LES 400 COUPS – I 400 COLPI

Odeon Firenze, in collaborazione con la Cineteca di Bologna e l’Istituto Francese di Firenze, presenta stasera 8 ottobre, una serata-evento con uno dei film più importanti della storia del cinema: LES 400 COUPS – I 400 COLPI, film-manifesto della Nouvelle Vague realizzato nel 1959 da François Truffaut e affidato al volto di un ragazzo, Jean-Pierre Léaud, che diverrà da quel momento il volto-simbolo della nuova onda del cinema francese.

A 30 anni dalla scomparsa del regista, il restauro del suo primo lungometraggio, pietra miliare nella storia del cinema,uno dei film più teneri e lucidi sull’infanzia difficile.
I 400 COLPI | LES 400 COUPS – Un film di François Truffaut, con Jean-Pierre Leaud
(Francia, 1959, 99′) – Versione originale francese restaurata con sottotitoli in italiano
Mercoledì 8 ottobre ore 21 -Cinema Odeon- Piazza Strozzi Firenze

Sabina Guzzanti al cinema Astra 2

Sabato 4 ottobre SABINA GUZZANTI al Cinema Astra 2 (Piazza Beccaria) incontrerà il pubblico dopo la proiezione (ore 20.15) de LA TRATTATIVA, il film-rivelazione dell’ultima Mostra del Cinema di Venezia.

Di cosa si parla quanto si parla di “trattativa”? Delle concessioni dello Stato alla mafia in cambio della cessazione delle stragi? Di chi ha assassinato Falcone e Borsellino? Dell’eterna convivenza fra mafia e politica? Fra mafia e chiesa? Fra mafia e forze dell’ordine? O c’è anche dell’altro? Un gruppo di attori mette in scena gli episodi più rilevanti della vicenda nota come “trattativa stato-mafia”, impersonando mafiosi, agenti dei servizi segreti, alti ufficiali, magistrati, vittime e assassini, massoni, persone oneste e coraggiose e persone coraggiose fino a un certo punto. Così una delle vicende più intricate della nostra storia diventa un racconto appassionante, in cui viene ricostruita una delle vicende più oscure e intricate della recente storia repubblicana.

«La sfida più grande è stata riuscire a trasformare un mucchio di libri, articoli, interviste, verbali, ore e ore di registrazioni di sedute preocessuali, in una storia – ha dichiarato Sabina Guzzanti – Quello che scoprivo mentre leggevo e studiavo mi emozionava e mi sconvolgeva, e così mi veniva spontaneo raccontare ad amici e conoscenti gli episodi legati alla trattativa e trovando, ogni volta, mentre parlavo, collegamenti diversi, cancellando e aggiungendo episodi e personaggi.

«Il Ministero dei Beni Culturali ha considerato La trattativa un film indegno dell’interesse culturale nazionale – accusa la regista – ma non ha dimenticato i film di Vanzina e Neri Parenti. Il film è stato bloccato più volte. Abbiamo anche provato le intezioni della Rai: “La Guzzanti non è pane per i nostri denti” – hanno risposto. Per l’opinione pubblica, investita da uno scandalo al giorno, distinguere è difficile, perché prevale l’assuefazione. Eppure questa vicenda è un atto fondativo della Seconda Repubblica, un evento che ha cambiato il corso della nostra democrazia: è liquida, impalpabile, di difficile messa a fuoco Se chiedi in giro, domandi della Trattativa e sei molto fortunato, forse incontri qualcuno che ti parla del “papello” o di Napolitano. In molti non sanno proprio di cosa si discuta. Smarrirsi è facile».

«Ho dedicato quattro anni a questo lavoro – aggiunge la regista e attrice – In un momento storico così confuso, fatto di rabbia e unanimismo, conformismo e frustrazione, mi pare un gesto di grande ottimismo. Quando mi guardo intorno e vedo che trattativa o non trattativa, tutto si muove secondo una logica di mafia, in questo clima, continuare a pensare che si possa parlare, che si possano ancora mettere al centro i temi oggettivamente centrali come questo, sia una dimostrazione di smisurato ottimismo».

Biglietti in prevendita presso le casse del Cinema Astra 2 (Piazza Beccaria) e del Cinema Odeon (Piazza Strozzi) e sul sito boxol.it

LA TRATTATIVA – (Italia, 2014, 104′) – Un film di Sabina Guzzanti

Cinema Astra 2 (Piazza Beccaria) – Sabato 4 ottobre ore 20.15 alla presenza di Sabina Guzzanti

Il film è in programmazione al Cinema Astra 2 da giovedì 2 ottobre con i seguenti orari: Da Giovedì a Domenica: 16.15 – 18.15 – 20.15 – 22.15;
Lunedì: 16.30 – 21.15; Martedì e Mercoledì: 16.30 – 18.30 – 21.15

Martedì al cinema con Palazzo Strozzi

La Spagna, Picasso, il cinema. La selezione di film di questa ottava edizione di “Martedì al Cinema con Palazzo Strozzi” intreccia strade e percorsi artistici diversi, che durante il Novecento hanno segnato la cultura iberica (ed europea) grazie a una riflessione su temi cruciali come la guerra e la lotta politica, e grazie al racconto lucido e originale di una società sempre in bilico tra tradizione e modernità.

