Torna al cinema Odeon: Loving Vincent. In replica straordinaria il film che è stato definito come “il caso nazionale della stagione

Torna al cinema Odeon: Loving Vincent. In replica straordinaria il film che è stato definito come “il caso nazionale della stagione

Dopo lo straordinario successo dei primi 3 giorni di programmazione, al Cinema Odeon di Firenze torna Lunedì 20 Novembre il film Loving Vincent (versione italiana). La storica sala di Piazza Strozzi, forte della cifra record di 3.500 presenze registrate dal film (prima media copia nazionale), riproporrà in replica straordinaria il film che è stato definito come “il caso nazionale della stagione”: un appuntamento nato dal connubio tra arte e tecnologia che ci offrirà l’opportunità di conoscere in modo nuovo uno degli artisti più amati di sempre: Vincent Van Gogh.

Definito come un martire, un satiro lussurioso, un folle, un genio e un fannullone, e spesso anche travisato e oscurato dal mito e dal tempo, il vero Vincent viene improvvisamente svelato dalle sue lettere. Ispirandosi al suo ultimo scritto, quello in cui annotava “Non possiamo che parlare con i nostri dipinti”, LOVING VINCENT ha scelto di partire dalle parole dell’artista, lasciando che fossero proprio i dipinti a raccontare la storia e l’opera del pittore olandese esposto nei più importanti musei del mondo, da Amsterdam a New York, da Londra a Mosca, da Parigi a Dallas.

Scritto e diretto da Dorota Kobiela & Hugh Welchman, LOVING VINCENT è infatti il primo lungometraggio interamente dipinto su tela. Realizzato elaborando i quadri dipinti del pittore, il film è composto da migliaia di immagini create nello stile di Vincent van Gogh realizzate da un team di 125 artisti che hanno lavorato anni per arrivare a un risultato originale e di enorme impatto. Un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura e si è aggiudicato il Premio del Pubblico all’ultimo Festival d’Annecy.

Del resto la forma d’arte di questo film è differente dalla pittura. Se la pittura fissa uno specifico momento della realtà, il film appare fluido, sembra muoversi tra lo spazio e il tempo. Per questo il Painting Design Team ha impiegato un anno per re-immaginare i quadri di van Gogh come se fossero un film. In Loving Vicent 94 quadri di van Gogh sono riprodotti in una forma simile a quella originale e più di 31 dipinti sono rappresentati parzialmente.

La narrazione – che riporta in vita opere come Caffè di notte, Campo di grano con volo di corvi, Notte stellata, ma anche ritratti e autoritratti di van Gogh- si apre in Francia, nell’estate del 1891. Armand Roulin, un giovane inconcludente e privo di aspirazioni, riceve da suo padre, il postino Joseph Roulin, una lettera da consegnare a mano a Parigi. Il destinatario è Théo van Gogh, fratello del pittore che si è da poco tolto la vita. Armand non è per nulla felice della missione affidatagli: è imbarazzato dall’amicizia che legava suo padre e Vincent, un pittore straniero che si è tagliato l’orecchio ed è stato internato in un manicomio locale. Ma a Parigi non c’è alcuna traccia di Théo. La ricerca condurrà Armand da Père Tanguy, commerciante di colori, e quindi nel tranquillo villaggio di Auvers-sur-Oise, a un’ora da Parigi, dal medico che si occupò di Vincent nelle sue ultime settimane di vita, il Dottor Paul Gachet. Conosceremo così la locanda dei Ravoux, dove Vincent soggiornò per le ultime dieci settimane e dove il 29 luglio 1890 morì per un proiettile nell’addome. Qui Armand incontrerà anche la figlia del proprietario, Adeline Ravoux, la domestica e la figlia del dottore e -presso il fiume dove Vincent trascorse i suoi giorni- anche il Barcaiolo che lo conobbe. Un viaggio attraverso strazianti rivelazioni per capire e apprezzare l’appassionante vita e la straordinaria opera di Vincent van Gogh.

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze Biglietto: euro 10 Tel. 055-214068

L'articolo Torna al cinema Odeon: Loving Vincent. In replica straordinaria il film che è stato definito come “il caso nazionale della stagione proviene da www.controradio.it.

Lo schermo dell’arte Film Festival il programma di venerdì 17 novembre

Lo schermo dell’arte Film Festival il programma di venerdì 17 novembre

Venerdì 17 novembre Lo schermo dell’arte Film Festival con le anteprime mondiali di Heinz Peter Schwerfel, film dedicati agli artisti Adrian Villar Rojas e Philippe Parreno dalle 22.30. Inoltre, un ricco programma di cinema d’artista.

Venerdì 17 novembre il programma si aprirà alle 15.45 a Palazzo Strozzi con la Tavola Rotonda Becoming a Feature, in collaborazione con In Between Art Film e Fondazione Palazzo Strozzi, con ospiti gli artisti Rä Di Martino, Roee Rosen e Kasia Fudakowski. 

