Firenze, Isolotto: affonda vecchia passerella

Firenze, Isolotto: affonda vecchia passerella

Incidente durante la rimozione della vecchia passerella in cemento armato, è affondata trascinandosi le due chiatte di galleggiamento.

La vecchia campata in cemento armato, posizionata su due chiatte, doveva essere portata sulla riva destra (lato Cascine) dove poi essere demolita. Nella giornata di ieri la vecchia passerella è però affondata trascinandosi le chiatte di galleggiamento sul fondo del fiume a causa del peso.

Nel frattempo il Comune, su proposta dell’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, sta completando la nuova passerella ciclo-pedonale che sorgerà in corrispondenza del viale Petaso delle Cascine.

 

Lunga 114 metri e dalla modesta pendenza per renderla fruibile alle persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, sia la travata che l’impalcato presenteranno un andamento curvilineo.

I cavalletti laterali saranno in acciaio Cor-Ten, mentre la trave reticolare e il parapetto saranno realizzati in acciaio verniciato bianco avorio. L’impalcato della passerella e le sedute verranno rivestiti con listoni in legno massello per esterni. Sulle rampe laterali per il rivestimento sarà usato il Cor-Ten, per la pavimentazione delle corsie ciclabili pedonali il calcestruzzo architettonico mentre per i parapetti laterali è stato preferito il vetro. Infine l’illuminazione notturna, concepita per esaltare l’andamento curvilineo della passerella senza per questo determinare inquinamento ottico.

L'articolo Firenze, Isolotto: affonda vecchia passerella proviene da www.controradio.it.

Cantieri Firenze: Comune premierà ditte con mezzi elettrici

Cantieri Firenze: Comune premierà ditte con mezzi elettrici

Il Comune di Firenze e’ intenzionato a premiare le ditte che si avvarranno dei mezzi elettrici anche nei cantieri del centro storico. Il campo e’ quello dei lavori pubblici; l’idea e’ quella di bandire gare che riconoscano alle aziende punteggi maggiori per chi sara’ in grado di lavorare anche con macchinari mossi da propulsori a batteria.

Lo rivela l’assessore alla Mobilita’ Stefano Giorgetti nel corso di un evento organizzato a Palazzo Vecchio che ricorda i 20 anni dallo sbarco della mobilita’ elettrica nel capoluogo toscano. “Con i mezzi d’opera elettrici, piccoli escavatori, macchine in grado di trasportare i materiali soprattutto all’interno del centro storico, si evitano i rumori, si puo’ lavorare con piu’ tranquillita’ inquinando meno. E’ qualcosa che in prospettiva vogliamo premiare”.

Sempre sul fronte dell’elettrico, svela Giorgetti, le novita’ potrebbero arrivare sul fronte bici, allargando il bike sharing alle biciclette con batterie e pedalata assistita.

Il teorema dei sindacati e’ semplice: a Firenze con l’arrivo delle due linee del tram il servizio su gomma andra’ a perdere chilometri, quindi potrebbero saltare una settantina di autisti dell’Ataf. Un ragionamento che l’assessore alla Mobilita’ Stefano Giorgetti respinge con decisione: “Stiamo lavorando per non perdere chilometri e l’abbiamo gia’ detto ai sindacati, e’ inutile fare allarmismo a questi livelli”, afferma a margine di un’iniziativa sulla mobilita’ elettrica.
Poi lancia un’altra stilettata: “Non facciamo terrorismo sui posti di lavoro”, anche perche’, ripete, “stiamo lavorando per mantenere i chilometri, i posti di lavoro e per avere un’azienda seria che dia un trasposto pubblico efficiente alla citta’”.

Intervista di Chiara Brilli all’assessore Giorgetti

L'articolo Cantieri Firenze: Comune premierà ditte con mezzi elettrici proviene da www.controradio.it.

Morto il giornalista Dario Rossi

Morto il giornalista Dario Rossi

Lutto per la morte di Dario Rossi, giornalista di Toscana Notizie, l’agenzia di informazione della Regione Toscana. Colpito da “un male improvviso che pochissime volte lascia scampo”.

“Dario Rossi era un nostro collega, un giornalista di Toscana Notizie. Lottava da gennaio contro un male improvviso che pochissime volte lascia scampo. L’ha fatto con dignità e caparbietà, con consapevolezza anche, fino a stamattina”.

Ricorda Toscana Notizie: “Dario, pisano di nascita, era arrivato in Regione nel 1984, una laurea in filosofia e già altre esperienze di lavoro alle spalle. Dal 1989 lavorava all’allora ufficio stampa della giunta regionale: ventotto anni in cui si è occupato tra le tante cose di cultura e istruzione, commercio e turismo, sanità e protezione civile, con nel mezzo un parentesi di quasi otto anni, prima del 2008, come responsabile prima della comunicazione dell’ospedale di Careggi e poi dell’Estar. Era uno dei componenti del Cdr di Toscana Notizie e presidente del gruppo uffici stampa all’interno dell’Ast, il sindacato toscano dei giornalisti. E’ stato anche consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti”.