Dalla satira dissacrante di Luis Buñuel all’impegno di Ken Loach, dalle passioni di Pedro Almodóvar alle inquietudini di Fernando Arrabal e Alejandro Amenábar, la rassegna, in lingua originale, propone un’affascinante avventura fatta di storie, immagini, suoni, visioni.
Oggi 30 settembre, ore 20.30: L’albero di Guernica, regia di Fernando Arrabal (FR, IT, 1974, 98’) – Proiezione in italiano
7 ottobre, ore 20.30: Terra e libertà, regia di Ken Loach (GB, ES, DE, IT, 1995, 109’)
14 ottobre, ore 20.30: Donne sull’orlo di una crisi di nervi, regia di Pedro Almodóvar (ES, 1988, 90’)
21 ottobre, ore 20.30: Il fascino discreto della borghesia, regia di Luis Buñuel (FR, IT, ES, 1972, 105’)
28 ottobre, ore 20.30: Apri gli occhi, regia di Alejandro Amenábar (ES, FR, IT, 1997, 117’).

Cinema Odeon, Piazza Strozzi.
Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Le due vie del destino

Oggi e domani Odeon programma, ore 16,30-18,45,21,00 Le due vie del destino – The Railway Man (The Railway Man) ,il film,diretto da Jonathan Teplitzky e interpretato da Colin Firth e Nicole Kidman, è l’adattamento cinematografico dell’autobiografia dell’ufficiale britannico  Eric Lomax.

1942. Il 21enne Eric Lomax, addetto ai segnali e appassionato di ferrovie, è uno dei giovani soldati che a migliaia vengono fatti prigionieri dalle truppe giapponesi che hanno invaso Singapore. Spedito a lavorare alla costruzione della celebre Ferrovia della morte, in Tailandia, Eric è testimone di inimmaginabili sofferenze ai danni dei suoi compagni di sventura e, dopo essere stato scoperto per la costruzione di una radio clandestina, ne diviene lui stesso vittima. Sopravvissuto per miracolo alla guerra, Eric torna a casa ma la sua vita è irrimediabilmente segnata dal ricordo del giovane ufficiale giapponese, suo carnefice. Fino a quando, molti anni dopo, a bordo di un treno incontra Patti, la donna che farà ricomparire il sorriso sul suo volto e la voglia di tornare a vivere. Tuttavia, la ritrovata serenità verrà offuscata ancora una volta dal ritorno degli incubi e Patti, decisa ad aiutare l’uomo che ama, cercherà in ogni modo di scoprire che cosa lo tormenta. Grazie alla collaborazione dell’enigmatico Finlay, anche lui ex prigioniero di guerra che romperà il muro di omertà che contraddistingue il passato dei sopravvissuti alla prigionia, Patti non solo scoprirà lo scioccante segreto che ha condizionato la vita di suo marito, ma anche che il responsabile è ancora vivo…

THE RAILWAY MAN – Le due vite del destino (Australia/UK, 116′) – Un film di Jonathan Teplitzky, con Colin Firth, Nicole Kidman

Versione originale con sottotitoli in italiano | Original version with Italian subtitles

THE 11th HOUR – L’UNDICESIMA ORA

Domenica 21 settembre (ore 21), in occasione della Marcia mondiale per il clima, Odeon Firenze presenta il film documentario THE 11th HOUR – L’UNDICESIMA ORA (versione originale con sottotitoli in italiano).

L’undicesima ora per il genere umano è adesso, l’ultimo attimo nel quale è ancora possibile cambiare e fermare la nostra corsa verso il collasso ecologico globale. L’attore Leonardo Di Caprio è il produttore e la voce narrante di questo documentario sull’improrogabilità del cambiamento, che ci racconta da dove veniamo, dove stiamo andando e, cosa più importante, come possiamo cambiare. Grandi intellettuali come Mikhail Gorbacev e Stephen Hawking ed esperti di sviluppo sostenibile come William McDonough, insieme a molti altri, rivelano l’attuale e drammatica situazione del pianeta Terra. Incredibili immagini di inondazioni, incendi, uragani, scioglimento dei ghiacci e crescenti montagne di rifiuti giustapposte ad immagini di un futuro sostenibile ci esortano ad agire. Riusciremo ad utilizzare le tecnologie innovative a nostra disposizione e a cambiare il nostro comportamento per salvare il pianeta? Il momento critico è adesso, ma gli strumenti per salvare questo straordinario pianeta azzurro per le generazioni future sono a portata di mano.

THE 11TH HOUR | L’UNDICESIMA ORA (USA, 89′) Versione originale con sottotitoli in italiano | Original version with Italian subtitles

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze