Firenze, droni per la tutela del patrimonio storico-artistico

Firenze, droni per la tutela del patrimonio storico-artistico

Innovativo progetto della Prefettura di Firenze con i Vigili del Fuoco: uso dei droni per il controllo preventivo del patrimonio storico-artistico. L’iniziativa è stato presentata al Salone Internazionale del Restauro dei Musei che si è tenuto a Ferrara.

La Prefettura di Firenze ha sperimentato, insieme ai Vigili del Fuoco, l’uso di un drone per monitorare lo stato dei monumenti che appartengono al Fec, il Fondo Edifici di Culto di proprietà del Ministero dell’Interno. Per la prima volta sul territorio nazionale, tale dispositivo mobile è stato impiegato in un’azione preventiva di controllo del patrimonio storico-artistico, mentre finora è stato usato esclusivamente nelle operazioni di soccorso che seguono gli eventi calamitosi.

Il drone si è rivelato un elemento strategico per verificare la stabilità e le condizioni di sicurezza dei beni controllati (soprattutto delle parti di difficile accesso diretto come coperture, campanili e guglie) e rappresenta, quindi, un valore aggiunto nella tutela del patrimonio storico-artistico e nella salvaguardia della pubblica incolumità.

Per la sua portata innovativa, il progetto è stato presentato dalla Prefettura e dalla Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e per le province di Pistoia e Prato al “Salone Internazionale del Restauro dei Musei e delle Imprese Culturali” che si è tenuto a Ferrara dal 18 al 20 settembre scorsi.

L’iniziativa della Prefettura è stato possibile grazie alla collaborazione del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco che ha utilizzato un drone di circa 700 grammi, pilotato dal Nucleo SAPR –  Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto della Toscana, coordinato dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Durante le operazioni di sorvolo dei beni del Fec, il drone ha raccolto una grande quantità di immagini ad alta definizione, che saranno utili per la digitalizzazione del patrimonio artistico, per la gestione informatizzata dei piani di manutenzione e per la programmazione di interventi conservativi. Inoltre, il dispositivo ha individuato alcune situazioni precarie su paramenti lapidei, rivestimenti, elementi aggettanti e apparati scultorei, che richiedevano interventi immediati, subito realizzati con l’impiego di cestelli telescopici.

Nell’area metropolitana fiorentina appartengono al FEC le basiliche di Santa Croce, di Santa Maria Novella, della Santissima Annunziata, di Santo Spirito, le chiese del Carmine, della Santa Maria Maddalena dei Pazzi, di San Marco, di San Paolino ed i complessi monumentali di Montesenario e Vallombrosa.

L'articolo Firenze, droni per la tutela del patrimonio storico-artistico proviene da www.controradio.it.

Firenze, Spazi Sospesi: incontri con architetti per ripensare aree ‘irrisolte’

Firenze, Spazi Sospesi: incontri con architetti per ripensare aree ‘irrisolte’

Prende il via “Spazi Sospesi”, progetto promosso da Ordine e Fondazione Architetti Firenze in collaborazione con Ground Action e Comune: incontri e passeggiate urbane fino a novembre tenuti da studi di fama nazionale e internazionale per discutere il futuro di luoghi come piazzale Vittorio Veneto, viale Tanini e piazza Dallapiccola. In programma anche un workshop operativo sull’area esterna della Palazzina Reale.

Si chiama “Spazi Sospesi” il progetto promosso da Ordine degli Architetti, Fondazione Architetti e Comune di Firenze, con la curatela scientifica di Ground Action, in programma da questo mese fino a novembre, volto a ripensare le aree “irrisolte” della città.

