AIUOLA STATUA FOLON SFREGIATA DAI VANDALI

Aiuola

Raid compiuto con una moto a danno dell’aiuola della statua di Folon. L’assessore Bettini: «riparati subito i danni».

Dopo solo poche settimane dall’intervento di riqualificazione, l’aiuola fiorita che circonda la statua di Folon (attualmente in restauro) è stata vittima di un atto vandalico da parte di una moto, come evidenziano i profondi solchi provocati dalle sgommate sul tappeto di erba.

L’assessore all’ambiente Alessia Bettini ha dichiarato: «La fantasia degli incivili è illimitata ma non gliela vogliamo dare vinta: i nostri giardini sono subito intervenuti per sostituire le parti del manto erboso che sono state danneggiate»

Sono complessivamente una ventina le aiuole (da Porta Romana a piazza Ferrucci, dal ponte San Niccolò al viale Mazzini), che nei mesi di aprile e maggio sono state allestite dai giardinieri del Comune con fiori e materiale vegetale.

«Si tratta di luoghi particolarmente frequentati da cittadini e turisti, di notevole pregio per l’immagine di Firenze – ha ricordato l’assessore Bettini – il verde pubblico è una delle priorità dell’ amministrazione ed è, soprattutto, bene prezioso per chi vive la città. Alberi, aiuole e fiori raccontano la bellezza di Firenze a residenti e ospiti».

http://press.comune.fi.it/hcm/hcm5353-10_1_1-Aiuola+statua+Folon+sfregiata+dai+vandali.html?cm_id_details=84069&id_padre=4472

Aiuola

The post AIUOLA STATUA FOLON SFREGIATA DAI VANDALI appeared first on Controradio.

MORTE DI BARGELLINI, NARDELLA: “RISPETTO MA I SUOI METODI FUORI LEGGE”

Nardella morte Bargellini

Sulla morte del leader del Movimento di Lotta per la casa Nardella esprime “dispiacere e rispetto, ma i suoi metodi erano fuori legge.”

“C’è dispiacere per la scomparsa, rispetto per la figura di Bargellini che è stato senza dubbio un protagonista della vita di Firenze negli ultimi anni, anche se con altrettanta chiarezza e senza ipocrisia ricordo che noi abbiamo sempre combattuto i metodi fuori dalla legge che sono stati utilizzati dal leader del Movimento di lotta per la casa”. Lo ha detto Dario Nardella, sindaco di Firenze, a proposito della scomparsa di Lorenzo Bargellini.

“Crediamo che i diritti dei cittadini si possano tutelare esclusivamente attraverso le regole e la legalità”, ha aggiunto Nardella, a margine di una iniziativa alla Eli Lilly di Sesto Fiorentino, ricordando che “da quando sono sindaco abbiamo raggiunto quasi 30 sgomberi di immobili, complessi e condomini, a dimostrazione che c’è stato un intensificarsi del contrasto alle occupazioni abusive”, ma anche che “non abbiamo abbassato
il livello di accoglienza e solidarietà, sia nei confronti delle famiglie che attendono un alloggio, per cui ci siamo dati l’obiettivo di assegnare nel mio mandato mille alloggi nuovi, sia nei confronti dei senzatetto e di chi vive ai margini della comunità”.

The post MORTE DI BARGELLINI, NARDELLA: “RISPETTO MA I SUOI METODI FUORI LEGGE” appeared first on Controradio.

SANITA’: MANIFESTAZIONE CONTRO CHIUSURA PRESIDIO ASL SANTA ROSA

Presidio

Volantinaggio di cittadini questa mattina davanti al presidio sanitario ASL di Santa Rosa: “140 mila residenti a rischio”  ed incognita sulla destinazione delle visite specialistiche”, denunciano i manifestanti riuniti nel comitato cittadino.

Si tratta di 600 utenti al giorno in oltre 7000 metri quadri di ambulatori, 20 specialistici, garantiti da un organico di circa 100 dipendenti. Da Gavinana all’Isolotto, un distretto sanitario che serve un bacino di utenza totale di oltre 140 mila residenti. La soppressione del presidio di Santa Rosa è ritenuto un taglio al servizio pubblico e al diritto alla salute assolutamente non attuabile.
In Oltrarno il 26 Aprile 2017 si è costituito un comitato di cittadini spontaneo composto da abitanti che “ritengono essenziale il servizio Asl di Santa Rosa e che sono preoccupati davanti all’ipotesi che l’edificio venga venduto senza che sia avanzata dalle istituzioni alcuna garanzia sul futuro dei servizi socio sanitari attualmente al 13 di Lungarno Santa Rosa”. Alla luce dei fatti, il comitato ha dichiarato “è doveroso opporsi alla mutilazione del servizio sanitario cittadino che priva l’Oltrarno della sanità essenziale, soprattutto alle fasce sociali ‘deboli': bambini, anziani, madri e disabili”.
Ha poi aggiunto: “Lo storico quartiere d’Oltrarno, non e’ solo l’ombelico della movida fiorentina. E’ un quartiere prismatico dove miseria e nobiltà convivono quotidianamente con la micro e macro criminalità, di quartiere e cittadine. In questo delicato contesto sociale il presidio di Santa Rosa rappresenta un esempio virtuoso di salute vicina ai cittadini. Negli anni tale prossimità ha stimolato l’integrazione spontanea di classi e culture, opponendo la filosofia della vita di quartiere al degrado delle orde mordi e fuggi. Gente capace di relazionarsi e convivere con le esistenze di frontiera, o al margine, della società. Residenti del quartiere de facto. E’ in questo Oltrarno ‘caldo’, come scrivono certe nere dei quotidiani, che cade la mannaia dei tagli colpendo anche il Centro di Salute mentale che attualmente serve infanzia, adolescenza ed età adulta”. 
Con la diaspora del servizio il presidio ASL potrebbe essere così frammentato: via Canova per il Quartiere 4, l’ex IOT per il quartiere 3, mentre per quanto riguarda il Quartiere 1 manca ancora una proposta.
Presidio

The post SANITA': MANIFESTAZIONE CONTRO CHIUSURA PRESIDIO ASL SANTA ROSA appeared first on Controradio.

