostia Bronx’

🎦Firenze, ‘Critico per un giorno’, è un progetto di ‘Cinema la Compagnia‘ e ControradioClub, tramite il quale un gruppo di soci del Club, che si sono registrati all’evento, può assistere gratuitamente alle anteprime di film o di documentari selezionati in programmazione al Cinema La Compagnia, per poi essere intervistati da Gimmy Tranquillo e stilare una recensione che sarà poi pubblicata sui media di Controradio.

Questa volta, in collaborazione con il Florence Queer Festival, i soci del ControradioClub hanno potuto asssistere alla proiezione di ‘Il Principe di Ostia Bronx’, un film rivolto agli spettatori che hanno fallito almeno una volta nella vita.

“Per tutti i calci in culo che mi ha dato la società, mi sono messo su un piedistallo e ho deciso che sono il Principe”.

E il “regno” di Dario Galetti Magnani è la spiaggia nudista di Capocotta, a Ostia, dove da vent’anni, con i suoi mille costumi da bagno e una radio sulla spalla, percorre il bagnasciuga improvvisando monologhi irriverenti e ispirati.

L’amore per il cinema trasuda da ogni angolo della sua dimora, un autentico baluardo kitsch che ospita anche Maury, “La Contessa”, complice della sua genuina follia, con la quale forma la coppia di attori mancati.

Un lavoro sperimentale dai toni folk e kitsch accompagnato da musiche originali che spaziano dal pop, alla disco, all’elettronica.

Un film ultra-low budget prodotto e distribuito da Kiné e premiato al Biografilm Festival di Bologna.

L'articolo Critico per un giorno: ‘Il Principe di Ostia Bronx’ proviene da www.controradio.it.

Cinema in famiglia al Cinema Teatro La Compagnia

Cinema in famiglia al Cinema Teatro La Compagnia

Gli appuntamenti di Associazione Co-Cò Spazio CO-STANZA rivolti a tutta la famiglia: i genitori in sala a vedere il film e i bimbi al laboratorio. Domenica 4 Febbraio ore 16.00 “Piuma” di Roan Johnson e il laboratorio ludico-didattico sul film di animazione “Baby boss”

Prosegue, al Cinema La Compagnia di Firenze il ciclo di appuntamenti a cura dell’associazione Co-Cò Spazio Costanza, che rinnova la formula di unire, per una domenica, tutta la famiglia al cinema: mentre i genitori guardano un film in sala incentrati su tematiche di grande attualità e partecipano ai dibattiti con esperti e esponenti della società civile, i bambini possono svolgere, nella saletta dedicata, un laboratorio ludico-didattico, accompagnato dalle immagini di film, d’animazione e non solo.

Domenica 4 Febbraio (ore 16.00) in sala verrà proiettato Piuma di Roan Johnson, selezionato in concorso alla 73a Mostra internazionale di Venezia. Il film è la storia di Ferro e Cate, due ragazzi come tanti, ai giorni nostri e di una gravidanza inattesa, mentre tutto il loro mondo inizia ad andare contromano: la famiglia (quella accogliente e “normale” del ribelle Ferro, quella sgangherata e fuori dagli schemi della più assennata Cate), la scuola (i fatidici esami di maturità), gli amici e il lavoro (che non c’è). Tra tentennamenti e salti nel buio, prese di responsabilità e bagni di incoscienza, i due protagonisti attraverseranno i nove mesi più emozionanti e complicati della loro vita, cercando di non perdere la loro purezza

Nella saletta Mymovies del cinema La Compagnia, per i bambini, laboratorio ludico-didattici accom- pagnato dalle immagini di Baby Boss film di animazione di Tom McGrath, ispirato al libro best seller scritto e illustrato da Marla Frazee nel 2010 e campione di incassi negli Stati Uniti. Una divertente commedia per grandi e piccoli, che racconta cosa succede all’interno di una famiglia quando arriva un nuovo bebè, il tutto raccontato dal punto di vista fantasioso di un bambino di 7 anni, di nome Tim.

Biglietti: Adulti €7, bambini € 5. E’ consigliata la prenotazione: 055 2741095, spaziocostanza@gmail.com. Info: www.cinemalacompagnia.it e www.spaziocostanza.it

http://www.cinemalacompagnia.it/evento/cinema-in-famiglia

L'articolo Cinema in famiglia al Cinema Teatro La Compagnia proviene da www.controradio.it.

My Generation il documentario sulla swinging London raccontato da Michael Caine

My Generation il documentario sulla swinging London raccontato da Michael Caine

Michael Caine icona del cinema britannico interprete e narratoredi My Generation, la storia vivida e stimolante del suo lavoro nella Londra degli anni sessanta. Al Cinema Teatro La Compagnia di Firenze dal 22 gennaio

Basato su racconti personali e su splendide riprese d’archivio, questo documentario vede Caine viaggiare nel tempo e dialogare con i Beatles, Twiggy, David Bailey, Mary Quant, i Rolling Stones, David Hockney e altre celebrità.

Il film è stato meticolosamente assemblato negli ultimi sei anni e racconta la nascita della cultura pop a Londra attraverso gli occhi del giovane Michael Caine: “Per la prima volta nella storia, i giovani della classe operaia lottavano per se stessi e dicevano: siamo qui, questa società è anche nostra e non vogliamo andarcene!”. My Generation integra l’audio delle conversazioni di Caine con le altre celebrità con materiale inedito d’archivio per riportare il pubblico nel cuore degli anni sessanta. In una struggente sequenza, vediamo Caine guidare nella Piccadilly Circus di oggi in sovrapposizione a riprese originali degli anni sessanta, a creare un singolare effetto di viaggio nel tempo.

 

INGRESSO: intero 8€/ ridotto €6
v.o. inglese sot ita.:

LUNEDì 22, ORE 21.00
MARTEDì 23, ORE 15.00
MERCOLEDì 24, ORE 21.00
SABATO 27, ORE 17.00
DOMENICA 28, ORE 21.00

L'articolo My Generation il documentario sulla swinging London raccontato da Michael Caine proviene da www.controradio.it.