Si comincia con piazzale Vittorio Veneto (27-28 settembre), per poi proseguire con viale Tanini (11-12 ottobre) e piazza Luigi Dallapiccola (22-23 novembre): tre incontri per discutere il futuro di questi luoghi “che attualmente non hanno una loro riconoscibilità vera e propria, un loro utilizzo definito – spiega Silvia Moretti, presidente della Fondazione Architetti Firenze – l’obiettivo di questo progetto è suggerire punti di vista inattesi o non ancora espressi e riflessioni su luoghi presi come casi tipo che, tramite piccoli interventi a volte anche capillari, possano ritrovare una nuova identità, al fine di capire quali possano essere le opportunità per alcuni luoghi centrali di Firenze”.

Studi italiani ed esperti ospiti stranieri provenienti dai mondi dell’architettura, del paesaggio, della cultura, dell’arte e dell’esposizione internazionale, discuteranno le loro esperienze, nell’ipotesi di catalizzare l’attenzione su pratiche non convenzionali dei processi di trasformazione urbana. “Spazi Sospesi – spiegano gli organizzatori – vuol essere un luogo di incontro itinerante tra istituzioni, associazioni cittadine e liberi professionisti”.

Oltre a questi tre incontri (aperti gratuitamente a tutti i cittadini, mentre gli architetti che vorranno ricevere i crediti formativi dovranno iscriversi e seguire le procedure indicate), dall’8 al 10 novembre si terrà anche un workshop operativo a cura di Ground Action per riflettere sull’area esterna della Palazzina Reale, quella dell’Esedra, con l’obiettivo di produrre un’installazione-azione temporanea e immaginare un futuro anche per questo spazio.

“Ripensare gli spazi urbani in un’ottica sostenibile e integrata è oggi un fattore centrale nella pianificazione pubblica – ha detto l’assessore all’Urbanistica e Ambiente Cecilia Del Re –. Una visione che si ritrova nel legame ormai tracciato fra l’ambito urbanistico e quello ambientale e che sarà rispecchiata nel prossimo piano operativo da adottare. Spazi e luoghi ‘irrisolti’ della città potranno così rilanciare una propria vocazione in chiave di apertura e sostenibilità. In tutto il percorso, sarà fondamentale il confronto con i soggetti che sono parte attiva di questa evoluzione”.

“Questi eventi faranno risaltare le potenzialità dello spazio trascurato ed evidenzieranno l’importanza della qualità, della creatività e della progettualità applicate allo spazio pubblico. Le nostre città potranno cambiare fino a sorprenderci se sapremo recuperare spazi nel segno della poesia e di quella qualità aggiuntiva che fa la differenza tra edilizia e architettura”, commenta Duilio Senesi, presidente dell’Ordine degli Architetti di Firenze.

Per quanto riguarda il primo incontro in programma di “Spazi Sospesi”, quello su piazzale Vittorio Veneto, venerdì 27 settembre dalle 14.30 alle 19 alla Palazzina Reale di piazza Stazione si terrà una tavola rotonda moderata da Giulia Ricci (Domus) e Christiane Rekade (Kunst Merano Arte) con studi nazionali e internazionali: Coloco (Parigi), Analogique (Catania), Babau Bureau (Venezia), HPO (Ferrara) e Scuola del terzo luogo (Lecce). Il giorno successivo, sabato 28 settembre, è prevista una passeggiata urbana dalle 9.30 alle 13.30 in piazzale Vittorio Veneto, con esplorazione, interviste, mappatura e restituzione sul modello degli urban sketchers.

spazi sospesi

La due giorni dedicata a piazzale Vittorio Veneto sarà poi replicata con la stessa formula anche l’11 e il 12 ottobre per viale Tanini (venerdì 11 tavola rotonda alla Palazzina Reale, sabato 12 passeggiata urbana sul luogo) con ospiti lo studio Umschichten (Stoccarda), BdR Bureau (Torino), From Outer Space (Milano), False Mirror Office (Genova), Gnomone (Roma) e la moderazione della tavola rotonda a cura di Mario Lupano (Iuav) e Sociolab (Firenze), e il 22 e 23 novembre per piazza Luigi Dallapiccola, con ospiti lo studio Scob di Barcellona (in attesa di conferma), Camposaz (Trento), Fosbury (Milano), Robocoop (Roma), Senzastudio (Catania) e la moderazione della tavola rotonda a cura di Davide Tommaso Ferrando (Università di Innsbruck) e Sociolab (Firenze). Venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 novembre l’attenzione si concentrerà invece sull’Esedra della Palazzina Reale, con un seminario e un laboratorio operativo.

