Leonardo da Vinci: la botanica del Genio in mostra a Firenze

Leonardo da Vinci: la botanica del Genio in mostra a Firenze

Gli studi di Leonardo da Vinci sulle forme e sulle strutture del mondo vegetale al centro di una mostra ospitata nel complesso di Santa Maria Novella a Firenze dal 13 settembre al 15 dicembre prossimi.

E’ ‘La botanica di Leonardo. Per una nuova scienza tra arte e natura’, esposizione curata da Stefano Mancuso, Fritjof Capra e Valentino Mercati, promossa dal Comune di Firenze, ideata e prodotta da Aboca con il coordinamento scientifico di Muse. La rassegna, che rientra nelle celebrazioni leonardiane per i 500 anni dalla morte del Genio da Vinci, propone un viaggio tra fogli originali, piante reali e installazioni interattive che diventa occasione di riflessione sull’evoluzione scientifica e sulla sostenibilità ambientale.

Il percorso espositivo parte dal chiostro di Santa Maria Novella dove sono posizionati i cinque grandi poliedri regolari disegnati da Leonardo a cui si accompagna una serie di piante selezionate tra quelle studiate o citate dal Genio. Il percorso all’interno del dormitorio del complesso fiorentino si articola poi come un ‘organismo vegetale’ in cui il linguaggio multimediale offre la possibilità di vivere l’opera leonardiana e i suoi studi sulla botanica in chiave interattiva. In esposizione anche tre fogli originali del Codice Atlantico della Veneranda Biblioteca Ambrosiana; la rassegna si conclude poi con un ripensamento dell”uomo vitruviano’ che diventa lo spunto per riflettere sugli equilibri fra uomo e natura.

“Negli ultimi mesi Firenze ha omaggiato il Genio di Vinci con varie mostre che hanno indagato diversi punti di vista – ha detto il sindaco Dario Nardella -, adesso chiudiamo l’anno leonardiano affrontando un altro aspetto, ovvero le sue intuizioni di assoluto rilievo nella storia della botanica”.

Per Massimo Mercati, amministratore delegato di Aboca, “rileggere oggi il Leonardo pensatore sistemico è un modo universale di riportare l’attenzione sulle proprietà dei complessi naturali e di validare scientificamente ciò che per il genio era solo un’intuizione”. Infine, Matteo Spanò, presidente di Muse si è detto felice “di aver potuto contribuire a un progetto così ambizioso e visionario”.

L'articolo Leonardo da Vinci: la botanica del Genio in mostra a Firenze proviene da www.controradio.it.

Colazione e Aperitivo con Leonardo al Museo della Fondazione Scienza e Tecnica

Colazione e Aperitivo con Leonardo al Museo della Fondazione Scienza e Tecnica

Tra leggenda e realtà, si attribuiscono a Leonardo alcune invenzioni innovative per la cucina, tra cui il girarrosto, che compare nel foglio 21r del Codice Atlantico, azionato da un contrappeso o dall’aria calda sollevata dai fuochi e incanalata tramite una rotazione proporzionale all’intensità delle fiamme stesse. Nell’anno, in cui si celebrano i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci (1452-1519), la Fondazione Scienza e Tecnica propone alcuni appuntamenti, che, prendendo lo spunto dai multiformi interessi di Leonardo, offrano l’occasione per mostrare le proprie collezioni al pubblico dei turisti, in particolare stranieri.

Cavatappi, affetta uova a vento, trita-aglio, macina pepe: partendo da questi oggetti, che sono stati apparentemente individuati nei disegni leonardiani, verranno valorizzati gli oggetti riferibili al mondo della Cucina, conservati presso il Museo della Fondazione Scienza e Tecnica. La Fondazione, che raccoglie l’eredità dell’antico Istituto Tecnico Toscano (1850), oltre al Planetario digitale Digistar, detiene e valorizza un enorme patrimonio, che richiama al primato della ricerca e del metodo sperimentale a Firenze e in Toscana.

Gli incontri, programmati per il 6 e il 13 settembre e il 4 e l’11 ottobre, si svolgeranno in due momenti:

  • Alle ore 9.30, la colazione offerta ai visitatori sarà seguita dalla visita La cucina fiorentina nei reperti del Museo della Fondazione Scienza e Tecnica, durante la quale, i turisti potranno apprendere i rudimenti storici della cucina toscana e fiorentina, facendo riferimento all’opera di Pellegrino Artusi, autore di un famosissimo manuale di cucina (1891).
  • Alle ore 18, dopo l’aperitivo, offerto sempre gratuitamente ai presenti, il tema della visita sarà Il cielo di Leonardo. Durante l’incontro, la figura di Leonardo sarà evocata in Planetario, attraverso le stelle che segnarono la notte della sua nascita, il 15 aprile 1452.

Le visite si svolgeranno in italiano e in inglese ed è necessaria la prenotazione. La  Fondazione si trova in Via Giusti 29, Firenze.
Per informazioni e prenotazioni:

iscrizioni@fstfirenze.it oppure 055 2343723, ingresso € 8.00

Litro campione
Macinino

L'articolo Colazione e Aperitivo con Leonardo al Museo della Fondazione Scienza e Tecnica proviene da www.controradio.it.