Al Cinema La Compagnia dalle 18.00 numerose anteprime italiane: Tashlikh (Cast Off) di Yael Bartana, che mette in scena un rituale che consiste nel gettare oggetti legati alla memoria di un trauma; The World di Mika Taanila cortometraggio ispirato al film L’uomo che cadde sulla terra con David Bowie; Fall into Ruin di William E. Jones, ispirato alla villa abbandonata del collezionista greco Alexander Iolas; Vivian’s Garden introdotto dall’autrice Rosalind Nashashibi, sulle artiste Vivian Suter e Elisabeth Wild che vivono in una tenuta circondata da un giardino tropicale in Guatemala; Urth di Ben Rivers in cui una scienziata racconta i suoi ultimi giorni nel centro scientifico Biosfera 2 in Arizona; i due film realizzati da Heinz Peter Schwerfel per la serie Live Art di Arte TV sugli artisti Adrian Villar Rojas e Philippe Parreno. Alle 19.10 il film Act & Punishment di Evgenij Mitta.

Alle 21.00 Rosalind Nashashibi introdurrà l’anteprima del suo Vivian’s Garden, realizzato per Documenta 14, ritratto intimo delle artiste svizzero-austriache Vivian Suter ed Elisabeth Wild, madre e figlia che vivono in Guatemala in una tenuta circondata da un lussureggiante giardino tropicale; seguito alle 21.50 dalla prima di Urth di Ben Rivers riflessione su temi quali l’isolamento, la costruzione di ambienti artificiali, la visione del futuro, il rapporto tra uomo e natura, attraverso il racconto degli ultimi giorni passati da una scienziata nel centro scientifico Biosfera 2 in Arizona. Chiudono il programma della giornata, alle 22.30 le prime mondiali dei i film di Heinz Peter Schwerfel.

INFO:Firenze, Cinema La Compagnia, Cango Cantieri Goldonetta, Le Murate. Progetti Arte Contemporanea, Palazzo Strozzi
15 – 19 novembre 2017

ingressi
Dal 16 al 19 novembre

pomeridiano € 5 intero, € 4 ridotto
serale € 7 intero, € 5.50 ridotto
giornaliero € 10 intero, € 8 ridotto
abbonamento dal 15 al 19 novembre € 40 intero

Prevendite on line per la durata della manifestazione www.cinemalacompagnia.it o alla cassa del cinema

L'articolo Lo schermo dell’arte Film Festival il programma di venerdì 17 novembre proviene da www.controradio.it.

Al Teatrodante Carlo Monni “Cimena”, la rassegna di cinema per bambini in cui i film li scelgono i più piccoli

Al Teatrodante Carlo Monni  “Cimena”, la  rassegna di cinema per bambini in cui i film li scelgono i più piccoli

Giovedì 16 novembre alle ore 17.00 a Campi Bisenzio parte  la programmazione partecipata,”Cimena” dove gli spettatori scelgono cosa vogliono vedere. Si parte con “La spada della roccia” della Disney

Giovedì 16 novembre alle 17.00  al Teatrodante Carlo Monni  con la proiezione de “La spada della roccia”, celebre film d’animazione prodotto dalla Walt Disney Productions e ispirato alle gesta di Re Artù e Mago Merlino, si inaugura “Cimena” l’appuntamento con il cinema pensato per i bambini, dove i film li scelgono i più piccoli. L’appuntamento tornerà più volte (il prossimo sarà il 16 dicembre). Saranno i partecipanti di domani a scegliere cosa vedere la volta successiva, da una lista di tre proposte fornite dall’organizzazione del teatro. La nuova sala attrezzata “Cimena” è allestita e decorata a misura di bambino grazie all’intervento dell’artista e scenografa Roberta Socci.

Le rassegna di cinema e di “comic crossing“, altra novità del teatro, che permetterà di prendere dalla grande libreria presente nel foyer fumetti in prestito, secondo un meccanismo di condivisione e scambio a costo zero, sono inserite nell’ambito del Festival dell’Economia Civile, in corso dal 16 al 18 novembre a Campi Bisenzio.

“Ci piace l’idea di una programmazione partecipata, dove sono gli spettatori a scegliere cosa vogliono vedere” – dicono dal Teatrodante Carlo Monni. – Quest’anno non ci limitiamo a dare ospitalità al Festival dell’Economia, importante manifestazione, ma partecipiamo attivamente interpretando, a modo nostro, un tema caro all’economia civile, e cioè quello della rigenerazione urbana. Con questo termine ci riferiamo ad azioni di recupero e riqualificazione di aree, edifici, luoghi degradati. Non è il caso, ovviamente, del nostro teatro, però crediamo che se uno spazio viene arricchito di nuove funzioni e di modi diversi con cui interpretarle, è come se gli venisse donata una nuova vita, una nuova genesi, una rigenerazione. In questo senso abbiamo rigenerato due spazi del teatro: la sala che generalmente veniva usata per le prove sarà anche un cinema per i bambini dove i bambini stessi sceglieranno i film da vedere ed il foyer una biblioteca condivisa di fumetti”. 

