Da Firenze appello in difesa Costituzione

Da Firenze appello in difesa Costituzione

 Va respinto con forza “quanto sta accedendo in queste ore a Roma, dove “si sta tentando di imporre al Presidente della Repubblica un diktat sulla composizione del governo, per impedirgli di svolgere pienamente il ruolo attribuitogli dalla Costituzione”. E’ quanto si legge in un appello firmato tra gli altri dagli ex presidenti della Regione Toscana ed ex senatori, Vannino Chiti e Claudio Martini, dall’ex sindaco di Firenze Mario Primicerio e dall’ex presidente del Consiglio della Toscana, Simone Siliani.

Dopo aver ricordato l’art.92 della Costituzione che “chiaramente definisce i ruoli del Presidente del Consiglio dei Ministri (che propone la lista dei Ministri) e del Presidente
della Repubblica (che li nomina)”, secondo i firmatari ricordano che si tratta “nella distinzione dei ruoli” di “due volontà libere e autonome”, che concorrono a costituire il Governo.
Invece, il lepenismo della Lega di Salvini e il populismo di Casaleggio e Di Maio spingono per snaturare il nostro ordinamento costituzionale”.
Per i firmatari dell’appello “il presidente del Consiglio incaricato Conte deve dimostrare la sua autonomia, condizione essenziale per guidare un Governo nel solco della Costituzione,
schierandosi con il Presidente della Repubblica e tutelare il ruolo di entrambi”. Una cosa che possono e devono fare anche i cittadini “a prescindere dalle loro appartenenze politiche”.
“Per questo siamo con il Presidente Mattarella nel difendere le prerogative assegnate dalla Costituzione al Capo dello Stato e al presidente del Consiglio”, concludono invitando “partiti, sindacati, associazioni a prendere posizione a favore della nostra Costituzione, uscendo da un mortificante silenzio e da una incredibile sottovalutazione di questa situazione. La Costituzione deve essere salvaguardata sempre, anche quando si
assiste a tentativi di cambiamento e stravolgimenti”

L'articolo Da Firenze appello in difesa Costituzione proviene da www.controradio.it.

Centrosinistra: appello Chiti, Martini e Rossi per una coalizione unita 

Centrosinistra: appello Chiti, Martini e Rossi per una coalizione unita 

Firenze, gli ultimi tre presidenti di centrosinistra della Toscana hanno firmato un documento di “Proposta Convenzione Nazionale”, con l’intento di non arrendersi al populismo, cercando di dare risposte alternative a quelle di una destra tradizionalista.

Si tratta dunque di un tentativo per “ricostruire una sinistra plurale e una coalizione di centrosinistra radicate nella società, capaci di iniziativa sociale, determinate a chiudere la pagina delle divisioni” già dalle prossime amministrative.

A lanciarlo, in un documento congiunto, sono appunto gli ultimi tre presidenti della Toscana, Vannino Chiti e Claudio Martini, ex senatori Pd, ed Enrico Rossi, governatore in carica, esponente di Leu, che si appellano a chi non si rassegna “all’idea che il futuro dell’Italia sia nelle mani dei populisti e della destra conservatrice e reazionaria”.

“La sconfitta dell’intero centrosinistra è stata pesantissima, anche in Toscana, ma – affermano – se saremo capaci di nuovi legami sociali, di innovazione e unità, la battaglia è ancora aperta. È necessario ascoltare le domande dei cittadini”.

Chiti, Martini e Rossi propongono allora che “si apra una seria e approfondita fase di ascolto del ‘mondo’ del centrosinistra: le classi popolari e più colpite dalla crisi, la galassia dei ‘lavori’ vecchi e nuovi, le nuove generazioni. Alcune priorità sono condivise: lotta a povertà e disuguaglianze, diritto a un’occupazione degna e stabile, costruzione di forme più articolate e sostenibili di protezione sociale, convivenza pacifica e ordinata con immigrazione e richiedenti asilo, una democrazia federale europea. Occorre dare una rappresentanza rinnovata e convincente a quel popolo democratico e di sinistra che si è allontanato e astenuto, ma che non ha voltato le spalle all’uguaglianza, alla giustizia sociale e alle riforme indispensabili all’Italia”.

L'articolo Centrosinistra: appello Chiti, Martini e Rossi per una coalizione unita  proviene da www.controradio.it.