Il comitato organizzatore di “Spazi Sospesi” è composto da Silvia Moretti e Colomba Pecchioli della Fondazione Architetti Firenze, Giorgio Cerrai dell’Ordine degli Architetti di Firenze e Matteo D’Ambros di Ground Action.

L'articolo Firenze, Spazi Sospesi: incontri con architetti per ripensare aree ‘irrisolte’ proviene da www.controradio.it.

Clima: 100 biciclette per illuminare facciata Palazzo Vecchio

Clima: 100 biciclette per illuminare facciata Palazzo Vecchio

La proiezione di alcune campagne per l’ambiente sulla facciata di Palazzo Vecchio a Firenze, grazie all’energia ‘verde’ prodotta da 100 biciclette e oltre 500 pedalatori: è l’iniziativa organizzata da Unicoop Firenze la sera del 27 settembre, a partire dalle 19, in occasione dello sciopero internazionale per il clima.

In piazza della Signoria saranno allestite 100 biciclette, ma chi vuole potrà portare la propria, e chiunque voglia pedalare contribuirà ad alimentare il videomapping proiettato sulla facciata di Palazzo Vecchio; la partecipazione prevista è di circa 500 ‘pedalatori’.

Le immagini, spiega una nota, avranno come protagoniste le campagne ‘L’Ambiente non è usa e getta’ di Unicoop Firenze e ‘Arcipelago Pulito’ di Regione Toscana, Legambiente ed Unicoop Firenze per pulire il mare dai rifiuti. Durante la serata, condotta da Carletto Dj, interverranno anche tanti comici e personaggi fiorentini famosi.

Uno spazio importante sarà dedicato allo sport: salirà sul palco, montato per l’occasione sull’arengario di Palazzo Vecchio, anche il dirigente della Fiorentina Joe Barone, mentre alcuni ragazzi delle squadre giovanili del club saliranno in sella e contribuiranno a dare energia (pulita) alla lotta contro i cambiamenti climatici.

L'articolo Clima: 100 biciclette per illuminare facciata Palazzo Vecchio proviene da www.controradio.it.

Automobilista accoltellato in tentata rapina a Firenze

Automobilista accoltellato in tentata rapina a Firenze

Un 58enne è stato accoltellato nel corso di una tentata rapina, mentre era fermo al semaforo con la sua auto. E’ accaduto la notte scorsa intorno alle 1,30 a Firenze, in via Pistoiese; la vittima, residente a Prato, non sarebbe in pericolo di vita.

Secondo quanto ricostruito, un uomo in scooter lo ha avvicinato al semaforo e lo ha convinto ad abbassare il finestrino lato passeggero con la scusa di chiedere una sigaretta, poi ha cercato di portargli via la borsa che aveva sul sedile; quando il 58enne ha reagito il rapinatore lo ha accoltellato, colpendolo 3 volte, al petto e alla schiena per poi scappare.

Sarebbe stato lo stesso 58enne, rimasto sempre cosciente durante le fasi di soccorso, a riferire la dinamica della rapina; il suo racconto è adesso al vaglio dei carabinieri, che stanno indagando sull’accaduto.

Secondo quanto ricostruito dopo l’aggressione, l’uomo, ferito con due coltellate al petto e una alla schiena, sarebbe riuscito a guidare fino a una stazione di servizio di viale Luder, dove ha chiamato i soccorsi. I sanitari del 118 lo hanno trasportato in codice rosso all’ospedale di Careggi, dove si trova ricoverato.

L'articolo Automobilista accoltellato in tentata rapina a Firenze proviene da www.controradio.it.

