Autorimessa in fiamme a San Miniato, evacuate 8 famiglie

Autorimessa in fiamme a San Miniato, evacuate 8 famiglie

E’ stato necessario evacuare 8 famiglie da uno stabile di Poggio a Isola, frazione del comune di San Miniato (Pisa), per un incendio propagatosi da un’autorimessa che ha interessato sia la vegetazione circostante che l’intero edificio.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Castelfranco di Sotto (Pisa), supportate dai colleghi del comando provinciale di Firenze, con sei squadre e 20 pompieri che in poco tempo hanno domato le fiamme. Sono tuttora in corso le verifiche di staticità dell’immobile e gli accertamenti per individuare la causa che ha innescato il rogo. L’evacuazione dei residenti è stata necessaria in via precauzionale perché l’edificio è stato invaso dal fumo, proveniente dall’autorimessa, e per il forte calore sprigionato dalle fiamme. Nessuno dei presenti nello stabile, una ventina di persone, è rimasto ferito.

L'articolo Autorimessa in fiamme a San Miniato, evacuate 8 famiglie proviene da www.controradio.it.

Apparecchi illegali, simili a slot, sequestrati nel Pisano

Apparecchi illegali, simili a slot, sequestrati nel Pisano

In un bar di Castelfranco di Sotto sono stati trovati tre apparecchi da intrattenimento completamente illegali, simili a slot machine, che sono stati, in seguito, sequestrati dalla guardia di finanza di San Miniato, Pisa.

Gli apparecchi, chiaramente fuorilegge, erano sprovvisti delle autorizzazioni necessarie e non erano collegati alla rete dei Monopoli di stato: l’escamotage consentiva al bar di evitare il monitoraggio delle giocate ed eludere così le imposte.

Nell’operazione i finanzieri, in collaborazione con i funzionari dell’agenzia delle dogane e dei monopoli di Pisa, hanno trovato, sempre all’interno del locale, anche un ‘totem’ che consentiva, tramite connessione Internet, di accedere a piattaforme di gioco estere, prive di concessione o autorizzazione per giocare d’azzardo online.

L’imprenditore è stato multato e adesso dovrà pagare una sanzione di 43.000 euro.

L'articolo Apparecchi illegali, simili a slot, sequestrati nel Pisano proviene da www.controradio.it.

Cade grosso ramo a Lucca, colpa del “Summer branch drop”

Cade grosso ramo a Lucca, colpa del “Summer branch drop”

La caduta del grosso ramo, avvenuta ieri sulla passeggiata delle Mura a Lucca, sarebbe dovuta ad un raro caso di “Summer branch drop”, una rottura improvvisa che può avvenire in certe condizioni estive, e non a malattie, problemi strutturali dell’albero o al maltempo.

A rivelarlo è la relazione effettuata dall’agronomo a cui il Comune di Lucca si è rivolto che, spiega in una nota, ha dimostrato come l’albero, un Liriodendron tulipifera, non fosse colpito da patologie o da problemi strutturali e perciò il distaccamento del ramo è da associare all’inconsueto evento di “Summer branch drop”.

Scrive l’agronomo Massimiliano Demi: “La rottura del grosso ramo in questione non é da attribuire né alla categoria degli schianti dovuti a difetti morfofisiologici, né a quella correlata alla presenza e all’azione di agenti patogeni; tantomeno alla concomitanza con eventi meteorologici rilevanti”.

Continua l’agronomo, specificando che “le cause di quanto avvenuto sono da ricercare  tra quelle che concorrono al verificarsi di un fenomeno conosciuto come “Summer branch drop”. La manifestazione di questa sindrome è indissolubilmente legata al verificarsi di particolari condizioni ambientali (mix tra condizioni del terreno, dell’aria, esposizione, ecc.) con repentini gradienti che innescano situazioni di squilibrio nella distribuzione di acqua all’interno dei vari tessuti legnosi che costituiscono la parte epigea”.

“Il complesso fenomeno del crollo improvviso di grosse branche è ancora in fase di definizione e di studio, la statistica è ancora debole e si stanno cercando di raccogliere più dati possibili sui singoli eventi per migliorare e ottimizzare potenziali modelli previsionali, ma è doveroso sottolineare che la casistica è molto ridotta e, seppur le conseguenze possano essere importanti, si parla di fatti isolati” conclude Massimiliano Demi.

L’Amministrazione comunale, intanto, atttraverso una autogrù con cestello, sta proseguendo il giro delle mura, precedentemente programmato, per controllare da vicino le alberature ed eliminare i rami secchi.

Si registra un altro episodio analogo avvenuto a Castelfranco di Sotto, Pisa, dove due persone sono rimaste ferite, fortunatamente in modo lieve, dalla caduta accidentale di un ramo di un pino, intorno alle 18.30 della giornata di ieri. Il sindaco Gabriele Toti si sta interessando sull’accaduto ed ha annunciato ulteriori verifiche sullo stato delle piante.

L'articolo Cade grosso ramo a Lucca, colpa del “Summer branch drop” proviene da www.controradio.it.