Si rinnova a Certaldo l’appuntamento dedicato a Boccaccio

Si rinnova a Certaldo l’appuntamento dedicato a Boccaccio

Come da tradizione, in prossimità del 21 dicembre – data in cui ricorre la morte del poeta, avvenuta a Certaldo il 21 dicembre 1375 – l’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio organizza un evento culturale dedicato alla valorizzazione dell’opera e degli studi del grande poeta certaldese.

E’ in questo contesto quindi, che domani, alle ore 11.00, nella Casa di Giovanni Boccaccio in Certaldo alta, si terrà l’incontro dal titolo “Aldo Francesco Massèra tra scuola storica e Nuova filologia”, dedicato ad un grande studioso dell’opera di Boccaccio, quale fu Aldo Francesco Massèra (Ancona 1881 –  Rimini 1928). L’iniziativa è dedicata alla presentazione del volume “Aldo Francesco Massèra tra scuola storica e Nuova filologia” e si riferisce  agli atti delle giornate di studio tenutesi a Ginevra tra il 2 e il 3 dicembre 2015 ed a Rimini, il 16 aprile 2016, editi da Pensa MultiMedia e a cura di Anna Bettarini Bruni, Paola Del Bianco, Roberto Leporatti.

Aldo Francesco Massèra, allievo di Carducci all’Università di Bologna, si distinse per i suoi studi sulla letteratura italiana dei primi secoli producendo edizioni di testi fondamentali, come I sonetti di Cecco Angiolieri, Poeti burleschi e realistici del Duecento, Le rime, Il Decameron e le Opere latine minori di Giovanni Boccaccio, tutti accompagnati da importanti saggi di critica. Fu inoltre un pioniere nell’ambito delle sue ricerche sulla produzione letteraria e cronachistica, fiorita a Rimini in età malatestiana.

Questo il programma: alle ore 11:15 Claudio Ciociola (Scuola Normale di Pisa) e Mauro Guerrini (Università degli studi di Firenze) presentano il volume ” Aldo Francesco Massèra tra scuola storica e Nuova filologia”. Modera l’incontro Stefano Zamponi (Presidente dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio)

Alle ore 12:50 Lettura dal Decameron a cura dell’Oranona Teatro-Associazione Polis: la novella di Nastagio degli Onesti (V 8) e la ballata Io son sì vaga della mia bellezza (I Concl, 18-21).

L’iniziativa è ad ingresso libero.

 

L'articolo Si rinnova a Certaldo l’appuntamento dedicato a Boccaccio proviene da www.controradio.it.

Maltempo: sopralluoghi ad Arezzo, Gambassi Terme e Certaldo

Maltempo: sopralluoghi ad Arezzo, Gambassi Terme e Certaldo

Stamani gli assessori regionali Federica Fratoni, Vincenzo Ceccarelli e Vittorio Bugli hanno effettuato dei sopralluoghi nelle zone maggiormente colpite dal maltempo in Toscana.

In particolare gli assessori Fratoni e Ceccarelli si sono recati in località Bagnoro, nel comune di Arezzo, per verificare i danni causati dai forti temporali di sabato scorso; commenteranno l’esito dei sopralluoghi nella conferenza stampa prevista alle 12 al Centro Affari e Convegni di Arezzo

Bugli invece visiterà invece alcune delle località colpite dal maltempo nei comuni di Gambassi Terme e Certaldo, insieme al direttore della Protezione civile regionale Bernardo Mazzanti e ai sindaci di Gambassi, Paolo Campinoti, e di Certaldo, Giacomo Cucini. Il sopralluogo inizierà alle 12.30 da Gambassi Terme, partendo dalla frazione di Case Nuove (davanti all’azienda Masec Cucine). A seguire, intorno alle 13.30-14 Bugli sarà a Certaldo (luogo di ritrovo Renault di via Toscana).

Ricordiamo che le zone dell’Aretino sono state tra le più colpite dal maltempo di sabato scorso, tanto da aver causato la morte di un anziano signore, insieme a quelle dell’Amiata e il Grossetano. Le forti precipitazioni sono iniziate nel pomeriggio e hanno proseguito anche nelle ore notturne, con fenomeni anche sulla costa, allagamenti di scantinati e sottopassi con conseguenti disagi per le famiglie.

Il consorzio Lamma ha fatto sapere che i cumulati hanno raggiunto, in alcune parti di questi territori, valori addirittura intorno ai 200 mm, con picchi di 80 mm all’ora ma prevedono per questi giorni condizioni di tempo prevalentemente stabile, con qualche possibile rovescio sugli Appennini e sul Monte Amiata.

L'articolo Maltempo: sopralluoghi ad Arezzo, Gambassi Terme e Certaldo proviene da www.controradio.it.

Wedding tourism, Toscana al primo posto

Wedding tourism, Toscana al primo posto

La Toscana è la regione più quotata per il turismo matrimoniale. 2713 eventi per fatturato stimato di 160 milioni di euro.

Con 2713 eventi e un fatturato totale stimato attorno ai 160,2 milioni di euro, la Toscana si conferma regione leader in Italia per il segmento del wedding tourism, di cui detiene il 30,9% del mercato nazionale. Sono alcuni dei dati presentati oggi dalla Regione Toscana alla Bit di Milano, nell’evento che ha fatto il punto sul progetto ‘Tuscany for weddings’, creato dall’Agenzia regionale Toscana Promozione Turistica e gestito in partnership con la divisione dedicata ai matrimoni del Destination Florence convention and visitors Bureau.

Da un’indagine condotta da Centro studi turistici di Firenze per conto dell’Agenzia regionale, spiega una nota, emerge come nel 2018 il primato della Toscana in questo particolare segmento turistico si sia ulteriormente consolidato. “Nel quadriennio 2014-18 il fenomeno in Regione Toscana ha evidenziato tassi di crescita significativi – ha spiegato Alessandro Tortelli, direttore scientifico del Centro studi -. Arrivi e presenze hanno fatto registrare aumenti a doppia cifra, rispettivamente +42,2% e +34,8%, con un trend di crescita medio annuo pari al +9,2% e al +7,8%”.

“Ormai da tempo nella nostra regione – ha commentato l’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo – siamo passati da una promozione generalista ad una settoriale, che cerca di entrare nel merito dei singoli campi d’azione, dei ruoli, delle specificità. Una promozione che valorizza le competenze e che costruisce puntualmente prodotti diversi, in grado di rispondere in modo efficace a quelle che sono le tante motivazioni di viaggio che muovono oggi il turismo. Il progetto Tuscany for Weddings fa parte di questa nuova logica e i risultati sono evidenti”.

Al primo posto tra gli stranieri che scelgono la Toscana come meta per il proprio matrimonio ci sono gli inglesi (31,4%), seguiti da americani (23), e tedeschi (6,4%). Tra le top destination, Firenze, Fiesole, Certaldo, Greve in Chianti, nel Fiorentino, e Cortona (Arezzo).

L'articolo Wedding tourism, Toscana al primo posto proviene da www.controradio.it.