Coronavirus Toscana: servizio regolare per Codice rosa contro violenza

Coronavirus Toscana: servizio regolare per Codice rosa contro violenza

Codice rosa, il servizio presente in tutti i pronto soccorso della Toscana dedicato alle persone (nella stragrande maggioranza donne) vittime di violenza, continua a funzionare a pieno ritmo anche in tempi di Coronavirus.

La Rete regionale di Codice rosa, spiega una nota, è attiva e opera in pieno regime attuando, alla luce delle nuove esigenze legate al Covid-19, ogni possibile accorgimento per continuare a garantire le adeguate misure di tutela, sicurezza e privacy in ogni singolo caso di accesso in pronto soccorso di donne vittime di violenza.
E anziché nelle Case rifugio, le donne potranno essere ospitate negli alberghi che la Regione mette a disposizione sia per il personale sanitario che per i pazienti Covid-19 che devono stare in isolamento. “Consapevole di questo e del grande e impegnativo lavoro che ciò comporta – dice l’assessora al Diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi – rivolgo un ulteriore ringraziamento agli operatori e alle operatrici dei pronto soccorso, della Rete regionale Codice Rosa e dei Centri antiviolenza. Le donne che arrivano al pronto soccorso entrano nel circuito del Codice rosa ospedaliero e vengono quindi sottoposte a tampone. Se però è necessario un isolamento, le donne non possono essere ospitate nelle Case rifugio, insieme alle altre. Per questo mettiamo a disposizione la rete di alberghi e residence già individuati, per ospitare sia medici e infermieri, che i pazienti Covid-19”. “Le nostre procedure, coerentemente con quanto disposto dalle linee guida nazionali – chiarisce Vittoria Doretti, responsabile della Rete regionale Codice rosa -, sono state aggiornate a dicembre e sollecitano una relazione stretta tra le reti aziendali di Codice rosa e quelle territoriali dei Cav, i Centri antiviolenza”. “Come Rete Codice rosa – spiega ancora Doretti -, prevedendo le possibili difficoltà che l’attuale situazione avrebbe comportato e per ampliare la risposta a esigenze abitative e di supporto in emergenza, abbiamo previsto di inserire anche i Codici rosa, e in particolare le donne vittime di violenza, tra coloro che potranno usufruire degli alloggi previsti dall’ordinanza numero 15 del presidente, secondo le modalità in corso di definizione a cura di un gruppo di lavoro dedicato”.

L'articolo Coronavirus Toscana: servizio regolare per Codice rosa contro violenza proviene da www.controradio.it.

Violenza, Toscana: al giorno 10 donne si rivolgono ai Centri per la prima volta

Violenza, Toscana: al giorno 10 donne si rivolgono ai Centri per la prima volta

In Toscana ogni giorno, 10 donne si rivolgono per la prima volta a un Centro antiviolenza. Il dato è raddoppiato in un decennio: erano 1.761 nel 2009-2010, sono state 3.539 nel 2018-2019. I dati emergono dall’11/o Rapporto sulla violenza di genere in Toscana realizzato dall’Osservatorio sociale regionale e presentato a Firenze in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Dal 2006 al 2018 i femminicidi sono stati 113 e 40 sono i cosiddetti ‘orfani speciali’, ossia i figli/e delle vittime. La violenza infatti non è subita solo dalla vittima: sono colpiti anche la famiglia ma soprattutto i figli. In Toscana ogni giorno 10 donne si rivolgono per la prima volta a un Centro antiviolenza. Due donne su tre accedono ai Centri in maniera diretta; per il resto, a segnalare le donne ai CAV sono stati i Servizi sociali (22%), le Forze dell’Ordine (14,7%), seguiti da Codice Rosa (8,1%) e Consultori (1,4%). Anche nel 2018/19 a iniziare un percorso di uscita dalla violenza sono soprattutto donne dai 30 ai 50 ann. La maggior parte di esse sono donne straniere, che continuano a rappresentare meno del 30% del totale.

La forma di violenza più diffusa è quella psicologica e i protagonisti della violenza sono soprattutto i partner e gli ex partner. Diminuiscono, seppur di poco, rispetto alla scorsa valutazione, le donne straniere che si rivolgono ai Centri denunciando una violenza fisica, maaumentano coloro che riferiscono violenze psicologiche ed economiche.

Il maggiore fattore che frena la denuncia delle donne è l’instabilità economica: circa il 45% delle italiane e oltre il 65% delle straniere non può contare su un’occupazione stabile. La denuncia è dunque fortemente correlato alla possibilità di avere un’indipendenza economica,  a prescindere dal livello culturale o del benessere del nucleo familiare. Ma la violenza non coinvolge solo le donne: anche gli uomini si rivolgono a uno dei sei Centri per uomini autori di violenze.

Le strutture toscane che si occupano di queste problematiche sono i Centri antiviolenza sono 24 con 99 sportelli a cui si rivolgono soprattutto donne dai 30 ai 50 anni (30% straniere). Presenti in Regione anche le Case Rifugio, strutture a indirizzo segreto dove la donna, sola o con i figli, viene messa in sicurezza: sono attive 21 strutture, con 136 posti letto, e nel 2018 hanno ospitato 151 donne. Nel 2018 queste strutturte hanno ospitato 151 donne (di cui 110 di origine straniera) e 161 figli e figlie.

