Uninvited – Marcelo Burlon. Arriva a Firenze il documentario su una delle personalità di spicco della moda in Italia

Uninvited – Marcelo Burlon. Arriva a Firenze il documentario su una delle personalità di spicco della moda in Italia

Giovedì 11 gennaio al cinema La Compagnia di Firenze, il film di Mattia Colombo, scritto da Andrea Batilla, Uninvited – Marcelo Burlon. Un ritratto pubblico e privato di una delle personalità più affascinanti e influenti del panorama della moda attuale, Marcelo Burlon, che sarà presente in sala insieme al regista e all’autore.

Un documentario che, attraverso la vita di una figura così sincera e diretta, e i luoghi che lo hanno accolto, riesce a raccontare il sistema della moda nella sua complessità, e riesce a farlo da una prospettiva totalmente diversa rispetto all’idea standardizzata che si ha di questo mondo. Allontanandosi dal consueto ritratto delle personalità eccentriche degli stilisti, UNINVITED – Marcelo Burlon racconta l’universo della moda attraverso un personaggio controverso e discusso che permette di trovare l‘autentico in un settore dove all’apparenza nulla sembra davvero esserlo, un sistema che si sta impoverendo perché non è più capace di parlare al proprio utente finale, il pubblico, una voce dimenticata nel dibattito estetico.

Nato in Patagonia da genitori italo-libanesi, Marcelo Burlon negli anni Novanta si trasferisce in Italia con la famiglia, compiendo una vera e propria emigrazione al contrario. In quegli anni Marcelo vive le esperienze più disparate e inizia a muovere i primi passi nel mondo della moda. Oggi la sua holding ha un fatturato milionario e, oltre al proprio marchio, ne produce altri cinque. Grazie a uno spirito brillante e ad unaabilità comunicativa sorprendente, Marcelo si è imposto quindi come rappresentante di una nuova generazione di direttori creativi, una generazione che forse non dev’essere giudicata per la bravura nel fare vestiti ma piuttosto con la capacità di saper raccontare al pubblico una storia che appassioni.

UNINVITED – Marcelo Burlon

Italia, 2017

prodotto da LABÁ – PROGETTI SPECIALI

produttrici esecutive CRISTINA MARCHETTI e SILVIA ARDINI

regia MATTIA COLOMBO

scritto da ANDREA BATILLA

fotografia JACOPO LOIODICE

suono PAOLO BENVENUTI

musica originale LUCA FOIS

www.cinemalacompagnia.it

L'articolo Uninvited – Marcelo Burlon. Arriva a Firenze il documentario su una delle personalità di spicco della moda in Italia proviene da www.controradio.it.

Morto Novello Novelli, aveva 87 anni

Morto Novello Novelli, aveva 87 anni

Alias di Novellantonio Novelli, l’attore, nato a Poggibonsi nel marzo 1930 si è spento oggi. Impresario ed attore, ha collaborato con molti registi ed attori toscani.

E’ morto oggi, all’età di 87 anni, Novelloantonio Novelli. Era nato a Poggibonsi (Siena) il 2 marzo 1930, e si era avvicinato al mondo dello spettacolo prima come impresario e poi come attore, nel 1981, con Alessandro Benvenuti in ‘Ad Ovest di Paperino’.

“Ciao Novello”, scrive Leonardo Pieraccioni nel suo profilo ufficiale facebook postando una foto di Novelli che ha lavorato con lui in molti film. La sua era l’immagine del toscano tipico, e molti sono stati gli attori e registi toscani che lo avevano voluto al loro fianco. Oltre a Benvenuti e Pieraccioni Novelli è stato insieme a Francesco Nuti, Athina Cenci, Massimo Ceccherini e Alessandro Paci. Ma lo hanno voluto sul set anche Ornella Muti, Renato Pozzetto, Alessandro Haber e, non ultimo, Mario Monicelli in ‘Cari e fottutissimi amici’.

Era uno dei soci fondatori della Fondazione dei Maledetti Toscani, oltre che allenatore dell’omonima squadra di calcio.

L'articolo Morto Novello Novelli, aveva 87 anni proviene da www.controradio.it.

Gli appuntamenti del Glue Alternative Concept Space per il fine settimana

Gli appuntamenti del Glue Alternative Concept Space per il fine settimana

Venerdì 12 gennaio proiezione di “Atomica bionda” con Charlize Theron, sabato 13 gennaio serata tributo a David Bowie. Ingresso con tessera del Glue / U.S. Affrico

Glue – Alternative Concept Space venerdì 12 gennaio 2018 “Atomica Bionda” di David Leitch Ospite della serata l’Associazione Tennis in rosa – fight breast cancer with sport. (Aperitivo ore 20.00, inizio del film 21.30.) Tratto dalla graphic novel del 2012 di Antony Johnston e Sam Hart dal titolo “The Coldest City”, una spy-story dalla fantastica ambientazione anni ’80, ricca di colpi di scena e di azione mozzafiato con protagonista una, sempre più, sorprendente Charlize Theron. Ingresso con tessera del Glue / U.S. Affrico

Sinossi:1989. Lorraine Broughton, agente dell’MI6 britannico, con lividi ed ecchimosi evidenti, viene interrogata dal suo diretto superiore e da un rappresentante della CIA a proposito della sua recente missione in una Berlino ante caduta del Muro. Un agente sotto copertura era stato assassinato e gli era stata sottratta una lista contenente i nomi e i compiti di tutti gli agenti occidentali in azione. A Lorraine era stato affidato il compito di scoprire in quali mani era finita e di recuperarla prima che quanto in essa contenuto desse il via alla terza guerra mondiale.

