Carrara: frustati a lavoro come schiavi

Carrara: frustati a lavoro come schiavi

Al lavoro come schiavi, frustati, minacciati di morte e seviziati con un coltello: la denuncia choc è finita sul tavolo della procura di Massa e coinvolge tre pakistani che accusano il titolare di una ditta nautica di Carrara.

Nella denuncia, depositata dall’avvocato Michela Poletti, oltre che delle angherie subite si parla anche stipendi pagati con bonifici ai tre stranieri soldi che poi dovevano subito restituire in contanti al datore di lavoro. I tre pakistani, di circa 30 anni, sarebbero stati costretti a lavorare fino a 13 ore al giorno, come si legge nella denuncia, e inizialmente senza contratto e senza alcun strumento di protezione. Avevano compiti di resinatori della vetroresina utilizzata per la costruzione delle imbarcazioni. I tre, ‘isolati’ anche dai loro connazionali, si sono rivolti anche alla Cgil.

L'articolo Carrara: frustati a lavoro come schiavi proviene da www.controradio.it.

Cerca di attraversare i binari, uomo travolto a stazione Carrara

Cerca di attraversare i binari, uomo travolto a stazione Carrara

Un uomo di 55 anni, di nazionalità romena, è stato travolto e ucciso ieri sera da un treno a lunga percorrenza in transito nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Carrara Avenza (Massa Carrara).

Secondo le prime informazioni si tratterebbe di un incidente: l’uomo, intorno alle 20.30, avrebbe cercato di attraversare i binari. Purtroppo sono stati inutili i soccorsi. La circolazione sulla linea La Spezia-Pisa è stata interrotta, sia verso Pisa sia in direzione La Spezia, per eseguire i rilievi. Sul posto erano presenti la polfer e gli agenti di Carrara.
Ritardi sono stati registrati per molti treni che sono stati fermati nelle stazioni prima di Carrara.

L'articolo Cerca di attraversare i binari, uomo travolto a stazione Carrara proviene da www.controradio.it.

Carrara, dolore e rabbia a funerali operaio morto

Carrara, dolore e rabbia a funerali operaio morto

Dolore e rabbia a Carrara ai funerali di Luca Savio, l’operaio morto l’11 luglio scorso in un deposito di Marina di Carrara (Massa Carrara) dopo essere stato colpito da un blocco di marmo.

Presenti circa duecento persone, tra cui l’assessora regionale al Diritto alla salute Stefania Saccardi, il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale, quello di Fivizzano Paolo Grassi e per
l’amministrazione comunale di Massa il vice sindaco Guido Mottini.
In prima linea anche le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil. I rappresentanti di Cgil e Uil hanno fatto girare un comunicato in mattinata ribadendo che “non si può assistere ancora a tragedie come questa, tutto non può essere ricondotto alla fatalità. Di
precarietà si muore”, e lanciano una proposta: “Invitiamo tutti i lavoratori a devolvere alla famiglia quattro ore di lavoro. Conto aperto anche a coloro che vogliano fare autonomamente dare un contributo alla famiglia”.

“Siamo di fronte agli effetti inaccettabili di una precarieta’ e di un mercato del lavoro che consentono l’eccessiva frammentazione di mansioni e carichi insostenibili di lavoro”, spiega il governatore della Toscana, Enrico Rossi. “C’e’ una proliferazione
di terzocontisti- prosegue- e vengono fatti svolgere compiti diversi da quelli che un lavoratore e’ chiamato a eseguire in base al contratto sottoscritto. L’assenza di formazione adeguata si presenta cosi’ come una conseguenza naturale, di fronte alla
quale non possiamo piu’ chiudere gli occhi”. Per Rossi “c’e’ un enorme problema non solo di cultura della sicurezza, ma di rispetto delle regole”.

L'articolo Carrara, dolore e rabbia a funerali operaio morto proviene da www.controradio.it.