“Istintivo, la battuta sempre pronta, burbero a volte solo all’apparenza – ricorda Toscana Notizie – Dario si divertiva a scherzare sulla vita ma anche a goderne a piene mani. E ci buttava il cuore, sempre e comunque: babbo orgoglioso e nonno, due volte nonno, felice. Credeva nel suo lavoro e non si risparmiava, come quando per due volte ha accompagnato la colonna mobile della protezione civile sui luoghi del sisma nel centro Italia (premiato per questo assieme ad altri colleghi e volontari lo scorso febbraio), come quando si è recato ad Aulla dopo l’alluvione, con i 500 studenti toscani tre volte sul treno della memoria verso Auschwitz, ad intervistare i primi migranti sbarcati nel 2011 in Toscana oppure all’isola del Giglio per seguire e scrivere del recupero della Costa Concordia naufragata. Era tra i primi disponibili a partire ed essere sul posto in questi casi, anziché farsi raccontare quel che accadeva per telefono. Generoso, sempre”.

Conclude Toscana Notizie: “con i colleghi, ex colleghi e tutti coloro che lo conoscevano ci stringiamo in un abbraccio attorno alla moglie, alla figlia e al genero, alle nipotine, alla sorella, alla madre e a tutti i parenti. L’ultimo addio a Dario sarà a Pistoia, la città dove già da dieci anni viveva. Toscana Notizie e la famiglia hanno deciso di promuovere una raccolta fondi in sua memoria: il ricavato sarà devoluto alla Onlus pistoiese ‘Raggi di speranza in stazione’, che si occupa di dare pasti caldi ai poveri e a cui Dario si era avvicinato. I colleghi pianteranno una quercia in suo ricordo. Chi vuole partecipare alla raccolta fondi può rivolgersi alla segreteria di Toscana Notizie, dal venerdì al sabato, in orario 9-18 o chiamando al numero 055-4384714. Referenti: Barbara Fabrizi e Rita Betti”.

L'articolo Morto il giornalista Dario Rossi proviene da www.controradio.it.

Firenze: presidio lavoratori Agenzia delle Entrate

Firenze: presidio lavoratori Agenzia delle Entrate

Presidio lavoratori alla sede di Firenze dell’Agenzia delle Entrare. Rivendicazioni: investire sul personale e sulle strutture e incrementare il Fondo di produttività.

Presidio lavoratori dell’Agenzia delle Entrate, invocano “una nuova stagione di progressioni economiche che valorizzi tutto il personale”, e un confronto sui processi di riforma che non possono essere a costo zero, o l’occasione per un depotenziamento della macchina fiscale.

Sono queste le rivendicazioni dei lavoratori toscani dell’Agenzia delle Entrate, che oggi hanno dato vita a un presidio davanti alla sede di Firenze.

L’agitazione è stata indetta a livello nazionale da Fp Cgil, Cisl Fp, UilPa, Confsal, Flp: in Toscana i lavoratori dell’Agenzia delle Entrate sono circa 2.500. “Il nuovo direttore generale – sostiene Santi Bartuccio, segretario regionale Fp-Cgil Toscana – prevede una nuova riorganizzazione a noi del tutto sconosciuta: credo che sia assolutamente necessario che ci convochi, e spero che a breve ciò avverrà, e che in quella sede ci illustri il programma di riorganizzazione dell’agenzia”.

L'articolo Firenze: presidio lavoratori Agenzia delle Entrate proviene da www.controradio.it.

Cinema Stensen: anteprima ‘Glory’ alla presenza del cast

Cinema Stensen: anteprima ‘Glory’ alla presenza del cast

Firenze, domani sera, mercoledì 20 settembre alle ore 21 presso il Cinema Stensen, sarà proiettato in anteprima toscana il film ‘Glory. Non c’è tempo per gli onesti’ alla presenza dell’attrice protagonista Margita Gosheva.

‘Glory. Non c’è tempo per gli onesti’, presentato da Unipol Biografilm Collection, è il nuovo film degli autori-rivelazione del cinema europeo Kristina Grozeva e Petar Valchanov, salutati dalla critica come i nuovi fratelli Dardenne.

Il film, ispirato a una vicenda realmente avvenuta, racconta con stile raffinato e con ritmo avvincente la parabola di un umile ferroviere che si troverà a pagare caro un gesto di onestà. I due attori protagonisti: Stefan Denolyubov nei panni di un uomo qualunque schiacciato negli ingranaggi di un sistema che umilia i più deboli, e Margita Gosheva che interpreta Julia, cinica e implacabile capo PR del Ministero dei Trasporti, che in quello stesso sistema è perfettamente integrata.

Il film ha ricevuto numerosi premi nei festival di tutto il mondo, tra cui il Festival del Film di Locarno e il Biografilm Festival, ed è uno dei film della selezione ufficiale del Premio LUX 2017 del Parlamento Europeo.

Trama: a volte un oggetto ha un valore che va al di là della sua materialità. È il caso del vecchio orologio Glory che il protagonista del film ha ricevuto da suo padre e che usa per svolgere al meglio il suo lavoro di ferroviere. Finché un atto di estrema onestà – la restituzione alla polizia di un’ingente somma di denaro trovata sui binari del treno – non lo obbligherà, per un’assurda combinazione di eventi, a separarsene. Per lui, divenuto riluttante simbolo di onestà nelle mani del Ministero dei Trasporti e inconsapevole vittima di meri calcoli politici, recuperare il Glory diventerà anche un modo per recuperare la propria dignità di uomo. Sulla sua strada troverà l’implacabile capo PR del Ministero dei Trasporti, interpretata dalla splendida Margita Gosheva, forse l’unica persona che può aiutarlo. O forse, l’unica che può davvero rovinargli la vita.

L'articolo Cinema Stensen: anteprima ‘Glory’ alla presenza del cast proviene da www.controradio.it.