SANITA’: MANIFESTAZIONE CONTRO CHIUSURA PRESIDIO ASL SANTA ROSA

Presidio

Volantinaggio di cittadini questa mattina davanti al presidio sanitario ASL di Santa Rosa: “140 mila residenti a rischio”  ed incognita sulla destinazione delle visite specialistiche”, denunciano i manifestanti riuniti nel comitato cittadino.

Si tratta di 600 utenti al giorno in oltre 7000 metri quadri di ambulatori, 20 specialistici, garantiti da un organico di circa 100 dipendenti. Da Gavinana all’Isolotto, un distretto sanitario che serve un bacino di utenza totale di oltre 140 mila residenti. La soppressione del presidio di Santa Rosa è ritenuto un taglio al servizio pubblico e al diritto alla salute assolutamente non attuabile.
In Oltrarno il 26 Aprile 2017 si è costituito un comitato di cittadini spontaneo composto da abitanti che “ritengono essenziale il servizio Asl di Santa Rosa e che sono preoccupati davanti all’ipotesi che l’edificio venga venduto senza che sia avanzata dalle istituzioni alcuna garanzia sul futuro dei servizi socio sanitari attualmente al 13 di Lungarno Santa Rosa”. Alla luce dei fatti, il comitato ha dichiarato “è doveroso opporsi alla mutilazione del servizio sanitario cittadino che priva l’Oltrarno della sanità essenziale, soprattutto alle fasce sociali ‘deboli': bambini, anziani, madri e disabili”.
Ha poi aggiunto: “Lo storico quartiere d’Oltrarno, non e’ solo l’ombelico della movida fiorentina. E’ un quartiere prismatico dove miseria e nobiltà convivono quotidianamente con la micro e macro criminalità, di quartiere e cittadine. In questo delicato contesto sociale il presidio di Santa Rosa rappresenta un esempio virtuoso di salute vicina ai cittadini. Negli anni tale prossimità ha stimolato l’integrazione spontanea di classi e culture, opponendo la filosofia della vita di quartiere al degrado delle orde mordi e fuggi. Gente capace di relazionarsi e convivere con le esistenze di frontiera, o al margine, della società. Residenti del quartiere de facto. E’ in questo Oltrarno ‘caldo’, come scrivono certe nere dei quotidiani, che cade la mannaia dei tagli colpendo anche il Centro di Salute mentale che attualmente serve infanzia, adolescenza ed età adulta”. 
Con la diaspora del servizio il presidio ASL potrebbe essere così frammentato: via Canova per il Quartiere 4, l’ex IOT per il quartiere 3, mentre per quanto riguarda il Quartiere 1 manca ancora una proposta.
Presidio

The post SANITA': MANIFESTAZIONE CONTRO CHIUSURA PRESIDIO ASL SANTA ROSA appeared first on Controradio.

TRAMVIA FIRENZE: MARTEDI’ CAMBIA LA VIABILITA’ A NOVOLI

TramviaPer quanto riguarda la linea 2 da lunedì 5 giugno in orario notturno sono in programma alcuni lavori relativi alle sistemazioni urbanistiche in via Gordigiani. Fino al 7 giugno, dalle 21 alle 6, in prossimità del numero civico 69 saranno in vigore divieti di sosta (lato fabbricati) e di transito (eccetto mezzi di soccorso, frontisti e veicoli diretti ai passi carrabili). A seguire, dal 7 al 9 giugno, sempre in orario notturno sarà la volta di via Circondaria.

In prossimità della rotatoria (nel tratto compreso fra i numeri civici 61r e 59r) scatteranno divieti di sosta e un restringimento di carreggiata. Sempre da lunedì 5 giugno e anche in questo caso in orario 21-6 prenderà il via la realizzazione di una polifora di attraversamento in corrispondenza della rotatoria all’intersezione tra via Garfagnana, via Allori e via di Carraia. Fino all’8 giugno sarà chiusa via Garfagnana all’incrocio con via Allori nella corsia di svolta per i veicoli provenienti da via Allori e diretti in via di Carraia. Per chi proviene da via di Novoli ed è diretto all’Osmannoro dovrà utilizzare via Baracchini, via Baracca, viale Gori.
Martedì 6 giugno dalle 9 scatterà la modifica della viabilità in via di Novoli tra via Torre degli Agli e via Baracchini. In concreto è prevista la chiusura dell’incrocio via di Novoli-via Torre degli Agli e contestualmente quella dell’incrocio via Lippi e Macia-via di Novoli.  Chi percorre via di Novoli per andare in via Baracchini all’altezza dell’incrocio con Torre Agli dovrà attraversare la sede tramviaria e portarsi sulla carreggiata opposta che,  essendo a doppio senso di marcia, consente di raggiungere via Baracchini.

The post TRAMVIA FIRENZE: MARTEDI’ CAMBIA LA VIABILITA’ A NOVOLI appeared first on Controradio.