 

L'articolo Al Teatrodante Carlo Monni “Cimena”, la rassegna di cinema per bambini in cui i film li scelgono i più piccoli proviene da www.controradio.it.

Lo schermo dell’arte Film Festival X edizione

Lo schermo dell’arte Film Festival X edizione

Progetto unico nel panorama italiano e internazionale dedicato alle molteplici interazioni tra cinema e arte contemporanea diretto da Silvia Lucchesi, Lo schermo dell’arte Film Festival presenterà dal 15 al 19 novembre un ricco programma.

26 film d’artista e documentari con molte anteprime italiane e 3 mondiali, una mostra curata da Leonardo Bigazzi con le opere di 20 artisti, due progetti di formazione, cinque premi per artisti. Un appuntamento che riunirà per 5 giorni a Firenze la comunità di artisti, registi, curatori, produttori e direttori di istituzioni che lavorano nel campo delle moving images con oltre 70 ospiti internazionali. Il filo conduttore di molti dei film selezionati è la riflessione sull’utilità sociale dell’arte e su scottanti temi di attualità visti attraverso lo sguardo di artisti e registi: libertà di espressione, emigrazione, politica, rapporto arte-uomo-natura.

Inoltre, la mostra Directing the Real. Artists’ Film and Video in the 2010s, a cura di Leonardo Bigazzi, che inaugurerà martedì 14 novembre a Palazzo Medici Riccardi e riunirà fino al 10 dicembre 2017 le opere di 19 artisti internazionali, sarà un ulteriore momento di riflessione sul lavoro svolto in questi 10 anni di attività ma anche uno sguardo aperto sul futuro. LO SCHERMO DELL’ARTE, infatti, è da sempre impegnato nella promozione della produzione artistica delle moving images, attento a cogliere lo sguardo sul reale degli artisti contemporanei e attivo nella scoperta di alcuni fra i più talentuosi artisti emergenti degli ultimi anni.

Il Festival inizierà mercoledì 15 al Cinema La Compagnia con un live set dell’artista e musicista egiziano Hassan Khan, Leone d’argento all’ultima Biennale di Venezia, a cui seguirà la prima italiana di 24 Frames, ultima opera del regista iraniano Abbas Kiarostami.

INFO e PROGRAMMA

L'articolo Lo schermo dell’arte Film Festival X edizione proviene da www.controradio.it.

“Never Ending Man Hayao Miyazaki ” al cinema solo il 14 novembre

“Never Ending Man Hayao Miyazaki ” al cinema solo il 14 novembre

Il film evento sul ritorno del più grande Maestro di animazione di tutti i tempi! Settembre 2013: Hayao Miyazaki annuncia il ritiro dal mondo dell’animazione. Ma sarà davvero così? Miyazaki si è davvero ritirato o qualcosa lo spingerà a tornare? Un appuntamento al cinema per scoprire i segreti, le emozioni e il dietro le quinte dei capolavori del maestro dell’animazione giapponese!

Nausicaä della Valle del vento, Il Mio Vicino Tototoro, La Città Incantata, Il castello errante di Howl, solo per citarne alcuni, sono alcuni dei capolavori diretti da Miyazaki che, nel settembre del 2013, annunciò improvvisamente il suo ritiro dal mondo del cinema. Nonostante questa decisione, Miyazaki non poté trattenere il suo inarrestabile desiderio per la creazione e decise quindi di esplorare nuove forme espressive e nuove tecnologie. È stato così che un regista della TV giapponese NHK che, lo aveva seguito per oltre dieci anni, ha potuto documentare passo dopo passo il riavvicinamento del maestro al mondo dell’animazione, stavolta col supporto di giovani animatori di CGI. Ma non è stato facile… Miyazaki, da sempre amante del disegno a mano libera, ha incontrato diversi ostacoli e si è confrontato con computer graphic e animazione in CGI.

Ora il risultato di quell’indagine arriva al cinema con Never-Ending Man –  Hayao Miyazaki diretto da Kaku Arakawa che sarà nelle sale solo per un giorno come evento speciale il 14 novembre. Un approccio intimo e delicato per un documentario che ritrae lo Studio Ghibli e Miyazaki all’età di 70 anni, nel tentativo di ritornare alla ribalta. Ancora una volta.

In Toscana in programmazione nei seguenti cinema:

EmpoliLa Perla
FirenzeOdeon
FirenzePortico
FirenzeThe Space
GrossetoThe Space
LivornoThe Space
LuccaModerno
PisaOdeon
PistoiaGlobo
PoggibonsiPoliteama
ViareggioPoliteama

L'articolo “Never Ending Man Hayao Miyazaki ” al cinema solo il 14 novembre proviene da www.controradio.it.