Giornata europea delle lingue, porte aperte negli istituti fiorentini

Giornata europea delle lingue, porte aperte negli istituti fiorentini

Giornata europea delle lingue: porte Aperte e gioco a premi al British Institute of Florence, Centro de Lengua Espaňola, Deutsches Institut Florenz, Institut français Firenze; in palio corsi di lingua gratuiti.

Istituita nel 2001 dall’Unione europea e dal Consiglio d’Europa e celebra la diversità linguistica, il plurilinguismo e l’apprendimento  delle lingue lungo tutto l’arco della vita La Giornata europea delle lingue raccoglie eventi in tutta Europa intorno alla data del 26 settembre (Sito ufficiale: http://edl.ecml.at/).

A Firenze, da 16 anni, British Institute of Florence, Centro de Lengua Espaňola, Deutsches Institut Florenz, Institut français Firenze, celebrano insieme questa giornata con “porte aperte” negli vari Istituti e numerose attività gratuite intorno alla lingua, per grandi e piccoli.

giornata europea delle lingue

Nei 4 centri, nell’arco della giornata test di livello gratuiti, lezioni di prova, informazioni sulle certificazioni e sul programma culturale, riduzioni sulle iscrizioni ai corsi e alla biblioteca e, dalle ore 15 alle 19, il tradizionale Gioco delle lingue, itinerante. Quest’anno il titolo è 4 LINGUE, INFINITE POSSIBILITÀ; il gioco si volge in 4 tappe –  British Institute, Centro de Lengua Espaňola, Deutsches Institut e Institut français, (l’ordine dei luoghi è indifferente) – le prove sono di vario genere: cultura, creatività, eloquenza, canto, ballo, ecc; in palio corsi di lingua gratuiti. Non è necessaria la prenotazione, basta presentarsi tra a partire dalle ore 15 in uno qualunque dei quattro istituti e iniziare a giocare.

 

Le altre attività previste per sabato 28 settembre:

·         L’Institut français Firenze organizza test di livello gratuiti (9/18), visite guidate del Quattrocentesco Palazzo Lenzi (ore 15 e ore 18): La camera delle meraviglie atelier bricolage per bambini (ore 14.30) e Bambini a palazzo / Les malheurs de sophie (ore 16) film in V.O. con sottotitoli in francese (5€ a bambino inclusa merenda). Inoltre un programma speciale per i docenti di francese (ore 14.30/17.30): Immersions patrimoine français e l’Europa in classe.

Nella giornata verrà applicato uno sconto a chi si iscriva ai corsi di lingua o alla Biblioteca.

giornata europea delle lingue

·         Il Deutsches Institut Florenz propone tutto il giorno test di lingua gratuiti, informazioni su corsi, materiali e certificazioni; si potrà visitare la mostra di foto d’epoca “Die Macht der Gefühle” (Il potere delle emozioni) che riassume 100 anni di storia politica, economica e sociale tedesca, dal 1919 al 2019. Nel pomeriggio “Tipicamente tedesco?” attività creativa aperta a tutti.

In regalo agli intervenuti una grammatica compattissima della lingua tedesca.

giornata europea delle lingue

·         Il British Institute of Florence apre il centro linguistico di Piazza Strozzi n°2, dalle 9 alle 13, offrendo test di livello gratuiti anche senza prenotazione e propone una visita guidata gratuita della Biblioteca Harold Acton – Lungarno Guicciardini, 9 – dalle 15.00 alle 19.00. Nella giornata verrà inoltre applicato uno speciale sconto del 10% a chi si iscriva ai corsi o alla Biblioteca.

giornata europea delle lingue

·         Il Centro de Lengua Espaňola propone la mattina test di livello gratuiti, orientamento su corsi e certificazioni DELE. Nel pomeriggio (ore 15/19) proporrà un divertentissimo percorso ludico basato sulla musica che è una parte rilevante e peculiare dell’identità ispanica.

L'articolo Giornata europea delle lingue, porte aperte negli istituti fiorentini proviene da www.controradio.it.