Sabato 13 gennaio David Bowie Night  w/ live Bowie Legacy.  Aftershow: Mark Renton djset . A due anni dalla scomparsa del Duca Bianco, il Glue lo omaggia con una serata-tributo per rivivere insieme i più grandi capolavori dell’immenso artista britannico.
I “Bowie Legacy” sono: Alessio Colosi Ultimarata: Voce Riccardo Mori: Chitarra e Voce Leo Wass: Basso e Voce Claudio Sbrolli: Batteria

L'articolo Gli appuntamenti del Glue Alternative Concept Space per il fine settimana proviene da www.controradio.it.

‘Morto Stalin se ne fa un altro’, anteprima fiorentina allo Stensen

‘Morto Stalin se ne fa un altro’, anteprima fiorentina allo Stensen

Martedì 9 gennaio, alle 21.00 presso il Cinema Stensen verrà proiettato, in anteprima fiorentina e alla presenza del regista, il film “Morto Stalin, se ne fa un altro” di Armando Iannucci.

 

In  anteprima fiorentina e alla presenza del regista, il film “Morto Stalin, se ne fa un altro” di Armando Iannucci (Francia/ Gran Bretagna 2017, 106′, versione originale con sottotitoli in italiano), film che ripercorre gli ultimi giorni di Stalin e quello che ne consegue in una farsa che è vicina per stile a Monty Python. Il film è una parabola grottesca sul totalitarismo e sul potere, su chi lo detiene e lo perde miseramente o su chi è disposto a tutto per ottenerlo.

“La sera del 28 febbraio del 1953, Radio Mosca diffonde in diretta il “Concerto per pianoforte e orchestra n.23″ di Mozart. Toccato dall’esecuzione che ascolta nella sua dacia di Kountsevo, Joseph Stalin domanda una registrazione. Ma nessuna registrazione era prevista per quella sera. Paralizzati dalla paura, direttore e orchestra decidono di ripetere il concerto. Tutti tranne Maria Yudina, la pianista che ha perso famiglia e amici per mano del tiranno. Convinta a suon di rubli, cede, suona e accompagna il disco con un biglietto insurrezionale. L’orchestra si vede già condannata al gulag. Ma l’indomani Stalin è moribondo. Colpito da ictus, muore il 2 marzo scatenando un conflitto feroce per la successione tra i membri del Comitato Centrale del PCUS.”

Il film è ambientato nella Russia del 1953. Stalin, sicuro del suo potere, continua a ordinare omicidi e deportazioni di dissidenti, a oscurare la libertà di espressione e a tenere in riga la corte di personaggi che gli ruota intorno. Quando, una mattina, viene trovato riverso sul pavimento, proprio tra questi ultimi scoppia il panico e automaticamente anche la corsa per la sua successione.

Info www.stensen.org, 055/576551
Ingresso 8 euro, ridotto 6 euro

L'articolo ‘Morto Stalin se ne fa un altro’, anteprima fiorentina allo Stensen proviene da www.controradio.it.

La notte di capodanno all’Odeon con il film Wonder

La notte di capodanno all’Odeon con il film Wonder

Anche quest’anno si rinnova l’ormai tradizionale appuntamento al Cinema Odeon di Firenze per tutti quegli appassionati che vorranno aspettare l’arrivo del nuovo anno in compagnia di un bel film. Domenica 31 Dicembre – ore 21.45 –  proiezione speciale del film Wonder (versione originale con sottotitoli in italiano), al cui termine verrà offerto a tutti gli spettatori in sala spumante e panettone.

Tratto dall’omonimo bestseller che ha commosso il mondo, Wonder vede il giovane Jacob Trembley nel ruolo del protagonista August “Auggie” Pullman, bambino affetto dalla Sindrome di Treacher Collins in procinto di frequentare la quinta elementare in una scuola pubblica locale. Costretto precedentemente a studiare a casa a causa dei numerosi interventi chirurgici al viso, è la prima volta che August si unisce a una classe di coetanei, mangia alla mensa della scuola o parte in campeggio coi compagni. Nonostante le preoccupazioni di mamma Isabel (Julia Roberts) e papà Nate (Owen Wilson) sostiene gli sguardi curiosi e diffidenti degli studenti con fierezza e dignità, facendo il suo ingresso nella scuola pubblica come un supereroe, o piuttosto come un astronauta deciso a piantare la sua bandiera in un mondo distante e inesplorato. Mentre la famiglia, i nuovi compagni di classe e tutti quelli intorno a lui si sforzano per accettarlo, lo straordinario viaggio di Auggie li unirà tutti dimostrando che “non puoi omologarti quando sei nato per distinguerti”

Domenica 31 Dicembre – ore 21.45 –  proiezione speciale del film Wonder (versione originale con sottotitoli in italiano)

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze

Biglietto adulti (film + spumante e panettone): euro 16

Biglietto bambini fino a 12 anni (film + spumante e panettone): euro 10

Tel. 055-214068

www.odeonfirenze.com

L'articolo La notte di capodanno all’Odeon con il film Wonder proviene da www.controradio.it.