Secondo il Centro regionale di documentazione per l’infanzia dell’Istituto degli Innocenti, anche la violenza sui minori ha registrato un incremento. Nel 2016 erano 1.487 i bambini costretti ad assistere a violenze saliti a 1.805 nel 2018; mentre i minori direttamente maltrattati sono cresciuti dai 1.921 casi del 2016 e 3.203 del 2018. La Regione dispone infine della rete del Codice Rosa: dal 2012 al giugno 2019 ha registrato 21.129 accessi e i consultori che nel 2018 hanno accolto per abuso e maltrattamento 686 persone.

Il tipo di violenza per la quale si accede al Codice Rosa è soprattutto il maltrattamento, che rappresenta la motivazione del 94% degli accessi per adulti e dell’81,4% degli accessi da parte di minori; per questi ultimi, l’altro tipo di violenza è l’abuso (18,6%).

“Anche quest’anno si possono sfatare stereotipi: non è vero che la violenza è fatta da sconosciuti, è all’interno del contesto familiare e nella stragrande maggioranza dei casi è da parte dell’ex partner e spesso coinvolge dei bambini. E poi non è vero che l’incidenza sia soprattutto tra i cittadini extracomunitari, è un problema che riguarda la società italiana”, è il commento della vicepresidente della Regione Monica Barni.

L’assessora al diritto alla Salute, Stefania Saccardi ha poi ricordato ciò che la Regione ha fatto in questi anni: “Un accordo importante con la magistratura e le forze dell’ordine poi abbiamo coinvolto tutte le Procure della regione con un Protocollo che ha messo in piedi procedure che possano garantire una migliore presa in carico delle persone e la correttezza del percorso giudiziario; abbiamo istituito borse di studio e un master all’Università di Siena. Abbiamo ancora molto lavoro da fare – ha aggiunto – siamo scoraggiate dai dati, che per quanto si faccia, sono sempre drammaticamente alti”.

Secondo l’assessora, l’aumento dei dati sulla violenza contro le donne possono essere anche lettoi “come capacità di emersione di un fenomeno, è positivo che le donne denuncino. Noi non dobbiamo mai abituarci, rassegnarci. La violenza di genere deve scomparire, nell’interesse non solo delle donne, ma di tutta la comunità”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato la Vicepresidente della Regione Toscana e il prefetto di Firenze Laura Lega.

L'articolo Violenza, Toscana: al giorno 10 donne si rivolgono ai Centri per la prima volta proviene da www.controradio.it.

Firenze, presentato progetto per vittime d’odio e razzismo

Firenze, presentato progetto per vittime d’odio e razzismo

‘V Start – Sensibilizzazione e lavoro di rete per le vittime dei crimini d’odio’, questo il nome del progetto presentato oggi a Firenze che coinvolge anche Germania,Croazia e Austria.

Una ricerca sull’accoglienza per le vittime dei crimini d’odio, un manuale per operatori e una guida per le vittime di razzismo. Sono i contenuti del progetto internazionale ‘V-Start-sensibilizzazione e lavoro di rete per le vittime dei crimini d’odio’, finanziato dal programma Justice dell’Unione europea e realizzato in Italia da Cospe, con il cofinanziamento della Regione Toscana. Il progetto, presentato oggi a Firenze, oltre all’Italia coinvolge anche Croazia, Austria e Germania, ed è incentrato sulla protezione delle vittime dei crimini razzisti e omofobici.

La ricerca mappa 38 strutture dedicate in tutta Italia, mentre l’obiettivo del manuale, che si rivolge ad operatori pubblici e del privato sociale, è fornire strumenti e conoscenze di base per riconoscere il problema e rispondere alle esigenze primarie delle vittime. Infine, la guida per le vittime, tradotta in inglese, francese o arabo, vuole aiutare coloro che subiscono aggressioni o offese di tipo razzista, omofobico o a causa della propria disabilità ad acquisire consapevolezza in merito a quanto successo, suggerendo possibili soluzioni.

Secondo l’assessore regionale al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi ‘V-Start’ è “un bel lavoro, sempre più attuale: purtroppo il clima nel quale viviamo oggi non aiuta l’accoglienza, l’attenzione alle differenze. Crediamo che debba esserci un impegno dei soggetti pubblici e delle istituzioni”. Per Udo Enwereuzor di Cospe onlus serve “fare una ricognizione dell’esistente” ed “è utile diffondere la conoscenza”. Ornella Galeotti, sostituto procuratore del Tribunale di Firenze, ha definito ‘V-Start’ “un altro faro di speranza per il nostro paese”. Per Vittoria Doretti, responsabile regionale Codice rosa, “più grande alleata della violenza è la solitudine”, conta “non solo la cura, ma anche il prendersi cura, nel rispetto di chi si ha di fronte”.

L'articolo Firenze, presentato progetto per vittime d’odio e razzismo proviene da www.controradio.it.