Coronavirus: maestra positiva, isolamento per 242 alunni in Casentino

Coronavirus: maestra positiva, isolamento per 242 alunni in Casentino

Partite in queste ore le notifiche di quarantena per affrontare al meglio l’emergenza covid-19 a seguito della notizia della positività al virus di una maestra che lavora in una scuola di Bibbiena, in Casentino (Arezzo).

“Stanno partendo le notifiche di quarantena per 242 alunni e 10 tra insegnanti e collaboratori della scuola stessa” rende noto il sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli sottolineando che “si tratta comunque di misure precauzionali per tutelare innanzitutto le famiglie e quindi la comunità, visto che questi bambini possono avere avuto contatti con un probabile caso positivo”.
“I genitori non sono in quarantena o sorveglianza cautelativa – spiega sempre il sindaco – perché sono contatti indiretti e gli scienziati in questo sono stati molto chiari. Per loro non è
necessaria. Ogni giorno il personale medico della Asl Toscana sud est si metterà in contatto con le famiglie per monitorare in modo adeguato la situazione”.
Per un’altra maestra risultata positiva ad Arezzo nei giorni scorsi sono stati messi in isolamento a casa 178 alunni. Positiva era poi risultata nei giorni successivi una collega della maestra di Arezzo.

Sono cinque in totale  i nuovi casi positivi registrati da ieri sera tra le province di Arezzo, Siena e Grosseto. Lo rende noto l’Asl Toscana sud est. Nel capoluogo maremmano tre i casi: due donne residenti a Grosseto, di 49 e 53 anni, attualmente assistite al domicilio e
una 65enne, ricoverata in malattie infettive al Misericordia. Il dipartimento di prevenzione sta effettuando le indagini per definire la catena epidemiologica.
Nel senese tampone positivo per un 33enne di Sarteano, contatto stretto di un caso noto e che è a casa, mentre nell’Aretino è in sorveglianza attiva domiciliare un 34enne di
Terranuova Bracciolini.

L'articolo Coronavirus: maestra positiva, isolamento per 242 alunni in Casentino proviene da www.controradio.it.

Ciclovia dell’Arno: domenica l’inaugurazione del “Tratto della Sorgente”

Ciclovia dell’Arno: domenica l’inaugurazione del “Tratto della Sorgente”

Domenica 22 settembre (ore 9,30) ci sarà il taglio del nastro del “Tratto della Sorgente”, tratto iniziale della Ciclovia dell’Arno. Alle ore 10 inizierà la pedalata amatoriale con la partecipazione di Fiab e GsPoppi. Il tratto della ‘sorgente’, lungo 16 km, funge da collegamento tra Stia, località Canto alla Rana, e la zona industriale di Castel San Niccolò, e tra Ponte a Poppi e Bibbiena, dove si collega al tratto già realizzato.

Presenti tra gli altri l’assessore regionale alle infrastrutture, mobilità e urbanistica Vincenzo Ceccarelli, il presidente dell’Unione dei Comuni Montani Lorenzo Remo Ricci, l’assessore alle infrastrutture dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino Giampaolo Tellini, il sindaco di Pratovecchio Stia Nicolò Caleri e i sindaci degli altri Comuni interessati.

La Toscana crede fortemente nello sviluppo della mobilità sostenibile, collegata anche ad un turismo sostenibile”, sottolinea l’assessore regionale alle infrastrutture, mobilità e urbanistica Vincenzo Ceccarelli. “Ed in questa ottica – continua – la progressiva realizzazione di un grande itinerario ciclabile, capace di competere con le grandi ciclovie fluviali d’Europa, rappresenta un grande successo”.

Il tratto iniziale della sorgente infatti, grazie alla sua posizione parallela rispetto alla ferrovia Stia-Arezzo, offre l’opportunità per l’integrazione tra treno e bici. Al momento, fa sapere Ceccarelli, il 54% del Sistema integrato Ciclovia dell’Arno-Sentiero della Bonifica è già percorribile o in fase di realizzazione. In progettazione rimane il 46%. I lavori per il completamento del tratto in Casentino e nel Valdarno aretino dovrebbero iniziare nel corso del 2019-2020.

La Ciclovia dell’Arno, una volta terminata, sarà lunga oltre 400 km e toccherà le Province di Arezzo, Siena e Pisa e la Città Metropolitana di Firenze. Il percorso  avrà la presenza di oltre 40 stazioni ferroviarie Trenitalia/TFT e numerosi terminal bus, garantendo l’intermodalità.

“Siamo soddisfatti di poter inaugurare questo primo tratto di ciclovia nei tempi stabiliti. E’ il risultato di un lungo lavoro che ha visto unire le forze dei comuni casentinesi e della Regione”, ha commentato assessore alle infrastrutture dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino Giampaolo Tellini.

L'articolo Ciclovia dell’Arno: domenica l’inaugurazione del “Tratto della Sorgente” proviene da www.controradio.it.